RENZI VA VIA. PER ORA PIANGONO I FINANZIERI

Date 6/12/2016 21:03:59 | Topic: Politica

ATTENTI A RENZI …

Non so come comunicare che fino a mezzanotte del giorno 4 ho vissuto in stato di ansia. Eppure alla mia veneranda età dovrei fregarmene. Ma no, finito il sole dell’avvenire, lasciatemi la Costituzione. Se malauguratamente avesse vinto lo sbruffone di Rignano sarei rimasto definitivamente senza speranza. Dietro la riforma che proponevano vi era l’ispirazione di ogni bandito internazionale, tra cui tutte le agenzie di rating che si sono arricchite con i derivati venduti a noi che, di conseguenza, siamo diventati poveri. Non so come dirlo ancora ai miei connazionali che hanno sempre memoria corta, per non dire dei politici che hanno memoria lunga come il portafogli, ma lo ripeto: ogni volta che c’è una crisi economica negli USA la dobbiamo pagare noi e lo abbiamo fatto anche questa volta a partire dal 2007. Cosa c’è in quel Paese che non lo fa mai criticare fino a mandarlo là dove dice Grillo? E’ un Paese in cui domina l’ignoranza, il razzismo, il cattivo gusto, …
(i pochi che emergono sono ristette cerchie di intellettuali e studiosi in localizzati luoghi del Paese).
E’ il Paese in cui un nazista al potere fa salire le borse. E’ un Paese che crede di dettar legge ovunque portandosi dietro i servi docili ed ubbidienti dei governi italiani. E’ un Paese in cui gli imbrogli verbali permettono che possa dirsi patria della libertà e della tolleranza. Imbrogli verbali perché quel Paese occupa militarmente un pezzo di Cuba che si chiama Guantanamo che però (e qui è l’imbroglio) non fa parte degli USA e quindi è possibile la tortura e gli arresti illegali. Stessa cosa con il trattamento di Israele: con un imbroglio di date gli USA fanno finta di non sapere che Israele è un Paese dotato di armi nucleari. E non lo potrebbero essere almeno secondo il Trattato di non proliferazione nucleare. E’ il Paese in cui si spara ai negri come se fossero passerotti.
Insomma una vera organizzazione a delinquere che fa i danni che oggi soffriamo a partire dalla destrutturazione dei Paesi arabi (Iraq, Afghanistan, Libia ed ora Siria). E noi siamo con loro tanto è vero che qualche giorno fa abbiamo avuto il pagamento di Benigni per il suo SI con un invito a cena da Obama.
Ma ritorno ai guai nostri, quelli che originano dal comunista-massone Napolitano, quello che applaudire i carri armati del Patto di Varsavia che invadevano Budapest.
Ricapitolo. Napolitano si è fatto rieleggere la seconda volta ed in un Parlamento sgangherato perché eletto con il Porcellum, ha creduto di potere fare ogni gioco che interessava alla finanza internazionale, in particolare la distruzione della Costituzione “socialisteggiante”. Ha dato a suo piacimento incarichi di governo a Monti, poi Letta, poi Renzi. Non ha mai pensato alle elezioni, una vera perdita di tempo. Renzi, mai eletto, sfruttando una maggioranza di 130 parlamentari “porcelli” alla Camera, ha iniziato a dare mazzate alla Costituzione sulla quale Napolitano aveva giurato ed anche Renzi (ma quest’ultima cosa è del tutto insignificante per un Bomba). Quei parlamentari sono dei veri e propri porcelli perché erano stati eletti con Bersani ed il suo programma. Nel programma era scritto che mai più si sarebbe dovuta modificare la Costituzione a colpi di maggioranza. Ma che gliene frega ai porcelli? Fanno quel che vogliono fino al punto di voler trascinare la Costituzione nella porcilaia.
Il bullo di Rignano si è sfegatato per sostenere la sua indegna riforma. Per 8 mesi ha girato l’Italia con gli aerei e gli elicotteri di Stato (pagati da noi!) al fine di convincere il prossimo di votare per il SI. Nel frattempo ha bloccato il Parlamento che ha fatto poco e niente. Parlamento che la riforma voleva privare del Senato perché si perde tempo (!). Premesso che l’Italia è il Paese che al mondo fa più leggi, occorre dire che queste leggi sono scritte male perché scritte da avvocaticchi ed azzeccagarbugli. Mi spiego. Sapete che in Italia abbiamo oltre 240 mila leggi? e che in Germania sono 5 mila? Come è possibile? Mentre altrove il parlamentare che fa una legge deve inserirla all’interno di testi unici che hanno una raccolta di leggi sulla medesima materia e non possono mettere lì una legge che ne nega qualcun'altra o un pezzo di essa, in Italia l’ignoranza tra i parlamentari abbonda e non frega niente a nessuno di scrivere una legge che nega una o più leggi esistenti. Non conoscono le leggi esistenti ed il loro essere in Parlamento serve solo ad arricchire loro, i loro familiari, amici e gigolò o mignotte. Tuto per maggior gloria dell’indegna (salvo contate eccezioni) categoria degli avvocati che prolificano in Parlamento e nel Paese. Sapete che a Roma vi sono 24 mila avvocati tanti quanti ve ne sono in Francia? Ma poi lo sapete come me che in Italia non vi è nulla di certo: data una norma ve n’è sempre un’altra che la contraddice. Chi ci guadagna? Ma gli avvocati!
Allora in Parlamento vi è un proliferare di avvocati che lavorano per la loro lobby. Questi parlamentari, tra cui i porcelli che urlavano per l’approvazione del Si, quanto lavorano? Iniziano il martedì mattina (quasi sempre intorno all’ora di pranzo) quando tornano dalle loro splendide case in giro per l’Italia e smettono ilo giovedì, anche qui intorno all’ora di pranzo. Si vuole accelerare con parlamentari competenti (oppure calci in culo a vita)? Lo si faccia ma facendoli lavorare dal lunedì mattina alle 8 al venerdì serra alle 18. Basta questo a far diventare l’Italia un razzo.
Vediamo poi questi porcelli con il capo porcello (chi sarà?) cosa proponevano nella loro riforma.
Inizio dall’eliminazione del bipolarismo perfetto. Perché, potendo eliminare il Senato, il PD ha insistito di mantenerlo nella vergognosa formulazione che abbiamo visto? In Italia vi è la grande maggioranza delle Regioni amministrate dal PD. Se i rappresentanti regionali venivano eletti da queste regioni vi sarebbe stato un Senato piddino in grado di bloccare qualunque altro governo (è vero che questo nuovo Senato si sarebbe DOVUTO occupare di una quantità inferiori di questioni, ma è anche vero che avrebbe POTUTO richiamare qualunque legge dalla Camera per dare un parere. Insomma era il salvagente per la porcilaia PD che sarebbe andata tranquilla a gestire ogni potere in Italia senza nessun ostacolo (se pensate che ora Renzi ha fatto man bassa di ogni posto ben pagato per amici fiorentini facendo rimpiangere l’epoca degli avellinesi di De Mita, immaginate cosa avrebbe fatto).
Seguo con il CNEL che solo qualche bipede può ritenere essere inutile. I padri costituenti lo avevano pensato come camera di accordi tra imprenditori e lavoratori in applicazione dell’articolo 1. Il fatto che non l’abbiano fatto funzionare utilizzandolo come luogo per spartirsi stipendi da favola, non è colpa del CNEL ma di governanti indegni che non hanno messo in funzione quella camera di compensazione.
Vi sarebbero molte altre cose ma, per ora, mi fermo qui.
Voglio invece elencare alcune sciocchezze che i riformatori si sono dimenticati di abrogare o mettere dalla Costituzione.
1) Abolizione del vincolo di mandato che permette a superporcelli di saltare da un partito all’altro per più volte a piacimento e convenienza. Cambiare idea è lecito ma chi cambia idea deve rinunciare a quel posto che ha avuto da elettori che invece quella idea la mantengono. Faccio un facile esempi. Io avevo votato per SEL e quindi ho contribuito, ahimé, all’elezione di Migliore. Poi mi trovo Migliore a fare il peggio per me pensabile. Ah Migliò, cercannattene, anche tu sei un persecutore di cagnolini! Ecco mi viene però in mente che se Migliore se ne va potrebbe solo fare (forse)il raccoglitore di feci canine pe le vie di Napoli.
In definitiva il parlamentare può cambiare idea e resta lì fregando noi che dobbiamo aspettare 5 anni per prenderlo aa calcioni?

2) Abolizione del pareggio di bilancio, voluto dalla UE, fatto da Monti-Napolitano nel 2012 con una modifica dell’articolo 81.

3) Obbligo di discutere entro un tempo ragionevole delle leggi di iniziativa popolare


4) Introduzione del referendum propositivo

5) Diminuzione (fino alla metà) del numero di dei deputati e dei senatori

…………………………….


Infine, attraverso leggi ordinarie, si può mettere un tetto ai salari e benefit per parlamentari
_______________________-


Insomma ci sarebbe da fare molto senza ubbidire a J.P.Morgan ed essere al guinzaglio della Merkel.
Lor signori non sono riformatori ma hijos de puta. E di questa gente occorre aver paura perché può tornare e fare molti danni. Noi abbiamo ottimi politici molto preparati, solo che non sono nella porcilaia.

R





This article comes from www.fisicamente.net
http://www.fisicamente.net/portale

The URL for this story is:
http://www.fisicamente.net/portale/article.php?storyid=2814