logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 8 per mille:
 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY


Chiesa : MA CI FACCIANO IL PIACERE ! SERVILI AL PRETUME.
Inviato da RR il 19/1/2009 8:43:53 (966 letture)

ATEOBUS, LA SAGRA DELLE SCIOCCHEZZE

di Pierfranco Pellizzetti da Micromega

A vicenda conclusa, con l’abiura galileiana dell’agenzia che cura le affissioni mobili di AMT, possiamo dirlo: l’intera vicenda degli “ateobus” è stata una vera e propria sagra della sciocchezza. Gli autisti che minacciavano “l’obiezione di coscienza” (e così facendo potevano candidarsi a un processo di beatificazione quali martiri della fede sul posto di lavoro)… i turbamenti annunciati di viaggiatori solitamente frettolosi, d’improvviso diventati teologi da concilio di Nicea o Calcedonia…
Ma anche le provocazioni chiassose cui si è consacrata l’associazione promotrice della tentata affissione mobile non brillano certo per lucidità; già a partire dalla sua denominazione, che unisce termini sostanzialmente antitetici quali “ateo” (cioè chi prende particolarmente a cuore la questione del divino) e “agnostico” (cioè chi di tale questione se ne infischia).

Associazione segnalatasi a suo tempo per un’altra iniziativa peregrina come quella dello “sbattezzo”, che finisce per dare estrema importanza a un rito destinato a restare inerte nella misura in cui il diretto interessato non gli attribuisce rilevanza.
D’altro canto il diritto costituzionale alla libera espressione non prevede deroghe nei casi di accertata labilità. O in materia di creanza e buon gusto.
L’affermazione che “dio non esiste” lede le convinzioni di qualcuno? Di molti? E perché non tenere in debito conto come tutta l’iconografia cattolica tridentina - tra il necrofilo e il sado-maso, con quel crocefisso grondante sangue e contorto nel rigor mortis - potrebbe indurre effetti devastanti ben più gravi su personalità sensibili?
Così come il martirologio per ragioni assai poco chiare del dio incarnato (c’era un altro dio che aveva bisogno di sacrifici cruenti per riconciliarsi con l‘umanità?): una vicenda assai male congegnata.
Del resto i propugnatori della tesi contraria all’inesistenza di dio non ci hanno dilettato con le loro capacità argomentative. In sostanza: “dio esiste… perché esiste”. Ma quale dio? Il “deus sive natura” caro a Baruch Spinoza, ossia “la potenza inconsapevole” di Bertrand Russell, oppure il dio-persona, magari con barba fluente e bicipiti possenti quale ce lo rappresenta Michelangelo negli straordinari affreschi della Cappella Sistina?
In sostanza l’intera vicenda è solamente l’ennesima riprova della rozzezza estrema con cui è in corso lo strombazzato “ritorno di dio”, in un Paese ormai largamente secolarizzato quanto culturalmente devastato dalla colonizzazione consumistica. Alla totale insegna dell’oscurantismo. Cui sparute minoranze si contrappongono con frizzi e lazzi, non con un pensiero alto e robusto.
Mentre va costituendosi una sorta di “Santa Alleanza dei benpensanti”, che imbarca tutti i propugnatori della Restaurazione possessiva (i fondamentalisti della “roba”). Papisti come presunti laici. Anche a scapito delle loro antiche identità.
Lo pensavo venerdì scorso assistendo alla rimpatriata di antichi militanti del PLI; oggi per lo più seduti sullo strapuntino offerto da Silvio Berlusconi, che consente loro di proseguire in carriere politiche personali di assai scarsa rilevanza generale.
Un consesso entusiasmato dall’annuncio che nella nuova appartenenza partitica – il sedicente Partito delle Libertà – stava realizzandosi l’incontro tra la cultura liberale e quella cattolica.
Ma il PLI non era anticlericale (almeno nella sua cospicua componente massonica)?
Di questi tempi conta solo che si crei, grazie a tali sciocchezzai di cultura politica, una maggioranza in grado di sostenere gli attuali equilibri per interi lustri. Contro i cui effetti perversi dovrebbe metterci in guardia un maestro di pensiero liberale (poco letto e meditato anche da chi lo cita ossessivamente) quale Alexis de Tocqueville.
Chiamasi dittatura della maggioranza, di cui a Genova abbiamo visto un bell’esempio nella vicenda “ateobus”. Magari a danno di minoranze altrettanto sciocchine.
Pierfranco Pellizzetti

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Gianni
Inviato: 19/1/2009 11:21  Aggiornato: 19/1/2009 13:12
professore
Iscritto: 22/2/2007
Da: Genova
Inviati: 409
 Re: MA CI FACCIANO IL PIACERE ! SERVILI AL PRETUME.
Quante parole inutili, alla fine delle quali non mi spiega dove consiste la sciocchezza.
Ma questo signore non le vede o non le sente, tutti i giorni, le sciocchezze che ci propinano su tutti i canali televisivi da parte dei credenti, a partire dal capo in testa tal Benedetto XVI.
E ci lasci per una volta provare, anche a noi non credenti, a dire una sciocchezza, senza esibirsi in una critica che non comprendo e non necessaria.
Gianni
cantor
Inviato: 20/1/2009 22:22  Aggiornato: 21/1/2009 3:26
Matricola
Iscritto: 16/6/2007
Da:
Inviati: 2
 Re: MA CI FACCIANO IL PIACERE ! SERVILI AL PRETUME.
...termini sostanzialmente antitetici quali “ateo” (cioè chi prende particolarmente a cuore la questione del divino) e “agnostico” (cioè chi di tale questione se ne infischia)...
Il significato di agnostico e molto diverso, il significato di IGNORANTE è invece universalmente condiviso e lei caro Pierfranco Pellizzetti ne è un esempio lampante.
Saluti da un AGNOSTICO PRATICANTE.



I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net