logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 8 per mille:
 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY


Chiesa : CHE UOMO !
Inviato da RR il 1/2/2008 23:52:37 (995 letture)

Il rettore della Sapienza chiude la questione Papa:
«Il diritto di critica dei docenti è legittimo»


ROMA (1 febbraio) - Il rettore dell'università di Roma La Sapienza, Renato Guarini, vuole chiudere la vicenda della mancata visita del Papa per l'inaugurazione dell'anno accademico, con una lettera inviata a tutto il personale dell'ateneo. In queste righe descrive lo spiacevole episodio come «un'occasione per ribadire che la comunità accademica è per sua natura aperta al dialogo» e che «il diritto di critica da parte di alcuni docenti era legittimo, così come le iniziative assunte da parte di alcuni gruppi di studenti in forme rispettose e adeguate all'ambiente universitario». Guarini esclude da queste parole coloro che hanno compiuto «alcuni interventi successivi che pretendevano di arrogarsi un diritto di veto o che nella forma diventavano lesivi del rispetto che tutta la comunità universitaria deve prima di tutto a sé».

In seguito ad alcuni incontri con i rappresentanti dei docenti delle facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, il rettore ha fatto una ricostruzione dettagliata dell'accaduto, a partire dal 17 marzo 2007, data in cui il papa è stato invitato dal rettorato a «intervenire a conclusione della cerimonia». Il senato accademico e i docenti sono venuti a conoscenza della proposta fatta al pontefice il 23 ottobre e in quella occasione si sarebbe verificato «un assoluto equivoco»: «Alcuni docenti hanno interpretato l'invito come una sollecitazione a tenere la lezione magistrale, a seguito di un mero errore materiale riportato nella comunicazione sintetica degli uffici».

Questa l'origine della lettera dei 67 docenti, che, una volta pubblicata sui quotidiani, ha innescato la serie di eventi che hanno portato Benedetto XVI a declinare l'invito. Al chiarimento su come sono andate realmente le cose, segue una precisazione in favore dell'immagine dei docenti, dimostrando «l'apprezzamento per il lavoro scientifico e didattico con il quale tutti i colleghi contribuiscono alle attività e al prestigio della Sapienza».

Per questo secondo Guarini è necessario «guardare avanti, rafforzare elaborazioni condivise, anche su temi difficili e, pur lasciando spazio all'espressione di punti di vista diversi che sono la nostra forza e la nostra ricchezza, riaffermare l'adesione ad un'impresa culturale comune di grande importanza, autorevolezza e autonomia quale è la Sapienza».

http://www.ilmessaggero.it/
articolo.php?id=18050&sez=HOME_SCUOLA

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Gianni
Inviato: 2/2/2008 8:43  Aggiornato: 2/2/2008 8:46
professore
Iscritto: 22/2/2007
Da: Genova
Inviati: 409
 Re: CHE UOMO !
Cerca di salvare capra e cavoli, ma rimane il fatto che la sua iniziativa è stata una scemata.
La comunità accademica è giusto che sia aperta al dialogo, ma solo con chi il dialogo lo accetta. Con il papa non è possibile nessun dialogo; l'invito a parlare , specialmente in quella occasione, e nel modo come era stato prospettato inizialmente, è stato un grave errore da parte del rettore.
Gianni



I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net