FISICA/MENTE

 

CORBELLIN MERLINO

(Pubblicato su "Il Quotidiano dei Lavoratori", 1978)

Roberto Renzetti

 

        Era solo una sensazione.

        Impalpabile ma si sentiva nell'aria.

        Vago presagio.

        E finalmente si è saputa tutta la verità.

        Prima è stato sentito un grande facitore di oroscopi.

        Visto che i lavori della centrale di Montalto di Castro sono iniziati l’ 8 luglio, essa è dominata dal segno del Cancro.

        L'oroscopista ci dice che

«il passaggio della Luna nel segno della Centrale favorirà una sua fusione completa e perfetta con la persona amata (Corbellini, Presidente dell’ENEL - n.d.r.), mentre gli altri pianeti la faranno sentire bella, salubre e piena di potenza. La cara centrale non ceda a pressioni esterne che la vorrebbero inattiva ma, sfruttando il favore di Marte che l'aiuterà a superare l'opposizione di Urano, si dedichi con profitto a portare avanti gli interessi dei padroni. Riguardo alla salute stia attenta agli spifferi e soprattutto pensi che una sua fusione troppo completa e perfetta potrebbe essere dannosa».

        Dopo questo rassicurante oroscopo è stato preso un agnello di Maremma e al tramonto, presenti Luciano Barca, Napoleone Colajanni, Tony Bisaglia, Loris Fortuna e Giorgio La Malfa, il sacerdote Umberto Colombo (Presidente del CNEN) ha officiato il sacrificio. Corbellini aiutava ad aprire il ventre dell'agnello per leggervi le viscere.

        Il primo agnello fu buttato via perché nello stomaco gli fu trovato un distintivo di quelli «Nucleare? No grazie». Anche Colombo esclamò: «Non fa testo! è un antinucleare!».

        Col secondo le cose andarono meglio; poiché non furono trovate cellule cancerose si decise che gli auspici erano buoni.

        Qualcuno meno superstizioso pare sia andato dal Papa a chiedere di benedire la prima pietra per evitare qualunque sortilegio da parte di noti antinucleari che si aggiravano nella zona.

        Fu poi chiamato un esorcista per allontanare l'anima di un etrusco che vagava nei dintorni; l'etrusco uscì fuori e, per la verità, piuttosto incazzato se ne andò sbattendo la lapide. Le cose sembravano tutte a posto ma poi l'ingegner Scotto del Centro Tecnico Nucleare pensò che bisognasse andare più a fondo utilizzando una veggente «per un'analisi psichica di tipo precognitivo».

        La signora Giovanna Bergamini Scotto, nota sensitiva, si recò sul posto (a spese dell'Enel) e dopo uno studio a mani tese ed occhi chiusi sentenziò che «la centrale verrà comunque costruita nella zona ma con molte vicissitudini».

        Entrando poi in dettagli più tecnici la nostra veggente disse che «la centrale deve comunque avere un'altra disposizione. Gli attuali assi del reattore dovranno essere spostati leggermente verso Nord mentre tutto il complesso dovrà essere avvicinato al mare in maniera più drastica».

        A conti fatti questo spostamento costerà all'Enel 18 miliardi in più.

        Anche noi, che non siamo veggenti, sappiamo da dove verranno quei miliardi ( e tutti gli altri).

        Ecco dunque un esempio di studio serio ed avanzato. Hanno ben ragione i nostri tecnici a concludere ogni riunione sulla sicurezza nucleare con il fatto che noi siamo più avanzati degli USA; infatti in quel paese ancora non usano fare queste indagini.

        Resta solo da fare qualche considerazione sull'impiego del veggente in politica ed economia. Innanzitutto occorrerà provvedere al fondo di finanziamento pubblico del veggente. Già «L'Eco del sensitivo», quotidiano della catena Rizzoli [oggi si direbbe: Berlusconi, n.d.r], avanzava una tal richiesta. Dopo di ciò sarà interessante sentire cosa diranno i veggenti sulla carriera di Corbellini e Colombo, sulle sorti di Piccoli e Berlinguer, sulla schizofrenia di Craxi.

        Qualche segreto è già trapelato (ed un nostro giornalista rischia di essere arrestato per aver divulgato i verbali d'interrogatorio del veggente): pare che noi saremo cosi idioti da tenerci ancora per molti anni la DC e quelli come PSI e PCI che la vogliono sostenere In tutti i modi.

        Speriamo che il veggente si sbagli.

 


Torna alla pagina principale