logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 8 per mille:
 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY


Politica : NELLA GABBIA DEL LIBERISMO
Inviato da R il 8/9/2017 19:34:45 (160 letture)

IMPARIAMO A GUARDARE PIU’ IN ALTO

Lo so che è difficile ma o ci alziamo in alto per guardare l’insieme della situazione o ogni protesta è inutile.
Faccio un resoconto di ciò che vediamo stando a terra.
In linea generale siamo chiamati a ripianare un debito folle fatto dall’Italia a partire dagli anni Ottanta. Ma dire Italia è dire nessuno, facciamo i nomi. Il debito è stato fatto da tutti i governi DC, PSI, PRI, PSDI, PLI (i pentapartito) a guida De Mita e Craxi. Questi banditi per avere il consenso elettorale regalavano soldi a destra ed a manca e hanno fatto il disastro degli oltre 2 000 miliardi di euro di debito. Noi paghiamo di interessi per questo debito circa 100 miliardi l’anno. Molti dei ladroni che hanno fatto il debito sono ancora in giro (sia nella maggioranza che nell’opposizione). Sono ex socialisti e democristiani che continuano a vivere alla grande alla faccia nostra. Ed alla mangiatoia ricchissima si sono aggiunti piddini, forzitalioti, fascisti vari, …tutti con una fame da lupo.
Questi ci spiegano che dobbiamo cancellare il debito, altrimenti non potremo crescere.
Come fare?

Occorre sbarazzarsi del welfare, fatto che impoverisce la gente e non tocca i loto privilegi.
Cominciamo dalle pensioni. Tutti sapete cosa si sono inventati. Il governo Monti ha fatto il lavoro sporco con il massacro della legge Fornero. Fino al 2012 si andava avanti con il vecchio sistema che i banditi agli ordini di potenze finanziarie mondiali ci hanno tolto. Perché il sistema pensionistico italiano lo hanno voluto confrontare con quello degli altri Paesi europei con un imbroglio da galera a vita. A parte i furti ed i privilegi che hanno creato il debito pubblico, il sistema con piccoli ritocchi, avrebbe potuto andare avanti. Infatti la pensione era un tutt’uno con il salario lavorativo. Noi prendevamo e prendiamo i salari più bassi d’Europa (a parte la Grecia e l’Est, del quale Est nun me po’ fregà de meno), in compenso ci godevamo un poco prima una pensione non ddi fame.
Da insegnante di Liceo, quando andai in Spagna (1980) scoprii che i miei colleghi prendevano il doppio di me. Nelle mie trasferte per lavoro in Francia, Germania, Belgio ed Olanda scoprii che le cose andavano allo stesso modo (in Francia si prendeva 2 volte e mezzo che in Italia, in Germania tre volte). I nostri bassi salari, dicevano, erano compensati da qualche anno di pensione anticipata (poi ho scoperto che anche questo era falso). Adesso i salari di tutti i lavoratori hanno ancora perso valore rispetto agli altri lavoratori europei ed in più abbiamo il sistema pensionistico più becero d’Europa.

Io sono avanti negli anni e sto quindi conoscendo il nostro sistema sanitario nazionale. Per ogni analisi, cura, occorre fare attese di mesi, anche quando la cosa è urgentissima. Le medicine si pagano quasi tutte e sono carissime. Per evitare di farsi una risonanza due mesi dopo morto occorre rivolgersi alla carissima medicina privata. Le medicine invece non si comprano …

La scuola la conosco molto bene e, vi assicuro che a cominciare dalla Riforma di Luigi Berlinguer del 1998 è stata massacrata fino al colpo alla tempia della bestialità della Buona Scuola del democristiano di destra, Matteo Renzi e tutta la banda piddina (non vi sono verginoni, tutti corrotti, prostituti all’altare liberista ed incapaci). Tutti gli ordini e gradi della scuola sono stati violentati. Vi ricordar la nostra splendida scuola elementare con i moduli? Quella che venivano a studiare da tutto il mondo? Uccisa. E le scuole superiori in cui si studiava, sostituite da materie a scelta, da percorsi (ucciderei chi ha inventato queste bestialità), da esami fatti su tesine preparate in cui non c’è mai la matematica e la fisica. E poi ci si lamenta dei nostri livelli scolastici che sono penosi (e non per colpa dei ragazzi che sono violentati da beceri governanti.Vi ricordate la nostra prestigiosa Università, ammazzata ancora da Luigi Berlinguer con il suo 3 + 2 (diceva che occorreva aumentare il numero dei laureati per essere al paso con l’Europa. Per farlo rendeva gli studi più facili. Io gli proposi di far laureare tutti con un solo anno, il successo sarebbe stato più evidente. Anche qui niente da fare, il numero dei laureati è diminuito ancora con la beffa che quando un’azienda cerca un laureato lo reclama ancora della vecchia laurea quinquennale. E dulcis in fundo le valutazioni dei nostri ragazzi sono fatte da test preparati dall’INVALSI, un ente di diretta derivazione dell’OCSE. Le valutazioni sono fatte con test da analfabeti perché non misurano gli obiettivi della scuola ma quelli dell’industria e della finanza. Ebbi modo di discutere animatamente su questo in Spagna quando i nostri studenti che avevano fatto la prova di matematica allo scientifico, dovevano fare la prova d’ammissione all’università attraverso un test che conteneva anche una parte matematica. Noi insegnanti riuscivamo nell’ultimo mese di liceo a preparare i nostri ragazzi a quella prova. Ebbene ho sfidato più volte colleghi spagnoli a fare la stessa cosa con i nostri programmi di matematica. Mai avuto soddisfazione. Buttiamo a mare i test e l’INVALSI che lavorano per etichettarci e basta. Oggi ci imbattiamo in un clown da circo che fa il Ministro della scuola e del'Università. Da buon clown spara cazzate (ridurre udi un anno il liceo, obbligo scolastico fino a 18 anni) aiutata dalla sottosegretaria D'Onghia (mi viene l'orticaria con questi monumenti di ignoranza sulla scuola) che vuole ridurre le medie di un anno. Cazzate a gi go.

Il lavoro è un altro dramma che tutti viviamo direttamente o indirettamente. Se si trova qualcosa o è precario o è sottopagato o è nero. Solo i figli dei potenti e dei politici hanno garantita la stabilità ed i salari abbondanti. E ti fanno pure capire che tu, poveretto, non hai le capacità …

O toccato i punti principali ma volendo si può aggiungere altro: il furto dei nostri soldi affidati a banche; l’inefficienza di ogni servizio pubblico; le tasse alle stelle per tutto (l’Agenzia delle Entrate non è ormai distinguibile da una cosca mafiosa che ti chiede il pizzo, altrimenti riesce a farti suicidare); la creazione criminale di una burocrazia assassina in grado di far venire meno anche un elefante (è una sorta di partita di giro: tu cominci da questo ufficio che ti manda a quell’altro e così via (per altre decine d’uffici) finché non ritorni all’inizio. Intanto passano gli anni ed i soldi per le pratiche se ne vanno a fiumi); questo accade se vuoi aprire una qualunque piccola attività commerciale che se per caso riguarda alimenti ti trovi ASL e controlli infiniti di Vigili Urbani che ti ossessionano per una virgola; poi a fianco a te c’è una frutteria gestita da extracomunitari (il sospetto è che sono giovani al servizio delle cosche dell’agro pontino o del salento o calabresi o siciliane) e costoro sono esenti da tasse e controlli per 5 anni (poi, dopo 4 anni e mezzo, cambiano il nome del gestore extracomunitario e continuano così in modo indegno ammazzando i nostri commercianti onesti e vessati da quella burocrazia che qui non c’è; vi invito poi ad entrare in tali negozi per vedere il luridume che c’è ovunque e quanti lavoratori in nero vi sono; vi sono poi quei vigili urbani che sono in gran parte sospetti di corruzione (li vedo entrare in un mercato per are controlli ed escono sempre con borse piene di alimentari). E se vai a dire qualcosa a qualche autorità ti chiedono le prove che io non posso avere perché non ho nessun potere d’indagine (nel mio quartiere le case non debbono superare gli 11 metri d’altezza. Poi è arrivato uno dei soliti costruttori che ha costruito un edificio alto 14, 5 metri. Il Comitato di quartiere ha pagato un avvocato ed ha denunciato l’abuso in Procura. La Procura si è rivolta al Municipio per capire cosa accadeva. Il Municipio ha incaricato i Vigili Urbani del controllo, quegli stessi Vigili che avevano seguito i lavori di costruzione. Alla fine, tutto regolare e così mi ha detto la piddina capo del Municipio. Questo edificio forilegge ha poi pagato per le opere di urbanizzazione, come altri 5 edifici nati là intorno. Il totale ricavato è stato di 15 milioni di euro. Poiché (e sono ormai 15 anni) non è stato fatto nulla per urbanizzare (strade non asfaltate come veri fossi, niente marciapiedi, niente illuminazione, larghezza di una stradina per accedere 2,20 metri, …). Siamo andati a protestare dalla piddina chiedendo conto dei soldi che sono del quartiere. La piddina ci ha detto infastidita “Quei soldi sono nel calderone!” (ed il calderone era il bilancio di Roma, Mafia Capitale).

Ma qui ognuno avrebbe da raccontare le sue infinite peregrinazioni e sventure. Mi fermo per sfinimento passando a quanto dicevo nel titolo: occorre sollevarsi un poco da terra per vedere l’insieme della situazione.

Dalla caduta dell’URSS che sembrava dovesse offrire un modo alternativo di concepire la vita (poi risultato un gigantesco fallimento), i padroni del mondo occidentale hanno iniziato ad organizzarsi per costruire il nuovo ordine mondiale.
Impadronirsi di tutte le fonti energetiche mondiali, mettere le mani su miniere e giacimenti di minerai preziosi, impadronirsi delle pianure coltivabili e piantagioni per il rifornimento alimentare. Garantirsi mano d’opera e suo ricambio a bassissimo costo. Garantirsi le migliori intelligenze rapinandole da altri Paesi.
In questo gioco vi sono Paesi dominanti e Paesi che dovranno fare i gregari. Tra i primi vi sono: USA, Germania, Francia; tra i secondi ci siamo noi. Alle seconde occorre togliere tutte le imprese, aziende ed industrie avanzate ed in grado di fare profitto e lasciarle morire di vecchiaia o come riserva di cervelli e di mano d’opera.
Nel 1995 negli USA, alla presenza di tutti i big mondiali di economia, industria e finanza, si affermò che il mondo a troppi abitanti per le loro necessità e questi costano troppo. Il mondo avanzato può andare avanti solo con il 20% della popolazione, la più preparata ed intelligente. Purtroppo vi è l’altro 80% che non può essere semplicemente eliminato per evitare ogni contraccolpo (rivolte, rivoluzioni, scioperi infiniti, …). Cosa fare allora? Trovarono l’accordo su quanto avevano fatto i romani per gestire il loro Impero: “Panem et circenses”. Cibo e divertimento, distrazioni. Ed è quello che stanno facendo perché i salari di fame permettono (forse) di mangiare e poi vi sono i divertimenti indotti, una vera droga ammazza intelligenze: i-phone, TV, calcio, rugby, basket. Riflettete un poco e vi accorgete che tutti noi siamo carene da macello.
Che fare?

Un minimo di difesa dovrebbe venire dalla politica. Ma ci crede ancora a tutti i politici in circolazione sta poco bene. Renzi è un personaggio spaventoso perché confonde più di altri il su narcisismo con gli interessi del Paese (e Renzi è ormai il PD). Di Maio è un bambino sciocco ed ignorante (ed in genere i 5 stelle sono penosi). Berlusconi e gli altri sono del tutto incapaci. Monti e tecnici vari (tipo Draghi) sono direttamente al soldo della finanza (agenzie di rating). La cosiddetta sinistra fa pena (ha venduto se stessa da tempo credendo di poter battere il liberismo ed è finita in gloria come quel pupazzo di Bertinotti). Pisapia è davvero il fondo. E’ un inutile personaggio ed il fatto che qualcuno gli dia credito mostra a che livelli siamo scesi.
Io, per ora voglio bene a Fassina e Civati ma con loro non vedo futuro (non che io ce l’abbia ma per i miei figli e nipoti).
Ma poi, anche se avessimo politici a 24 carati, seri, onesti, competenti, … sarebbero oggi agli ordini dei poteri multinazionali. Non potrebbero uscir fuori dalla gabbia in cui siamo. I nemici sono troppo potenti e noi non abbiamo un condottiero che sia all’altezza di capire il problema e risolverlo.

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero



I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net