FISICA/MENTE

 

 

Alla Sapienza un'indagine delle facoltà scientifiche su cinquemila studenti

  Matricole ? Poco istruite

 CARLO FICOZZA   

(da La Repubblica 14 gennaio 2006)

 

SOGNANO un futuro da ingegneri, matematici, biologi, fisici, statistici o architetti ma confondono eludere con preludere, riluttante con arrendevole e non sanno quando un quadrilatero può essere contenuto in una circonferenza. Le matricole delle facoltà scientifiche non conoscono l'italiano di base né possiedono i rudimenti di geometria e trigonometria. Parola delle facoltà scientifiche della Sapienza che per un quinquennio hanno fatto test a cinquemila studenti delle superiori (ultimi anni) che intendono iscriversi a uno dei tanti corsi per conseguire la laurea di primo livello (triennale).  

«Solo il 5% ha una conoscenza di base della geometria», spiega il preside di Ingegneria della Sapienza, Tullio Bucciarelli. Meno deboli in trigonometria. Ma, aggiunge il capo d'istituto, «appena il 12,7% sa rispondere a 8 domande su 10. E si tratta di domande facili». «Su 100 studenti», continua Bucciarelli, «appena 15 sono in grado di centrare risposte sul lessico». E poco più di 27 sanno di ortografia. Provare a spulciare tra il cumulo dei test per credere. Alla domanda «indicate la forma corretta tra areoporto, aereoporto, aeroporto», la gran parte punta il dito sulla prima o sulla seconda parola. «Qual è il contrario di subdolo?», chiedono i prof. E gli studenti, in maggioranza, indicano stupido, tardivo o losco e non franco. Il contrario di opinabile"? E giù, croci su inconcludente, acuto o considerevole. Su indiscutibile giurano in pochi. Sfiora il 17% la quota di studenti che riesce a completare correttamente le frasi con il verbo giusto. Per esempio: «II detenuto è riuscito a....la sorveglianza e si è dileguato». La scelta cade su precludere, illudere, preludere o deludere. Pochi centrano: "eludere". Cosa vuol dire reperire"? Aggiustare, esporre, perdere. In 15 su 100 rispondono trovare. Per i più, subodorare vuol dire profumare, puzzare o indagare. E riluttante è restio per pochi. Gli altri pensano a combattivo, silenzioso o arrendevole. «Scopriamo così - commenta Bucciarelli - il perché di tanti abbandoni o dei gravi ritardi nel laurearsi». Meno di un terzo discute la tesi in tempo. Cosa fanno le facoltà per recuperare i deficit di cultura di base? «Per lo studio della matematica abbiamo realizzato un CD di "autoapprendimento". Ma per il resto? Forse bisognerà rimettere mano ai programmi, tornando a parlare un linguaggio comune con la scuola media superiore».

Torna alla pagina principale