logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 8 per mille:
 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY


Impresentabili : Una maggioranza risicatissima ?
Inviato da RR il 30/1/2008 16:09:10 (1241 letture)

I nostri eccelsi parlamentari non perdono occasione per farsi conoscere come esimi esaltatori dell'ignoranza. Caspita, riescono (LORO!) a discutere delle capacità di uno scienziato come Maiani. Sembrano tutti ispirati dal papa che, come tutti sanno, di scienza ne sa più di Fermi ed Einstein messi insieme.
Porcaccia miseria ...

Roberto Renzetti
_________________________

Il Cnr, il papa e un presidente

La nomina di Luciano Maiani al Consiglio nazionale delle ricerche fra contestazioni, gaffes, polemiche

FLAVIA AMABILE da La Stampa del 30 gennaio 2008


Non tira una buona aria dalle parti del Cnr in queste settimane. Oggi la Camera dovrebbe dare il via libera definitivo alla nomina del nuovo presidente, Luciano Maiani. Già da sola, questa notizia mi farebbe pensare che qualcosa non va, perché all'estero i corrispettivi del Consiglio Nazionale delle Ricerche in Italia non hanno bisogno del benestare dei loro parlamenti per le nomine.

Ma torniamo indietro di qualche giorno, alla visita del Papa all'Università la Sapienza. La direttrice facente funzioni del centro, Novella Coppa, invitò i dipendenti della sede centrale a tenere bene in vista il budget. Se non riuscite a capire che cosa c'entrino attivi, passivi e conti di bilancio con Benedetto XVI, sappiate che è ben probabile che la direttrice intendesse il badge, il tesserino con nome e cognome da mostrare alle Forze dell'Ordine schierate in gran numero per la visita. Lo riferisce, non senza una certa ironia, l'Usi Rdb ricerca, il sindacato di base della ricerca.

E poi c'è la vicenda dell'Icram, l'Istituto per la Ricerca Marina che fa capo al Cnr. Durante la loro prima riunione, a dicembre, quattro membri del consiglio di amministrazione presero alcune decisioni di una certa urgenza quali, ad esempio, approvare un gettone di presenza di 1000 euro e un bonus annuo di 10mila euro. Mille euro equivalgono a dieci volte di più rispetto a quanto prendono i consiglieri di istituti analoghi. Scoperti, i responsabili hanno spiegato che si trattava di un 'refuso' e che invece il gettone era di 250 euro, e cioè comunque oltre il doppio in più rispetto alla media. La cifre comunque era ripetuta più volte nel verbale: se di refuso si trattava, era un refuso convinto.

Infine, oggi: il Parlamento dirà l'ultima parola sulla nomina del presidente del Cnr. Una nomina anche più complessa di quanto non sia abitualmente. Ieri la commissione Istruzione del Senato ha dato il via libera con 14 sì e 13 astenuti. Per un soffio, insomma. Perché fra i 67 firmatari della lettera di protesta dei docenti c'è anche il nome del candidato scelto: Luciano Maiani. Fisico, è stato alla guida del Cern di Ginevra, e la rivista Science di fronte alla sua candidatura ha scritto: 'il merito ha trionfato sulla politica'.

Avrebbe le credenziali giuste ma, quando la notizia della sua firma posta in calce alla lettera inizia a circolare, Maiani si vede costretto a scrivere a l'Avvenire, il quotidiano dei vescovi, perchè nel frattempo il merito era stato messo di nuovo da parte dalla politica. E i parlamentari avevano chiesto una pausa di riflessione prima di dare il loro parere. E non è difficile immaginare quali parlamentari avessero bisogno di tempo: tutto il centrodestra che ieri non ha partecipato al voto. 'Troppa confusione, troppe incertezze e troppa fretta' è stata la sentenza dell'Udc che ha chiesto di affidare la nomina al nuovo governo. Forse non senza un calcolo delle probabilità. Oggi dovrebbe arrivare il via libera definitivo ma alla fine di questa vicenda ancora non è ben chiaro quale sia il rapporto tra merito e politica.

http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=124&ID_articolo=175&ID_sezione=274&sezione=Diritto%20di%20cronaca

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
amdi
Inviato: 30/1/2008 19:55  Aggiornato: 30/1/2008 20:32
professore
Iscritto: 13/8/2007
Da:
Inviati: 1308
 Re: Una maggioranza risicatissima ?
1) Avidi di soldi sempre.........
2) Ignoranti,sempre...........
3) Incapaci,sempre............
4) Bugiardi,sempre...........( quando li pescano con le mai nella marmellata negano quando ancora stanno leccandosi le dita)
Che dire? In Italia non si salva piu' nulla........
nessuno
Inviato: 31/1/2008 15:44  Aggiornato: 31/1/2008 15:53
Prof.
Iscritto: 15/1/2008
Da: Roma
Inviati: 85
 Re: Una maggioranza risicatissima ?
Ma perché Maiani ha scritto ad "Avvenire"? Per giustificarsi? Fosse così sarebbe gravissimo. Conoscendo (poco) Maiani non credo, ma anche fosse solo per chiarire o ribadire la posizione sarebbe comunque un atto improvvido, un riconoscere ad Avvenire un'autorità, o anche solo un'autorevolezza, che non gli competono. Ammettere che i Vescovi possano in qualche modo (magari indirettamente) avere voce in capitolo è già una sconfitta, indipendentemente dal fatto che si abbia un'opinione contraria (o addirittura antitetica) a quella di Avvenire. La scelta del presidente di un Ente Nazionale di ricerca (di un Paese laico!) non riguarda e non deve riguardare i vescovi, già è penoso che sia il Parlamento (= i partiti) a farlo...
Saluti

Non conoscevo questa cosa che, se vera, è gravissima! Si può avere il testo di ciò che ha scritto ? Scrivo anche io su di lui.
Grazie
R.R.



I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net