logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 Da leggere:

Il mio ultimo libro, Gli insegnamenti morali della Bibbia che non ti hanno fatto conoscere, (novembre 2014) che si aggiunge agli altri è, di fatto, la chiave di lettura di tutti gli altri, è l'inizio della storia che ha portato ai crimini non solo del Cristianesimo ma anche di altre religioni monoteiste


_______

Gli altri miei libri più recenti:


Leggi la presentazione


Al precedente si aggiunge ora il nuovo libro, "La Chiesa dopo Gesù"



Altro mio libro pubblicato è "Santi ?"



Gli ultimi miei libri pubblicati sono la Prima e la Seconda Parte de La Chiesa contro Gesù





quello su I crimini dei francescani



e, da ultimo, Il Diavolo, l'altro Dio

I libri, che saranno spediti gratuitamente, si possono acquistare con Pay Pal, carta di credito, bonifico bancario o conto corrente postale direttamente dall'Editore Tempesta

 Cerca nel sito
 Sezioni:
L'EDITORIALE
FISICA E SUA STORIA
didattica
SCUOLA
SCIENZA E FEDE
SCIENZA E FILOSOFIA
SCIENZA E SOCIETA'
GUERRA
LA MEMORIA
ISRAELE/PALESTINA
LIBERI
 Recensioni libri
 Commenti recenti
Re: CHE DICE DE MAURO
Francesco1
22/5/2015 9:05
Re: RENZI TORNI A SCUOLA!
Sardo1980
17/5/2015 12:33
Re: RENZI TORNI A SCUOLA!
Francesco1
14/5/2015 19:37
Re: DA TEMPO LO DICO: IL FASCISMO NON E' SOLO SQUADR...
Cocco
13/5/2015 19:10
Re: CAPRE AL POTERE
Cocco
6/5/2015 20:35
Re: CAPRE AL POTERE
Cocco
6/5/2015 20:20
Re: CAPRE AL POTERE
Cocco
6/5/2015 16:19
 Ultime recensioni
· Andrea Frova, Mariapiera Marenzana
Newton & Co, geni bastardi
· Giuseppe F. Merenda
FRANCINO. L'altra storia di Francesco d'Assisi
· Marco Corvaglia
MEDJUGORJE è tutto falso
· Andrea Frova
La passione di conoscere
· Carlo Corbucci
Il terrorismo islamico: Falsità e mistificazione
· Giovanni Ravani
La Terza Persona
· Roberto Ettore Bertagnolio.
Limiti neuropsicologici del pensiero
· GILLES DAUVÉ [JEAN BARROT],
Le Roman de nos origines. Alle origini della critica radicale,
· Lucio Russo, Emanuela Santoni
Ingegni Minuti
· ANGELO D'ORSI
1989, del come la storia è cambiata, ma in peggio
 Articoli Rubriche "SpazioAmici"

Vedi tutte le rubriche
 Campagna sbattezzo

sbattezzamoci con l'UAAR
 8 per mille:
 Video citizen berlusconi
VIDEO CITIZEN BERLUSCONI

(il Presidente e la stampa)


Questo film
documentario è stato visto dalle TV di tutta Europa meno che in quelle italiane. E' stato anche trasmesso dalla PBS, la TV pubblica USA, il 21 agosto 2003.

 Archivio video
 Risorse on line

Pagine web da visitare


Ricerca sui quotidiani


Attualità on line

 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 N° visite
 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY

Inviato da R il 30/5/2015 13:19:55 (20 letture)

L’OCSE E LA SCUOLA

L’Ocse, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (in francese OCDE), è un'organizzazione internazionale di studi economici per i paesi membri, paesi sviluppati aventi in comune un sistema di governo di tipo democratico ed un'economia di mercato. L'organizzazione svolge prevalentemente un ruolo di assemblea consultiva che consente un'occasione di confronto delle esperienze politiche, per la risoluzione dei problemi comuni, l'identificazione di pratiche commerciali ed il coordinamento delle politiche locali ed internazionali dei paesi membri. L'OCSE, nata nel 1948, conta 34 paesi membri e ha sede a Parigi.
Questa organizzazione ha ormai preso le redini della politica economica mondiale insieme ad altre entità (Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, BCE, …) che si muovono solo ed esclusivamente in campo liberista, cioè di attacco alle condizioni di vita dei lavoratori, alla vita sociale, alla solidarietà, … E’ quindi una entità politica con un potere enorme che si va via via ramificando nel mondo dettando leggi ai Paesi membri.

Leggi tutto... | 7390 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 30/5/2015 13:06:49 (21 letture)

Scuola, la Babele delle valutazioni

da Il Fatto Quotidiano del 27 maggio 2015

di Raffaele Simone (*)

Da alcune settimane il mondo dell'istruzione è in rivolta contro il progetto di riforma denominato (con brand infelice) "La buona scuola" e in particolare contro due suoi aspetti: il fatto che gli insegnanti debbano essere valutati dal dirigente d'istituto (di cui evidentemente si fidano poco) e che solo chi ottiene un buon punteggio nella valutazione possa sperare in un (minimo) aumento di stipendio. Alla protesta si sono aggregati gli alunni, a cui non sta bene che l'Invalsi (altro brand infelicissimo: Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo ... ) li sottoponga a prove unificate per misurarne la preparazione. In un campo affine, quello dell'università, non gode di maggiori simpatie l'Anvur (Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario), contro cui si fanno periodiche levate di scudi, Le due sigle (a parte la goffaggine fonetica) sono evocate ormai solo come fonte di irritazione e proteste.

Leggi tutto... | 6021 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 27/5/2015 10:15:18 (81 letture)

PUGLISI INTERVENI’

La banda degli ignoranti piddini ha colpito ancora. E’ recente la caduta di Renzi quando faceva il maestrino con la lavagna e, ahimé, parlava di scuola. Ricordate il desiderio di potenziare la cultura “umanista” confondendo, tapino, il sostantivo umanista con l’aggettivo umanistica (si veda a proposito http://www.fisicamente.net/portale/modules/news2/article.php?storyid=2645).
Ieri sera è intervenuta alla gara del più ignorante del piddì anche, udite udite, la responsabile scuola di questo orrendo partito, tal Puglisi. Il personaggio sarebbe una economista che è specializzata in marketing e, visti quei suoi supremi meriti, assurta a responsabile scuola.
Nella trasmissione di Floris la virago Puglisi, che a me fa un poco paura, ha fatto un errore da bocciatura immediata ed espulsione con disonore. Urlando come suo solito la virago ha utilizzato il verbo intervenire alla terza persona singolare del passato remoto che come i non piddini sanno è intervenne ma che la Puglisi coniuga con intervenì. Inutile insistere è davvero sparare sulla Croce Rossa. Costoro vorrebbero riformare la scuola, costoro rasentano il sublime dell’ignoranza e ve lo dice un fisico e non uno studioso di lingua italiana.

Leggi tutto... | 2208 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 25/5/2015 8:58:52 (56 letture)

Saviano: “Renzi chiuso alla società civile. Parla solo ai suoi. Io gufo? No, critico”

Nuovo affondo dello scrittore a due settimane dalle frasi su “gomorra nelle liste dem in Campania": "L’Italia è come Trono di Spade. Dopo le Europee il premier ha fermato il confronto"

di F. Q. | 24 maggio 2015

“Dopo la vittoria alle Europee, Renzi si è chiuso alla società civile e parla solo ai suoi. Il Pd non può rimanere nella logica per cui si dice signorsì o si sta gufando: bisogna crescere. Io gufo? No, io racconto e critico. E’ il mio mestiere”. Parola di Roberto Saviano. Che, durante un intervento al Wired Next Fest di Milano, è tornato ad attaccare in maniera aspra il presidente del Consiglio. L’occasione propizia? La risposta da dare a chi gli chiedeva di chiarire il senso della querelle tra lui e Renzi, scaturita da un post pubblicato qualche tempo fa sulla pagina Facebook dello scrittore.

Leggi tutto... | 3749 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 24/5/2015 21:20:22 (80 letture)

LE RIFORME

E’ un ritornello ricorrente da qualche anno: “Bisogna fare le riforme” oppure “Bisogna completare le riforme” oppure bisogna accelerare le riforme”. Sono i ritornelli che minacciosamente i big mai eletti della UE ripetono in modo ossessivo.
L’ultimo oggi è stato Mario Draghi, direttore della BCE (Banca Centrale Europea), che per la verità ha detto qualcosa di molto più impegnativo del quale dirò più oltre.
Inizio con “le riforme”. Di cosa si tratta? A quali riforme ci si riferisce? Anche io sono uno che vuole le riforme ma sono pronto a scommettere anche cose di gran valore che le riforme a cui io penso sono radicalmente diverse da quelle a cui pensano i burocrati della UE, della BCE, del FMI, ma anche i nostri governanti (Renzi, Padoan e bestioline al seguito). Siamo in un Paese che piano piano scopre di essere a sovranità limitata, non vi sono scelte che possiamo fare indipendentemente dal giudizio di quella Commissione UE a direzione tedesca con quell’imbecille di Hollande che crede di contare qualcosa.

Leggi tutto... | 8724 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 24/5/2015 16:19:25 (92 letture)

Un'altra colonna lascia il PD

La malafede del PD, l’attuale organizzazione affaristico-dittatoriale al potere, sulla questione scuola la si può ritrovare in un punto dirimente. Tra la fine degli anni Ottanta ed i primi anni Novanta si ebbe una fondamentale riforma della scuola elementare (DPR n. 104) con i Nuovi Programmi Didattici del 1985 (Ministro Falcucci) ai quali seguì la vera e propria riforma che vide la luce nel 1990 (Legge 148). Il metodo è sempre deprecabile: non si coinvolgono mai gli insegnanti, neppure a livelli di serio aggiornamento, ma tutto precipita dall'alto. L'aspetto rilevante della Riforma fu l'introduzione dei moduli ed il mantenimento del tempo pieno (chiamato prolungato) frutto della mediazione tra chi lo voleva togliere (Falcucci) e chi lo voleva mantenere (i comunisti Bianchi e Beretta). Si tratta per chi ha memoria dell’introduzione dei 2 maestri su tre classi elementari, una delle più importanti riforme che abbiano mai riguardato la scuola italiana e che fece del nostro Paese un modello che tutti (davvero, Renzi!) volevano copiare.

Leggi tutto... | 4588 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 23/5/2015 12:03:09 (77 letture)

C’è affollamento sulla via di Damasco

Pubblico l’intero bollettino periodico del CIDI solo perché questa associazione era sfegatatamente favorevole alla Scuola dell’Autonomia del mai tanto vituperato Luigi Berlinguer (insieme a Bassanini e pedagogisti d’accatto). Leggendo quanto scrivono (e quanto già una sua rappresentante aveva sostenuto dal palco della protesta sotto il Parlamento) sembra che siano rinsaviti. Sostengono addirittura ciò che sostenevo io molti anni fa quando loro non mi pubblicarono più articolo sulla loro rivista “Insegnare” e mi considerarono indesiderato in incontri vari che prima si avevano con cadenza quasi regolare. La cosa che più mi dispiacque non fu tanto il perdere queste pseudo amicizie ma quella di un mio caro amico da molti anni che di fronte a quanto sostenevo io ed a quanto sosteneva De Mauro, alla testa del CIDI, dette credito a quest’ultimo. Anche De Mauro, come ho appena pubblicato ha fatto marcia indietro e meno male. Vorrei solo aggiungere che con la scuola non si scherza e se delle capre la toccano appena un poco (Berlinguer e amichetti vari, compresa l’allora CGIL Scuola), si aprono le porte agli ancora più ignoranti caproni del renzismo.

R

Leggi tutto... | 13163 bytes da leggere | Commenti?

Inviato da R il 22/5/2015 18:07:55 (27 letture)

LA BUONA SCUOLA? NON PER I CITTADINI MA PER FINANZA, IMPRESE, BANCHE E MERCATI

Consiglio a tutti coloro che sono interessati alle vicende della scuola, capitata in mano alla nostra ISIS, di leggere quali sono i curricola di coloro che hanno scritto la "riforma".
Questi personaggi a malapena potrebbero scrivere il regolamento di un condominio (molto piccolo). Eppure, a proposito dello sbandierato merito, dalle parti nostre, tali incompetenti bombardano la più grande ed importante istituzione di un Paese democratico, la Scuola.
Immaginate quali possono essere i livelli di ignoranza del Presidente del Consiglio e di un Sinistro dell'Istruzione che affidano tale compito a tali funzionarietti da operetta.
Potete trovare le informazioni annunciate in

http://www.fisicamente.net/SCUOLA/NASCITA_BUONA_SCUOLA.pdf

R

PS. Su Repubblica di oggi vi è un inutile articolo di Marco Lodoli che da bravo crumiro si autodenuncia non solo di aver partecipato alle riunioni farlocche (con quale titolo?) dei riformatori (la o va letta come se vi fosse l'accento acuto anche se il grave renderebbe meglio l'idea) ma anche ahimé di aver inventato il nome di quella che chiamano riforma della scuola, quella cosa indegna che la Camera di nominati (alla faccia del merito!) ha approvato.


Inviato da R il 21/5/2015 15:21:59 (96 letture)

De Mauro: “La Buona Scuola? Da bocciare. E non chiamatela riforma…”


Per il noto linguista nel ddl manca un quadro complessivo di riassetto del sistema scolastico. E oltre a criticare il preside-manager, l’autonomia scolastica, il depotenziamento del collegio dei professori, nota le carenze del provvedimento: nessun intervento per riavvicinare la scuola alla Costituzione e per contrastare l’enorme piaga dell’analfabetismo di ritorno

intervista a Tullio De Mauro di Giacomo Russo Spena da Micromega

La sua voce è pacata. Il giudizio è fermo: “Il provvedimento va ritirato”. Tullio De Mauro ragiona senza ideologismi, argomenta e analizza i dati. Illustre italianista, storico docente universitario di Linguistica alla Sapienza di Roma e, per un brevissimo periodo, ministro dell’Istruzione ha le idee chiare sulla buona scuola: “Non è una riforma, nel ddl manca un quadro complessivo di riassetto del sistema scolastico”. Una bocciatura, netta, per il governo Renzi.

Leggi tutto... | 8961 bytes da leggere | 1 commento

Inviato da R il 21/5/2015 14:31:06 (91 letture)

DI SCUOLA NE SA PIÙ CROZZA O IL MINISTRO? INDOVINATE

di Luigi Galella da Il Fatto Quotidiano 21 maggio 2015

Verrebbe voglia di ripristinare il vecchio armamentario simbolico: le orecchie d’asino. Pelose, lunghe e rivelatrici. Che oggi ostenta sorridendo, nella compiaciuta ignoranza, come Pinocchio di fronte allo specchio, colui che parla e legifera di scuola, senza conoscerla. C’è ormai un fossato tra chi si occupa giornalmente di scuola, nel senso che la vive, come docenti o studenti, e tutti gli altri. La scuola non è solo misconosciuta, a causa di pseudoriforme e sciagurati decenni di tagli all’istruzione, ma letteralmente sconosciuta. Sconosciuta ai più. Tra questi, molti occupano le aule parlamentari.

Ascoltando la ministra Giannini a DiMartedì (La7, 21.15), ospite di Giovanni Floris, se n’è avuta un’ulteriore conferma, nel momento in cui si è usato e osato l’argomento principe della propaganda renziana: “La scuola è al centro dell’agenda politica del governo”.

Leggi tutto... | 3521 bytes da leggere | Commenti?

(1) 2 3 4 ... 258 »
 Novità sezioni:
FISICA E SUA STORIA (Archivio)

DIDATTICA DELLA FISICA E DELLE SCIENZE (Archivio)

PROBLEMI DELLA SCUOLA (Archivio)

Ultimi articoli:

La Buona Scuola ? E' stata scritta da funzionari che non conoscono l'argomento. E si vede! di Lorenzo Grilli

La Buona Scuola ? Le sciocchezze padronali di Renzi e Giannini di Roberto Renzetti

Per riavviare l'elaborazione di una riforma del sistema di istruzione di Filippo Ottone

PROPOSTE PER LA SCUOLA E L'UNIVERSITÀ: IL CORAGGIO DI ANDARE CONTROCORRENTE di ALTERNATIVA

La scuola al servizio dei mercati di Roberto Renzetti

Le domande UE sulla scuola italiana di Roberto Renzetti

La scuola. Ma cos'è ? di Roberto Renzetti

SCUOLA: dieci anni dopo le riforme liberiste di Roberto Renzetti

La prova che Berlinguer ha ubbidito all'OCSE per riformare la scuola di Roberto Renzetti e OCSE

Il Paese cancellato di Roberto Renzetti

La scuola dell'autonomia di Roberto Renzetti

Scuola e mercato nel mondo globalizzato (Parte seconda)

La scuola dell'ignoranza

La scuola sotto attacco

A che servono i pedagogisti ?

SCIENZA E SOCIETA' (Archivio)

Ultimi articoli:

Stati di aggregazione stabili del Trinomio Informazione-Energia-Materia in Natura di Ferruccio Sorrentino

Il grande esempio di Margherita Hack e i limiti della scienza di Angelo Baracca

Analisi e prime valutazioni dell’incidente di Fukushima di Angelo Baracca e Giorgio Ferrari

Per comprendere cosa accade nelle centrali nucleari giapponesi di Roberto Renzetti

The “go-and-stop” of the Italian civil nuclear programs, among improvisations, ambitions, and conspiracies di Angelo Baracca, Giorgio Ferrari, Matteo Gerlini, Roberto Renzetti

La storia di Felice Ippolito di Roberto Renzetti

Il grande affare nucleare di Roberto Renzetti

"Anche senza Mattei ..." di Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino

Storia della politica scientifica ed energetica italiana dal 1945 ai giorni nostri di Roberto Renzetti

Il nucleare degli sciocchi ed irresponsabili apprendisti stregoni di Roberto Renzetti

Cercando di decifrare il libro dei sogni (o degli incubi) dei faraonici programmi nucleari di Angelo Baracca

Un'ampia rassegna su quanto c'è da sapere sulla scelta nucleare, sulle sue lobbies, sul suo mercato e sulle altre possibili alternative al petrolio

SCIENZA E FEDE (Archivio)
SCIENZA E FILOSOFIA (Archivio)
ISRAELE/PALESTINA (Archivio)

Ultimi articoli:

La marcia verso la guerra di Mahdi Darius Nazemroaya

I disastri del colonialismo a cura di Roberto Renzetti

L'armamento nucleare di Israele di AA. VV.

Il terrorismo di Israele di Paolo Barnard e Serge Thion

GUERRA (Archivio)
LA MEMORIA (Archivio)
VARIA UMANITA' (Archivio)




I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net