logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 8 per mille:
 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY


Politica : I DEBITI DI RENZI LI PAGHIAMO NOI
Inviato da R il 2/2/2017 21:03:18 (226 letture)

SE UN INUTILE PUO’ FARE UN DEBITO COSI’, POVERI NOI

Premetto che a me pare follia rispondere ai diktat della Commissione UE che chiede continuamente di mettere a posto i conti. Con il polacco Tusk che pontifica si di noi dopo che il suo Paese si è arricchito anche sulle nostre spalle, quel Paese che non vuole neppure un profugo. Più tardi ci libereremo dei ricatti della finanza internazionale, peggio sarà per noi.

Fatta questa premessa mi riferisco all’azione del governo Renzi che, PER INTERESSI DI POTERE PERSONALI, ha portato il nostro Paese a far crescere esponenzialmente il debito sia pubblico, sia rispetto all’Europa. Mancano 3,4 miliardi ai conti, altrimenti ci infliggeranno la procedura d’infrazione. Questa procedura vuol dire che, oltre ad una multa di molti milioni da dover pagare, salirà lo spread e scenderanno le valutazioni delle agenzie di rating. Tutto ciò vuo dire che dovremmo pagare molti più interessi sul nostro infinito debito pubblico (DC + PSI, anni Ottanta).

Data la situazione già disastrata dell’Italia, questo significherebbe il fallimento dell’Italia e ci avvicinerebbe alla Grecia ed all’Argentina, con un rischio enorme di intervento della Troika.
Questo sforamento lo dobbiamo al giullare di Rignano che ha avuto successo per la sua politica delle regalie e dei bonus tra cui: gli 80 euro, i 500 euro di bonus per i diciottenni, i miliardi per finanziare il jobs act. Ora nei guai ci siamo noi e quel buffoncello non fa una piega e continua a sparare cazzate come una mitragliatrice del west.
E così, dopo 8 mesi persi nella campagna elettorale per il referendum, stiamo iniziando ancora a parlare d’’altro, di elezioni che interessano a lui ed a chi non gliene frega nulla di tutti noi. Capirei vi fosse un programma, se vi fossero delle proposte, … ma qui si va allo sbaraglio solo per mantenere Renzi e la sua famelica corte (i cento capolista bloccati che risulterebbero dai cascami costituzionali dell’Italicum).
In questo senso spero davvero, solo perché la cosa ammazzerebbe il PD, che i sinistri di quel partito vadano avanti fino in fondo. Se andate indietro su quanto ho scritto molti anni fa, io ho sempre parlato di D’Alema come di una calamità del Paese (ce l’ho poi per un motivo personale: in un provvedimento del maggio 2000, concordato con Panini della Cgil Scuola, mi impose di tornare a lavorare in Italia, dalla Spagna dove mi trovavo e dove sarei potuto stare per altri 7 anni avendo vinto la selezione). Premetto questo perché si sappia che ho apprezzato il suo intervento ai Frentani e credo che davvero possa aggregare soprattutto contro Renzi ed i democristianacci che lo circondano.

R


PS. Aggiungo un commento al post precedente, quello che parlava di lauree e citava la ministra rossa (ma non dalla vergogna) dell’istruzione.
Il fatto che non capisca nulla di scuola è dimostrato da quanto accade in quel Ministero che lavora al fine ultimo dei governi, da Luigi Berlinguer ad oggi: privatizzare la scuola facendo scendere il suo prestigio che prima di Berlinguer, nonostante tutto, era molto alto con i nostri studenti ai primi posti nelle assunzioni nel mondo.
Dopo un corso di studi alla Secondarie di Secondo Grado che è andato via via squalificandosi con PEI, POF, percorsi, … e con lo studio serio e continuo diventato un optional, serviva solo che l’esame di Stato finale diventasse alla carta. Gli studenti non gradivano fisica perché difficile? Non la facciamo! Gli studenti discutevano la Terza Prova? La togliamo! Vorrei chiedere a questi imbecilli di esperti di scuola che lavorano al ministero strapagati per le loro misere capacità a che progetto, a quale piano educativo d’interesse nazionale, rispondono? Non avremo risposte perché ormai a chi programma gli esami di Stato, di tali esami non frega più niente. Ormai la valutazione la fa l’INVALSI, quella sì che conta perché serve come uniformazione dei lavoratori europei: bassa preparazione, molta ubbidienza.
Non so più da dove cominciare per dire che questi sono tutti contro di noi.
CACCIAMOLI SUBITO, a cominciare dalla Ministra rossa che più ignorante non si può.

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Sardo1980
Inviato: 2/2/2017 22:35  Aggiornato: 3/2/2017 10:44
esperto
Iscritto: 5/2/2008
Da:
Inviati: 52
 Re: I DEBITI DI RENZI LI PAGHIAMO NOI
'na schifezza. Le tasse le paghiamo ormai per il pareggio di bilancio e per ripagare i debiti., no per il welfare state. Nessun altro paese serio che si difende si fa sottomettere cosi. La profezia di Mameli nell'inno si realizza nuovamente.
Lo dico sempre che i figli non possono pagare per gli errori dei padri. Cosi come non si può punire una nazione per crimini commessi 70 anni prima coinvolgendo persone nate 20 o 40 anni fa.



I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net