logo

Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
problemi della scuola, ambiente, fede e ragione, varia umanità

di Roberto Renzetti

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora! Attenzione: per inviare commenti agli articoli e notizie in SpazioAperto è necessario registrarsi
 8 per mille:
 Menù principale
Home

Archivio mensile editoriali

Rubriche SpazioAmici

Chi sono

Contattami

FAQs

 

La rivista elettronica FISICAMENTE è nata per raccogliere la trascrizione degli oltre cento articoli da me scritti e pubblicati nell’ambito della mia attività di docente e ricercatore. A questi lavori ne aggiungerò via via degli altri che scriverò, quelli di vari collaboratori ed altri che riterrò di interesse.

FISICAMENTE è aperta ad ogni collaborazione sui temi trattati. Chi vorrà potrà inviarmi i suoi lavori che saranno valutati per l’eventuale pubblicazione che avverrà comunque sotto la completa responsabilità degli autori senza che essa impegni in alcun modo la rivista. Una sola e semplice avvertenza: quanto qui riportato non è soggetto a diritti d’autore ma non è utilizzabile a fini commerciali. Si richiede a chi usi queste pagine la sola cortesia di citarne la fonte:

www.fisicamente.net

 Roberto Renzetti

PS. Non inviate quesiti e problemi di fisica da risolvere così come l’elaborazione di nuove ed importanti teorie non altrove comprese. Non sono in grado di risolvere problemi o giudicare teorie.

VAI ALLA POLICY


Recensioni

Pagina iniziale »» AFFARI DI FEDE

Giuseppe F. Merenda - "FRANCINO. L'altra storia di Francesco d'Assisi" (ARMANDO EDITORE € 28) pagg. 558 2005 Le più viste
(3583 letture)
Links collegati
Ritengo che la migliore recensione a questo gran bel lavoro di Merenda sia quella che ha fatti Francesco D'Alpa. Pertanto la riporto così come è apparsa su L'Ateo.

Roberto Renzetti


Maliziosamente celato dietro il paravento di una erudizione che intende far credere cresciuta sui libri da bancarella, ma in realtà meditato frutto di vaste frequentazioni libresche, ed usando adeguatamente le personali competenze psichiatriche, Merenda propone, con il suo 'Francino' un gustoso, anche se a molti apparirà prolisso, divertissement, che ha per ingredienti principali la superficialità narrativa, le inadeguatezze interpretative e la sudditanza psicologica all'ineludibile mito di una lunga sequela di interessati o compiacenti saggisti. Ne viene fuori non tanto e non solo un ritratto a tutto tondo di Giovanni Moriconi (detto Francesco; santo per la Chiesa), in persistente giullaresco disequilibrio sulla linea che separa l'insana santità dalla pura follia, quanto piuttosto l'evidenza meno convenzionale di una agiografia tradizionalmente orba, grazie alla quale l'inconfessabile psicopatologia è trasformata nella crisalide da cui sboccia una improbabile 'Francino', oltre che un ammirevole saggio sulla psicologia del santo e su quella dei suoi santificatori, è una sorprendente rappresentazione a più voci della follia e della nudità. La follia di Francesco, innanzitutto, che appare così tanto drammaticamente cristiana ed ammirevole da indurre chi ne ha a prima vista riportato un'impressione di penosa alterità, a ripensarla come evidenza della santità; di contro, la follia degli agiografi, che nell'ovvia esaltazione di parte rigettano ogni ragionevole dubbio sull'uomo Francesco fino a (follemente) ritenerlo sano; e che cercando da essere credibili nel sottolineare la quasi ordinarietà del miracoloso, paradossalmente accrescano l'inverosimiglianza delle avventure ed il quoziente di insanità di Francino.

Poi la nudità: di Francesco, che è palesemente folle secondo l'impressione dei semplici ed i tradizionali parametri valutativa della 'vox populi’; dei suoi agiografi, così visibilmente discordanti fra di loro da rendere difficile credere che stiano parlando di una persona storica; infine dell'autore stesso del saggio, che prima di sfoggiare una fine analisi psichiatrica del possibile vero Francesco, si veste della semplicità anticonvenzionale di Francino per deliziarci con le sue traboccanti amenità.

Con retorica modestia, l'autore indica nei tanti scrittori da lui sapientemente saccheggiati, i veri padri del libro, ma in realtà il suo è un intervento forte. Nessun aspetto della vita di Francino, forse quasi nessun rigo delle biografie di Francesco, sfugge all'implacabile setaccio. Se ne traggono le mille facce di una identità frantumata. Un Francino che parla con gli animali con la stessa naturalezza con la quale un tempo si dava un nome all'auto appena acquistata; che si libera quasi ritualmente dei suoi abiti durante un esilarante spogliarello; che 'marcia su Roma'; dedito ala pratica dell'esproprio popolare 'ante litteram'; ingenuo, irresoluto, ma anche irriconoscente e perfino iettatore; e mille altre cose.

Pagina dopo pagina, si svela un sapiente mescolamento di generi; fra il giocoso e l'ilare; il drammatico ed il grottesco, si dipana il filo conduttore di un racconto ottimamente retto, serio ed autorevole, che va ben oltre l'esegesi del canovaccio da cui hanno avuto spunto le teatresche rappresentazioni sulla vita del santo più amato (ma assai meno compreso) d'Italia.

E' facile predire che l'irriverenza, o meglio i'indipendenza di giudizio di Merenda, verranno facilmente bollate come pensiero debole, e che il suo libro venderà meno copie di quante saranno le accuse di ignoranza e blasfemia sui blog cattolici.

Francesco D'Alpa

Pubblicato su “L’Ateo” n° 54 (6/2007)
- R
Altri AFFARI DI FEDE nelle recensioni
Altre recensioni da R






I contenuti del sito sono rilasciati sotto Licenza Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5
FISICAMENTE.net non è un periodico e quindi non soggetto alla legge sull'editoria 62/2001. Per informazioni e contatti inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: fisicamente[togli questo]@fisicamente.net