FISICA/MENTE

 

 

NUCLEARE

 

 

CAPITOLO 7 - ANCORA SUI REATTORI INNOVATIVI DI III E IV GENERAZIONE

 

Inizio con informazioni in inglese tratte da siti ufficiali del Governo USA:


         return to EIA homeEnergy Information Administration (EIA) Logo - Need Help? 202-586-8800                
New Reactor Designs


Overview

This article summarizes nuclear reactor designs that are either available or anticipated to become available in the United States by 2030. Criteria for including reactors are: 1) participation or likely participation in the U.S. Nuclear Regulatory Commission's design certification or pre-certification programs; and 2) inclusion under the Generation IV International Forum (GIF) program for longer-term reactor development. The U.S. Department of Energy is among the sponsors of the GIF program. While no detailed technical description of particular reactor designs is included, such descriptions and schematics are available elsewhere and, when practical, some of these are hyperlinked in the text. Reactor vendors who put forward new designs anticipate that their designs will meet commercial market needs including design safety and affordable, competitive construction costs while maintaining the usually low operating costs of today’s commercial nuclear reactors. This paper does not assess such views, though a section does identify public discussion of efforts within the nuclear industry and the U.S. government to improve the industry's competitive position.1

Existing Reactor Designs and Design Categories

There are now 104 fully licensed nuclear power reactors in the United States, though only 103 are now operational.2 Because each of these reactors is fully licensed and meets national safety standards, a potential builder might choose to replicate any of these designs for future construction. This is less likely, however, because existing, operable reactors in the United States were initiated during or before the 1970s. Technology has progressed and any future construction is likely to incorporate more advanced designs intended to better meet today's commercial and safety criteria.

There are possible exceptions to the preceding statement. Four reactors in the United States were partially built and still possess valid construction licenses. These reactors are WNP-1 in Washington State (Energy Northwest), Watt's Bar 2 in Tennessee (Tennessee Valley Authority), and Bellefonte 1 and 2 in Alabama (TVA). Moreover, these construction licenses have been extended approximately to the end of the present decade. Construction on each unit was halted almost two decades ago. Builders of these units, subject to the rules of their licenses, have the right to resume construction on their reactors that were designed during the 1970s or earlier. Whether the construction under these existing designs will resume and whether former designs will be continued remains to be determined, but appears unlikely. The owners of WNP-1 have indicated an intention to forgo their construction license to allow for eventual disassembly and clearance of present facilities.

All existing commercial nuclear reactors operating in the United States fall into two broad categories, pressurized water reactor (PWR) and boiling water reactor (BWR). Because both types of reactors are cooled and moderated3 with ordinary "light" water, the two designs are often grouped collectively as light water reactors (LWR). LWRs generate power through steam turbines similar to those used for most power generated by burning coal or fuel oil. Light water reactors have so far proven to be the most commercially popular reactor design worldwide though there are notable exceptions.4 There are several available websites that discuss existing reactors in the United States. These include http://www.eia.doe.gov/cneaf/nuclear/page/nuc_reactors/reactsum.html. Information on international operating reactors is available at http://www.iaea.org/programmes/a2.

PWRs use nuclear-fission to heat water under pressure within the reactor. This water is then circulated through a heat exchanger (called a "steam generator") where steam is produced to drive an electric generator. The water used as a coolant in the reactor and the water used to provide steam to the electric turbines exist in separate closed loops that involve no substantial discharges to the environment. Of the 104 fully licensed reactors in the United States, 69 are PWRs. Westinghouse, Babcock and Wilcox, and Combustion Engineering designed the designed the nuclear steam supply systems (NSSS) for these reactors. After these reactors were built, Westinghouse and Combustion Engineering nuclear assets were combined with British Nuclear Fuels Limited to form Westinghouse BNFL. The French-German owned firm Framatome ANP has acquired many of Babcock and Wilcox's nuclear technology rights, though portions of the original Babcock and Wilcox firm still exist and possess some nuclear technology rights as well. Other major makers of PWR reactors, including Framatome ANP, Mitsubishi, and Russia’s Atomstroyexport, have not yet sold their reactors in the U.S. A schematic diagram of a PWR can be found at http://www.eia.doe.gov/cneaf/nuclear/page/nuc_reactors/pwr.html.

The remaining 35 operable commercial nuclear reactors in the United States are BWRs. BWRs allow fission-based heat from the reactor core to boil the reactor’s coolant water into the steam that is used to generate electricity. General Electric built all boiling water reactors now operational in the United States. Framatome ANP and Westinghouse BNFL have each designed BWRs. These have not yet been sold in the United States. A schematic diagram of a BWR can be found at http://www.eia.doe.gov/cneaf/nuclear/page/nuc_reactors/bwr.html.

Although no LWR projects have been initiated in the United States since the 1970s, the overall performance record of the existing fleet has been reasonably successful. Some 111 LWRs have entered service in the U.S. since 1969.5 Only seven of those have been permanently shut down. The average annual capacity factor for nuclear reactors in the United States has been around 90 percent during the 2000's. Average operating costs, as reported by the Federal Energy Regulatory Commission, are slightly lower for LWRs than for operating coal-fired plants and considerably below operating costs for gas-fired plants.  Fuel costs for LWRs are particularly low.6

There have been attempts to operate additional classes of reactors in the United States, though most examples were prototypes and were not commercial successes. Perhaps the most famous example was the Fort Saint Vrain reactor that operated between 1974 and 1989. It was a high temperature gas-cooled reactor or HTGR. Other HTGRs operated elsewhere, notably in Germany. HTGRs, of which there are many sub-categories, continue to stimulate commercial interest. HTGR designs are promoted by firms in China, South Africa, the United States, the Netherlands, and France.  There is some interest in building commercial HTGRs in several nations including South Africa and China.  Small research prototypes already exist in Japan and China. HTGRs use a gas- helium has been preferred- to generate electricity. In some cases the turbine is run directly by the gas, in other cases steam or alternative hot gases such as nitrogen are produced in a heat exchanger to generate the power. HTGRs are distinguished from other gas-cooled reactors by the higher temperatures attained within the reactor. Such higher temperatures might permit the reactor to be used as an industrial heat source in addition to generating electricity. This improves HTGR’s suitability for commercial hydrogen production. Advocates of HTGR designs hold that HTGRs have high safety, low costs, and a potential to supply power to smaller markets than do LWRs.  HTGRs also are reputed to adapt better to changing load requirements of electricity markets than LWRs.

Additional commercial reactor designs that operate outside of the United States include fast breeder reactors (FBRs), pressurized heavy water reactors (PHWRs), and gas-cooled reactors (GCRs). FBRs have received much research funding but only limited market support.  A "commercial" unit still operates in Russia and prototypes exist elsewhere, notably France, Japan, and India. China also intends to build a prototype FBR while India and Russia are building FBRs that might be described as commercial.  "Breeder" or "fast" reactors have advantages because U-235 is the only naturally occurring uranium isotope that is directly suitable for commercial energy production. U-235 is only 0.7 percent of natural uranium.7 Most natural uranium is the U-238 isotope that is not directly usable as a reactor fuel. During the course of any reactor’s operation a portion of the U-238 in the fuel is converted to plutonium, primarily the useful Pu-239 isotope, which provides a large portion of the energy used in nuclear power production. The bulk of the U-238 content in a commercial reactor is typically not converted to plutonium nor does it contribute significantly to electricity production.  A breeder reactor converts more U-238 to usable fuels than the reactor consumes. Any unused fuel produced by this procedure would have to be "reprocessed" before some of the plutonium and the remaining U-235 and U-238 might again be usable as a reactor fuel. FBRs have, so far, proven to be more expensive to build and operate than LWRs. It is unclear whether this is because most FBRs have been prototypes or if this reflects underlying costs. The plutonium content of the spent and reprocessed fuel also raises concerns over weapons proliferation. Many earliest FBR designs experienced system failures, though some, notably the BN-600 in Russia, have operated reliably over extended periods. Proponents of advanced reactor designs believe that some commercial FBR designs could be deployed prior to other highly advanced, though untested reactor designs.8

PHWRs have been promoted primarily in Canada and India, with additional commercial reactors operating in South Korea, China, Romania, Pakistan, and Argentina. Canadian-designed PHWRs are often called "CANDU" reactors.9 Siemens, ABB (now part of Westinghouse), and Indian firms have also built commercial PHWR reactors. Commercial heavy water reactors now in operation use heavy water as moderators and coolants. No successful effort has been made to license PHWRs in the United States. PHWRs have proven to be popular in several countries because they use less expensive natural (not enriched) uranium fuels and can be built and operated at competitive costs. PHWRs have often been preferred by nations wishing to develop an indigenous fuel cycle without expensive enrichment facilities. The continuous process of refueling PHWRs have raised some proliferation concerns as has the high Pu-239 content of the spent fuel.  PHWRs, like most reactors, can use fuels other than uranium.  Particular interest has been shown in thorium-based fuel cycles.10

The term gas-cooled reactor (GCR) can be used ambiguously. HTGRs, for example, are a subset of GCRs that operate at higher temperatures. As used here, GCRs include "Magnox" reactors designed and built in the United Kingdom since the 1950s and the derivative, advanced gas-cooled reactor (AGR), also operated in the United Kingdom. Similar reactors had been built and operated in France, Sweden, and Japan but have since closed. No GCR design, as defined here, has operated commercially in the United States. Commercial GCRs11 in the United Kingdom have operated longer than any category of commercial reactors anywhere else in the world. Like the PHWRs, the original GCR designs use natural uranium fuels, though newer designs (AGRs) use slightly enriched fuels and are not confined to uranium fuels.12

Other potential designs for commercial reactors abound. They have not been widely or recently considered for commercial applications in the United States. There is some experience with additional concepts elsewhere and at research facilities.

New Designs

1. Certified Designs

In recent years, the Nuclear Regulatory Commission (NRC) has set up a process by which reactor designs might be certified prior to any actual construction plans. The certification process seeks to reduce site development time by resolving design issues prior to construction. Design certification is an optional process and might occur simultaneously with site licensing or construction licensing.  Normally reactor certification is the responsibility of the reactor vendor rather than any utility that might choose to build a new reactor.

 

Certification Process for New Reactors in the United States
Reactor Design Lead Vendor(s) Design Category Status at NRC
System 80+ Westinghouse BNFL PWR Certified
ABWR GE, Toshiba, Hitachi BWR Certified
AP600 Westinghouse BNFL PWR Certified
AP1000 Westinghouse BNFL PWR Finalizing Certification
ESBWR GE BWR Pre-certification
SWR-1000 Framatome ANP BWR Pre-certification, deferred
ACR700 AECL PHWR/PWR hybrid Pre-certification
PBMR Eskom HTGR Pre-certification, deferred
GT-MHR General Atomic HTGR Pre-certification
IRIS Westinghouse BNFL PWR Pre-certification
EPR Framatome ANP PWR Pre-certification
ACR1000 AECL PHWR/PWR hybrid No application decision
4S Toshiba Sodium-cooled No application decision
Note: Reactor design names are defined in the text. ESBWR, ACR700, EPR and IRIS vendors have indicated intentions to begin certification in the near future.

 

Any new reactor built in the United States over the next decade or so would most likely use designs either recently certified by the NRC or that will be certified by the NRC in the near future. (Design approval can alternatively coincide with construction and operation licensing, skipping the certification process.)  The re-creation of older designs is popular overseas and cannot be ruled out in the United States. Presently there are three certified new reactor designs in the United States: the System 80+, the Advanced Boiling Water Reactors (ABWR), and the AP600. These designs are sometimes called Advanced Light Water Reactors (ALWR) because they incorporate more advanced safety concepts than the reactors previously offered by vendors. They are also sometimes called Generation III reactors to distinguish them from earlier designs now operating in the U.S. and globally and from later designs now seeking certification which are sometimes called Generation III plus. Design certifications can expire if not supported by a vendor.

System 80+ (Westinghouse BNFL): The System 80+ reactor is a PWR designed by Combustion Engineering (CE) and by CE's successor owners ABB and Westinghouse BNFL. The NRC has certified the System 80+ for the U.S. market, but Westinghouse BNFL no longer actively promotes the design for domestic sale. The System 80+ provides the basis for the APR1400 design that has been developed in Korea for future deployment and possible export. Information on the System 80+ reactor can be found on http://www.nei.org/index.asp?catnum=3&catid=703 and http://www.nuc.berkeley.edu/designs/sys80/sys80.html.

 

ABWR (General Electric, Toshiba, Hitachi): Among the three NRC- certified ALWR designs only the ABWR has been deployed. Three ABWRs operate in Japan, and three are under construction, two in Taiwan and one in Japan. While the ABWR design is usually associated in the United States with General Electric, units now being built in Japan are products of Toshiba and Hitachi. Toshiba, and Hitachi frequently associate with General Electric in possible ABWR projects in the U.S.  There are many variations in ABWR design. The most frequently mentioned capacities are in the 1250-1500 MWe range though smaller and larger designs have been proposed depending on the vendor. Vendors now claim costs for building the ABWR that are low enough that they have attracted some customer interest.  Information on the ABWR can be found at http://www.nei.org/doc.asp?docid=110, and http://www.nuc.berkeley.edu/designs/abwr/abwr.html

 

AP600 (Westinghouse BNFL): The AP600 is a 600 MW PWR certified by the NRC. The AP600, while based on previous PWR designs, has innovative passive safety features that permit a greatly simplified reactor design. Simplification has reduced plant components and should reduce construction costs. The AP600 has been bid overseas but has never been built. Westinghouse has deemphasized the AP600 in favor of the larger, though potentially less expensive (on a kilowatt basis) AP1000 design. Information on the AP600 can be found at http://www.ap600.westinghousenuclear.com/ and at http://www.nei.org/index.asp?catnum=3&catid=704.

The initial ALWR designs as a group have been praised for their improvements in reactor safety and simplicity, but construction costs on a “per kilowatt of capacity” basis might remain a barrier to commercial success in the U.S. The ABWR design however has many variations and continues to be selectively promoted by several vendors. It has been evaluated, along with other designs, for construction at Bellefonte by the Tennessee Valley Authority (TVA).

2. Undergoing Certification

Only one reactor design, the AP1000, is presently undergoing certification with the NRC. This situation could change shortly as additional designs move from "pre-certification" to actual "certification". The certification process is anticipated to begin for several additional designs during 2005 and 2006.  Designs that vendors anticipate submitting for certification during the next two years include the ESBWR, the ACR700, the EPR and IRIS.  The process of certification takes several years and depends heavily on how unique the proposed design is and whether the design is supported by potential vendors and buyers.  NRC hearings have emphasized that new and innovative designs might take more time for certification because of limited NRC staff familiarity with the designs.

AP100013 (Westinghouse BNFL): Quite often when a reactor is named, its name includes digits such as the "1000" in the AP1000. This usually indicates the initial electricity generating capacity of the design, in this case 1000 MWe. Seldom do the digits indicate the present design capacity as the design evolves. The most recent AP1000 design has been bid in China with a 1175 MW-capacity. The AP1000 is an enlargement of the AP600, designed to almost double the reactor's target output without proportionately increasing the total cost of building the reactor. Westinghouse anticipates that operating costs are anticipated to be below the average of reactors now operating in the United States. While Westinghouse BNFL owns rights to several other designs, the AP1000 is the principal product that the company now promotes in the United States for near term construction. The AP1000 is a PWR with innovative, passive safety features and a much simplified design intended to reduce the reactor’s material and construction costs while improving operational safety. One consortium of nine utilities called NuStart Energy promotes the AP1000 in the United States and has informed the NRC that it intends to apply for a combined construction and operating license (COL) for the design.  This is not a commitment to build the design. Westinghouse submitted a bid in early 2005 to build as many as four AP1000s at two sites in China.  Information on the AP1000 can be found at http://www.nei.org/doc.asp?docid=770. Information related to NRC certification for the AP1000 can be found athttp://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/ap1000.html.

3. Undergoing Pre-Certification

While pre-certification is a technical concept within the NRC regulatory environment, the process can mean many things to potential reactor vendors. Concepts such as the ESBWR, and the ACR700 appear to be much further along toward certification than the other designs.14 The French designed EPR is undergoing construction in Finland and has recently moved to pre-certification.  Pre-certification represents a vendor's intention to proceed toward commercialization in the U.S. and perhaps globally. Pre-certification is a less expensive early stage of the certification process. Actual certification procedures are much more complex.  At an early stage in pre-certification most NRC regulatory costs are borne by the applicant.

ESBWR (Economic Simplified, Boiling Water Reactor) (General Electric): The ESBWR15 is a new simplified BWR design promoted by General Electric and some allied firms. The ESBWR constitutes an evolution and merging of several earlier designs including the ABWR that are now less actively pursued by GE and other vendors beyond the exceptional case of Bellefonte in Alabama. The intent of the new design, which includes new passive safety features, is to cut construction and operating costs significantly from earlier ABWR designs. GE and others are investing heavily in the ESBWR though the design might not be available for deployment for several years.  The ESBWR’s builders however anticipate that the design will be available in time to meet any potential construction targets in the U.S. The nine-utility NuStart Energy group promotes the ESBWR as well as the AP1000 design.  NuStart has informed the NRC that it intends to apply for a COL for the ESBWR in addition to any AP1000 application.  Dominion Resources is also evaluating the ESBWR for its North Anna plant in Virginia but has not declared its COL intentions for the design.  Information related to certification of the ESBWR can be found at http://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/esbwr.html.

 

Siedewasser Reaktor (SWR-1000) (Framatome ANP): The SWR-1000 is a Framatome ANP design for an advanced BWR. Framatome ANP was created through the merger of the French nuclear vendor Framatome and the nuclear power assets of the German firm Siemens. The SWR-1000 was originally designed by Siemens. Framatome ANP began SWR-1000 pre-certification with the NRC several years ago. The SWR-1000 presently has no U.S. utility sponsor and is no longer being actively promoted by Framatome which now emphasizes its EPR design. Literature on the design notes the reactor's passive safety features. Passive safety also potentially mean lower construction costs though this has not been as heavily promoted by Framatome. Information on the SWR1000 can be found on http://www.de.framatome-anp.com/anp/e/foa/anp/products/s112.htm. Information related to certification of the SWR-1000 can be found at http://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/swr-1000.html.

 

ACR700 (Atomic Energy of Canada Limited): AECL's "Advanced CANDU Reactor" ACR70016 has been developed over a lengthy period of time and is considered by its vendor to be an evolution from AECL's internationally successful CANDU line of PHWRs. CANDU reactors and their Indian derivatives have been more of a commercial success than any other line of power reactors except the LWRs. One of the innovations in the ACR700, compared to earlier CANDU designs, is that heavy water is used only as a moderator in the reactor. Light water is used as the coolant. Earlier CANDU designs used heavy water both as a moderator and as a coolant. This change makes it debatable whether the ACR700 is a PHWR, a PWR, or a hybrid between the two designs. AECL has aggressively marketed the ACR700 offering low prices, short construction periods, and favorable financial terms. As is the case for most non-LWR reactors, most U.S. utilities, nuclear engineers, and regulators have only limited working familiarity with the design. Interest was initially shown by Dominion Resources regarding possible construction at North Anna (Virginia) as well as by utilities in several international locations, notably in Canada and the United Kingdom. Dominion has recently switched to the ESBWR design for North Anna in anticipation of the slow regulatory approval process for the innovative Canadian-design.  AECL has subsequently slowed its efforts to certify the ACR700 in the United States though the firm still intends to begin the certification process toward the end of 2005.  AECL announcements indicate increased interest in a larger ACR1000 design.  Information on the ACR700 can be found on http://www.aecltechnologies.com/Content/ACR/default.htm and http://www.aecl.ca/index.asp. Information related to certification of the ACR-700 can be found at http://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/acr-700.html.

 

Pebble-bed Modular Reactor  (PBMR) (Eskom): The PBMR, which uses helium as a coolant, is part of the HTGR family of reactors and thus a product of a lengthy history of research, notably in Germany and the United States. More recently the design has been promoted and revised by the South African utility Eskom and its affiliates. Westinghouse BNFL is a minority investor.  Prototype variations of the PBMR are now operating in China and Japan.  Eskom has received administrative approval to build a prototype PBMR in South Africa, but has also been delayed in implementation by judicial rulings regarding the reactor’s potential environmental impact. Certification procedures in the U.S. have slowed, but never have been abandoned. At around 165 MWe the PBMR is one of the smallest reactors now proposed for the commercial market. This is considered a marketing advantage because new small reactors require lower capital investments than larger new units.  Several PBMRs might be built at a single site as local power demand requires. Small size has been viewed as a regulatory disadvantage because most licensing regulations (at least formerly) required separate licenses for each unit at a site. The NRC also does not claim the same familiarity with the design that it has with LWRs.  Fuels used in the PBMR would include more highly enriched uranium than is now used in LWR designs. The PBMR design is considered a possible contender for the U.S. Department of Energy's Next Generation Nuclear Plant (NGNP) program in Idaho. China has also indicated interest in building its own variation of the PBMR. China and South Africa have also discussed cooperation in their efforts.  Details regarding the PBMR design can be found on https://www.pbmr.com/. Information related to certification of the PBMR can be found at http://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/pbmr.html.

 

Gas-turbine Modular Helium Reactor (GT-MHR) (General Atomic): The GT-MHR is an HTGR design developed primarily by the U.S. firm, General Atomic. The most advanced plans for GT-MHR development relate to building reactors in Russia to assist in the disposal of surplus plutonium supplies. Parallel plans for commercial power reactors would use uranium-based fuels enriched to as high as 19.9 percent U-235 content. This would keep the fuel just below the 20 percent enrichment that defines highly enriched uranium. In initial GT-MHR designs, the conversion of the energy to electricity would involve sending the heated helium coolant directly to a gas turbine. There has been concern regarding untested, though non-nuclear aspects of this generation process. This has led potential sponsors to advocate similar ideas involving less innovative heat transfer mechanisms prior to generating electricity or commercial heat. The U.S. utility, Entergy, has participated in GT-MHR development and promotion and has used the name "Freedom Reactor" for the design. Because coolant temperatures arising from HTGRs are much higher than from LWRs, the design is viewed as an improved commercial heat source. There has been particular attention paid to the design's potential in the production of hydrogen from water. The GT-MHR is considered a potential contender for the US Department of Energy's Next Generation Nuclear Plant (NGNP) program. Information on the GT-MHR can be found on http://www.ga.com/gtmhr/. Information related to certification of the GT-MHR can be found athttp://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/gt-mhr.html.

 

International Reactor Innovative and Secure (IRIS) (Westinghouse BNFL led consortium): Westinghouse BNFL has promoted the IRIS reactor design as a significant simplification and innovation in PWR technology. The reactor design is smaller than most operating PWRs and would be much simplified. The IRIS reactor includes features intended to avoid loss of coolant accidents. Pre-certification is proceeding. The IRIS reactor may show potential during the next decade.  Certification could precede commercial availability.  IRIS has a targeted 2010 certification completion date. IRIS presently has no utility sponsor in the U.S. Information on the IRIS can be found on http://www.nei.org/index.asp?catnum=3&catid=712. Information related to certification of the IRIS can be found at http://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert/iris.html.

 

European Pressurized Water Reactor (EPR) (Framatome ANP): Framatome ANP announced in early 2005 that it would market its EPR design in the United States and has recently begun pre-certification.  The EPR is a conventional, though advanced, PWR in which components have been simplified and considerable emphasis is placed on reactor safety. The design is now being built in Finland with a target completion during 2009. The French government also proposes building an additional EPR at Flamanville 3 in France.  Present French policy suggests that additional EPRs might replace additional commercial reactors now operating in France starting in the late 2010s. The EPR was bid in early 2005 in competition to the AP1000 for four reactors at two sites in China.  The proposed size for the EPR has varied considerably over time but might be around 1600 MWe.  Earlier designs were as large as 1750 MWe.  In either case the EPR would be the largest design now under consideration in the United States. Some redesign might occur for the U.S. market. Framatome had earlier indicated that U.S. certification for the EPR would occur after European development proceeded.  This decision has since been made and the U.S. utility Duke Power is evaluating the EPR, along with the AP1000 and ESBWR, for a COL application process that began during 2005.  A formal COL application by Duke would occur several years later though design selection might occur earlier.  Framatome has posted material on the EPR on http://www.framatome-anp.com/servlet/ContentServer?pagename=Framatome-ANP%2Fview&c=rubrique&cid=1049449651371&id=1049449651371.The NRC has not yet posted a status page for the EPR but one might be anticipated on http://www.nrc.gov/reactors/new-licensing/design-cert.html.

4. Anticipated for Possible Pre-Certification

Two designs, the ACR1000 and the 4S have not been formally submitted for pre-certification in the United States. Because of the attention that the designs are now receiving and their potential submission for certification, they are summarized below.

ACR1000 (Atomic Energy of Canada Limited): While AECL has promoted its ACR700 design, an ACR1000 has been designed as well.  If the scale economies attributed by Westinghouse BNFL to its AP series and by GE's its ABWR/ESBWR series are valid, one might anticipate parallel, cost-lowering results for the ACR series. Advertised costs for the ACR700 are already as low as any design proposed in the United States for the near term. Promised construction times, as short as three years, would set modern records for large reactor completion. When Dominion Resources indicated in late 2004 that it was no longer pursuing ACR700 construction at North Anna, AECL stated that while it will continue with ACR700 certification, perhaps in late 2005, more effort would be placed on the 1100+ MWe ACR1000 design. Information on the ACR1000 can be found on http://www.aecl.ca/index.asp?menuid=21&miid=519&layid=3&csid=294.

 

4S (Toshiba): The 4S is a very small molten sodium-cooled reactor designed by Toshiba.  The reactor presently being considered is 10 MWe though larger and smaller versions exist.  The 4S is designed for use in remote locations and to operate for decades without refueling.  This has led to the reactor to be compared with a nuclear “battery”. The use of molten-sodium as a coolant is not particularly new, having been used in many FBR designs.  Sodium-coolants allow for higher reactor temperatures.  Potential fuels are uranium or uranium-plutonium alloys.  When uranium is the likely fuel in the United States, present plans call for 19.9 percent fuel enrichment.  This high level of enrichment is one reason the reactor could be able to operate for extended periods without refueling.  Toward the end of 2004 the town of Galena, Alaska granted initial approval for Toshiba to build a 4S reactor in that remote location.  Original plans called for completion in 2010 though it was acknowledged that this was ambitious.  Galena and Toshiba officials discussed their plans with the NRC in early February 2005.  The NRC indicated that it was not familiar with the 4S design and that design certification (at vendor expense) might be costly and prolonged.  Design certification can be incorporated in the COL process thus it is not clear if a separate design certification will be pursued, if the project continues.  A University of Alaska study of the proposed Galena reactor is available on http://www.iser.uaa.alaska.edu/Publications/Galena_power_draftfinal_15Dec2004.pdf#search='Toshiba%204S'

5. Generation IV (Gen IV) Concepts

The U.S. Department of Energy participates in the Generation IV International Forum (GIF), an association of thirteen nations that seek to develop a new generation of commercial nuclear reactor designs before 2030.  The U.S., Canada, France, Japan and the United Kingdom signed an agreement on February 28, 2005 for additional collaborative research and development of Gen IV systems. Criteria for inclusion of a reactor design for consideration by the initial GIF group include:

       1. Sustainable energy (extended fuel availability, positive environmental impact);
       2. Competitive energy (low costs, short construction times);
       3. Safe and reliable systems (inherent safety features, public confidence in nuclear energy safety); and
       4. Proliferation resistance (does not add unduly to unsecured nuclear material) and physical protection (secure from terrorist attacks).

GIF members agreed during 2002 to concentrate their efforts and funds on six concept designs whose goal is to become commercially viable between 2015 and 2025. There is thus some leeway between the 2030 target for the GIF program implementation and the targets for individual concepts. Individual GIF participant nations are free to pursue any individual technology they choose. The United States intends to pursue each design.

The GIF group, along with the U.S. Department of Energy's Nuclear Energy Research Advisory Committee (NERAC), published "A Technological Roadmap for Generation IV Nuclear Energy Systems" (December 2002) which summarizes plans and designs for Generation IV projects. This is accessible through http://gif.inel.gov/roadmap/pdfs/gen_iv_roadmap.pdf and describes each design in some detail including reactor schematics. Each design is evolutionary; thus while the following descriptions involve comparison to present designs, these analogies should be interpreted with caution. Designs are expected to evolve. Gen IV programs are summarized on http://www.inel.gov/initiatives/generation.shtml.

The U.S. Department of Energy and the Idaho National Laboratory are developing a program, the Next Generation Nuclear Plant (NGNP), for implementing the first Gen IV reactor designs, and have initiated discussions with potential private managers of the project.  Potential portions of this program are included in the above discussion of the GT-MHR and PBMR designs above.  The NGNP program anticipates completing the first Gen IV concept by 2020 and possibly earlier.  Project efforts will include the production of hydrogen at the prototype reactor.  While very high temperature gas-cooled reactors appear most likely for eventual consideration, additional U.S.-based Gen IV designs might be submitted to the program managers.

Nuclear Regulatory Commission officials have indicated that present staff at the NRC are not familiar with innovative reactor designs, thus any application for design certification would consume more time than for more evolutionary LWR designs.  Because GIF reactors involve very long term plans, NRC familiarity with designs might evolve before Generation IV reactors are ready for design certification.

Gas-cooled Fast Reactor (GFR): The GFR uses helium coolant directed to a gas turbine generator to produce electricity. This parallels PBMR and original GT-MHR designs. The primary difference from these designs is that the GFR would be a "fast" or breeder reactor. One favored aspect of the design is that it would minimize the production of many undesirable spent fuel waste streams. The reference design size was targeted to be 288 MWe with a deployment target date of 2025. In addition to producing electricity the design might be used as a process heat source in the production of hydrogen.  For further information see http://nuclear.inl.gov/gen4/gfr.shtml

 

Lead-cooled Fast Reactor (LFR): So far, most breeder reactors have used molten metal technologies for their coolants. Many FBRs have used molten sodium, a metal with which there is considerable experience but which has sometimes proven difficult to handle. The LFR uses molten lead or a lead-bismuth alloy as its coolant. Similar designs are being investigated in Russia which is not a GIF participant. Some designs favored under the Generation IV program would result in long periods between refueling, as much as 20 years or more. Target ranges for this reactor would be 50-150 MWe. That would be rather small by historic nuclear standards, but might meet localized market needs. Designs as large as 1200 MWe have been suggested. Initial targeted deployment would be in 2025. Proposed designs would favor electricity production though proponents consider the production of process heat at LFRs as possible. For further information see http://nuclear.inl.gov/gen4/lfr.shtml.  One design in this family of reactors is described on http://www.coe.berkeley.edu/labnotes/1002/reactor.html.

 

Molten Salt Reactor (MSR): The MSR involves a circulating liquid of sodium, zirconium, and uranium fluorides as a reactor fuel though the design could use a wide variety of fuel cycles. The MSR has been presented as providing a comparatively thorough fuel burn, safe operation, and proliferation resistance. The initial reference design would be 1000 MWe with a deployment target date of 2025. Temperatures would not be as hot as for some other advanced reactors, but some process heat potential exists. Versions of the MSR have been around for some time but were never commercially implemented. The MSR was down rated within the Gen IV program during 2003 because it was seen as too distant in the future for inclusion within the Gen IV schedule.  At the same time proponents see some MSR potential for the NGNP program.  For further information see http://nuclear.inl.gov/gen4/msr.shtml.

 

Sodium-cooled Fast Reactor (SFR): Sodium-cooled fast reactors have been the most popular design for breeder reactors. Designs have been proposed under the Department of Energy’s “roadmap" for Generation IV reactors ranging from 150 to 1700 MWe. Elements of the SFR are included in the 4S design proposed by Toshiba for Galena, Alaska.  Molten metal technology is no longer "new" but several early SFR prototypes had difficulty obtaining sustained operation.  The BN-600 in Russia has been regarded as highly reliable. Design supporters believe that the SFR promises superior fuel management characteristics. The original target deployment date of 2015 reflected the considerable research that the design has already received though the design is clearly not as ready for U.S. deployment as LWR designs being evaluated for roughly the same period. The target date seems to be lagging as the VHTR designs gain favor. Prototypes have been built in France, Japan, Germany, the United Kingdom, Russia, India, and the United States starting as early as 1951. Initial deployment would probably focus on electricity due to comparatively low "outlet temperatures" for the design. Sodium-cooled reactors are discussed at http://nuclear.inl.gov/gen4/sfr.shtml and http://www.nuc.berkeley.edu/~gav/almr/01.intro.html.

 

Supercritical-water-cooled Reactor (SCWR): The SCWR design is to be the next step in LWR development and has been proposed with alternatives that evolve from both the BWR and the PWR. SCWRs would operate at higher temperatures and thermal efficiencies than present LWRs. The reference plant might be 1700 MWe, at the upper end of present LWR designs. The deployment target date was 2025. Some GIF participants favor the SCWR design because it is more familiar to commercial markets than are more innovative concepts. Much of the design research has been in Japan. Designers intend the SCWR to be much less expensive to build than today's LWRs though some of these economies appear to be shared by units now undergoing certification or pre-certification. Operating cost savings are also anticipated. For further information see http://nuclear.inl.gov/gen4/scwr.shtml.

 

Very-high-temperature Reactor (VHTR): The VHTR is an evolution from the HTGR family of reactors but would operate at even higher temperatures than designs now undergoing pre-certification.  Some of the VHTR design standards might be met by modified PBMRs or GT-MHRs.  In contrast with the GFR, the VHTR would not be a breeder reactor, thus it would produce less potentially usable fuel than it consumes. In addition to generating electricity, the design can provide process heat for industrial activities including hydrogen production and desalinization. Deployment is targeted for 2020, earlier than most Generation IV designs. The VHTR is now a favored design in the U.S., where it is the basis for most anticipated submissions for the still-evolving Next Generation Nuclear Plant (NGNP). France also favors the design which is also popular in Asia and South Africa. The VHTR is discussed at http://nuclear.inl.gov/gen4/vhtr.shtml and http://www.nuc.berkeley.edu/designs/mhtgr/mhtgr.html.

Each GIF project involves new or untested reactor design concepts. It would be surprising if each design concept met the program's initial targets or that prototypes would match originally intended standards. The research involved in the program has the potential to contribute to the understanding of alternative types of commercial nuclear power and process heat production even if individual projects fail to meet initial expectations.

6. Outlook

Efficiency Issues

A primary source of doubt regarding the potential of nuclear power, at least in the U.S., has been whether the recent nuclear technology has been too expensive to compete in the commercial marketplace. There have been no orders for new nuclear power plants during the last three decades in the United States and Canada. Finland’s order for a new reactor in 2003 broke a similar extended hiatus in Western Europe, excepting France where orders tailed off later. France now looks likely to follow. Reactor vendors have not ignored the message that their product has recently involved high investment costs and long construction periods. Vendors now seek to position their product with promises of lower prices, shorter construction times, and specified financial arrangements. Most competitors are now offering fixed and historically low prices for at least the nuclear components of their designs.  These promises vary with the price of basic materials such as steel and concrete and as first of a kind engineering costs are allocated or eliminated.  Location, buyer specifications, and regulatory requirements can also alter anticipated costs.

Concerns regarding construction costs for new nuclear power plants contrast sharply with the comparatively low cost of operating commercial reactor designs. Overall operating costs for nuclear power plants, as reported to the Federal Energy Regulatory Commission (FERC), have been roughly the same as (most recently slightly less than) operating costs for coal-fired plants for about two decades. Such operating costs are considerably below the costs of operating most natural gas-fired generation units even when natural gas prices are relatively low. Moreover, the fuel cost component of operating a nuclear power plant is particularly low. This operating cost advantage has given existing nuclear power units a favored position in the provision of base load electric power. Nuclear plant designers hope to take advantage of such low operating costs in positioning their new designs.  Whether they will succeed has not yet been demonstrated.  Discussions of estimates of the capital and operating cost of new power generation units can be found in the "Issues in Focus" section of the  Annual Energy Outlook 2004 and in the Electricity Module of the Assumptions for the Assumptions for the Annual Energy Outlook 2005.

The following publications summarize efforts and procedures to make new nuclear power plants commercially attractive.

  1. "Strategies for competitive nuclear power plants (TECDOC-1123)" International Atomic Energy Agency (November 1999).
  2. "A Roadmap to Deploy New Nuclear Power Plants in the United States by 2010,": http://www.nuclear.gov/NucPwr2010/NucPwr2010_PI.html.
  3.  Scully Capital, "Final Draft, Business Case for Nuclear Power Plants, Bringing Public and Private Resources Together for Nuclear Energy" (July 2002): http://www.nuclear.gov/home/bc/businesscase.html
  4. "A Technology Roadmap for Generation IV Nuclear Energy Systems (GIF-002-00)": http://gif.inel.gov/roadmap/pdfs/gen_iv_roadmap.pdf

 

 1A large number of reactor designs are excluded from the discussion. These include reactors promoted overseas by nations such as Russia, India, Argentina, Korea, Canada, and China, as well as numerous smaller or even portable reactors (other than the 4S) that are being examined worldwide, including in the United States. Also excluded is the International Atomic Energy Agency's International Project on Innovative Nuclear Reactors and Fuel Programs (INPRO) that covers territory similar to the GIF program in addition to other promising designs. GIF designs have been more heavily promoted within the United States.
 2The one that is not operational, Brown's Ferry 1, has been shut down since 1985, but has not given up its operating license. The plant's owner-operator, the Tennessee Valley Authority, intends to restart the reactor in mid-2007.
3The terms "cooled" and "moderated" are important because they define reactor categories. Cooling in a reactor refers to the process and medium by which heat is transferred from the reactor core to the steam supply cycle of the nuclear power plant. "Moderating" is a concept unique to nuclear power. A moderator controls the rate of the nuclear power reaction and thus the amount of heat that is generated. In a light water reactor ordinary water serves both functions. Light water contains the same isotopes of hydrogen and oxygen as naturally occurring water. Heavy water contains a different, heavier isotope of hydrogen known as deuterium. Beyond the point that these conditions define reactor types, this will not matter in the discussion of existing reactors. It does matter for the group that will be discussed under "Generation IV" reactors.
4Exceptions include Canada, the United Kingdom, India, and part of Russia's industry.
5 Prior to 1969, some smaller commercial reactors were placed in service. All have been retired.
6 This is based on Utility Data Institute/Resource Data International compilations of FERC Form 1 data.
7The discussion here does not directly address "enrichment" the process by which the U-235 content of nuclear fuel is increased.
8This latter statement is based on "A Technology Roadmap for Generation IV Nuclear Energy Systems".  This publication is a major source of Gen IV discussions in the text.
9Candu is a contraction of the term "Canadium deuterium". Canada has an interesting and unique nuclear power history which is covered by the book, Atomic Energy of Canada Limited, Canada Enters the Nuclear Age.
10Inspectors of nuclear power plants have a preference for plants such as the LWRs that are refueled in batches rather than the continuous fueling of PHWRs. Batch refueling allows the fate of spent fuel to be more easily monitored and occurs at intervals of one to two years.
11 Not the AGRs.
12 Most designs of PHWRs also use natural uranium fuels. However, variations in fuel type are possible at any PHWR with plutonium and thorium fuel content subject to particular interest and experimentation.
13 “AP” is sometimes taken to mean “Advanced Passive”.
14 This sentence is a good example of the acronyms that overwhelm the nuclear steam supply system (NSSS) industry. Several of these acronyms no longer have any meaning in "words" while others have only limited actual meaning. They are defined below when possible.
15 The term ESBWR is now called the "Economic Simplified Boiling Water Reactor". Definitions of the initials have changed overtime and occasionally been denied.

16 ACR is usually read to mean "Advanced CANDU Reactor".

Contact:
Ron Hagen: ronald.hagen@eia.doe.gov
(202) 287-1917


NUCLEARE 

Tipi di reattore

http://www.ieer.org/sdafiles/vol_3/3-3/reactab.html

Nuclear reactors serve three general purposes. Civilian reactors are used to generate energy for electricity and sometimes also steam for district heating; military reactors create materials that can be used in nuclear weapons; and research reactors are used to develop weapons or energy production technology, for training purposes, for nuclear physics experimentation, and for producing radio-isotopes for medicine and research. The chemical composition of the fuel, the type of coolant, and other details important to reactor operation depend on reactor design. Most designs have some flexibility as to the type of fuel that can be used. Some reactors are dual-purpose in that they are used for civilian power and military materials production. This chart gives information about civilian and military reactors.

 

Types of Nuclear Reactors - Table 1 (Table 2 is below.)

  Reactor Type Light Water Reactor (LWR) Heavy Water Reactor (HWR)
  a. Boiling Water Reactor b. Pressurized Water Reactor (PWR)
  Purpose 1 electricity electricity; nuclear powered ships (U.S.) electricity; plutonium production
  Coolant Type water (H2O) water heavy water (deuterium oxide, D2O)
  Moderator Type water water heavy water
  Fuel -- Chemical Composition 2 uranium-dioxide (UO2) uranium-dioxide uranium-dioxide or metal
  Fuel - Enrichment Level 3 low-enriched low-enriched natural uranium (not enriched)
  Comments steam generated inside the reactor goes directly to the turbine steam is generated outside the reactor in a secondary heat transfer loop used in Canada: called "CANDU" - "Canadian Deuterium Uranium;" Also used in Savannah River Site reactors (metal fuel at SRS)

 

 

 

 

Types of Nuclear Reactors - Table 2

  Reactor Type Graphite Moderated Reactor Fast Breeder Reactor (FBR)
Liquid Metal (LMFBR) (most common type of breeder)
  a. Gas Cooled b. Water Cooled
  Purpose 1 electricity; plutonium production electricity; plutonium production electricity; plutonium production
  Coolant Type gas (carbon dioxide or helium) water molten, liquid sodium
  Moderator Type graphite graphite not required
  Fuel -- Chemical Composition 2 uranium dicarbide (UC2) or uranium metal uranium dioxide (RBMK) or metal (N-reactor) plutonium dioxide and uranium dioxide in various arrangements
  Fuel - Enrichment Level3 slightly-enriched, natural uranium slightly-enriched various mixtures of plutonium-239 and uranium-235
  Comments used in Britain, and France (e.g.: AGR, MAGNOX) used in former Soviet Union, e.g. Chernobyl (RBMK); N-reactor at Hanford. breeder reactors are designed to produce more fissile material than they consume. Monju; Phenix

Source: Lamarsh, John, Introduction to Nuclear Engineering, (Reading, MA: Addison-Wesley publishing Co., 1983), 120-143.

 


1. The purpose of the reactor does not depend on the choice of coolant or moderator, but rather on reactor size and on how the reactor is operated, and on what ancilliary materials are put into fuel rods besides fuel. The same reactors can, in principle, be used for electricity production, military plutonium production, and production of other radioactive materials such as tritium for military and civilian applications. The purposes listed in this column are the common ones to which such reactors are or have been put.

2. Not all fuel types necessarily included.

3. The enrichment of fuel refers to the percentage of the isotope of uranium-235 compared to uranium-238 present in fuel. It is defined here as follows: slightly enriched uranium = about 0.8 to 3%; low enriched uranium = 3 to 5 %.


What is Generation IV?

http://gen-iv.ne.doe.gov  (Department Energy del governo USA dedicato al progetto Generation IV

Today there are 441 nuclear power reactors in operation in 31 countries around the world. Generating electricity for nearly 1 billion people, they account for approximately 17 percent of worldwide electricity generation and provide half or more of the electricity in a number of industrialized countries. Another 32 are presently under construction overseas. Nuclear power has an excellent operating record and generates electricity in a reliable, environmentally safe, and affordable manner without emitting noxious gases into the atmosphere.

Graphic of The Evolution of Nuclear Power
The Evolution of Nuclear Power

Concerns over energy resource availability, climate change, air quality, and energy security suggest an important role for nuclear power in future energy supplies. While the current Generation II and III nuclear power plant designs provide a secure and low-cost electricity supply in many markets, further advances in nuclear energy system design can broaden the opportunities for the use of nuclear energy. To explore these opportunities, the U.S. Department of Energy's Office of Nuclear Energy, Science and Technology has engaged governments, industry, and the research community worldwide in a wide ranging discussion on the development of next generation nuclear energy systems known as "Generation IV".


REATTORI DI QUARTA GENERAZIONE

"I reattori di quarta generazione potrebbero rappresentare una soluzione. Le temperature del reattore sono così alte, da 900 a 1.000 gradi centigradi, da essere sufficienti per la "piroscissione" dell'acqua senza l'utilizzo del carbonio. Gli impianti di piroscissione verrebbero realizzati sul sito, ma al di fuori della centrale nucleare. L'idrogeno potrebbe essere generato tramite elettrolisi ad alte temperature (HTE), una tecnologia pulita e presumibilmente più sicura della semplice piroscissione a calore", spiega.

I reattori di quarta generazione hanno scatenato l'immaginazione di molte personalità di alto livello. "Il ministero statunitense dell'Energia ha avviato un programma internazionale che comprende tra gli altri Regno Unito, Francia ed EURATOM, per collaborare in materia di ricerca coordinata, in maniera analoga a ITER [progetto di reattore sperimentale termonucleare internazionale]. Si tratta di un accordo ad altissimo livello intergovernativo, il Forum Internazionale Generazione IV (GIF). Si prevedono sei sistemi o progettazioni a fissione nucleare. Il primo prototipo, il reattore ad altissima temperatura (VHTR) potrebbe essere pronto nel 2020, ma gli altri sistemi dovranno verosimilmente attendere il 2040. I reattori di terza generazione sono ancora necessari per colmare tale divario", spiega.

Le centrali di quarta generazione, oltre a essere impiegate per la piroscissione dell'acqua al fine di ottenere l'idrogeno, prezioso, potrebbero essere utilizzate per la desalinizzazione, per le raffinerie di petrolio e anche per tecniche di trattamento del catrame di petrolio viscoso, estratto in Canada. Georges Van Goethem ritiene che prima del sopraggiungere dell'economia all'idrogeno, sarebbe opportuno privilegiare i combustibili sintetici quale fase intermedia. "La società del petrolio ha bisogno di altri carburanti. Per il momento, occorre pensare a una fase intermedia, ad esempio ai carburanti sintetici. L'idrogeno non è scevro da pericoli, ma siamo disposti a confrontarci su questo con l'industria", dichiara.


I delegati delle industrie nucleari di dieci paesi si sono incontrati a Washington per parlare, sotto suggerimento del dipartimento per l'energia della Casa Bianca, del cosiddetto nucleare di IV generazione. I paesi coinvolti nel progetto sono Argentina, Brasile, Canada, Francia, Giappone, Corea del Sud, Africa del Sud, Svizzera, Regno Unito, oltre agli Stati Uniti. I dieci paesi si sono associati per studiare insieme i progetti relativi allo sviluppo dell'energia nucleare civile che, secondo le stime dovrebbe iniziare ad entrare in servizio entro il 2030. Sono sei i progetti selezionati. Il problema principale resta quello delle scorie nucleari, ma soprattutto del combustibile esaurito. I reattori di quarta generazione dovranno saper rispondere in maniera più soddisfacente a questo problema di quanto non facciano gli impianti attualmente in servizio. Dei sei progetti selezionati nel corso del forum, due prevedono l'impiego di reattori ad alta temperatura a gas, uno invece prevede un sistema di raffreddamento a base di metalli liquidi (sodio o leghe a base di piombo), uno a base di acqua supercritica e un sesto impianto raffreddato a sale liquido. Quattro dei sei sistemi si basano su reattori a neutroni rapidi e cinque si basano sul cosiddetto "ciclo chiuso" che si basa su un sistema parallelo di ritrattamento delle scorie. In ogni caso bisognerà tuttavia occuparsi dello stoccaggio delle scorie anche se il loro livello sarà solo del 5 per cento della massa di combustibile inserito nei reattori.


Tra i vari progetti di reattori ve ne sono alcuni definiti "unusual" dell'Università di Berkeley:

Unusual Reactors

The Berkeley web site contains diagrams and photos of various reactors, including the following:

Advanced Boiling Water Reactor (ABWR)
Advanced Liquid Metal Reactor: (ALMR)
Integral Fast Reactor (IFR)
Modular High Temperature Gas Cooled Reactor (MHTGR)


Vi è poi l'importante progetto MARS sviluppato dall'Università di Roma (La Sapienza):

http://www.din.uniroma1.it/italian/progetti/mars/mars.htm 

MARS

Il progetto del reattore nucleare MARS è stato sviluppato a partire dal 1983 presso il Dipartimento di Ingegneria Nucleare e Conversioni di Energia dell'Università degli Studi di Roma "LA SAPIENZA"

Premessa

Descrizione dell'impianto

Risultati analisi di sicurezza

Immagini

Gruppo di lavoro

Vista esterna del circuito di pressurizzazione del circuito primario

 


 

Premessa

L'impianto nucleare M.A.R.S. (Multipurpose Advanced Reactor inherently Safe) è un reattore nucleare appartenente alla filiera dei P.W.R. (Pressurized Water Reactor) concepito allo scopo di fornire un elevato grado di sicurezza dovuto all'utilizzo di tecniche che sfruttano principi fisici naturali. Tali tecniche assicurano la minimizzazione del rischio di incidenti (tale rischio risulta minore di quello che si avrebbe per un evento ultra catastrofico, ad esempio la caduta di un meteorite). Ciò significa che la probabilità di danneggiamento del "core" e' notevolmente ridotta rispetto a quella di altre tipologie di reattori anche appartenenti alla stessa filiera. Il ricorso a tecniche di sicurezza passiva permette, inoltre, di ridurre il numero di persone qualificate operanti nell'impianto; ciò comporta sia vantaggi economici sia una riduzione della probabilità di incidente dovuto all'errore umano.

I criteri di progetto del M.A.R.S. sono basati sull'intenzione di perseguire, oltre al miglioramento del fattore sicurezza, anche una riduzione dei costi di impianto. A tale scopo si è realizzata una semplificazione dei disegni delle strutture realizzata tramite l'utilizzo di nuove soluzioni che hanno condotto ad una massimizzazione di preassemblaggio, ad una facilità di montaggio e smontaggio dei componenti strutturali, alta testabilità, facilità di riparazione dei componenti usurati.

 


 

Descrizione dell'impianto nucleare M.A.R.S.

Il reattore dell'impianto nucleare M.A.R.S. è moderato e refrigerato ad acqua leggera in condizioni di sottoraffreddamento (reattore ad acqua pressurizzata): la potenza nominale del nocciolo è di 600 MW termici. Nella tabella seguente sono riportati i principali dati caratteristici del reattore M.A.R.S.

Tipo di reattore

A fissione moderato e refrigerato ad acqua pressurizzata

Potenza nominale

600

MWth

Temperatura refrigerante ingresso nocciolo

214

°C

Temperatura refrigerante uscita nocciolo

254

°C

Pressione nominale

75

bar

Numero elementi di combustibile

89

 

Reticolo elementi di combustibile

17 x 17

 

Barrette di combustibile per elemento

264

 

Diametro esterno barrette di combustibile

0.95

cm

Lunghezza attiva barrette di combustibile

260

cm

Spessore guaine barrette di combustibile

0.63

mm

Passo barrette di combustibile

1.26

cm

Diametro tubi guida barre di controllo

1.224

cm

Diametro barre di controllo

0.978

cm

 

Il sistema di refrigerazione del reattore si articola in un solo circuito, che comprende una pompa ed un generatore di vapore a circolazione naturale del tipo a tubi ad U. Direttamente connesso con il recipiente in pressione del reattore è anche il sistema di refrigerazione di sicurezza del nocciolo (Safety Core Cooling System: SCCS), che costituisce l'aspetto innovativo dal punto di vista della rimozione del calore residuo. Il sistema SCCS si articola su tre circuiti in cascata: il primo, percorso dallo stesso refrigerante del nocciolo, trasferisce il calore attraverso uno scambiatore intermedio all'acqua in pressione di un secondo circuito, la quale, a sua volta, lo trasferisce all'acqua di una piscina che per evaporazione e condensazione lo trasferisce all'atmosfera esterna. Nei tre circuiti il moto dei fluidi è garantito dalla circolazione naturale; il sistema non necessita della presenza di componenti energizzati.

In condizioni di normale esercizio la circolazione del refrigerante primario nel primo circuito dello SCCS è impedita da una speciale valvola. Tale valvola è tenuta in posizione "normalmente chiusa" dalla differenza di pressione esistente, nel refrigerante primario, tra ingresso ed uscita del recipiente in pressione, differenza che si traduce in una forza in grado di mantenere l'otturatore in posizione sollevata. Nel caso di riduzione di portata di refrigerante primario, qualunque ne sia la causa (ad esempio rallentamento della pompa primaria dovuto a mancanza di alimentazione elettrica), la differenza di pressione tra ingresso ed uscita decresce e decresce quindi la forza che tiene l'attuatore sollevato, quando tale forza scende al di sotto del peso dell'otturatore, questo inizia a muoversi verso il basso, fino al raggiungimento della battuta meccanica e quindi della completa apertura dell'area di passaggio, non essendo possibili posizioni intermedie da parte dell'otturatore; tale valvola presenta, inoltre, perdite di carico estremamente ridotte. Una volta che la valvola si è aperta, nel primo circuito dello SCCS si innesca circolazione naturale in virtù della differenza di quota dei due attacchi del circuito al recipiente in pressione; successivamente la circolazione naturale è assicurata dalla differenza di temperatura esistente fra le due "gambe" del circuito. Il primo circuito cede il calore asportato dal nocciolo ad un secondo circuito il cui funzionamento è garantito in modo analogo dalla circolazione naturale. Questo secondo circuito, infine, cede calore all'acqua contenuta in una piscina che progressivamente, si riscalda fino a raggiungere l'ebollizione. Tale riscaldamento è caratterizzato dalla pressurizzazione dell'ambiente che sovrasta la piscina e che svolge la funzione di convogliare la miscela aria-vapore in esso presente verso l'atmosfera, costringendola però prima a passare all'interno di un fascio di tubi alettati disposti in un camino; il progressivo riscaldamento del fascio tubiero innesca la circolazione naturale di aria esterna nel camino, la quale da luogo alla condensazione del vapore. Il condensato è raccolto e rinviato in piscina, mentre l'aria è spinta verso l'atmosfera. Lo scambiatore di calore vapore/aria disposto al di sopra della piscina precedentemente descritto, consente, per sua natura, la refrigerazione del nocciolo per un tempo praticamente "infinito" senza alcuna necessità di intervento di operatore o di altro sistema di emergenza.

Il reattore M.A.R.S. è inoltre dotato di un sistema capace di arrestare la reazione a catena non appena le condizioni di funzionamento del reattore si discostino da quelle nominali; tale sistema (Additional Temperature-actuated Scram System: ATSS), che si aggiunge al tradizionale sistema automatico di scram, è realizzato attraverso una serie di barre di controllo/sicurezza le quali vengono inserite nel nocciolo non per effetto di uno specifico sistema di controllo/protezione, ma per semplice dilatazione delle coppie bimetalliche presenti all'interno del nocciolo. Queste, sensibili alla temperatura del refrigerante nel nocciolo, assicurano lo spegnimento della reazione a catena non appena tale temperatura dovesse superare di una quantità prefissata il valore nominale, relativo al normale esercizio.

E' evidente che i due sistemi di sopra descritti possono operare correttamente solo se viene impedita la possibilità di perdita di refrigerante dall'interno del sistema di refrigerazione primario, con conseguente possibile incremento di temperatura e deformazione delle strutture interne del nocciolo stesso. Per questo motivo l'intero circuito del refrigerante primario (recipiente in pressione, pompa, generatore di vapore, circuito di refrigerazione di sicurezza) è situato all'interno di un sistema (Containment for Primary system Protection; CPP) contenente acqua a bassa temperatura ed alla stessa pressione che regna nel reattore; eliminando sollecitazioni di pressione sulle pareti dell'involucro che contiene il refrigerante del nocciolo, se ne assicura l'assoluta integrità, ed anche in caso di rottura si assicura la conservazione della quantià di refrigerante. L'inclusione del sistema di refrigerazione primario all'interno di un componente pressurizzato contenente acqua a bassa temperatura consente inoltre di ridurre drasticamente i livelli di radiazione dell'edificio reattore, con tutti i vantaggi che da ciò derivano.

Il progetto M.A.R.S. prevede, infine, la possibilità di smontaggio e sostituzione addirittura di tutti i componenti a contatto con il refrigerante, incluso il recipiente in pressione del nocciolo, grazie all'adozione di collegamenti flangiati tra i diversi componenti e tra questi e le tubazioni. Questa soluzione é resa possibile proprio dalla presenza del contenitore pressurizzato che, annullando praticamente la differenza di pressione tra interno ed esterno del circuito primario, permette di superare brillantemente i problemi di tenuta sulle giunzioni flangiate.

Il progetto dell'intero impianto M.A.R.S. é finalizzato alla massima semplificazione delle operazioni di smantellamento finale dello stesso. Per questo motivo é stato drasticamente ridotto l'ammontare delle opere realizzate in calcestruzzo armato mentre é stato fatto ampio uso, per il supporto dei componenti e per la realizzazione delle opere di servizio, di strutture realizzate in ferro e collegate tramite bullonature. Questo consente sia una facile smontabilità delle strutture sia un più semplice ricondizionamento per un successivo riutilizzo dei materiali.

 


Nell'immagine sono visibili: il vessel pressurizzato che contiene il nocciolo con la testa integrata che contiene i meccanismi di azionamento delle barre di controllo, il pressurizzatore, il generatore di vapore, le tubazioni primarie e la pompa primaria.

Risultano inoltre visibili gli scambiatori primari dei due circuiti di refrigerazioni in condizione di emergenza, le cui tubazioni sono direttamente connesse al vessel.

 


 

Nello schema è visibile il circuito pressurizzato di protezione del circuito primario (CPP) al cui interno sono alloggiati: il vessel primario, le tubazioni primarie e del circuito di refrigerazione di emergenza, la pompa primaria, le valvole del circuito di refrigerazione di emergenza, il pressurizzatore e il suo serbatoio di scarico.

Il generatore di vapore e gli scambiatori primari del circuito di refrigerazione di emergenza sono contenuti nel CPP fino alle rispettive piastre tubiere essendo i rispettivi fasci tubieri alloggiati all'interno dei loro mantelli che, progettati per resistere alla piena pressione del primario, costituiscono la seconda barriera contro perdite di refrigerante.

 


 

 

L'immagine riporta lo schema di funzionamento del circuito di refrigerazione del nocciolo in condizioni di emergenza (SCCS); in essa sono visibili i tre circuiti in cascata che costituiscono il sistema e realizzano una doppia barriera tra il refrigerante primario e l'ambiente esterno.

Si può notare il circuito primario dello SCCS direttamente collegato al vessel e intercettato, nelle normali condizioni operative, dalla speciale valvola di non ritorno. Il circuito primario cede il calore asportato dal nocciolo al circuito intermedio che a sua volta lo cede all'acqua contenuta nella piscina; quest'ultima evapora e viene poi condensata all'interno di una torre di raffreddamento a tiraggio naturale.

 


 

 

L'immagine riporta lo schema della speciale valvola di non ritorno posta sul circuito di refrigerazione del nocciolo in condizioni di emergenza (SCCS).

Appositi collegamenti idraulici visibili nello schema collegano la parte sottostante l'otturatore alla tubazione di ingresso (collegata idraulicamente alla zona a più alta pressione del vessel) e la parte sovrastante l'otturatore alla tubazione di uscita (collegata idraulicamente alla zona a più bassa pressione del vessel); l'otturatore è, pertanto, tenuto normalmente sollevato (valvola chiusa) dalla differenza di pressione esistente tra ingresso ed uscita del vessel.

Al diminuire della portata di refrigerante primario la differenza di pressione esistente tra ingresso ed uscita del vessel si riduce proporzionalmente al quadrato della portata; esiste pertanto un valore di portata al di sotto del quale tale differenza di pressione non è più sufficiente a mantenere sollevato l'otturatore che cade quindi per gravità lasciando libera l'area di passaggio.

La valvola è studiata per eliminare tutti i possibili problemi di bloccaggio.

 


 

L'immagine riporta lo schema del sistema di sgancio del banco aggiuntivo di barre per lo spegnimento rapido della reazione nucleare a catena in condizioni di emergenza (ATSS).

L'elemento centrale, che costituisce il sensore del sistema, è realizzato con due barre cilindriche coassiali realizzate con materiali aventi un diverso coefficiente di dilatazione termica; all'aumentare della temperatura all'interno del nocciolo, l'asta esterna sale rispetto a quella interna, fino ad azionare un leveraggio che sgnacia il grappolo di barre di controllo che cade per gravità nel nocciolo.

 


 

L'immagine riporta una pianta dell'edificio reattore eseguita a livello delle tubazioni del circuito primario.

Possono notarsi le ridottissime dimensioni dell'edificio (coincidenti quasi con quelle del circuito primario) e le strutture di supporto e di servizio realizzate con profilati metallici.

 


 

 

L'immagine riporta una sezione dell'edificio reattore.

Può notarsi come oltre la metà dell'edificio risulti interrato.

Sono inoltre visibili le strutture di supporto e di servizio realizzate con profilati metallici imbullonati

 


Sulla Generazione IV c'è da leggere ancora:

 

Automazione e controllo di un impianto nucleare

 

UE - Roland Schenkel - International Forum Generation IV (GIF)

 

Provincia Torino - Claudio Sartori - Reattori Nucleari di Nuova Generazione

 

Politecnico di Milano - Evoluzione dei Reattori Nucleari

 

Federico Santi - Possibili prospettive per una tecnologia nucleare innovativa in Italia. Analisi con un modello Markal

 


Su studi avanzati su aspetti particolari si può leggere:

INFN Milano, AA.VV. - L' EBR I, “CINQUANTENARIO” DELLA PRODUZIONE di ENERGIA ELETTRONUCLEARE, TRASMUTAZIONE di SCORIE NUCLEARI, IMPIEGHI AVANZATI degli ACCELERATORI, REATTORI e TRASMUTATORI a METALLI LIQUIDI, APPLICAZIONI BIOMEDICHE ed INDUSTRIALI dei RADIONUCLIDI e delle RADIAZIONI IONIZZANTI

 

ENEA, ANSALDO, AA. VV. - SISTEMI NUCLEARI CRITICI E SOTTOCRITICI BASATI SULLA REFRIGERAZIONE A LEGHE DI PIOMBO: UNA SFIDA TECNOLOGICA

 

F. Garofalo, M. Monti (Dipartimento di Meccanica e Costruzione delle Macchine – Università di Genova), - Analisi dinamica dell’assieme reattore di un impianto ADS raffreddato dall’eutettico Pb-Bi 

 

Università di Pisa, Tesi - Attività sperimentali in supporto allo sviluppo degli ADS

 

V. Romanello, N. Cerullo, G. Lomonaco - I reattori nucleari ad alta temperatura (HTR) nella prospettiva energetica futura

 

Università di Pisa, Tesi - Lo sviluppo dei reattori HTR con particolare riferimento alla produzione di idrogeno:

- Introduzione

- Capitolo 1 - I reattori HTR 

- Capitolo 2 - Il ruolo dell'idrogeno

- Capitolo 3 - Produzione di idrogeno mediante gli HTR

- Capitolo 4 - Scorie e tossicità

- Capitolo 5 - Gli attinidi

- Capitolo 7 - Bruciamento degli attinidi


Un discorso completo, approfondito ed articolato sui reattori nucleari si trova nel corso di Impianti Nucleari della facoltà di Ingegneria dell'Università di Pisa (a.a. 1998/1999):

Bruno Guerrini, Sandro Paci - Appunti di impianti nucleari - Parte 1: Aspetti generali

 

Bruno Guerrini, Sandro Paci - Appunti di impianti nucleari - Parte 2: Filiere

 

Bruno Guerrini, Sandro Paci - Appunti di impianti nucleari - Parte 3: Componenti


 

CAPITOLO 8 - DISPONIBILITA' E COSTI DELL'URANIO

 

 

Si parla di nucleare senza fare mai riferimento al "combustibile" che lo alimenta, all'uranio che, opportunamente trattato, proviene da miniere.

La disponibilità di questo materiale è limitata, come del resto è limitata la disponibilità di ogni fonte non rinnovabile. Il problema (e lo stesso si presenta per altre fonte non rinnovabili, particolarmente per i combustibili fossili) è sapere o capire quante sono le riserve di uranio, qual è la sua disponibilità. Stabilito questo si pone subito l'altro problema: quali sono i costi dell'uranio ? In particolare è in regime di monopolio (con prezzi che non seguono la disponibilità ma vicende politico-economiche) o è a mercato libero ?

Cerchiamo di farci un'idea di come stanno le cose leggendo alcuni contributi da fonti diverse.


http://www2.unicatt.it/pls/unicatt/mag_gestion_cattnews.vedi_notizia?id_cattnewsT=6706 

            Accordo Australia-Cina per forniture di uranio 

[5 apr 2006] 

L'appetito nucleare del drago
De Lotto: «Il costo del petrolio fa puntare sull'atomo»



Il drago cinese ha fame. Per mantenere i suoi elevati ritmi di crescita ha bisogno di energia. E così, dopo un accordo con l’Arabia Saudita firmato a gennaio per incrementare i flussi di petrolio, il governo di Pechino ha stipulato con l’Australia un’intesa per assicurarsi maggiori forniture di uranio: 20mila tonnellate di uranio all’anno a partire dal 2010. Destinate a far funzionare le 50 nuove centrali nucleari previste nei prossimi 20 anni. Uno sforzo notevole anche per l’Australia, che esporta oggi 10mila tonnellate di uranio per rifornire 36 Paesi. L’accordo ha fatto salire alla ribalta il mercato del materiale nucleare. Un mercato che tratta materie strategicamente sensibili ed è per questo sottoposto a rigidi controlli internazionali.

«La scelta della Cina di puntare sul nucleare – spiega Pietro De Lotto, professore di Economia internazionale all’Università di Trieste – è obbligata a causa dell’aumento del prezzo del petrolio. Ed è proprio la domanda crescente delle economie emergenti di India e Cina, oltre alle crisi mediorientali, a far lievitare il costo degli idrocarburi». Per assicurarsi le forniture di uranio necessarie a far funzionare le centrali, Pechino aveva due possibilità. Australia o Russia. «Canberra – spiega De Lotto – è il primo esportatore al mondo di uranio, seguita da Mosca. Di certo è il mercato più trasparente, poiché viene da una tradizione di economia “occidentale”». E per un materiale tanto sensibile è fondamentale avere più assicurazioni possibile.

Il mercato dell’uranio, infatti, non funziona come gli altri. Sono poche le aziende che operano in questi settori. «Anche se – sottolinea il professore – esistono colossi privati che operano in Africa, dove possiedono bacini di minerali ferrosi per le alte tecnologie e gli armamenti». In generale comunque il commercio dell’uranio, come di altro materiale sensibile, è sempre sottoposto ad accordi governativi. «Non segue le normali regole commerciali, né rientra nei negoziati del Wto – continua De Lotto –. Ci sono procedure differenti, con rigidi controlli di organismi internazionali e agenzie delle Nazioni Unite. Prima fra tutte l’Aiea, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica». Anche nel caso dell’accordo tra Australia e Cina, la fornitura dell’uranio è stata subordinata al rispetto di alcune clausole. «La potenza nucleare della Cina in campo militare – spiega De Lotto – è già consolidata. Si può dunque essere ragionevolmente sicuri che l’uranio sia usato per produrre energia». L’assenza di proteste internazionali per l’operazione è ulteriore assicurazione che Pechino utilizzerà l’uranio australiano per scopi civili. «Ritengo che per gli interessi globali in gioco – continua infatti De Lotto – l’Australia abbia chiesto, ufficiosamente, l’autorizzazione agli Usa e agli altri suoi partner commerciali».

Da parte sua Canberra aveva tutti gli interessi a concludere l’accordo con la Cina. Da un lato perché l’aumento del prezzo del petrolio farà crescere la domanda di uranio. Dall’altro per contenere l’aggressività dell’economia cinese. «In Australia – mette in luce il professore di Economia internazionale – giungono molti investimenti dall’Asia. Con questo accordo Canberra spera di consolidare quelli provenienti dalla Cina e di convincerla ad introdurre restrizioni volontarie nelle proprie esportazioni nel Pacifico». Quanto questa intesa avvicini l’impero celeste ancora di più al mercato occidentale resta però da vedere. «Pechino – conclude De Lotto – rimane indipendente. Si muove per reperire i necessari approvvigionamenti energetici. Ha dovuto sottoscrivere degli impegni internazionali, ma l’avrebbe fatto con chiunque altro se fosse stato economicamente vantaggioso». E adesso, dopo la Cina, sarà il turno del'India. Anche l'altra grande economia emergente dell'Asia è pronta a bussare alla porta australiana.

Matteo Merli


 

http://www.analisidifesa.it/numero6/usarusuranio.htm 

 
ACCORDO USA-RUSSIA SUL MERCATO DELL'URANIO

 

 

Bill Clinton e Vladimir Putin, al recente vertice di Mosca, hanno raggiunto un importante accordo sull’eliminazione del plutonio arricchito, originariamente destinato alla costruzione di ordigni nucleari. I russi dovranno distruggere 34 tonnellate di plutonio arricchito impiegandolo come combustibile nelle centrali nucleari per produrre energia elettrica, mentre gli Stati Uniti ne convertiranno allo stesso modo circa 22,5 tonnellate. L’accordo, tecnicamente, prevede l’impasto del plutonio arricchito con dell’uranio, il cui composto (un particolare ossido chiamato Mox) costituisce il carburante nucleare per le centrali e il cui scarto non è utilizzabile per la costruzione di ordigni nucleari per molto tempo (al contrario di quanto avviene oggi con l’utilizzo nelle centrali nucleari dell’uranio il cui materiale di scarto è appunto il plutonio).

L’accordo avrà però serie ripercussioni sull’intera industria dell’estrazione dell’uranio (con cui viene prodotto il plutonio) determinando il crollo di questo mercato, che è già in contrazione. Secondo i dati forniti dal Sipri di Stoccolma, la produzione di uranio è scesa quasi del 70 per cento negli ultimi dieci anni. Ma soprattutto ci sarebbero gravi ripercussioni sul mercato petrolifero in quanto un grammo di plutonio ha lo stesso potere energetico di una tonnellata di petrolio. Si tratta di un programma estremamente ambizioso dato che gli Stati Uniti si sono impegnati con un finanziamento di quattro miliardi di dollari, a fronte dei 200 milioni di dollari stanziati dai russi. Inoltre, al prossimo vertice G-7/G-8 di Okinawa i Washington e Mosca hanno previsto di chiedere agli altri paesi i finanziamenti che occorrono per completare la copertura dell’intero programma pari ad altri 1,55 miliardi di dollari.

Tutto questo in nome del disarmo nucleare anche se l’accordo, sul lungo periodo, potrebbe ottenere esattamente l’effetto contrario. In effetti il plutonio prodotto dalle centrali e che va utilizzato per realizzare il nuovo combustibile, deve essere precedentemente raffinato con il risultato di ottenere di nuovo materiale adatto alla costruzione di ordigni nucleari. E non si tratta di quantitativi di poco conto. Qualora a questo programma dovessero aderire anche altri paesi (Belgio, Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Ucraina hanno già mostrato interesse) ogni anno potrebbero essere prodotte circa 80 tonnellate di plutonio e per produrre un ordigno nucleare tattico ne sono sufficienti 5/8 chili, i quali, tra l’altro, non occupano un volume superiore a quello di una palla da tennis, risultando quindi facilmente trasportabili. In questo modo diventerebbe ancora più difficile evitarne la diffusione in tutto il mondo.

 


 

 http://www.gaiaitalia.it/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=79 

Uranio, merce oscena



Ci sono segni di vigorosa ripresa del nucleare nelle sue diverse forme, che sono poi una sola, quella di fonte di energia per centrali elettriche e per l’esplosione di bombe atomiche. La scusa per le costruzione di nuove centrali è offerta dal fatto che occorre rallentare il crescente uso delle fonti fossili --- carbone, prodotti petroliferi, gas naturale --- sia per i sempre più vistosi mutamenti climatici conseguenti l’effetto serra (dovuto all’immissione nell’atmosfera di anidride carbonica e di altri gas che si formano bruciando i combustibili fossili), sia per il graduale impoverimento delle riserve di idrocarburi, con aumento del loro prezzo sui mercati internazionali. La scusa per la ripresa dell’interesse per le bombe nucleari va cercata nel fallimento, di fatto, del trattato di non proliferazione, nella potenziale o inventata minaccia di armamento nucleare di paesi “nemici” dell’America, come Iran o Corea del Sud o altri, nella constatazione che anche paesi ufficialmente non-nucleari, come Pakistan e India, sono stati capaci di dotarsi di armi nucleari. Tutto questo stimola l’aggiornamento e il perfezionamento delle armi nucleari americane, dichiarate necessarie a fini di deterrenza (se tu usi una bomba atomica, io ti distruggo con dieci bombe atomiche), ma soprattutto necessarie per dare fiato e profitti al complesso militare-industriale che produce uranio e recupera plutonio, vende combustibili per le centrali, perfeziona gli arsenali esistenti, fa affari con la sepoltura dei materiali radioattivi risultanti. Il “ciclo dell’uranio” comincia con le attività minerarie, concentrate in pochi paesi come Canada, Australia, Kazakistan, Niger, eccetera, nei quali il minerale, che contiene da due a quattro chili di uranio per tonnellata, viene trattato per separarne, per reazioni chimiche, l’uranio sotto forma di ossido, il “yellow cake”. Questo non serve a niente perché solo l’isotopo 235 dell’uranio, presente in ragione di circa 7 chili per tonnellata di “yellow cake”, è capace di subire fissione liberando energia. A questo punto il ciclo dell’uranio continua negli stabilimenti chimici che trasformano l’ossido di uranio in fluoruro di uranio, un sale volatile a bassa temperatura che viene avviato al successivo processo di aumento della concentrazione dell’isotopo-235 (di “arricchimento”). In una serie di centrifughe (lunghi tubi metallici che ruotano ad altissima velocità intorno al proprio asse), il fluoruro dell’uranio-235, un po’ “più leggero” del fluoruro dell’altro isotopo, l’uranio-238, si separa lentamente dall’uranio-238. A seconda del numero di centrifughe e della durata dell’operazione, si ottengono due qualità merceologiche di “uranio arricchito”, quello contenente dal 3 al 4 percento di uranio-235 (il resto è uranio-238), adatto per alimentare i reattori delle centrali elettriche, e quello contenente oltre l’80 percento di uranio-235, adatto per bombe nucleari. L’uranio delle centrali nucleari, dopo una permanenza di alcuni mesi o pochi anni nei reattori, non serve più e deve essere estratto come “combustibile irraggiato”; adesso contiene poco uranio-235, molto uranio-238, un po’ di plutonio e molti altri elementi che restano radioattivi alcuni per settimane o mesi o anni, altri, come il plutonio, per secoli e millenni. A questo punto il ciclo dell’uranio continua lungo due strade che coinvolgono forti interessi commerciali e finanziari e che, nello stesso tempo, sono fonte di pericoli e danni civili e ambientali. La prima consiste nel “ritrattamento” del combustibile irraggiato, una serie di delicate e pericolose operazioni chimiche per separare, dalle scorie inutili, radioattive e tossiche, una “merce utile” come il plutonio che ha un suo mercato, come esplosivo per armi nucleari, molto ricercato perché chi riesce ad ottenerlo --- sia uno stato, sia una organizzazione terroristica o criminale --- può costruire (o far credere di costruire) una bomba atomica risparmiandosi la parte più lunga e noiosa e costosa dell’intero ciclo. Per questo tutte le operazioni di ritrattamento richiedono controlli polizieschi, segretezza e limitazioni delle libertà di informazioni. Il secondo mercato del plutonio consiste nel miscelarlo con uranio e nell’usare i risultanti “ossidi misti” (MOX) nelle centrali nucleari, con formazione di altre scorie radioattive, e così via. L’ultimo pezzo riguarda la sepoltura, in cimiteri isolati dal contatto con le acque e le forme di vita, della grande massa di materiali radioattivi che si formano nell’intero ciclo dell’uranio. Si tratta delle scorie di miniera; dei sottoprodotti delle operazioni chimiche di purificazione e di arricchimento (anche se uno di tali sottoprodotti, l’uranio impoverito dell’isotopo 235, il DU, ha un suo mercato come metallo per i proiettili penetranti per cannoni e missili); si tratta dei sottoprodotti del funzionamento dei reattori delle centrali elettriche o di quelli militari, e dei residui delle operazioni di ritrattamento del combustibile irraggiato. E poi ci sono da seppellire i materiali da costruzione degli impianti e reattori in cui si svolgono tutte queste attività e che sono esposti a radiazioni che generano altri elementi radioattivi (per “attivazione”). E poi altra roba radioattiva ancora. Nessuno sa dove mettere tutti questi materiali radioattivi che aumentano ogni anno, che per ora stazionano in depositi provvisori sparsi per il mondo, anche in Italia, naturalmente, che vengono esportati da un paese all’altro alla ricerca di un cimitero “affidabile”, che non c’è e che probabilmente non si troverà mai. Tutto in una foschia di segreti, di disinformazione, di bugie. Per farla breve, noi lasciamo, alle generazioni future, in eredità, l’incarico di cercare dei depositi di materiali che restano tossici e radioattivi per tempi lunghissimi (nel caso del plutonio per tempi diecine di volte più lunghi del periodo trascorso dal tempo dei faraoni ad oggi), e di cercare, per tali depositi, dei custodi incorruttibili, politicamente duraturi, scientificamente affidabili --- una improbabile casta sacerdotale nucleare.. La situazione è già gravissima e insostenibile oggi e la nuova frenesia militare-commerciale nucleare la fa aggravare ogni giorno: non sarà il caso di chiedere ad alta voce che venga fermato il ciclo dell’uranio, la merce oscena per eccellenza ? e di chiederci di quale e quanta energia la comunità umana, la comunità europea, la società italiana, ha veramente bisogno per una dignitosa ed equa convivenza ? .

http://www.paginedidifesa.it/2005/pdd_050521.html 

Il Kazakhstan primo produttore di uranio dal 2010

Pagine di Difesa, 10 maggio 2005

 

Il Kazakhstan è terzo in classifica nel mondo per il volume di estrazione di uranio nel 2004, secondo Kazatomprom, compagnia nazionale per l'energia atomica del Kazakhstan.

Riferendosi ai dati del settimananle americano specializzato in problemi del ciclo di combustibile nucleare "Ux Weekly", Kazatomprom ha dichiarato che i primi tre leader per il volume di estrazione di uranio sono oggi il Canada (29,2% della produzione mondiale), l'Australia (22,6%) e il Kazakhstan (9,4%).

Il Kazakhstan ha prodotto 3.719 tonnellate di uranio nel 2004, una crescita del 45% rispetto al 2003 (3.346 tonnelllate). La compagnia nazionale vuole produrre più di 4.000 tonnellate di uranio nel 2005 e aumentare annualmente la produzione fino a 15.000 tonnellate nel 2010. Il Kazakhstan diventerà quindi il primo produttore mondiale di uranio. Le riserve del paese sono stimate a 1,5 milioni di tonnellate, più o meno 20% del rifornimento totale di uranio nel mondo.

Il Kazakhstan progetta di sviluppare sette miniere di uranio nel 2010 e sette nuovi siti dovrebbero nascere nei campi di Budenovskoe e Mynkuduk, nel sud del paese. Kazatomprom ha valutato che il progetto rientrerà nelle spese del paese nel 1013. Da quel momento in poi, i profitti dell'uranio raggiungeranno gli 830 milioni di dollari.

L'Agenzia Internazionale di Energia Atomica ha previsto una insufficienza sul mercato dell'uranio nel 2010 e ha dichiarato che il mercato di rifornimento diminuirebbe fino a raggiungere un deficit di 16.000 tonnellate nel 2015.

Fonte: Ufficio stampa Europa e Usa della Repubblica del Kazakhstan


http://www.mi.infn.it/~landnet/rapp13june97ita.txt 

"Contrabbando nucleare: rischi, prevenzioni e contromisure" 

12-13 giugno 1997 Como-Villa Olmo 

Riflessioni e Rapporto Finale 

Prof. Maurizio Martellini, Dip. di Fisica dell'Università di Milano, Segretario Generale del Landau Network-Centro Volta (LNCV) 

Prof. Paolo Cotta-Ramusino, Dip. di Fisica dell'Università di Milano, Segretario Generale Unione Scienziati per il Disarmo (USPID) 

Si sono svolti a Como, presso il Centro di Cultura Scientifica "A. Volta", due importanti incontri legati da una comune tematica: la situazione del contrabbando nucleare, le tecnologie più appropriate per individuarlo, le relative contromisure e - più in particolare - la situazione del complesso nucleare militare/civile dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica. Il primo incontro ha visto la riunione del Gruppo di Lavoro del G7+1 sul contrabbando nucleare (ITWG)* . Il secondo incontro è consistito in un Forum, organizzato dal Landau Network - Centro Volta (LNCV)** con il contributo dell'UNESCO Venice Office e del Ministero degli Affari Esteri e sotto gli auspici dell'USPID e della Regione Lombardia. L'incontro si è svolto nell'ambito del programma della Scuola Internazionale UNESCO "Science for Peace" in fase di costituzione con il Landau Network - Centro Volta. 1) Contrabbando Nucleare La prima valutazione emersa dal Forum è la necessità di distinguere tra: a) contrabbando di sostanze radioattive dannose per salute (ad esempio il Cesio-137, Cobalto-60, Stronzio-90 etc.) b) contrabbando di materiali nucleari(MN). I materiali nucleari necessari a costruire una bomba nucleare sono quelli fissili (i più noti sono l'Uranio-235, U-235 e il Plutonio-239, Pu-239). L'uranio-235 si trova solo in percentuali minime nell'Uranio naturale. Il plutonio viene prodotto nelle centrali nucleari. Per costruire una bomba nucleare a fissione è necessario avere uranio altamente arricchito oppure plutonio. Tutti gli isotopi del plutonio possono essere utilizzati per costruire una bomba, ma è "preferibile" avere plutonio con alta percentuale dell'isotopo 239. L'uranio e il plutonio si definiscono weapon-grade se la percentuale di uranio 235 e di plutonio 239 è rispettivamente superiore al 93%. Le difficoltà connesse alla costruzione di una bomba nucleare sono: 1. mancanza di conoscenze tecniche 2. mancanza di strumentazione 3. mancanza di materiale fissile Il terzo problema è oggi di gran lunga il più serio per chiunque voglia costruire una bomba. Perciò un elemento essenziale per impedire la proliferazione nucleare è il controllo del materiale fissile e in particolare l'interdizione del contrabbando nucleare. Di seguito sono riportati alcuni dati emersi dal Forum relativi ai casi di contrabbando di sostanze radioattive e di MN dal 1990 al 1997: 43 nel 1993, 45 nel 1994, 27 nel 1995, 17 nel 1996 e 2 nel 1997. Su 134 incidenti, il 34% di essi interessa sostanze radioattive e il 66% materiali nucleari. Di questi incidenti solo 8 casi riguardano MN militari cioè utili per costruire una bomba nucleare (tutti verificatisi nel periodo 1992-1994 e nessuno dopo): Ottobre 1992, Pdolsk - Russia, HEU, 1,5 Kg, 90% di arricchimento Luglio 1993, Andreeva Guba - Russia, HEU, 1,8 Kg, 36% di arricchimento Marzo 1994, San Pietroburgo - Russia, HEU, 3,5 Kg, 90 % di arricchimento Giugno 1994, Murmansk Reg. - Russia, HEU, 4,5 Kg, 20 % di arricchimento Agosto 1994, Monaco - Germania, MOX, 560 g, con Pu-239, 363 g. Ottobre 1994, Tengen - Germania, Pu-239, 5,6 g Dicembre 1994, Praga - Cecoslovacchia, HEU, 2,7 Kg, 88% di arricchimento 1994, Vilniius - Bielorussia, HEU, 2 Kg, in 4 t di berillio Secondo il parere di Thomas Cochran, Direttore del Nuclear Program, Natural Resources Defense Council di Washington: tutti i casi di contrabbando dei MN militari riguardano materiali trafugati in Russia; i materiali nucleari militari trafugati provengono da istituti di ricerca, sono di origine navale o provengono da centri spaziali o da centri di produzione nucleare. Non provengono da depositi di armi nucleari. possono esserci stati casi di trafugamento non rilevati a causa della mancanza di un'efficace scambio di informazioni sui magazzini militari, sui sistemi di controllo e sull'inventario delle giacenze dei magazzini nucleari* . 2) non RISULTANO casi significativi di contrabbando di materiali nucleari militari negli ultimi due anni; ci sono PERALTRO moltissimi casi di contrabbando di sostanze radioattive. Possiamo ritenere che non si sono effettivamente verificati casi significativi oppure non sono stati scoperti? Purtroppo non è possibile dare una risposta univoca a questa domanda perché esistono notevoli elementi di incertezza, che sono stati ampiamente discussi durante il Forum. Vediamone alcuni che riguardano esplicitamente la situazione dell'ex-URSS. a) Come Stato Nucleare, la Russia è soggetta al " fissile nuclear material accounting" dell'Agenzia Internazionale sull'Energia Atomica (IAEA) di Vienna solo per quanto riguarda le installazioni e le centrali specificatamente poste sotto il controllo della IAEA. Il materiale nucleare militare in Russia non è accessibile alla supervisione delle Autorità civili Russe o del settore, precisamente l'Ispettorato Federale sulla Sicurezza Nucleare e di Radioprotezione(GAN), o alla supervisione di organizzazioni internazionali (IAEA). Questo naturalmente non significa che la protezione del MN offerta dai militari sia insoddisfacente, significa solo che molte informazioni in proposito non sono accessibili. b) Nel novembre del 1995 la Federazione Russa ha interrotto gli accordi intergovernativi con gli Stati Uniti riguardanti la " trasparenza" sui magazzini di materiali nucleari militari e i relativi sistemi e programmi di "accountability". c) L'ITWG, che può svolgere la funzione di verificare l'origine del MN sequestrato, è solo un organismo di controllo: se uno stato membro dell'ITWG (e lo sono ad esempio tutti gli stati del G7 + 1) scopre un contrabbando di MN militare può chiedere a sua discrezione l'intervento dell'ITWG per stabilire la provenienza di questo materiale, ma può anche non farlo per ragioni di sicurezza interna. Questo è un problema caratteristico ad ogni organismo internazionale di questo tipo (IAEA incluso): comunicare dei dati sul contrabbando dei MN militari significa divulgarli pure a tutti i paesi appartenenti alla commissione internazionale stessa. Quindi molti paesi potrebbero essere reticenti. d) Il mercato del WGNM può essere destinato ai paesi che aspirano a essere una potenza nucleare o a gruppi terroristici. Esiste un interesse in linea di principio da parte di diversi Paesi ad acquisire materiale fissile, anche se non esiste un mercato paragonabile al mercato capillare e universalmente diffuso della droga. Tuttavia un mercato potenziale c'è e questo non deve essere sottovalutato. e) Il complesso militare della Russia è in grave crisi organizzativa ed economica. Si sono verificati numerosi casi di traffico d'armi convenzionali ma non di MN. Non è lecito aspettarsi che, in mancanza di un'informazione certa e dettagliata sulla consistenza del MN militare, non si verificherà mai in futuro traffico di MN militare. f) Il complesso nucleare civile dell'ex Unione Sovietica è in grave crisi economica: quindi può diventare conveniente anche contrabbandare gli scarti radioattivi, le sostanze radioattive per ricerca industriale/medica o persino i combustibili freschi ( Uranio debolmente arricchito, LEU, che contiene l'isotopo U-235 al 3-6% di arricchimento) anche se tutto ciò ha un basso valore commerciale. Il contrabbando di materiali radioattivi è condotto generalmente da persone poco qualificate e preparate. Si tratta di persone con scarsa capacità nel prendere precauzioni, che non hanno un compratore e che vengono intercettati più facilmente Ad esempio, per quanto concerne la sola Polonia, nel 1996 sono stati scoperti ai suoi confini decine di migliaia di casi (precisamente 18.995) di trasporto illegale o irregolare di sostanze radioattive. Per capire l'incremento di questi eventi nella sola Polonia, si tenga conto che nel 1992 i casi scoperti erano solo 148. 3) COSA FARE? Molti dei limiti individuati sopra a proposito dell'attività di controllo effettuata dai vari organismi internazionali e nazionali di tipo civile, non possono essere certo superati in breve tempo. Tuttavia alcuni progetti e alcuni progressi sono stati delineati al Forum di Como e ne riportiamo alcuni. La prima cosa da fare emersa dal Forum e proposta dall'ITWG, è la preparazione di un test mirato alla standardizzazione della procedura e metodologia di analisi su campioni di materiali nucleari inviati dal " European Transuranium Institute" di Karlsruhe ai vari laboratori dei paesi partecipanti alla rete dell'ITWG. Inoltre il Forum ha sottolineato la necessità di creare una banca dati civile mondiale (integrando quella già esistente della IAEA)alla quale confluiscano informazioni relative al tipo, morfologia e composizione isotopica dei materiali nucleari trafugati. Infatti ogni materiale nucleare può avere una sua marcatura che permette di risalire alla sua origine. Ad esempio se il materiale nucleare contiene degli isotopi stabili del piombo, questi permettono l'identificazione territoriale dal punto di vista geologico. Inoltre, per quanto concerne il plutonio, essendo questo un elemento che non esiste in natura ma è prodotto nei reattori nucleari, dal suo grado di purezza si può risalire al tipo di reattore nucleare che lo ha prodotto e quindi alla regione di provenienza perché si conoscono le caratteristiche dei reattori nucleari operanti nei vari Stati del mondo. Ovviamente per risalire alla provenienza del materiale nucleare trafugato, bisogna prima averlo individuato! Per fare ciò si sono sviluppati dei detector da campo e fissi - descritti nel Forum di Como - che permettono di individuare per via passiva o attiva il flusso di radiazione gamma o di neutroni emesso dal campione di materiale nucleare trafugato. Questi detector devono essere più sensibili ed analitici (devono cioè individuare la composizione isotopica e il grado di arricchimento) degli usuali dosimetri di radiazioni ionizzanti usati per radioprotezione. Tuttavia nel Forum di Como è emerso che per evitare il contrabbando di materiali nucleari e in particolare di quelli militari, si rende necessario migliorare il grado di sicurezza dei magazzini russi contenenti WGNM o combustibili freschi per la flotta nucleare (che spesso sono HEU al 90% di arricchimento). Questo è possibile soprattutto grazie ai programmi lab - to - lab tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti che hanno permesso di migliorare gli standard di sicurezza di centri di ricerca nucleare civili come il Kurchatov Institute di Mosca e di ex cittadelle atomiche e laboratori di assemblaggio di armi nucleari come Chelyabinsk-70, Chelyabinsk-65 (Mayak), Krasnoyarsk-26 e Arzamas-16 rispettivamente. Un sistema di controllo particolarmente efficace a questo scopo è quello del "monitoraggio remoto" adottato tra il Kurchatov Institute russo e il Sandia National Laboratory americano, che permette di controllare in tempo reale la situazione dei magazzini dei MN non militari. Sarebbe auspicabile che questo sistema di sicurezza fosse adottato pure per i magazzini militari di WGNM, ma gli accordi intergovernativi a questo scopo sono fermi dal novembre 1995. Nel dibattito finale del Forum di Como è emerso che la migliore strategia per prevenire il contrabbando nucleare sarebbe quella di realizzare il più rapidamente possibile i seguenti interventi: a) completare la costruzione del magazzino di materiali nucleari fissili a Mayak (anche se coprirà soltanto il 40% del fabbisogno) e di porlo sotto sorveglianza internazionale; b) attivare lo scambio di informazioni sulla situazione reale dei magazzini militari di WGNM; c) immagazzinare, in accordo con la non - proliferazione, i materiali nucleari fissili in eccesso, cioè provenienti dallo smantellamento delle testate nucleari previste dallo Start 1 oggi operante (circa 2.000 testate all'anno); d) attuare la conversione a scopi civili del complesso nucleare militare dell'ex Unione Sovietica e il reinserimento nel settore civile di tutto il personale scientifico e tecnico che era impiegato nel settore nucleare militare (si stimano circa 5.000 persone a conoscenza di tecnologie nucleari militari e circa 2.000 " progettisti di bomba"). * L'ITWG si è riunito a Como per la terza volta, dopo il meeting del gennaio '96 all'"European Transuranium Institute" di Karlsruhe, Germania e del dicembre dello stesso anno a Obninsk, nei pressi di Mosca. ** L'LNCV è un'organizzazione internazionale operante nel Centro di Cultura Scientifica A. Volta - sorto grazie al supporto dell'Unione Industriali di Como e del Ministero degli Affari Esteri - che ha lo scopo di sviluppare ogni forma di cooperasione scientifica e tecnologica tra i Paesi dell'Est Europeo e quelli della Comunità Europea. Il LNCV rappresenta anche un punto di incontro tra scienziati di tutto il mondo per approfondire i grandi temi globali sorti dopo la fine della guerra fredda come il disarmo nucleare, la sicurezza internazionale e i problemi di contaminazione ambientale. * Prima del 1990, quando ancora esisteva l'Unione Sovietica, l'inventario dei magazzini dei MN militari si realizzava compilando appositi moduli del KGB su cui veniva specificato il quantitativo e il tipo di materiale prodotto. Ancora non esisteva alcuna forma di registrazione computerizzata e molti di questi documenti possono essere scomparsi durante la ristrutturazione del KGB dopo la caduta dell'Unione Sovietica. Quindi l'inventario dei MN aggiornato in seguito agli accordi lab-to-lab può essere incompleto relativamente agli anni precedenti la dissoluzione dell'Unione Sovietica.

http://www.ambientediritto.it/dottrina/Politiche%20energetiche%20ambientali/

politiche%20e.a/fonti_rinnovabili_giardi.htm 

AmbienteDiritto.it  

Legislazione  giurisprudenza         

Copyright ©  Ambiente Diritto .it 

Le fonti rinnovabili: da alternativa verde a
necessità energetica

Dario Giardi *


La vita ha bisogno di “energia”, energia che arriva a noi dal Sole sotto forma di radiazione elettromagnetica (calore+luce): la grande macchina della natura è alimentata dall’energia. La “macchina” della società umana, al pari della macchina della natura, necessità di energia per funzionare, cioè per la produzione di beni, servizi, attività domestiche, riscaldamento, illuminazione etc… La creazione da parte dell’uomo di un habitat tecnologico artificiale più confortevole e mirato a obiettivi di incremento della qualità della propria vita ha cominciato ad alterare l’equilibrio delle risorse e della qualità del pianeta.
Questo però non vuole dire che per non sconvolgere l’equilibrio vitale del pianeta si debba necessariamente rinunciare al confort tecnologico o allo sviluppo umano che ha in così larga misura contribuito a migliorare i nostri standard di vita. Dobbiamo solo cercare di adottare opportune strategie di sviluppo della società umana compatibili con le risorse e con l’equilibrio vitale del pianeta.

Una “ricetta” potrebbe essere quella di intraprendere la via delle fonti rinnovabili.
Questa scelta non sottintende soltanto un bisogno “ambientale”, di salvaguardare il pianeta abbandonando quelle fonti ad alta pericolosità ambientale come i cosiddetti combustibili fossili (quali il petrolio ed il carbone, ma anche il gas metano ed altri derivati), ma anche l’unica vera scelta strategica energetica per assicurare lo sviluppo della società umana.

Quanto dureranno le riserve di petrolio?

Secondo la ExxonMobil, la maggiore compagnia petrolifera, i giacimenti petroliferi sono sufficienti, ai ritmi attuali, per la fornitura di petrolio fino al 2050.

Secondo la BP Amoco, la seconda compagnia petrolifera, i giacimenti accertati sono, sempre ai ritmi di consumo attuali, sufficienti fino al 2044.

Le correnti di pensiero sono due: gli ottimisti e i pessimisti. Tra i primi vi è una task force scientifica dell'U.S. Geological Survey che, dopo uno studio durato cinque anni, ha concluso che il mondo ha riserve sufficienti per circa 80 anni ai ritmi di consumi attuali, circa due mila e trecento miliardi di barili, (313 miliardi di tonnellate) anche se gran parte di esse devono essere ancora scoperte. Tra i secondi, invece, ci sono i geologi del King Hubbert Center della Colorado School of Mines che ritengono che la produzione dell'oro nero toccherà il suo picco in questo decennio con 85 milioni di barili al giorno per poi scendere drammaticamente a 35 milioni nel 2020. Una previsione che molti altri esperti ritengono errata. Un consulente governativo americano, Daniel Yergin, ha dichiarato al Los Angeles Times «ormai da oltre un secolo ci sono predizioni catastrofiche sull'esaurimento delle riserve petrolifere, ma in realtà l'unica cosa sicura è che il petrolio è una risorsa finita. Non sappiamo, però, quanto ce ne sia ancora nelle viscere del pianeta».

Secondo Thomas S. Ahlbrandt della Geological Survey sono stati consumati circa 710 miliardi di barili di petrolio. «Le analisi», dice Ahlbrandt, «dimostrano che ce ne sono ancora 891 miliardi sicuri più altri 688 probabili. Senza contare che ulteriori ricerche potranno portare a scoprire altri 731 miliardi di barili». Altri, però, sottolineano alcuni segnali negativi. Innanzi tutto le riserve dei paesi arabi sarebbero state sovrastimate. Poi molti giacimenti sarebbero troppo costosi da sfruttare perché situati in zone proibitive. Colin J. Campbell, un esperto che vive in Irlanda, ritiene ad esempio che le nuove scoperte daranno un massimo di 100 miliardi di barili sufficienti solo per tre o quattro anni.
Infine, altri rilevano che se le multinazionali stanno iniziando prospezioni in aree come i bacini oceanici, l'Artico e l'Antartico, qualche motivo ci sarà: cioè le famose riserve delle zone temperate non esisterebbero affatto.

Senza schierarsi con l’una o con l’altra corrente si possono, comunque, fare alcune considerazioni: è vero che negli anni '70 i catastrofisti davano per imminente l'esaurimento dei giacimenti petroliferi collocando l'esaurimento dei giacimenti per il primo decennio del nuovo secolo ed invece nel 2003 la domanda è ancora inferiore all'offerta di petrolio, rimane però il fatto che il petrolio è una fonte esauribile e calcolare quando finirà è un esercizio fondamentalmente sbagliato nel concetto: anche se per assurdo fosse sufficiente per soddisfare la domanda a costi contenuti per altri 100 o 200 anni non giustifica il fatto che si possa farlo con leggerezza considerando che in meno di 200-300 anni avremmo comunque esaurito una preziosa risorsa che non sarà più riproducibile.

E le altre fonti non rinnovabili?

Al di là dei combustibili fossili che hanno garantito lo sviluppo fino ad ora, l’altra fonte energetica che garantirebbe nell’immediato la copertura del fabbisogno energetico mondiale è il nucleare da fissione. Ma -come è noto- tale nucleare, pur se non inquina molto, ha dei problemi seri da affrontare: scorie radioattive a grande vita media, problemi relativi al sempre possibile errore umano, sicurezza dei siti da attacchi terroristici e -da ultimo- un aspetto ancora non molto noto: le riserve di Uranio (il materiale utilizzato per produrre l'energia nucleare) non sono infinite ed anzi hanno una scadenza..

Secondo un rapporto elaborato dall'agenzia dell'OCSE per l'energia nucleare (AEN) e dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (IAEA), pubblicato nel 1999, si stima che la quantità di uranio disponibile sul pianeta ammonti a 4 milioni di tonnellate (www.nea.fr, www.francenuc.org ). Nel 1998, nel mondo, il consumo annuale d’uranio delle centrali nucleari è stato valutato pari a circa 60.000 tonnellate. A questo ritmo l'uranio sarà esaurito prima della conclusione di questo secolo.

L’unica alternativa, che rimarrebbe a questa soluzione, è quella della fusione termonucleare che è ancora molto al di là da venire e tale rimarrà -presumibilmente- per molti anni.

Ecco quindi che si pone una domanda: quale energia per un futuro sostenibile e che cioè si preoccupi dell'ambiente ma anche dello sviluppo della società?

Per il momento l'unica risposta concreta, pratica e programmatica è: le fonti rinnovabili.

Ecco quindi che le rinnovabili non saranno più solo energie pulite, "verdi", ma rappresenteranno l'unica scelta energetica a lungo periodo praticabile in tempi brevi quando le altre fonti non rinnovabili saranno esaurite.

È inutile quindi porre in essere politiche energetiche che spostandosi da un combustibile fossile all’altro cerchino di rimanere a galla quanto più possibile, bisognerebbe investire subito nella ricerca nel settore delle fonti rinnovabili, che rappresentano l’unica strada percorribile a lungo termine e che dovrebbero in breve tempo acquisire competitività ed efficienza, solo così, infatti, le fonti rinnovabili diventeranno fonti a basso costo capaci di giocare un ruolo di primo piano nello sviluppo.
Va ricordato, infatti, che la chiave per lo sviluppo è, piaccia oppure no, la disponibilità d’energia a basso costo e che tale disponibilità oggi è resa possibile solo ricorrendo alle fonti tradizionali. Questo non esclude che in futuro le cose possano e come abbiamo detto dovrebbero necessariamente cambiare tenendo conto che se consideriamo appunto l’efficienza energetica come energia a basso costo, anche i combustibili fossili a breve non saranno più competitivi.

Ad esempio, anche se non volessimo sapere quando finiranno le scorte del petrolio convenzionale (quello a buon mercato) dovremmo chiederci, però, quando la produzione comincerà ad assottigliarsi, perché l’ultimo barile di petrolio è molto più difficile da estrarre e più costoso del primo, quindi o diminuisce la domanda o salgono i prezzi, come a dire che termina il petrolio a buon mercato.

E poi va anche considerato che in realtà il prezzo delle energie rinnovabili è più alto perché integra in se l’efficienza ambientale quel costo sociale cioè (l'inquinamento ambientale produce una diminuzione di benessere per gli agenti che involontariamente sono esposti ad esso; l’inquinamento genera cioè quella che viene chiamata “esternalità” che a sua volta genera un costo sociale come ad esempio la bonifica a seguito dell’inquinamento di un sito) che dovrebbe essere aggiunto al costo dei combustibili fossili e che invece non viene considerato. In tutti i casi, nei costi dell’energia ottenuta dai combustibili fossili, manca il computo dell’impatto ambientale della combustione, cioè il prezzo di questo tipo di energia è più basso del suo costo sociale (ecco perché si è arrivati alla carbon tax che consente di consumare meno: il carbone raggiunge il suo picco di produzione nel 1996 e poi cala, visto che comincia a costare troppo). L’elettricità ottenuta per via eolica comprende il costo delle turbine e della distribuzione e non ci sono costi sociali, mentre il costo di quella ottenuta con il carbone comprende solo l’estrazione, la distribuzione, senza i costi sociali che ne derivano.

L’importante è comunque iniziare seriamente ad investire in ricerca e sviluppo nel campo delle rinnovabili perché se veramente le previsioni più recenti si rivelassero valide ci troveremmo di fronte a una sostanziale scarsità di petrolio e combustibili fossili in assenza di alternative «mature» per sostituirli. Se invece possedessimo alternative mature ed efficienti rispetto alle fonti non rinnovabili non ci sarebbe tanta preoccupazione sui dati allarmanti riguardo all’esaurimento dei combustibili fossili.

Passare dai combustibili fossili al nucleare o alle fonti rinnovabili non rappresenterebbe un salto nel buio; non sarebbe la prima volta, infatti, che l’umanità si troverebbe a passare da una sorgente energetica ad un’altra. È avvenuto per la legna che ha lasciato il passo al carbone, è avvenuto per il carbone che ha lasciato il passo al petrolio, sta tuttora avvenendo per il petrolio che sta progressivamente lasciando il passo al gas naturale.
L’età della pietra non è finita perché si esaurirono le pietre.
In effetti, quando siamo passati dal legno al carbone, non è stato perché il legno era esaurito. Quando siamo passati dal carbone al petrolio, non è stato perché il carbone era esaurito. In entrambi i casi, il passaggio è avvenuto perché si erano rese disponibili soluzioni tecnologiche piú pratiche e meno costose di quelle esistenti.

Investire in fonti rinnovabili ha un vantaggio rispetto ad investire in petrolio, non si esauriscono. Senza percorrere ipotesi fantascientifiche, (1) è possibile un futuro incentrato su rinnovabili, risparmio e migliore efficienza energetica. In effetti, a breve termine non si può ipotizzare che l’intero fabbisogno energetico di un paese sviluppato come ad esempio l’Italia possa essere coperto dalle fonti rinnovabili ma si potrebbe adottare una politica basata su un decentramento energetico:eolico (Danimarca al 15%), celle a combustibile, fotovoltaico (specie per le utenze isolate), geotermia (Italia al 2%, Nicaragua e Filippine a oltre il 26%).
 

_______________________________________________________________________
 
* Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.

(1)

I pannelli solari terrestri sono dispositivi di raccolta energetica dalle capacità intrinsecamente limitate per due motivi: l’assenza di luce solare diretta nelle ore notturne e l’interferenza atmosferica delle condizioni climatiche. Il programma Nasa Space Solar Power, ora abbandonato, avrebbe aggirato tali ostacoli mediante il lancio di satelliti in grado di raccogliere le radiazioni solari e ritrasmetterle sulla Terra. Un sistema che avrebbe garantito abbastanza gigawatt di elettricità da alimentare decine di migliaia di abitazioni. Tale sistema non sarebbe altro che una rivisitazione delle “Sfere di Dayson”.
La Sfera di Dyson (o guscio di Dyson) è stata originariamente proposta nel 1959 dall'astronomo Freeman Dyson in "Search for Artificial Stellar Sources of Infrared Radiation" (Ricerca di Sorgenti Stellari Artificiali nella Radiazione Infrarossa) sulla rivista Science, e presentata come una possibile maniera per una civiltà avanzata di utilizzare tutta l'energia irradiata dal proprio sole. Una Sfera di Dyson è una sfera di origine artificiale e di raggio pari a quello di un'orbita planetaria. La sfera consisterebbe di un guscio di collettori solari o di habitat posti attorno alla stella, sicché tutta l'energia emessa dalla stella (o quanto meno una significativa porzione di tale energia) colpirebbe una superficie ricevente sulla quale l'energia stessa verrebbe infine utilizzata.

_______________________________________________________________________


 
Bibliografia


Guy Dauncey e Patrick Mazza, "101 soluzioni per ridurre l'effetto serra", Franco Muzzio Editore, Roma 2003.
AAVV, "Terza Comunicazione Nazionale sui Cambiamenti climatici", Ministero dell'Ambiente, Roma 2003.
Paolo Degli Espinosa, "I limiti dell'energia", Garzanti, Roma.

 http://www.newsblog.it/investire_in_uranio.htm  

Economia&Finanza

 

IL FINANZIARIO
Edizione di domenica, 18 settembre, 2005  

 

 

LE CALAMITA’ NATURALI NON PORTANO MAI BENEFICI ECONOMICI

 Ben Bernake, consigliere economico del governo americano e, forse, futuro successore di Greenspan alla Fed, ha dichiarato, relativamente all’uragano “Katrina” che non tutto il male viene per nuocere.

Secondo il consigliere, persino gli stati più colpiti come la Louisiana beneficeranno in futuro dello stimolo economico e dei nuovi posti di lavoro creati dalla necessaria ricostruzione.

 Personalmente, non riesco a credere che ci sia qualcuno che possa pensare che questo sia vero. Se fosse così facile, basterebbe “assoldare” un piccolo esercito di vandali per distruggere proprietà e costruzioni in Italia ed Europa, o magari convocare una decina di G-8 l’anno e benedire le distruzioni che spesso li accompagnano. In questo modo risolveremo, almeno in parte, il problema della crescita.

 Non c’è alcuna crescita quando migliaia di persone perdono la casa, i soldi, le loro proprietà e la vita.

E’ vero, al momento della ricostruzione ci saranno investimenti, flussi di capitali, nuove spese, ecc.

Ma sicuramente chi ha perso la casa non spenderà molto in vestiti, auto, nuovi libri o vacanze nei prossimi mesi o anni.

Ed immagino che, in definitiva, essi non potranno spendere molto nella “ricostruzione” perché per la maggior parte di quella gente che riuscirà a salvarsi da quella situazione non ha più nulla. La ricostruzione dovrà inevitabilmente passare per il governo che dovrà utilizzare i soldi dei contribuenti per “ricostruire”. Soldi dei contribuenti di alcuni stati americani che finiranno nelle tasche dei cittadini delle zone colpite, i quali potranno, forse, recuperare un po’ di normalità.

 Le catastrofi naturali non creano mai nuova ricchezza ma ne distruggono una parte e ne ridistribuiscono un’altra. Peraltro, in Italia sappiamo bene che una parte della ricchezza tolta alla collettività finisce in parte ai cittadini delle zone colpite, in parte ai politici. Forse gli americani saranno migliori di noi da questo punto di vista, ma non sono certo “puri” e sono pronto a scommettere che qualche attico e qualche Ferrari saranno acquistati con quei soldi..........

 

URANIO: PUO’ INTERESSARE?

 I rialzi del prezzo del petrolio, che si muove oramai stabilmente tra i 60$ e 70$ al barile, sono cronaca fresca di questa estate. Le forze che dovrebbero “guidare” i prezzi verso il basso si muovono, in realtà, in maniera diametralmente opposta, lasciando presagire ulteriori rialzi. Infatti, i consumi non accennano a diminuire, le estrazioni e le esplorazioni ristagnano e la capacità di raffinazione mondiale è vicina alla piena saturazione.

 Se il prezzo del petrolio continua a crescere, è regola del mercato che prima o poi, altre fonti di energia diventeranno più convenienti ed il loro utilizzo sarà intensificato.

 Ma qual è la fonte di energia che, nell’immediato, può sostituire “l’oro nero”?

 Sebbene in Italia vi abbiamo rinunciato da tempo, il nucleare è la fonte di energia che, allo stadio attuale, risulta efficiente e immediatamente utilizzabile. Le altre fonti, dall’eolico al solare fino ad arrivare all’idrogeno potranno essere (e forse saranno) le fonti del futuro, ma di certo non sono le fonti di oggi.

Il nucleare è invece cosa di oggi. Attenzione, non sto parlando della sua utilizzabilità in Italia. Come sapranno coloro che seguono “Il Finanziario”, questo blog si concentra sui trend macroeconomici mondiali e in tali trend, purtroppo, l’Italia gioca un ruolo di secondo piano.

 Quindi, indipendentemente dalla situazione italiana, è un dato di fatto che nel mondo operano 439 impianti nucleari, i quali forniscono il 16% dell’energia mondiale. L’Asia, con la sua “fame energetica” ha già imboccato la strada: degli ultimi trenta impianti costruiti, venti sono in Asia. E la Cina ha intenzione di aumentare nei prossimi 15 anni la sua capacità nucleare del 500%. Giappone, Corea e Russia fanno dichiarazioni simili. Anche negli USA ed in Europa (in particolare Francia ed Europa continentale) il nucleare gioca da sempre un ruolo importante.

E per gli ambientalisti, vorrei ricordare le parole di James Lovelock, uno dei fondatori di Greenpeace, il quale ammette l’impossibilità di centrare gli obiettivi di Kyoto senza un maggior impiego del nucleare.

 Anche il nucleare ha bisogno di una risorsa naturale per essere prodotto. E qui inizia la parte interessante.

Mentre tutta l’energia derivante dal petrolio necessita di una materia prima le cui riserve maggiori si trovano in paesi politicamente instabili, il nucleare necessita dell’uranio, una risorsa naturale che si trova prevalentemente in Canada ed Australia. I due paesi detengono più del 50% delle riserve mondiali provate e stimate. Due paesi che non sono proprio in cima alla “lista nera” dell’amministrazione Bush (sempre che quella lista possa essere credibile). Quello che più interessa, due paesi stabili politicamente ed economicamente.

 

Ora, tutti sanno come investire sul petrolio. Azioni, futures, opzioni, Canroy, ecc..

Ma come investire sull’uranio?

Non dovrebbe essere una sorpresa che tenere l’uranio in casa non è cosa fattibile (la situazione, poi, fa aumentare di molto le probabilità di ricevere una visita dei carabinieri).

In questo caso, l’investimento deve essere fatto indirettamente, investendo in società che producono questa risorsa. Il che significa, essenzialmente, tre società. La prima è la BHP Billiton, il gigante anglo-australiano delle commodities che ha recentemente acquistato il produttore di uranio WMC. Altri due grandi produttori sono la Rio Tinto e la Cameco. Le prime due società sono grandi “estrattrori” e produttori di commodities e quindi, inevitabilmente, investendo in queste società non si investe esclusivamente in uranio, bensì in una vasta gamma di commodities come l’oro o il ferro. Ciò comporta da un lato lo svantaggio che l’uranio, per bene che possa fare, è solo una divisione della società, dall’altro che si beneficia della “diversificazione”. In un periodo di mercato “toro” delle commodities, comunque, lo svantaggio è molto attenuato e può addirittura trasformarsi in vantaggio.

Cameco è invece il puù grande detentore di riserve di uranio del mondo. Essa detiene anche alcune miniere d’oro, ma è l’uranio la vera risorsa di Cameco. Scegliendo Cameco, di fatto scommettete sull’uranio e per chi crede in questa commodity dovrebbe, sostanzialmente, puntare su di essa. Purtroppo, dal mio punto di vista, Cameco è attualmente piuttosto “apprezzata”, ma nel caso dovesse subire una flessione....

 

Ma come si presenta il mercato dell’uranio?

Nella seconda metà degli anni ’90, il prezzo dell’uranio è sceso enormemente e nel 2000, si è creata una paradossale situazione per cui il prezzo sul mercato era inferiore ai soli costi di estrazione. Questo ha comportato l’ovvia conseguenza di un consolidamento del settore, con l’uscita di alcuni produttori, la chiusura di alcune aree di estrazione, la ricerca dell’efficienza e, in definitiva, una minore produzione.

Da allora, il prezzo è triplicato e nel 2004 la crescita stata del 43%, consentendo ora ai produttori ampi margini di profitto. Nonostante questo, a fronte di un consumo mondiale di circa 180 milioni di “barre” di uranio, la produzione nel 2004 è stata di poco superiore a 100 milioni di barre.

E quando si parla di uranio non si parla di “new economy” in cui a fronte di un aumento della domanda si può aumentare l’offerta grazie ad alcuni ragazzi che aprono un’attività nella loro cantina. Come il petrolio, l’aumento della produzione richiede l’apertura di nuove miniere, l’implementazione di nuovi impianti, la costruzione di assets tangibili che richiedono l’impiego di grandi capitali. In pratica, ai livelli di consumo attuali, l’eccesso di domanda (con conseguente aumento dei prezzi) non si risolverà in pochi mesi.

E se il consumo cresce, c’è una ragione ulteriore per tenere gli occhi aperti su questa commodity ...

 

 

RITORNO ALLA NORMALITA’

 La maggior parte delle cose, nella vita e nella finanza, si muovono in maniera ciclica. Le mode si presentano in maniera dirompente, poi sono sorpassate da altre, poi spesso ritornano in voga. Così il mercato azionario cresce esponenzialmente perché è “l’alba di una nuova era”, ma quando si scopre che questa nuova era non modifica, sostanzialmente, le leggi fondamentali del mercato, le borse ci regalano il più grande e lungo crollo dalla fine della grande depressione.

 

Nella prima edizione di “Security analisys”, Ben Graham presentò un’interessante strategia denominata “central value” per predire l’andamento del mercato azionario. Il sistema funzionava bene con i dati storici e funzionò bene negli anni successivi, ma verso gli anni ’60, lo stesso Graham, nella sua “pietra miliare” Intelligent Investor, ammise che quel metodo ultimamente aveva fallito nell’anticipare i movimenti del mercato. Il metodo, secondo l’idea di colui che l’aveva presentata, non era più valida.

Così, mentre dall’89 al 94 i fondi internazionali sono stati, negli USA, i “best-performers”, nei successivi cinque anni sono stati i peggiori. E mentre le commodities hanno visto il loro valore moltiplicarsi durante gli anni ’70, per i successivi venti hanno “corretto” pesantemente. Dall’inizio del nuovo millennio, stanno riprendendo vigore, risultando, insieme agli immobili, il miglior investimento degli ultimi cinque anni.

 

Il mercato non cresce per sempre e quando esce dal sentiero prima o poi vi ritorna. Anche il petrolio non crescerà per sempre così come gli immobili. Tutto, prima o poi, torna nella media. Poi a volte si scende anche sotto la media e anche in questo caso, come nel precedente, prima o poi si tornerà dentro il sentiero.

 

Qual è la normalità in un mercato? Io non lo so e forse nessuno lo sa. Di certo non è normale un mercato con un P/E vicino a 20 e un “dividend yield” del 2% quando l’ultimo secolo ha visto questi valori essere, in media, rispettivamente 15 e 4%.

E c’è una lezione che gli investitori possono (debbono) imparare. E’ sicuramente vero che cercare di prevedere quotidianamente dove va il mercato tramite strategie di “market-timing” è inutile e, come suggerisce spesso l’industria finanziaria, è meglio essere sempre investiti pagando le commissioni dovute perché nel lungo termine il mercato cresce sempre. Ma chi ha investito in azioni americane alla vigilia della crisi del ’29 ha atteso più di 20 anni solo per recuperare le somme investite (senza considerare tasse, inflazione e commissioni), mentre chi lo ha fatto all’inizio degli anni ’80 non ha proprio dovuto aspettare perché ha guadagnato subito.

Quando il mercato è molto sopra la “normalità”, il lungo termine è veramente molto lungo, quando esso è al di sotto della normalità, allora il lungo termine può diventare medio o persino breve.

Non è certo una scoperta, ma molti investitori, troppo spesso, non fanno queste considerazioni............


 http://www.unipi.it/athenet/12/articoli/index.html

La questione del nucleare tra politica e mass media

Il 13 gennaio scorso alla facoltà di Ingegneria si è svolto un convegno dal titolo “Nuclear Technology and Mass Media” sull'importanza che i mezzi di comunicazione hanno avuto e hanno nella comunicazione di un tema complesso come quello del nucleare e sugli inevitabili effetti sull'opinione pubblica. A moderare l'incontro è stata chiamata Sylvie Coyaud, giornalista de Il Sole 24 Ore, Radio 24 e Donna di Repubblica, che da anni si occupa di tematiche scientifiche e di problematiche connesse al mondo della scienza. A seguito del convegno la redazione di Athenet ha chiesto alla giornalista di scrivere un articolo con alcune riflessioni sul tema del nucleare.

Coyaud

Sono grata dell'invito al seminario su “Energia nucleare e media”, ho imparato molte cose. Nel settore in cui ho una vaga competenza però, non sono d'accordo con gli ingegneri presenti: trovo che la maggioranza dei media rappresenti il nucleare come lo rappresentano i politici, gli economisti e certi addetti. Lo vantano come l'unica soluzione a problemi diversi: aumento del prezzo del petrolio, indipendenza energetica, competitività industriale o riduzione dei gas da effetto serra. Una sparuta minoranza lo bistratta alla pari di altre questioni sulle quali decisioni collettive vanno prese all'incrocio tra conoscenze tecniche e preferenze sociali: piante transgeniche, clonazione di embrioni umani, emissioni di anidride carbonica e cambiamento climatico.
In aula e alla pausa per il caffè, gli specialisti attribuivano molto potere a mezzi di comunicazione che secondo me ne sono privi. L'informazione, corretta o distorta che sia, passa innanzitutto dalle televisioni che del nucleare s'interessano di rado. Alla stregua di Bjørn Lomborg nell' Ambientalista scettico (Mondadori, 2003), sentivo ingigantire l'influenza dei movimenti ambientalisti, quasi avessero vinto loro il referendum contro il nucleare e i votanti non avessero invece espresso una sana diffidenza verso la gestione opaca delle centrali italiane e i dati improbabili forniti dalle autorità, sovietiche e non, sull'incidente di Chernobyl.
Pochi giorni dopo, il primo ministro ha rilanciato il dibattito sulle centrali, i media ne hanno riferito in maniera positiva o possibilista e poche radio periferiche e quattro minuscoli quotidiani nazionali in maniera critica. Forse sbaglio. Forse tra le ricerche sul nucleare, converrebbe farne una sulla sua percezione attuale: l'opinione pubblica potrebbe essere favorevole o contraria, o pensare che dipenda dalle circostanze, per ragioni diverse da quelle che si credono.
Nel caso degli Ogm per esempio, il sondaggio europeo del 2001 viene tuttora approfondito da “focus group” coordinati dall'Istituto di sociologia internazionale di Gorizia. L'obiezione più testarda non riguarda i pericoli per l'ambiente o la salute, ma il fatto che un oligopolio statunitense detenga i brevetti su “quello che mangiamo”. Allo stesso modo, molti climatologi auspicherebbero un passaggio al nucleare, sennonché “ormai le centrali, le costruiscono solo i dittatori”. E la Finlandia, segnalo e di solito mi viene risposto: “lo so, ma quello è il paese meno corrotto del mondo e uno dei pochi in cui la gente si fida ancora dello Stato”. Se il problema non fosse il nucleare di per sé?
L'incontro di Pisa ha precorso un turbine di appuntamenti su temi analoghi. Per lavoro, ho seguito la conferenza internazionale di Exeter, che la ministra britannica per l'ambiente aveva convocato sugli effetti pericolosi del cambiamento climatico e, in varie regioni d'Italia, dibattiti sull'applicazione del protocollo di Kyoto, sulle energie rinnovabili, sulla fattibilità della fusione nucleare, su un impianto a turbogas previsto vicino a Mantova.
Nessuna fonte di energia è stata esente da critiche. Ne riporto alcune, perché il sentimento del mal comune mezzo gaudio consoli gli ingegneri nucleari e perché – diceva a Exeter il consulente scientifico del governo inglese, David King - per chi fa ricerca in qualunque materia una critica è un invito a nozze, a tornare in laboratorio per tentare in tutti modi di dimostrare che è sciocca e “a volte ci riesce”.
Ecco un breve sunto. Il fotovoltaico è a bassa intensità e poco conveniente; l'eolico è incostante come il vento e le pale delle turbine ammazzano gli uccellini; le biomasse emettono anidride carbonica; il metano da allevamento di polli o suini richiede grossi investimenti ma non ha poi quella gran resa; l'elettricità da batteri è ancora di là da venire; gli impianti che sfruttano le maree o le onde riducono il pesce a sushi e chissà cosa combinano ai fondali marini già danneggiati dai pescherecci. Non ricordo accuse alla geotermia, ma potrei essermi distratta. Tralascio quelle ben note ai combustibili fossili: si sarà già capito che i nuclearisti sono in ottima compagnia.
Ci sono critiche più profonde. Carbone, gas e petrolio sono distribuiti nel mondo in maniera diseguale (vale anche per l'uranio) e questa disuguaglianza ha una portata economica, politica e soprattutto morale. Economicamente forse conviene essere “opportunisti”, per dirla con Allan Jones, l'ingegnere che ha reso autosufficiente la città di Woking, 100 mila abitanti a circa 20 chilometri da Londra, con una rete di distribuzione autonoma in cui confluiscono cogenerazione (metano), cella a combustibile, pannelli solari e filari strategici di alberi decidui.
Se l'esempio di Woking si diffonde, il costo del chilowatt nucleare sarà ancora competitivo? Ed è competitivo oggi perché non comprende le esternalità, le spese che precedono la costruzione di una centrale, quelle per il suo smantellamento, per il trattamento delle scorie e la loro custodia? E ha ancora senso progettare grandi centrali, il che richiede piani trentennali mentre le industrie “delocalizzano” le produzioni con un preavviso di pochi mesi?
Non ho risposte, solo altre obiezioni politiche e morali.
Nel saggio Energia (Bononia University Press, 2005), Nicola Armaroli e Vincenzo Balzani si augurano politiche energetiche basate sulla giustizia, su una ripartizione meno iniqua dei beni. Sono scienziati - fotochimici per la precisione - e quindi ne va perdonata la mancanza di realismo: la loro idea di giustizia distributiva si scontra con l'idea oggi dominante del libero mercato. Tuttavia hanno ragione sulla sostanza: il mercato dell'energia non è affatto libero. L'accesso alle fonti primarie - gas, petrolio e anche uranio - dipende da accordi tra governi o cartelli di governi e aziende. Se i nostri governi sono democratici, rispetteranno pure leggi diverse da quella della giungla, o no?
Con i governi, torniamo all'opinione pubblica alla quale si rivolgono attraverso i media per spiegare le proprie iniziative. In questi anni, sul nucleare, usano retoriche contraddittorie. Per incentivare la costruzione di nuove centrali, l'amministrazione americana si è assunta la copertura di tutti i rischi perché le assicurazioni si erano rifiutate di farlo scoraggiando gli investitori. La decisione contraddice la propaganda a favore del libero mercato e le pretese di privatizzazione avanzate nei confronti di altri paesi. A questo punto, tanto vale chiudere la World Trade Organization.
Intanto c'è un clima mondiale di incertezza e di violenza. La stessa amministrazione ha ottenuto l'appoggio popolare alla guerra preventiva denunciando la presenza in Iraq di armi di distruzione di massa. Insiste tuttora sulla minaccia del terrorismo nucleare, sul pericolo rappresentato dall'Iran che arricchisce uranio con la filiera dell'acqua pesante (forse per dotarsi di testate nucleari, d'altronde è circondato da testate pakistane, israeliane ed ex sovietiche collocate negli stati transcaucasici alle sue frontiere).
A Pisa molti partecipanti si auguravano che l'opinione pubblica italiana valutasse serenamente l'energia nucleare. Sarà difficile. I governanti non le lasciano scordarne la storia. Sono loro - i media per lo più si limitano a riferirne i discorsi - a evocare Hiroshima e Nagasaki per spiegare le proprie imprese militari. Sempre sul tema del mal comune mezzo gaudio, siccome gli stessi governanti agitano pure la minaccia di bioterrorismo, tra poco l'opinione pubblica diffiderà anche dei biologi. Già negli Stati Uniti, gli abitanti di Boston si oppongono alla costruzione di un laboratorio ad alta sicurezza come gli abitanti del Nevada al deposito di Yucca Mountain. Non che siano irrazionali, anzi. A Boston si domandano perché fidarsi di scienziati che nei mesi scorsi hanno confuso un ceppo patogeno di Tularemia con uno innocuo e avvertito le autorità soltanto una volta colti in flagrante. A Las Vegas e a Jackpot City, si domandano perché scorie civili e militari vadano trasferite dagli stati del nord-est dove sono concentrate, a uno del sud-ovest che vive di turismo.
Penso che in Italia il dibattito si spegnerà e che non si costruiranno centrali nucleari nei prossimi dieci anni. In compenso, penso che da subito occorra far ricerca per progettarle, un giorno, piccole, sicure, in grado riusare le proprie scorie. In attesa che si scopra come sfruttare la fotosintesi con la stessa efficienza degli spinaci, faranno comodo in Cina, Indonesia, Brasile, India... - sperando che abbiano amministrazioni meno corrotte di oggi - o miliardi di persone rimarranno inchiodate in una miseria oscena.
Persino una giornalista sa che il carbone uccide i minatori e i suoi fumi ammorbano l'aria, che il disboscamento selvaggio provoca frane e alluvioni catastrofiche, che in regioni densamente popolate le grandi dighe sono disumane, che con il petrolio restante si possono fare cose più redditizie del carburante e più utili ai diseredati del terzo mondo. Vitamine, per esempio.
Quindi grazie di nuovo per l'invito e buon lavoro.

Sylvie Coyaud
mailto:oche@radio24.it


http://punto-informatico.it/f/m.aspx?m_id=1502784

 

1) Generazione di energia per via nucleare.
Al momento l'energia nucleare contribuisce per il 16 % al consumo di energia elettrica nel mondo, variando dal famosissimo 0 % italiano, al 77 %
francese, passando per il 32% europeo (Europa dei 15).
http://www.iea.org/Textbase/stats/index.asp

....................

2) Sicurezza degli impianti.
La sicurezza dell'impianto e' orientata a minimizzare la possibilità della fuoriuscita di sostante radioattive dal nocciolo del reattore. Io mi riferirò' principalmente ai reattori ad acqua, che ricadono nella precedente categoria dei reattori termici. A questo scopo vengono usate barriere multiple, che sono:
1) il combustibile stesso non deve olverizzarsi, o dare avvio a violente reazioni esotermiche con le sostanze moderatrici o refrigeranti. Nei reattori ad acqua si utilizza l'ossido di uranio, perché' a temperature elevate non reagisce apprezzabilmente con l'acqua.
2) l'elemento porta-combustibile deve essere in grado di contenere le sostanze radioattive prodotte nella reazione nucleare. Solitamente si usa una lega di zirconio, lo zircaloy (in russo ozenite), per le sue proprietà' di inerzia chimica elevate.
3) il contenitore a pressione, che contiene il nocciolo e il fluido termovettore, impedisce la fuga di sostanze. Nei reattori ad acqua la pressione varia da 60 a 150 atmosfere, ed una eventuale fuga si avverte nel giro di breve tempo (30 cc di materiale sono assolutamente rilevabili)
4) la schermatura e' una parete che fa da schermo alle radiazioni emesse dal nocciolo e dalle reazioni nucleari. Il materiale che lo compone e' cemento, acciaio, piombo, o altre sostanze. Il peso dello schermo non varia a seconda del materiale usato.
5) il contenimento esterno e' la parte più' perimetrale della cosiddetta isola nucleare. Esso offre la difesa necessaria nel caso le difese precedenti vengano meno, e protegge la struttura interna da eventi catastrofici (terremoti, tornado, caduta di piccoli aerei). Dall'incidente di Three Miles Island si e' deciso di raddoppiare gli edifici di contenimento, cosicché', nel caso di fessure, si possa aspirare l'aria nell'intercapedine ed inviarla a filtri assoluti (che non fanno passare il particolato solido).

......................

 

4) Riserve di uranio
Parto da questo dato, raccolto da WNA (http://www.world-nuclear.org/factsheets/uranium.htm), dove viene riferito che per l'industria nucleare vengono utilizzate 60 mila tonnellate di uranio all'anno. Per i dati riguardo le riserve attuali ci si puo' riferire al WEC (http://www.worldenergy.org/wecgeis/publications/reports/ser/uranium/uranium.asp). Da qui si legge che 3,281 milioni di tonnellate di uranio si trovano in riserve a prezzi accessibili, a cui vanno aggiunte 10 milioni di tonnellate sotto forma di riserve presunte. Facendo qualche calcolo si può vedere come con i consumi attuali, e con le sole riserve accertate, l'energia nucleare contribuirebbe per 54 anni, riducendosi a soli 4 anni se contribuirebbe al 100 % della produzione elettrica mondiale, anziche' del 16 %. Se nel conto venissero considerate anche le riserve presunte, si arriverebbe a 232 anni e 37 anni rispettivamente.
Questo senza considerare i reattori autofertilizzanti precedentemente analizzati.
Negli ultimi anni si è visto un vistoso decrescere della produzione da miniera, questo perché nei decenni precedenti si è vista un'offerta molto maggiore della domanda di uranio, sbilanciando i costi effettivi. Inoltre i progetti di riutilizzo del plutonio delle testate nucleari sovietiche (“Megaton to Megawatt”) nei combustibili ad ossidi misti (MOX) ha fatto diminuire la richiesta mondiale di uranio, inflazionando il mercato.



la rivista del manifesto, numero  15  marzo 2001

Mucche, uranio, Ogm

LA LOGICA DELLA PAZZIA
Giorgio Nebbia  

Ieri gli abitanti del paese di Profittopoli si sono svegliati con la notizia che la carne non è più sicura, che può essere portatrice di malattie che colpiscono il cervello e i centri motori, come quella chiamata Bse, che dovranno stare attenti alla carne che usano.
Ma come? La carne, quell'alimento ricco di proteine il cui uso, il cui crescente uso, è apparso da decenni come il segno della liberazione dalla povertà nutritiva dei cereali e dei vegetali? Addirittura gli italiani rischiano di dover rinunciare all'adorata bistecca alla fiorentina? Possibile?
Possibile e anzi certo. Per un qualche motivo apparentemente ancora poco chiaro, nelle proteine di alcune parti di alcune mucche si è insediata una sequenza di amminoacidi anormale, chiamata prione. Quando questo prione entra in circolo le mucche presentano una malattia che colpisce il cervello, a quanto pare trasferibile agli umani che si nutrono della carne di tali bovini. La scoperta risale alla metà degli anni ottanta e sembrava che la malattia fosse localizzata in Inghilterra dove sono state uccise decine di migliaia di mucche (portatrici o sospette portatrici) della malattia.
Ma, in epoca di globalizzazione, il canale della Manica non è una barriera sufficiente per evitare la propagazione della malattia in altri paesi. La carne che arriva sulle nostre mense è il risultato di un ciclo produttivo quasi industriale, a carattere planetario. Nei paesi in cui sono disponibili grandi estesi pascoli erbosi, i bovini sono allevati all'aria aperta, ma questa pratica è troppo lenta e troppo costosa per allevatori che hanno fretta di far crescere gli animali e di venderli: si è così sviluppata una zootecnia in cui gli animali sono tenuti in spazi ristretti, alimentati con mangimi al più basso costo possibile, tenuti più fermi possibile, perché ogni movimento fa diminuire il peso dell'animale da vendere. Pratiche da decenni oggetto di critiche non sul piano etico, del benessere degli animali, ma perché comportano l'uso di antibiotici per evitare malattie che farebbero diminuire le vendite, di ormoni che accelerano la crescita e trattengono una maggiore quantità di liquidi all'interno dell'animale. Antibiotici, ormoni e altri additivi possono passare nel corpo dei consumatori per cui, dopo lunghe lotte, ne è stato vietato l'uso che però in parte continua in modo fraudolento e clandestino.
Quando arriva l'età della macellazione, i bovini vengono uccisi e ne vengono separate le varie parti. Viene staccata la pelle che alimenta il ciclo produttivo dell'industria della concia che fornisce pelli e cuoio; si ricupera il sangue che viene essiccato e in parte usato come concime, ricco di azoto; vengono separati i grassi, che in parte possono essere sottoposti a trattamenti per ricavarne grassi industriali; vengono separate le ossa che possono essere trattate chimicamente per ricuperarne sostanze ricche di fosforo, anch'esse utilizzabili come concimi. Allevamento e macellazione sono tutte operazioni che comportano inquinamenti dell'aria e delle acque.
Le parti adatte alla produzione della carne sono poi trasportate nelle macellerie nelle quali avviene un'ulteriore separazione delle frazioni di 'carne' destinata all'alimentazione umana. Restano varie parti di scarto. Perché quindi non ricuperare, come suggerisce l'ecologia, anche gli scarti della macellazione, essiccandoli, macinandoli e trasformandoli in farine, ricche di proteine, da addizionare ai mangimi vegetali?
Il ciclo è così molto più efficiente: i macellatori e i macellai riescono a vendere gli scarti con maggiori profitti rispetto ai destini meno nobili; gli allevatori riescono a far aumentare di peso gli animali utilizzando le meno costose farine animali e tutti sono felici.
Fino a quando qualcuno non ha scoperto la storia dei prioni e ha avuto il sospetto, poi la certezza, che quel ben-di-dio di scarti animali, potesse far ammalare i bovini che se ne nutrono, rendendoli immangiabili e invendibili. Davanti al fondato pericolo che la malattia della Bse potesse passare, attraverso la carne, negli esseri umani, sono crollate le vendite di carne e sono aumentati vincoli e divieti. L'avidità privata ricadeva così non solo sulla collettività, ma sugli stessi soggetti avidi.
A questo punto le autorità governative si sono rese conto che nessuno sa esattamente chi importava farine animali per mangimi, con quali scarti di macellazione queste erano state fatte, in quali momenti della catena venivano trasmessi i prioni agli animali da allevamento, da dove venivano gli animali destinati all'allevamento e alla macellazione.
E non si sa neanche da dove viene la malattia, quando e come la malattia si trasmette agli umani e da chi. Improvvisamente è stato necessario organizzare in fretta e furia controlli per la ricerca dei prioni negli animali, nei mangimi, nella carne in commercio. Sono state emanate frettolose leggi a livello europeo e nazionale, sotto la pressione di interessi settoriali, degli allevatori che cercano generosi risarcimenti statali per i mancati guadagni, dei macellai che hanno visto diminuire le vendite, perfino dei ristoratori che temono di non poter fornire ai clienti i prelibati piatti tradizionali. E del resto gli allevatori, i macellatori, i macellai, i ristoratori hanno operato, secondo le leggi dell'economia capitalistica, del libero mercato, per assicurarsi il massimo guadagno: non era loro dovere guadagnare di meno per evitare la diffusione di malattie fra i cittadini.
Evitare la diffusione di malattie avrebbe dovuto essere compito 'dello Stato', se esso operasse pro bono publico, come sarebbe il suo dovere. Ma i governi, nazionali, europei, globali, pensano a tutelare ben altri interessi, oggi come ai tempi di Marx, e le leggi mostrano «la massima delicatezza verso ogni commerciante che cerca di guadagnare qualche meritato soldo mediante la compravendita di merci sofisticate».
E lo si è visto con i ministri che non sapevano quello che era noto da anni (ma ai ministri i funzionari non dicono mai niente? E agli eurocrati che vagano da Roma a Bruxelles nessuno racconta mai niente?); lo si è visto con le strutture di controllo chimico e biologico prese di sorpresa, incapaci di parlare e di dire la verità ai cittadini e agli stessi operatori economici.
Erano infatti stati smantellati e dispersi i vecchi laboratori di controllo delle attività che influenzano la salute pubblica. Ma anche le università dove erano mentre si stava addensando la tempesta esplosa in questi mesi ? E uno.
L'altroieri Ieri l'altro gli abitanti del paese di Profittopoli si sono svegliati con la notizia che alcuni loro figli, impiegati nelle guerre di pace - curiosa contraddizione in termini - in Bosnia e Kosovo sono stati esposti a polveri radioattive e tossiche dovute ai nuovi straordinari proiettili contenenti uranio impoverito usati dall'esercito americano.
Ne parlo qui perché si tratta di una storia merceologica simile a quella della mucca pazza. L'uranio è la materia di base per la fabbricazione dei 'combustibili' per le centrali nucleari e dell' 'esplosivo' per le bombe atomiche. L'uranio naturale, un metallo presente in natura in molte rocce, sotto forma di sali o ossidi, esiste in vari isotopi, atomi con uguale comportamento chimico, ma con una struttura diversa del nucleo; i principali isotopi sono l'uranio-238, con 92 protoni (sono loro che 'governano' il comportamento chimico dell'atomo) e 146 neutroni, e l'uranio-235, con i soliti 92 protoni ma solo 143 neutroni.
Se si 'bombardano' dei nuclei di uranio con neutroni, i due isotopi si comportano diversamente: l'uranio-238, ma solo in particolari condizioni, ingloba un neutrone e si trasforma nell'elemento nettunio che a sua volta si trasforma nell'elemento plutonio. L'uranio-235 assorbe più facilmente i neutroni e subisce una 'fissione', come si suol dire, trasformandosi in due nuclei più piccoli e in vari neutroni e liberando enormi quantità di calore. Calore che può essere ricuperato e trasformato in elettricità commerciale vendibile, come avviene nelle centrali nucleari, o che può essere fatto liberare in forma esplosiva e devastante, come avviene nelle bombe atomiche.
L'unico inconveniente sta nel fatto che l'uranio-235 è presente nell'uranio naturale in piccola quantità, solo 7 atomi rispetto a 993 atomi di uranio-238: le centrali nucleari funzionano soltanto se i neutroni bombardano dell'uranio nel quale l'isotopo-235 è in concentrazione di almeno 30 atomi per mille; le bombe nucleari richiedono uranio contenente circa 900 atomi di uranio-235 per mille.
Poiché la prima applicazione 'merceologica' dell'uranio è stata la fabbricazione delle bombe atomiche, a partire dal 1942 sono stati messi in funzione giganteschi impianti industriali per la separazione dei due isotopi. Si tratta di far passare un gas costituito da fluoruro di uranio attraverso degli enormi setacci con fori piccolissimi; attraverso tali fori passa 'più facilmente' l'uranio-235, quello utile, che è 'un po' più piccolo' come dimensione, di quello 238. Dopo innumerevoli passaggi si ottiene, alla fine, una corrente di uranio 'arricchito' in cui è presente una maggiore quantità di uranio-235, e un residuo di uranio 'impoverito' costituito in prevalenza da uranio-238.
Nel corso di mezzo secolo si sono accumulate centinaia di migliaia di tonnellate di uranio 'impoverito' come sottoprodotto e scoria degli impianti di diffusione gassosa. Altro uranio impoverito è stato ottenuto dal trattamento del combustibile che deve essere estratto dalle centrali nucleari ogni pochi mesi di funzionamento. In tale combustibile 'irraggiato' è presente uranio-238 insieme a piccole quantità residue di uranio-235, contaminato da plutonio, da altri elementi transuranici e dai prodotti di fissione, tutti altamente radioattivi.
È un delitto buttare via tutti questi residui di uranio-238, dopo aver fatto tanta fatica e aver speso tanti solidi per l'estrazione del minerale, la sua purificazione, l'arricchimento, eccetera: perché non riciclarlo, sempre come suggerisce l'ecologia? 'Per fortuna' le fertili menti degli ingegneri militari hanno scoperto che l'uranio, anche quello 'impoverito', molto pesante (pesa quasi il doppio del piombo, quasi come il più costoso tungsteno), quando urta ad alta velocità un corpo metallico (per esempio la corazza di un carro armato), sviluppa un'altissima temperatura alla quale l'uranio si ossida e si incendia facendo fondere la corazza e bruciando i soldati dentro il carro armato. Ecco quindi un 'utile' impiego per riciclare l'uranio impoverito come componente dei proiettili per cannoni e missili.
Il primo impiego dell'uranio impoverito si è avuto su larga scala, da parte degli Stati Uniti, nella guerra del Golfo nel 1991 (ne sono state usate circa 500 tonnellate), poi in Bosnia nel 1995 e, nel 1999, nella Serbia e nel Kosovo dalle forze Nato.
La guerra è sempre terribile e ciascun paese, per vincere, deve uccidere i soldati nemici e distruggere le armi nemiche e i beni nemici: nell'intero secolo passato le guerre hanno sterminato i nemici anche al di là di ogni ragionevole necessità, hanno ucciso e dilaniato i corpi di centinaia di milioni di civili inermi. Se si escludono le esplosioni di bombe atomiche, e quelle delle giungle del Vietnam con pesticidi persistenti inquinati da diossina, finora le armi impiegate in guerra hanno però danneggiato e devastato soldati e civili senza compromettere le future condizioni ecologiche dei territori di guerra.
Viceversa le polveri di ossido di uranio che si spargono sui carri armati e sugli edifici colpiti da bombe all'uranio impoverito ricadono al suolo e lì restano per sempre. Nel territorio contaminato passano sia i soldati vincitori, sia gli abitanti quando tornano alle loro case, e ciascuno assorbe dal suolo e respira una parte della polvere di uranio con danni alla salute che durano per decenni e si cominciano a riconoscere soltanto adesso.
Solo di recente è stato accertato che nella guerra del Golfo (1991) il terreno dei combattimenti è stato contaminato da 300 mila chilogrammi di finissima polvere di ossido di uranio e che da anni i reduci della guerra hanno manifestato delle misteriose malattie (la sindrome del Golfo); però fino al gennaio 1998 il ministero della difesa americano ha negato che circa 90 mila soldati americani siano stati esposti alla polvere di uranio impoverito velenosa e radioattiva. Nella ricca America i veterani possono fare causa al loro governo, e chiedere indennizzi e risarcimenti. Ma chi aiuterà a riconoscere le malattie, dovute ad una così subdola causa, quando compaiono negli abitanti dell'Iraq meridionale, o della ex-Jugoslavia, tornati nelle loro terre? Chi li aiuterà a guarire?
Una fotografia diffusa anche da Internet mostra dei bambini che in Kosovo giocano su un carro armato distrutto da un proiettile all'uranio impoverito e coperto dalla polvere dell'arma micidiale: chi sono quei bambini, che sarà della loro salute? Quante saranno alla fine le vittime?
In Italia il problema è scoppiato perché qualcuno ha denunciato le possibili malattie, dovute all'uranio impoverito, in reduci delle missioni militari in Bosnia e Kosovo. Ricordate lo sbalordimento di ministri e generali? .
Con tutti i servizi segreti nessuno ha avvertito i ministri sui pericoli delle armi usate dai loro stessi alleati, quando tali pericoli erano descritti in centinaia di articoli e pubblicazioni, accessibili da anni perfino su Internet? In una società capitalistica nessuno tocchi il complesso militare industriale. E due.
Il giorno ancora prima Il giorno ancora prima di questi eventi, gli abitanti del solito paese di Profittopoli si sono svegliati con la notizia che gli 'scienziati' hanno scoperto il modo di modificare vegetali e animali intervenendo sul loro patrimonio genetico, sono cioè in grado di 'fabbricare' nuove 'cose' - esseri viventi? merci? - intervenendo con le 'biotecnologie' sulle basi stesse della vita.
La genetica tradizionale riesce a ottenere ibridi dall'incrocio di piante e animali differenti, talvolta con grandi successi; si pensi alle selezioni che hanno permesso di ottenere ibridi di mais con una resa per ettaro doppia, o frumento che non si lascia abbattere dal vento, o agli incroci che hanno permesso di ottenere mucche ad alta produzione di latte, eccetera.
Ma la biotecnologia va molto al di là di questo. La natura ha 'fabbricato', attraverso lenti processi evolutivi, piante e animali senza pensare che dovessero 'servire' un giorno alle fabbriche e ai commerci, e quindi molti organismi vegetali e animali sono 'economicamente' scadenti. Alcune piante, le leguminose, sono capaci di fissare direttamente l'azoto dell'aria trasformandolo in proteine, grazie a microrganismi presenti nelle radici; altre, commercialmente preziose, come i cereali, possono crescere soltanto portando via azoto dai sali presenti nel terreno e per questo richiedono l'apporto di costosi concimi, Un vecchio sogno, che appariva fantascientifico, immaginava di inserire nei cereali i batteri azotofissatori in modo da evitare l'impiego di concimi nella loro coltivazione. Le biotecnologie vanno in tale direzione.
La 'correzione' artificiale dei 'difetti' delle piante e degli animali può essere ispirata anche a fini nobili: l'aumento delle rese agricole potrebbe contribuire a ridurre la fame nel mondo; la disponibilità di piante geneticamente modificate resistenti ai parassiti potrebbe far diminuire la richiesta di pesticidi e i conseguenti effetti negativi sugli ecosistemi; una maggiore resistenza dei prodotti agricoli al degrado nei processi di trasformazione e conservazione potrebbe facilitare il trasporto e la durata degli alimenti.
Alcune di queste correzioni sono possibili con delicate e costose tecniche - biotecnologiche, appunto - 'inventate' negli ultimi venti anni e che consentono di 'tagliare' dei pezzetti del patrimonio genetico che governa i caratteri delle cellule viventi, inserendoli nelle cellule di altre piante o animali. Queste operazioni richiedono però grandi investimenti e possono essere fatte soltanto da industrie specializzate, in pratica dai grandi gruppi multinazionali dell'industria agroalimentare e chimica.
Per proteggere dai concorrenti i risultati di tali costose ricerche, le industrie che le hanno condotte li stanno brevettando: chi vuole sementi resistenti, per esempio, ad un certo parassita o ad un erbicida dannoso, deve acquistare la conoscenza delle rispettive procedure di manipolazione genetica da chi le ha realizzate per primo. E si è subito posto il problema se si può brevettare 'la vita', e se si può accettare che una impresa industriale diventi, di fatto, padrona esclusiva di conoscenze da cui potrebbe dipendere la vita di milioni di persone. C'è il rischio di un nuovo imperialismo biologico, per cui una società o uno Stato potrebbero negare ad altri paesi la disponibilità di piante utili o di cure per alcune malattie? Ancora una volta la risposta sconfina nel terreno dell'etica e comunque vengono alla mente altri tempi e altre persone, come i coniugi Curie che, un secolo fa, scoprirono l'esistenza del radio e le sue proprietà curative del cancro e si rifiutarono di brevettare questa loro scoperta. Un secolo dopo la ditta americana che ha analizzato il genoma umano 'patteggia' la pubblicazione delle preziose informazioni con la garanzia di tenerne segrete alcune, quelle 'vendibili'.
Quali possono essere le conseguenze della produzione di piante transgeniche sull'ambiente, e dell'uso di organismi transgenici e dei loro derivati sulla salute umana? Cultori di etica e ambientalisti dicano pure la loro, ma il mercato risponde positivamente: si moltiplicano gli agricoltori che 'comprano' sementi di piante transgeniche resistenti ai parassiti, e vendono i relativi raccolti. Tra le piante maggiormente coinvolte ci sono il mais, la soia, le patate, i pomodori, la colza, la barbabietola da zucchero.
Per quanto riguarda l'ambiente, uno dei successi dell'ingegneria genetica consiste nel produrre piante resistenti a un potente erbicida, il glifosato. Tale erbicida distrugge sia le piante indesiderabili, sia le stesse colture agricole, il che è scomodo; la Monsanto, la società produttrice, ha così incaricato gli scienziati di preparare delle varietà di soia, mais, eccetera, resistenti al glifosato. In questo modo la massiccia applicazione di glifosato distrugge bene le piante infestanti ma non disturba le coltivazioni delle altre piante di interesse commerciale, una volta che siano geneticamente modificate, per cui la società proprietaria dei brevetti può guadagnare sia vendendo 'di più' il proprio erbicida, sia vendendo le sementi transgeniche; l' 'unico' inconveniente è che il glifosato, impiegato in dosi elevate, finisce nel terreno e nelle acque e resta nei vegetali destinati all'alimentazione umana.
Un altro esempio è offerto dal mais transgenico: nelle pratiche di agricoltura 'biologica' alcuni parassiti vengono combattuti con la tossina presente in un batterio, il Bacillus thuringiensis, Bt, costoso e delicato da applicare. Un'altra delle operazioni biotecnologiche ha permesso di ottenere del mais che porta, 'dentro' il proprio patrimonio genetico, le proprietà pesticide del Bt; i parassiti non attaccano le piante, ma c'è il rischio che la tossina passi negli ecosistemi e negli alimenti.
È possibile che i nuovi caratteri acquisiti dalle piante geneticamente modificate, per esempio la resistenza ad alcuni antibiotici, vengano trasferiti agli organismi dei consumatori, siano esseri umani o altri organismi animali, al punto da rendere inefficace l'impiego di tali antibiotici nel caso di malattie? L'uso alimentare di piante o di animali transgenici può avere effetti nocivi sulla salute delle persone? Dopo quanto tempo possono farsi sentire gli eventuali effetti nocivi?
È in corso uno scontro di giganti fra le grandi compagnie agroalimentari e chimiche da una parte e, dall'altra, le organizzazioni di difesa dell'ambiente e dei consumatori, con i governi e i Parlamenti, nazionale ed europei, presi fra questi due fuochi.
Come è prevedibile, sono più forti e attrezzate le strutture che 'vogliono' dimostrare l'assoluta innocuità degli ingredienti derivati da organismi transgenici. È la stessa situazione che ha impedito, per anni, di togliere dal commercio pesticidi come il Ddt o i derivati dell'acido triclorofenossiacetico o gli oli alimentari contenenti acido erucico o di vietare gli ormoni nei mangimi: sono troppo pochi i laboratori che lavorano per la difesa dei cittadini, rispetto alla gran massa di laboratori e di 'scienziati' impegnati a dimostrare che non c'era allora, e non c'è oggi, nessun pericolo per la salute.
Davanti comunque ad una crescente, giusta, domanda, da parte dei consumatori, di maggiore sicurezza, alcuni governi europei, in un primo tempo, hanno considerato l'ipotesi di vietare le importazioni, dagli Stati Uniti, di sementi di piante transgeniche: una azione che avrebbe danneggiato l'agricoltura americana e che si è dimostrata non praticabile anche perché talvolta i semi di soia o di mais transgenici rappresentano una frazione di poche unità percento su enormi partite di merce. Poi è stata avanzata la proposta di vietare la coltivazione di piante transgeniche in Europa, ma anche questa strada è stata rapidamente abbandonata davanti alle proteste degli agricoltori che hanno ben presto riconosciuto i vantaggi economici delle nuove coltivazioni.
I soggetti più importanti, ma anche più trascurati, i consumatori, rivendicano almeno il diritto di conoscere che cosa i loro alimenti contengono. I governi dei vari paesi discutono la possibilità di segnalare ai consumatori, con una etichetta, gli alimenti che contengono ingredienti derivati da prodotti trnsgenici sulla base di proprie considerazioni, del prezzo, di una maggiore o minore convinzione della loro innocuità, per consentire loro di sceglierli o evitarli.
La presenza di semi di mais o di soia o di pomodoro, geneticamente modificati, nelle partite che entrano nei vari cicli produttivi agroindustriali è, entro certi limiti, riconoscibile; è possibile riconoscere la presenza di un seme transgenico anche fra mille o anche diecimila semi normali. I problemi si fanno più complicati quando si tratta di ricostruire la 'storia naturale' dei derivati, per esempio delle farine, o della lecitina, o di un grasso, estratti da mais o soia transgenici. Per ora i governi pensano di imporre l'etichettatura al più agli alimenti transgenici quando sono facilmente riconoscibili per via analitica, mentre sarebbero esenti da etichettatura i derivati di organismi transgenici 'sostanzialmente equivalenti' ai loro omologhi tradizionali. Una definizione generica e abbastanza equivoca che esenta dalla etichettatura molti prodotti di cui al consumatore potrebbe comunque interessare di conoscere l'origine.
Ma se un alimento non porta alcuna indicazione, o addirittura se, come si comincia a fare, per motivi pubblicitari, un alimento è presentato come 'esente' da derivati di organismi geneticamente modificati, quali garanzia ha il consumatore sull'origine dei vari ingredienti?
In questa confusione, e davanti a difficoltà anche analitiche, che credibilità può avere l'affermazione che una merendina o una maionese o una conserva di pomodoro non contiene derivati di piante transgeniche, quando non si è in grado di garantire l'origine delle lecitine, dei grassi, delle farine, dell'amido, dei pomodori, dello zucchero, eccetera, presenti nei vari alimenti? Chi fabbrica dolciumi, paste, pane, alimenti in scatola, eccetera, acquista materie prime da produttori che a loro volta hanno trattato altre materie prime acquistate da altri ancora, che a loro volta hanno acquistato mais o soia o pomodori da agricoltori o importatori.
Tutto ciò senza poter qui parlare del più importante e in certi casi scandaloso aspetto dell'agricoltura transgenica lasciata in mano alle multinazionali e ad un mercato da loro dominato: il rapporto cioè con i paesi sottosviluppati. Paesi in cui le nuove tecnologie mettono fuori mercato la produzione locale. E dove inoltre le medesime multinazionali si assicurano, oltre ai diritti di brevetto, anche una quota del valore prodotto, per via del fatto che le nuove specie vengono create 'sterili', obbligando così chi le usa ad acquistare continuamente e per sempre le sementi dalla casa madre.
Per sventare le possibili frodi per i consumatori assume ancora maggiore importanza la disponibilità di metodi analitici in grado di svelare le modificazioni genetiche e di laboratori in grado di applicare tali metodi in modo affidabile e convincente.
E ritorna la domanda già fatta poco fa: come possono essere organizzate strutture pubbliche di controllo, che richiedono apparecchiature sofisticate e costose per analisi che a loro volta richiedono tempo, specialisti e che sono anch'esse costose, quando i laboratori esistenti non riescono a sconfiggere neanche le frodi più banali, come la sofisticazione dell'olio di oliva con olio di nocciole? E tre.
Domani?
Le storie di Profittopoli potrebbero continuare se solo ci si voltasse indietro qualche mese, qualche anno. Abusivismo edilizio con conseguente erosione del suolo, frane e alluvioni; montagne di rifiuti; inquinamento delle acque; frodi alimentari e industriali; scorie radioattive sparse per l'Italia; importazioni di metalli radioattivi; incidenti nelle fabbriche, morti sul lavoro; navi che affondano con i loro carichi di petrolio e di sostanze tossiche - e poi scelte industriali imprevidenti e miopi, con devastanti conseguenze economiche e ambientali: incentivi a chi distrugge le automobili o i televisori per comprarne di nuovi e aumentare la massa dei rottami; benzine che prima sono verdi e poi si rivelano tossiche; le timidezze nelle campagne contro il fumo per non disturbare le multinazionali del tabacco e lo stesso Stato venditore di veleni cancerogeni - è possibile andare avanti così, solo per non intralciare le leggi del libero mercato?
È possibile continuare con la divinizzazione della pubblicità, con una società nella quale «ogni uomo si ingegna di procurare all'altro uomo un nuovo bisogno, per costringerlo ad un nuovo sacrificio»?
Nessuna soluzione tecnico-scientifica sarà efficace se non si mette in discussione il meccanismo che alimenta i pochi episodi ricordati e tutti gli altri: la legge del profitto fine a se stesso. Profitto non destinato a fabbricare merci utili agli esseri umani, non destinato a far lavorare le persone, a liberare dalla povertà e dalla miseria gli abitanti dei paesi poveri e a liberare dall'alienazione gli abitanti dei paesi ricchi. Ma profitto fino a se stesso, come vogliono le regole del capitalismo, sempre più arrogante quanto più è globale, quanto più riesce a intossicare non solo il corpo ma la mente dei suoi adoratori, nel nord, nel sud, nell'est del mondo.


Il prezzo dell'uranio dal 2000 è quadruplicato.


http://www.lavoce.info/news/view.php?cms_pk=2002  

20-02-2006
Il ritorno del nucleare 

Emanuele Massetti Massimo Tavoni

Dopo diversi anni di oscurità, negli ultimi tempi l’energia nucleare per scopi pacifici è tornata a far parlare di sé, riaprendo ufficialmente un dibattito tradizionalmente controverso.

Perché si riparla di nucleare

La crescita stabile, ma continua, dei consumi energetici e il contemporaneo aumento dei prezzi dei combustibili fossili, unito a questioni di sicurezza dell’approvvigionamento energetico e di contenimento dei gas responsabili del riscaldamento globale, hanno spinto diversi paesi a interrogarsi sul ruolo futuro della fissione nucleare nella produzione di elettricità.
Tony Blair e George Bush, premier di due paesi che già oggi utilizzano il nucleare in modo rilevante, si sono politicamente esposti a favore di un maggiore impegno. La Finlandia, intendendo ottemperare al Protocollo di Kyoto attraverso misure domestiche, ha deciso la costruzione della sua quinta centrale nucleare. La Francia, un paese in cui l’80 per cento del fabbisogno elettrico è oggi soddisfatto dal nucleare, ha annunciato la costruzione di una grande centrale in Normandia, al cui investimento parteciperà anche la nostra Enel. È comunque nella rampante Asia che si concentrano gli sforzi maggiori: la Cina, ossessionata dalla insaziabile domanda interna, intende aumentare la propria produzione elettro-nucleare di sei volte entro il 2020, e piani simili sono condivisi da India e Corea del Sud. Il Giappone, paese che ha aderito al Protocollo di Kyoto, ha messo a punto una strategia energetica di lungo termine incentrata sulla produzione congiunta di elettricità e idrogeno via nucleare. (1)
Qual è allora il futuro di una tecnologia di grande potenziale, ma scomoda?

Un po’ di storia

Uno dei sogni dei fisici che nella primavera del 1939 scoprirono la fissione nucleare era quello di assicurare al mondo un futuro energetico illimitato, sfruttando l’enorme quantità di energia che si libera nella reazione a catena. Le idee di Enrico Fermi vennero poi tragicamente applicate alla risoluzione del conflitto mondiale, e l’energia nucleare dovette aspettare gli anni Sessanta per trovare applicazione per scopi pacifici, nella produzione di elettricità. Negli anni Settanta, dopo lo shock petrolifero e la necessità di svincolarsi dai paesi produttori, molti paesi si impegnarono in piani elettro-nucleari, aumentando considerevolmente la quota di elettricità prodotta dalla fissione, fino alla fine degli anni Ottanta.
Da allora, però, i prezzi bassi del petrolio e del gas naturale insieme all’opposizione della percezione pubblica, particolarmente forte dopo l’incidente nella centrale nucleare di Chernobyl, hanno stabilizzato la crescita della fonte nucleare. L’incidente del 1986 nella centrale ucraina ebbe una risonanza mondiale e portò alla ribalta il problema della sicurezza del nucleare, aumentando l’opposizione a questa fonte energetica. Tanto che in Italia si arrivò alla chiusura degli impianti già esistenti, dopo un referendum tenutosi sull’onda emotiva suscitata dall’incidente.
L’esplosione di Chernobyl causò la morte diretta di trentuno persone, ma furono soprattutto le conseguenze indirette a preoccupare l’opinione pubblica. Il tema è ancora dibattuto, sebbene un recente studio di centinaia di scienziati abbia trovato un’incidenza di tumori nella zona dell’incidente di poco superiore alla media. (2) Ed è bene sapere che il carbone, attualmente la prima fonte mondiale di produzione dell’elettricità, uccide decine di migliaia di persone ogni anno, senza contare gli effetti dell’inquinamento. Ma evidentemente in questo caso la suggestione psicologica è più contenuta. Ad ogni modo, l’incidente dimostrò che era imprescindibile la necessità di avere standard di sicurezza omogenei: la centrale di Chernobyl era di una tipologia inaccettabile in qualsiasi paese occidentale.

... e di tecnologia

La grande attrattiva del nucleare è la possibilità di ottenere un’enorme quantità di energia con un piccolo volume di carburante (si pensi che 1kg di uranio 235 ha lo stesso contenuto energetico di 3 milioni di kg di carbone). La tecnologia richiesta è piuttosto sofisticata, e per questo i costi di investimento sono alti. Ma il costo finale di produzione di elettricità rimane comunque contenuto, in linea con quelli dell’elettricità a gas o carbone. (3) La disponibilità di uranio 235 è limitata, e qualora il nucleare si sviluppasse in fretta le riserve si esaurirebbero in poche decine d’anni. Ma contrariamente a quanto spesso si dice, il problema è già stato risolto con i cosiddetti reattori "veloci", che, funzionando da fertilizzatori, possono estrarre dall’uranio naturale circa cinquanta volte in più di energia, assicurando una disponibilità di materiale fissile per diverse centinaia d’anni.
Da un punto di vista ambientale, il nucleare ha il vantaggio di emettere pochissima CO2, e questo lo rende particolarmente interessante nell’ambito della salvaguardia del pianeta dal riscaldamento globale.
Il problema più spinoso rimane comunque quello delle scorie: nonostante modeste produzioni di rifiuti e soluzioni tecniche affidabili, l’accettabilità sociale del contenimento di rifiuti radioattivi è complicata. Le quantità oggi in attesa di sistemazione definitiva sono considerevoli; si trovano per lo più all’interno del sito delle centrali, dove sono rimaste stoccate per decine d’anni in sicurezza. Programmi di ricerca e sviluppo su cicli del combustibile avanzati, col fine di ridurre i rifiuti radioattivi e i requisiti del deposito geologico di stoccaggio, stanno entrando in una fase di valutazione tecnico-economica.

Il "clima cambia"?

L’energia nucleare è una importante opzione tecnologica nella soluzione di due temi fortemente interconnessi, e che saranno strategici per i prossimi decenni: la dipendenza energetica e il riscaldamento globale dovuto alle emissioni di gas-serra. (4)
La domanda sostenuta, le tensioni politiche e le rigidità dell’offerta hanno spinto i prezzi del petrolio fino a 70 dollari al barile, un record storico che ci riporta agli anni Settanta. Come allora, non sorprende che molti paesi si adoperino per differenziare il mix energetico e svincolarsi dai cartelli di paesi "caldi" come quelli Opec. Nonostante le incertezze sulle attuali riserve di idrocarburi, e le certezze sulle crescenti domande energetiche di giganti come Cina e India, molti analisti del petrolio si aspettano che i prezzi tornino ad assestarsi su valori decisamente più contenuti: le enormi riserve di cosiddetto petrolio non-convenzionale, ottenuto da sabbie, dovrebbero consentire un futuro ancora lungo agli idrocarburi.
Il secondo elemento che pesa a favore dell’energia nucleare è il tema dei cambiamenti climatici. Si prevede che, senza nessuna correzione (scenario "Business as Usual") le emissioni di CO2, uno dei principali gas responsabili dell’effetto serra, trainate dalla crescita dell’economia e della popolazione dei paesi emergenti duplicheranno per metà secolo e addirittura triplicheranno entro il 2100. Per rimanere sotto l’obiettivo dei +2°C, un valore considerato dai climatologi come una soglia critica, sarà necessario un taglio sostanziale già dal 2030.
L’auspicato salto tecnologico per il lungo periodo, del quale la fusione nucleare rappresenta l’ambito traguardo, probabilmente avverrà, ma solo fra molti decenni. La ricerca di tecnologie energetiche innovative continua:recentemente un gruppo di paesi ha approvato la costruzione di un progetto sperimentale a fusione nucleare da 10 miliardi di euro e di durata trentennale. Ma il passaggio dalla scoperta in laboratorio, al progetto dimostrativo e poi alla realizzazione industriale e commercializzazione su larga scale richiede di norma fra cinque e sette decenni: un tempo troppo lungo nell’ottica del contenimento delle emissioni. (5)
Entro il 2050, dunque, le riduzioni di gas serra dovranno avvenire grazie alle tecnologie di cui disponiamo adesso. All’interno del comparto elettrico, le energie rinnovabili sono uno strumento interessante, ma di limitata applicabilità. L’utilizzo del carbone sequestrando la CO2 è un'altra possibile soluzione, ma di difficile accettabilità e ancora in fase di sperimentazione. Il nucleare si pone dunque come una delle poche opzioni tecnologiche presenti oggi per prevenire seriamente gli effetti del riscaldamento globale.
(6)

Il riscatto del nucleare

Nonostante i diversi aspetti positivi, il nucleare come fonte di elettricità continua a godere di scarsa reputazione. La minaccia del terrorismo e le dubbie intenzioni nucleari di paesi come l’Iran, richiedono cautela e una supervisione attenta degli organismi internazionali. Ciò nonostante, la produzione di elettricità attraverso la fissione nucleare continuerà a giocare un ruolo importante negli scenari energetici dei prossimi decenni. Se infine il problema del riscaldamento globale verrà affrontato con sufficiente serietà, allora il nucleare sarà chiamato a un contributo indispensabile.
A cinquanta anni di distanza, il celebre auspicio di Dwight Eisenhower di fronte all’assemblea delle Nazioni Unite, "atoms for peace", è ancora irrealizzato. Lo stesso Mohamed El Baradei, il direttore dell’International Atomic Energy Agency vincitore del Nobel per la pace lo scorso anno, nella cerimonia di consegna del premio, ha rinnovato l’invito del presidente americano. (7)
Sarà il riscaldamento globale a offrire al nucleare la necessaria opportunità di riscatto?
____________________

 

(1) A. Mathis e Monti S., 2006 "Energia nucleare: l’opzione del futuro", Termotecnica, in corso di pubblicazione.
(2) "Nuclear power: Little to fear but fear itself", The Economist, 8 settembre 2005, http://www.economist.com/science/displayStory.cfm?story_id=4370135.
(3) "Projected costs of generating electricity", IEA/NEA, 2005 update.
(4) R. Wilson, 2006, "Sustainable Nuclear Energy - Some reasons for Optimism", International Journal of Global Energy Issues, in corso di pubblicazione.
(5) A. Grübler, 1998, "Technology and Global Change", Cambridge Univ. Press, Cambridge.
(6) W. Sailor, Bodansky D, Braun C., Fetter S. e van der Zwaan B., 2000 "A nuclear solution to climate change ?", Science, vol 288, no 5469, pp. 1177-1178.
(7) Mohamed El Baradei, Discorso all’assegnazione del premio Nobel per la pace 2005.

Commenti presenti

05-03-2006 21:14:00
alberto clò
critica nucleare
Gli autori trascurano il principale motivo per cui dal 1978 (con prezzi oil sui 12 doll/bbl) non si costruisce una sola centrale negli USA e dal 1993 in Europa: per l'impossibilità del nucleare di reggere in un contesto concorrenziale e di mercato. E' l'economia e non l'ambiente o l'ostilità pubblica ad avere bloccato ovunque gli investimenti. Per l'impossibilità di beneficiare delle 3 condizioni che lo sostennero: aiuti di Stato, regolazione prezzi del tipo cost-plus, monopolio produzione e vendita. Lo studio dell'MIT cui ha partecipato Joskow lo dimostra bene. In un sistema di Borsa un kwh nucleare di nuova costruzione non superebbe mai il confronto con 1 kwh da ciclo combinato! il mercato funziona per massimizzare l'efficienza, ma fallisce su obiettivi d'altro genere. Questa è la vera impasse in cui si è arenato il nucleare!
Grazie per il commento.
Lo studio del MIT "The future of nuclear power" (reperibile al sito http://web.mit.edu/nuclearpower/) stima il costo dell'elettricità col nucleare a 6.7 c€/kWh (pag 7), collocandolo quindi al di sopra del carbone e del gas (entrambi attorno ai 4 C€/kWh).
Questi valori non tengono però in considerazione il costo della CO2. Nella stessa pagina, gli studiosi del MIT dimostrano che per valori della CO2 pari a 100$/tC il nucleare diventa competitivo col carbone e con il gas naturale (per prezzi del gas pari a .7/MCF, circa il valore medio negli USA nel 2005).
Come argomentato nel nostro articolo, la competitività del nucleare dipenderà dunque dalle politiche di contenimento dei gas serra: qualora si decidesse di ridurre drasticamente i gas responsabili del riscaldamento globale, gli alti prezzi della CO2 renderebbero vantaggiose tecnologie di produzione dell'elettricità senza emissioni di CO2 rendendo -come citato
nello stesso studio americano- "l'opzione nucleare una importante fonte di elettricità a zero emissioni che può contribuire significativamente alla futura produzione di elettricità" (pag 3).


28-02-2006 15:24:18
Alessandro La Spada
Per fare 'pulizia' bisogna investire sulle fonti pulite
Trovo interessanti le argomentazioni esposte nell'articolo a supporto del nucleare, e le risposte circostanziate ai primi commenti. Tuttavia trovo che si sta prescindendo da una necessaria considerazione preliminare: gli investimenti vanno fatti, laddove possibile, su tecnologie che promettono di risolvere i problemi, non su quelle che hanno gia' manifestato problemi enormi e che al massimo possono promettere di bilanciare enormi problemi con enormi benefici. A cio' bisogna aggiungere il fatto che, mentre i benefici del nucleare sono noti, i problemi, gia' rilevantissimi, sono stimati per difetto: chi puo' dire quanto costerebbe il potenziamento delle difese militari qualora si scoprissero, ed e' indubbio che cio' avverra' in futuro nell'ambito della normale ricerca militare e batteriologica, nuovi modi di attentare alla loro sicurezza?
Una seria politica di utilizzo dei fondi pubblici deve necessariamente puntare su cio' che risolve i problemi, non su cio' che si limita a sostituire il problema A con il problema B.
Questo e', a mio avviso, la corretta razionalizzazione dei cosiddetti timori immotivati, che immotivati non lo sono affatto. Percio' e' giusto restare fuori dal nucleare e, sfruttando la liberta' di posizionamento che ne deriva all'Italia, investire con forza nelle fonti rinnovabili.


23-02-2006 11:56:00
gino
ritorno del nucleare
Le scorie sono un problema tecnicamente risolvibile, ma occorre sapere che il costo è inversamente proporzionale (in modo esponenziale) all'impatto ambientale. Mi piacerebbe sapere, invece, se ci sono studi seri sul costo di bonifica delle centrali dismesse (non sono eterne).
Il fotovoltaico non può certo sostituire le attuali fonti minerali per la produzione di energia elettrica, ma occorre tener conto delle seguenti considerazioni:
- il costo per KVA generato è in continua diminuzione a differenza delle altri fonti(compreso il nucleare)
- la densità di potenza è in aumento costante (diminuzione del suolo occupato), oggi mediamente 150VA/m2.
- la materia prima è praticamente inesauribile (sabbia)
- non ha costi di distribuzione, e lo smaltimento di un impianto esaurito è molto basso e i materiali sono riciclabili per oltre il 90%.
Credo che il problema energetico dei prossimi decenni si risolvilbile utilizzando tutte le fonti disponibili in modo appropriato e soprattutto incentivare la ricerca nel nucleare (soprattuto fusione), nel fotovoltaico, nell'eolico, idrogeno..., ma anche per diminuire l'impatto ambientale delle fonti minerali tradizionali ed aumentare il loro remndimeto. Non va dimenticata la ricerca nelle tecniche di costruzione di edifici civili ed industriali per contenere il grande spreco di energia che attualmente si fa.


22-02-2006 22:16:00
Matteo Olivieri
Atom lloyd
L'articolo affronta con dovizia di aggiornamenti i recenti progressi della tech nucleare, e questo è senz'altro positivo in un panorama dell'informazione dove troppo spesso si ragiona sempre sugli stessi pregiudizi.
Tuttavia considero precari i calcoli finanziari senza prevedere la quota di assicurazione dell'impianto.
L'accettabilità sociale è già sotto zero, se non si compie un passo verso garanzie economiche non si realizzeranno mai in Italia nuovi impianti. Per quanto riguarda il resto d'Europa bisognerebbe prevedere per i nostri consumatori la possibilità di acquistare quote di energia atom free, perchè se quella centrale non è assicurata io non voglio consumare la sua energia.
E poi se è sicuro perchè non può essere assicurato?
Ve lo dico io.
E' stato un vero peccato che le intelligenze del nucleare in Italia siano state sprecate cadendo nell'oblio senza poter esprimere le loro potenzialità. Perchè forse alcune di loro ci racconterebbero cosa poteva succedere a Caorso in seguito ad alcune recenti secche del Po. E' davvero un peccato che molti documenti , conservati in scantinati di enti pubblici, siano andati al macero.
Quelle secche non avrebbero fornito un adeguato raffreddamento! Ma ormai è andato tutto al macero, e nessuno si è ricordato di quelle splendide intelligenze. Destini nucleari.


22-02-2006 18:53:00
ugo montevecchi
il ritorno al nucleare
Ho apprezzato il coraggio con il quale si è affrontato un tema politicamente così sensibile.
Ciò detto, alla luce delle argomentazioni proposte e riproposte dagli antinucleari ormai da almeno 20 anni, la cui insussistenza e strumentalità mi pare palese, mi ritrovo ciclicamente ad interrogarmi sugli interessi che, più o meno consciamente, vengono difesi o addirittura promossi da chi si oppone ad una ripresa della produzione di energia dal nucleare in Italia.
Riterrei opportuno, infine, che si approfondissero le implicazioni strategiche, in senso lato, per il nostro Paese della dipendenza quasi totale da fonti energetiche che ci vengono da aree politicamente instabili: mi sento appeso ad una qualsiasi vignetta danese!


22-02-2006 13:29:24
Walter Maggi
L'ipoteca nucleare
Salve, quando si considera l'opzione nucleare, credo bisogna anche considerare non solo i costi vivi (materie prime e impianti), ma anche e soprattutto il costo di stoccaggio delle scorie: vuol dire costruire impianti sicuri che durino secoli e secoli con seri rischi per l'ambiente e i nostri discendenti: dire usiamo oggi il nucleare per abbattere il gas serra senza trovare adeguato rimedio al problema delle scorie credo sia un atteggiamento del tipo "godiamoci il presente e chi se ne frega del domani", peccato che quel domani verrà....


21-02-2006 10:51:00
Maurizio Grassi
Il ritorno del nucleare
Ho letto con interesse l'articolo in oggetto ma mi trovo in disaccordo con le conclusioni benevole che gli autori danno nei confronti di questa fonte di energia. Premetto che sono un profano della materia ma tre considerazioni a mio avviso bastano per rivolgere altrove energie intellettuali ed economiche per risolvere il problema delle emissioni di CO2 nell'atmosfera:
- i costi ed i tempi di realizzazione di una centrale nucleare sono enormi e lunghissimi, si parla di miliardi di euro e di 10 - 15 anni come tempi di consegna. Supponiamo di impiegare gli stessi soldi e lo stesso tempo per lo sviluppo di fonti rinnovabili ed avremo lo stesso beneficio in termini di porduzione elettrica. Con una cifra di 2 mld di Euro quanti pannelli solari potrebbero essere installati su edifici di proprietà pubblica su tutto il territorio nazionale? Quale risparmio ne deriverebbe in termini di bollette pagate dall'amministrazione pubblica? Senza tener conto che i tempi di consegna di un impianto solare si contano in settimane e non in decenni. Senza considerare che i costi di manutenzione sono ridicoli rispetto ad una centrale nucleare, le emissioni sono zero e non esistono scorie;
- il problema della sicurezza degli impianti mi sembra che sia stato sbrigativamente liquidato. E' sufficiente una prova del nove per capire quanto non ci siano garanzie che non si ripetano eventi come Chernobyl o Three Mile Island: non esiste al mondo società assicurativa disposta a coprire il rischio di una qualsiasi centrale nucleare. E questo per citare solo la sicurezza interna dell'impianto. Che dire del caso di un eventuale attentato terroristico? Se gli aerei dell 11/9 fossero stati dirottati verso un impianto di tal genere che sarebbe successo?;
- da ultimo il non trascurabile dettaglio che in Italia i cittadini sono contro l'investimento nel nucleare rispetto alle rinnovabili. Quindi, che piacciano o no, in democrazia le decisioni (vedi referendum) del popolo si rispettano.
Gentile Marco Grassi, grazie per i suoi commenti che ci aiutano a essere più precisi in merito ad alcune questioni tecniche che abbiamo trascurato nell'articolo per ragioni di spazio. Quattro anni è il tempo standard per la costruzione di un impianto nucleare con la tecnologia attuale (IEA, Projected Costs of Generating Electricity, 2005). La costruzione della centrale di Olkinuoto3, in Finlandia, è iniziata nel maggio del 2005 e la consegna è prevista nel 2009.
Il costo di costruzione di una centrale nucleare è di circa 1750$/kw mentre il costo di costruzione di un impianto fotovoltaico è di circa 4000$/kw. I costi di manutenzione sono
circa 65$/kw per il nucleare e circa 15$/kwh per il fotovoltaico. Includendo i costi di smantellamento della centrale nucleare, il costo di generazione dell'energia elettrica è circa 0,03$/kwh per il nucleare e 0,30$/kwh per il fotovoltaico. Pertanto, l'installazione di pannelli solari su tutti gli edifici della pubblica amministrazione aggraverebbe notevolmente il bilancio di gestione (anche rispetto all'attuale costo dell'elettricità, senza nucleare).
Per quanto riguarda la sicurezza, i nuovi reattori resistono allo schianto di un aereoplano e da tempo sono a prova di fusioni del nucleo, quanto avvenuto a Cernobyl. La scelta di
intraprendere un programma nucleare è delicata e controversa e pertanto deve essere discussa in maniera trasparente, illustrando i vantaggi e gli svantaggi di tutte le opzioni praticabili. La gravità del problema del riscaldamento globale
sollecita, a nostro avviso, una nuova riflessione sul tema.
EM MT


21-02-2006 10:13:00
Matteo Civiero
Nucleare sì o no
Premetto che credo fermamente che un progetto serio di risparmio, efficienza energetica e incentivazione delle rinnovabili sia la soluzione migliore per ridurre le oscillazioni nel mercato energetico attuale, aumentare la sicurezza e la diversificazione degli approvvigionamenti, promuovere sviluppo economico.
Questi provvedimenti credo contribuiscano a creare una rete energetica più sicura, stabile, decentrata, democratica, trasparente e che assicura concorrenza e maggiore distribuzione delle risorse. Carbone o nucleare tendono a creare, per quanto ne so, mercato oligopolistici e grandi concentrazioni di capitali e profitti sia dal lato della produzione che da quello dell'approvvigionamento.
Conseguentemente contesto anche il fatto che il fabbisogno energetico, in particolare quello italiano, debba per forza crescere. In un quadro più generale di efficienza negli usi finali (mezzi puliti, edifici a basso consumo o addirituttura produttori di energia, apparecchiature ad alta efficienza, ecc.) credo che la domanda energetica possa essere contenuta, o addirittura ridotta.
Fatta questa lunga premessa vorrei sottoporre agli autori e ai partecipanti alla discussione alcuni punti, e chiedere loro conferma e valutazioni. E' vero che:
- negli ultimi 18 mesi il prezzo dell'uranio è quadruplicato (+300%) e che la produzione è in mano a pochi produttori, come risulta da questo rapporto http://www.evomarkets.com/assets/evobriefs/nw_1139953546.pdf
- i soli Stati Uniti hanno prodotto circa 500.000 tonnellate di uranio impoverito dalla produzione energetica negli ultimi 50 anni, che vengono utilizzate per la produzione di armamenti?
- 10.000 soldati sono morti e oltre 250.000 soldati americani dal 1991 al 2002 hanno contratto malattie direttamente collegabili all'uranio impoverito usato nei bombardamenti nel solo Golfo Persico? http://www.iraqlibero.at/pag/uran.htm
Se sì, dovremmo riconsiderare il prezzo ATTUALE dell'energia atomica alla luce di questi dati?
Gentile Lettore:
La spesa in combustibile rappresenta una quota minima sul costo totale, e quindi aumenti anche sostenuti del prezzo dell'Uranio non hanno conseguenze rilevanti sul costo finale dell'elettricità. Questa è la ragione per cui il nucleare viene considerato un'opzione per ridurre la dipendenza energetica
dei Paesi. E' vero però che l'Uranio è una risorsa finita, e per questo nuovi reattori -più costosi- dovranno essere impiegati una volta che le risorse di uranio si assottiglino. Per quanto riguarda l'utilizzo dell'Uranio per scopi militari, condivido le sue preoccupazioni ma credo si tratti di una questione separata.
In ultima analisi, i costi dell'elettricità nucleare devono essere valutati nell'ottica della salvaguardia dal riscaldamento globale e della dipendenza energetica: congiunto alle rinnovabili offrirebbe un'opzione per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra fin d'ora.



http://www.aprileperlasinistra.it/aprilerivista/articolo.asp?ID=1491&n=135 

Strategie sostenibili. Il passato non puo' vivere nel futuro

Andrea Masullo

 

La straordinaria crescita dei consumi energetici mondiali negli ultimi 50 anni, ed in particolare l’elevato livello dei consumi pro-capite nei paesi industrializzati, che inseguito a grandi passi dalla popolazione cinese rischia di far raddoppiare in pochi anni i consumi mondiali, rendono sempre più vulnerabili i sistemi energetici nazionali, in particolare quello italiano caratterizzato più di altri da un modesto livello di efficienza e da una elevatissima dipendenza dall’estero. In questo contesto, il raggiungimento del picco di estrazione del petrolio rende ancor più critico il soddisfacimento di una domanda che continua a crescere, provocando un forte aumento della conflittualità internazionale nelle aree di ubicazione dei principali giacimenti ed una conseguente impennata del prezzo del greggio, praticamente raddoppiato in un solo anno. Tale situazione, nonostante i tentativi strumentali di seminare un falso ottimismo di facciata, appare irreversibile per questa risorsa entrata ormai nella fase calante della sua disponibilità fisica. La crisi petrolifera sta provocando tensioni crescenti anche intorno alle altre fonti fossili che in teoria dovrebbero sostituirlo. E’ di questi giorni la crisi di approvvigionamento del metano; ma anche il prezzo del carbone, pur restando ancora al disotto degli altri due combustibili, sta subendo una forte e progressiva accelerazione, soffrendo anche più degli altri, in virtù delle suo maggior contenuto di carbonio, delle limitazioni imposte dal Protocollo di Kyoto.
Possiamo ben dire che l’era dei combustibili fossili si avvia verso il tramonto, un tramonto che giorno dopo giorno sembra essere più vicino di quanto fino a pochi anni fa si potesse ipotizzare. Se ciò, come tutte le grandi transizioni della storia, costituisce un enorme problema politico, economico e sociale, la sua ineluttabilità ci impedisce di giudicarlo semplicisticamente un male, ma piuttosto dovremmo considerarlo un bene ed una necessità per mitigare i cambiamenti climatici e garantire una vita più sicura e più pacifica all’umanità. Di fronte all’angosciosa insicurezza che genera un passaggio epocale di tale portata, nel desiderio istintivo di voler continuare nel futuro con un sistema che ha portato nel nostro paese e negli altri paesi industrializzati, ma solo in questi, grande prosperità, trova buon gioco chi semina illusioni, alcuni in buona fede, altri per interessi facilmente immaginabili, lasciando credere che basterà trovare la fonte giusta per sostituire il petrolio e il passato continuerà a vivere nel futuro.
Di fronte alle crescenti difficoltà del mercato delle fonti fossili di energia, si riaccende quindi il dibattito sull’energia, ma si riaccende in modo sbagliato, riaprendo una vecchia, inutile e fuorviante disputa fra nucleare e fonti rinnovabili, tutti convinti che il mondo possa continuare con l’attuale modello di consumi a perpetuare il passato nel futuro, per sempre. I nuclearisti ritengono che l’unica fonte che possa sostituire il petrolio e ridurre le emissioni di CO2 sia quella nucleare, a fronte di un contributo marginale delle fonti rinnovabili: “il nucleare è sostitutivo mentre le fonti rinnovabili sono integrative”. Anche se volessimo dimenticare per un attimo i gravissimi problemi ambientali, politici ed economici irrisolti che schiacciano la scelta nucleare, tale affermazione, tanto cara al centro-destra, ma anche ad alcuni politici di primo piano del centro-sinistra, è fondamentalmente falsa e nasconde ignoranza o malafede dei suoi sostenitori.
Basta guardare ad alcuni dati fisici incontestabili per rispondere alle seguenti domande.
Quanta energia viene utilizzata oggi nel mondo?
Le forniture ammontano 4, 6x1020 joule/anno (l’equivalente di 11, 1 Gtep = miliardi di tonnellate di petrolio) 1.
Perché cosa l’energia viene utilizzata?
Per circa un terzo serve a produrre elettricità, per un terzo calore e per l’ultimo terzo per i trasporti.
Quanta energia può dare la fissione nucleare?
Tutto l’Uranio esistente sulla Terra, se utilizzato con le attuali tecnologie di fissione, può dare 2x1023 joule2. Se consideriamo una stabilizzazione della popolazione mondiale a 10 miliardi di abitanti ed interventi di efficienza energetica che contengano la domanda energetica intorno ai 2x1021 joule/anno, la fissione nucleare potrebbe dare tutta questa energia per soli 100 anni. Ma questa è solo teoria. In pratica ciò non sarebbe possibile per i seguenti motivi.
L’energia nucleare può fornire solo elettricità, in quanto la sua pericolosità impedisce di posizionare le centrali in prossimità dei centri urbani, per poter utilizzare anche il calore prodotto; quindi può coprire al massimo un terzo della domanda energetica mondiale.
Ma neanche questo sarebbe possibile in quanto l’intero ciclo del combustibile nucleare, dall’estrazione dell’Uranio alla sua trasformazione in materiale fissile, alla realizzazione degli impianti necessari e della centrale stessa, fino alla gestione delle scorie ed alla chiusura degli impianti, richiede una gran quantità di petrolio, che rischiamo di non avere a disposizione fra qualche decennio. Si potrebbe produrre idrogeno come combustibile sostitutivo del petrolio, utilizzando l’elettricità prodotta, ma in tal caso l’uranio durerebbe molto meno dei 100 anni ipotizzati.
E quante centrali nucleari ci vorrebbero per soddisfare tutta la domanda energetica mondiale?
Oggi le 341 centrali nucleari esistenti coprono il 6, 8% dell’energia mondiale, corrispondente al 16, 6% dell’elettricità (la stessa quota fornita dall’energia idroelettrica)3, per una produzione totale di 2660TWh (terawattora), corrispondenti a 228, 78 Mtep. Per soddisfare la domanda energetica totale mondiale odierna ci vorrebbero quindi più di 1500 centrali nucleari. Solo in Italia ce ne vorrebbero almeno 150. Trovare i siti per localizzare gli impianti, i centri di produzione e riprocessamento del combustibile nucleare ed i siti per la gestione delle scorie, che siano stabili per centinaia di migliaia di anni, non è una impresa realisticamente praticabile. Considerando, oltre ai limiti sopra esposti, la rapida crescita dei consumi della Cina ed il fatto che non tutto l’Uranio sarà estraibile, questa fonte energetica potrà soddisfare il 30% della domanda mondiale di elettricità per non più di 40-50 anni, cosa che i suoi sostenitori si guardano bene dal far sapere ai cittadini. Per questo l’energia nucleare non può essere considerata una fonte sostitutiva ma solo integrativa.
Le fonti rinnovabili possono sostituire il petrolio?
Si continua a dire che le fonti rinnovabili possono costituire al più una integrazione ad altre fonti energetiche, in quanto troppo scarse per sostituire il petrolio; ma vediamo quale è la loro potenzialità reale. Il sole invia al limite esterno dell’atmosfera terrestre 5x1024 Joule/anno. Quindi ogni anno manda verso la Terra 25 volte tutta l’energia ottenibile una sola volta dalle riserve mondiali di uranio. Questa quantità corrisponde a più di diecimila volte i consumi energetici mondiali. Per soddisfare per sempre la domanda energetica mondiale basterebbe utilizzare un decimillesimo dell’energia solare disponibile, oppure la metà del potenziale geotermico mondiale (8x1020 Joule/anno), o un cinquemillesimo del potenziale eolico mondiale (2x1024 Joule/anno)4. Quindi quantitativamente le fonti rinnovabili possono abbondantemente sostituire i combustibili fossili, ma a patto che si rivedano radicalmente le tecnologie produttive ed i sistemi energetici.
Occorre cominciare a dire con estrema chiarezza e sincerità che il petrolio non ha sostituti, anzi che il sistema economico energivoro e consumista fondato sull’abbondanza di una fonte energetica trasportabile e a buon mercato, rappresenta una parentesi breve, unica e probabilmente irripetibile nella storia dell’umanità.
E allora un dibattito serio sulla questione energetica non può prescindere dalla revisione profonda del sistema economico-produttivo, da una profonda riconversione tecnologica, e da un modo nuovo di concepire il benessere, l’organizzazione sociale ed in ultima analisi gli stili di vita individuali.
Ciò che serve attuare è il passaggio da una gestione privata e centralizzata dell’energia, affidata al mercato, fondata su fonti energetiche esterne al nostro paese, com’è anche quella nucleare (potremmo riacquisire le competenze ma continueremo a non avere miniere di uranio), ad un sistema pianificato localmente sulla base delle fonti rinnovabili disponibili, e su di esse pianificare le attività economiche. Questo sistema deve essere fondato su di un ampia e fattiva partecipazione democratica per raggiungere i più elevati standard di efficienza e di qualità ambientale. Questa solo può essere una risposta realistica al bisogno di sicurezza ed indipendenza energetica. Un sistema pianificato localmente, che crea la sua continuità sulla base della continuità territoriale ed ecologica e sulla variabilità, la diversità e la stabilità della distribuzione delle risorse.
Passare da una pianificazione omogenea ed estranea al territorio ad una pianificazione che fa del territorio la sua base naturale di esistenza. Fare del termine spregiativo NIMBY, “non nel mio cortile”, una strategia del “non nel mio, ma neanche nel tuo, né nel suo cortile”; perché dalla difesa dell’integrità del proprio territorio, si realizzi una tessera di un mosaico che copra l’interesse del territorio del vicino, del proprio paese, dell’intero pianeta, offrendo a tutti, attraverso lo scambio di conoscenze e di esperienze, l’opportunità di un benessere dignitoso, felice e durevole, passando dalla competizione per accaparrarsi risorse altrui, alla cooperazione per utilizzare in modo intelligente le proprie.
Questa è la vera sfida del Protocollo di Kyoto che il nostro paese finora non ha saputo cogliere, e non una sterile e fuorviante polemica più ideologica che tecnica sulle fonti per sostituire il petrolio, destinata a diventare uno sterile esercizio dialettico che non porta a risultati e soluzioni concrete. Questa strada ha bisogno molto più di intelligenza che di materie prime, quell’intelligenza fin troppo umiliata dalle politiche sull’istruzione e sulla ricerca degli ultimi anni, ma anche da una classe imprenditoriale che anziché accettare le sfide del futuro si è arroccata nel difendere le posizioni di un passato irripetibile.
In questo scenario, il ruolo centrale passa dalle grandi compagnie elettriche alle amministrazioni locali e ai cittadini, che devono studiare, pianificare e promuovere il nuovo paradigma energetico.
Abbiamo visto che quantitativamente le fonti rinnovabili potrebbero abbondantemente soddisfare per sempre le esigenze energetiche dell’umanità, ma ciò presuppone un vero e proprio capovolgimento dell’attuale schema energetico e delle tecnologie produttive. Significherebbe spostare l’attenzione dal “mezzo”, cioè “la merce energia”, al “fine”, cioè al beneficio che vogliamo ottenere utilizzando l’energia. Essendo le fonti rinnovabili di energia per lo più distribuite sul territorio a bassa concentrazione e disponibili in diversa forma in ogni angolo del pianeta, il loro utilizzo ha bisogno del passaggio ad un sistema energetico decentralizzato, realizzato su piccola scala ed utilizzando le fonti presenti sul territorio in sistemi ed applicazioni ad alta efficienza. Ciò comporterebbe un controllo locale delle fonti ed un coinvolgimento diretto e responsabile dei cittadini nelle scelte e riequilibrerebbe un modello che oggi vede un cittadino dei paesi OCSE (dove vive circa un sesto della popolazione mondiale) consumare annualmente circa 4, 75 tep (tonnellate equivalenti di petrolio) a fronte degli 0, 98 tep di un cittadino del resto del mondo, portando gradualmente tutta l’umanità ad ottenere i servizi energetici desiderati utilizzando solo 1-1, 5 tep pro capite.
La cogenerazione di calore ed elettricità in piccoli impianti connessi a reti locali di distribuzione, con l’opportunità di produrre presso i punti di allacciamente degli utenti della rete del calore anche il raffrescamento attraverso cicli frigoriferi ad assorbimento, rappresenta uno schema energetico dove trovano grande convenienza gli interventi di miglioramento dell’efficienza termica degli edifici, dei sistemi di illuminazione, degli elettrodomestici, delle apparecchiature elettroniche, come pure la collettivizzazione dei servizi energetici come il lavaggio dei panni a livello di condominio o di zona, e la diffusione di pannelli elio-termici e foto-voltaici.
Se un sistema energetico come questo si diffondesse su scala mondiale potremmo ritenere scongiurato il pericolo rappresentato dai cambiamenti climatici, rimosse le principali cause di conflitti e disinnescato il connubio esplosivo fra controllo delle fonti energetiche e potere.
Da queste sintetiche considerazioni la conclusione che possiamo trarre è che non esisterà mai una crisi di mancanza di energia. Le crisi energetiche sono crisi legate alla gestione di un enorme potere economico; sono piuttosto da considerarsi crisi di mancanza di democrazia, crisi di una politica che non sa più opporsi allo strapotere dei mercati, frutto di un conflitto fra potere economico ed interesse collettivo; sono il frutto di una politica che non sa gestire nell’interesse collettivo risorse essenziali come l’acqua, l’aria, la fertilità della terra e l’energia.
______________________

1 Dati 2004 tratti da Enerdata, France

2 S.S. Penner, “Energy Flows in Ecology and Economy”, in “Advanced in Energy Studies (MUSIS, Roma, 1998)

3 Dati 2002 tratti da “Keyworld Energy Statistics 2004” dell’International Energy Agency (IEA)

4 Tutti i dati citati in questo paragrafo sono tratti da S.S. Penner, “Energy Flows in Ecology and Economy”, in “Advanced in Energy Studies (MUSIS, Roma, 1998)

http://www.machiavellicenter.net/rawmaterials/edn.htm 

Risorse, materie prime e conflitti strutturali: un progetto di ricerca

Prof. Ennio Di Nolfo

Università di Firenze


Il tema delle materie prime non è nuovo dal punto di vista storiografico. Nemmeno è nuovo il progetto di cercare un filo conduttore nel valutare l'importanza del tema nell'ambito dei conflitti internazionali. Qual è dunque il contributo originale al quale la ricerca che stiamo elaborando intende pervenire?
Che la lotta per le materie prime sia stata alla base di infiniti conflitti è evidente sin dalla preistoria, quando gli uomini si combatterono per il controllo di una terra di pascolo o di una miniera di ferro. Il mutare delle conoscenze modificò i termini del problema, non la sua natura, considerata dal punto di vista concettuale. Si combattesse per l'oro, il grano, il petrolio o l'uranio, la natura era la medesima, poiché riguardava sempre la capacità di disporre di una risorsa strategica o per la sopravvivenza o per il predominio.
La questione si pone in termini più aperti e controvertibili quando si cerca di correlare, come è pur stato fatto sul piano generale dai teorici dell'imperialismo, materie prime, processi produttivi, flussi finanziari, mutamenti tecnologici, trasferimento dei prodotti finiti, trasferimenti tecnologici e demografici, commercio internazionale e organizzazioni giuridiche di questo. L'intersezione fra questi elementi offre prospettive più complesse e, se trasferita dal piano teorico a quello empirico dell'esame dei casi, propone una griglia interpretativa alla cui costruzione è interessante collaborare.
Il punto di intersezione principale riguarda probabilmente i concetti di materie prime e tecnologia. La funzione di una materia prima è correlata anzitutto a una tecnologia che ne avvalori l'uso. Senza la scoperta delle tecniche di estrazione e raffinazione, il petrolio poteva rimanere per secoli inutile e inutilizzato. I processi produttivi sono a loro volta legati alla tecnologia e quelli finanziari costituiscono la cornice o il presupposto o l'effetto del processo tecnologico medesimo.
Bisogna dunque anzitutto correlare, mediante esempi concreti, il concetto di materia prima e tecnologia. Mi spiego in modo più chiaro.
Se circoscriviamo l'analisi al periodo successivo alla prima rivoluzione industriale, la tecnologia riguarda la capacità di produrre energia con metodi diversi dal lavoro dell'uomo, così da poter produrre più merci a costi inferiori. "Senza dubbio, scrive un fisico dell'Università del Maryland -J.B. Marion- l'energia è il concetto fisico più importante che si incontra in tutta la scienza"
In questo caso la tecnologia è quella della macchina a vapore e la materia prima è il carbone, la cui combustione consente la produzione del vapore compresso che genera energia. La cornice finanziaria si concentra nel rapporto costi di produzione/profitti. Dati questi presupposti, la prima rivoluzione presuppone il controllo della materia prima carbone e degli impianti utili per trasformarlo non solo in fonte di calore ma anche di energia. Non è un caso che la Gran Bretagna sia all'origine della prima rivoluzione industriale e che questa si manifesti nell'Europa continentale in prossimità dei bacini carboniferi, che diventano carbosiderurgici, poiché la siderurgia è il primo prodotto della nuova tecnologia. E' appena il caso di osservare dunque che la nuova accumulazione di ricchezza sia condizionata dal controllo dell'area renana, di quella della Slesia, di quella del bacino del Don o di altre regioni che, per loro collocazione meno strategica, provocano meno conflitti. Forse si potrebbe aggiungere che anche il controllo di altre materie prime (il cotone greggio per l'industria tessile) o quello dei mercati di sbocco dei prodotti rappresentano variabili non marginali rispetto al processo produttivo. Ciò è ben vero ma la necessità di rendere più lineare l'argomentazione richiede che essa si arresti alla prima fase. Il tema acquista valenza storica internazionale in diversi sensi: nel senso diretto, come contesa per il controllo e il trasferimento di risorse necessarie; in quelli meno diretti, relativi alla destinazione del prodotto (mercato interno/ mercato internazionale, protezionismo/liberismo) e relativi alla destinazione dei profitti. A sua volta questa, che nella fase del carbone ha forse un valore meno appariscente dal punto di vista quantitativo, rivela la sua evidenza se si esamina l'assetto proprietario delle maggiori imprese, la nazionalità o internazionalità dei capitali esistenti, la destinazione ultima del profitto, cioè il mercato finanziario che esso alimenta.
L'insieme di questi temi acquista spessore ancora maggiore con la seconda rivoluzione industriale. La scoperta dell'energia elettrica e del modi di riprodurla sul piano industriale diedero una nuova scossa a tutti i sistemi produttivi. In quelli più avanzati, l'energia elettrica prese il sopravvento sul carbone. Non fu mai un sopravvento completo. Se è vero che nei mesi scorsi è stata chiusa l'ultima miniera della Saar, resta pur vero che in Cina circa l'80 per cento dell'energia elettrica viene ancora prodotta con il carbone.
L'energia elettrica può infatti essere prodotta almeno in quattro modi, che richiedono diverse materie prime (escludo l'energia eolica, quella solare, ecc. poiché hanno una rilevanza quantitativa marginale). I quattro modi sono: lo sfruttamento della caduta di acque nei condotti delle turbine che producono energia; l'uso del carbone; quello del petrolio e quello dell'uranio. Rappresenta già un elemento utile per orientare la ricerca la conoscenza, forse facilmente acquisibile, della distribuzione quantitativa dei sistemi di produzione e le tendenze in atto. E' verosimile che il declino del nucleare, l'inquinamento derivante dall'uso del carbone e la relativa limitatezza dell' elettricità prodotta da turbine a acqua lascino il primo posto al petrolio (almeno sino a quando la "fusione fredda" non sia divenuta una realtà prima scientifica e poi industriale). Vale la pena di osservare, di passaggio, che non a caso la grande industria italiana prosperò nell'area subalpina, grazie ai grandi impianti elettrici azionati dalla caduta di acqua.
Pur trascurando la caduta d'acqua come elemento conflittuale, considerata la difficoltà di trasportare questa materia prima, si pone allora, sul piano storiografico la questione di correlare la localizzazione delle materia prime tradizionali (carbone) o nuove (petrolio e uranio o torio) rispetto alla produzione di elettricità e di esaminare se, quando, dove e come questo aspetto produca conflitti e abbia ricadute finanziarie. Se si tralascia il caso, già toccato, del carbone, diviene necessario concentrarsi sulle risorse petrolifere e su quelle di minerali radioattivi.
Senza eccedere nell'esame dei casi, appare utile indicare le aree geografiche dove queste risorse esistono, quale la loro importanza quantitativa nel processo produttivo, quale è il regime proprietario delle specifiche risorse, quale il regime commerciale e giuridico del trasferimento delle risorse stesse.
Queste possono appartenere a soggetti privati o a soggetti pubblici, secondo una varietà di regimi giuridici assai complessa: dalla proprietà statale, al regime di concessione onerosa secondo clausole variabili.
Importa anche conoscere il luogo di utilizzazione delle materie prime (in particolare del petrolio), se interno o esterno al paese possessore, per collegare i vari punti toccati in precedenza con il problema dell'utilizzazione della risorsa prima. Infatti l'utilizzazione cambia secondo che il regime proprietario sia privato; di controllo in concessione; di controllo finanziario; di controllo tecnologico; di controllo pubblico, cioè politico. Tutti casi che pongono la questione di conoscere la natura politica del rapporto fra chi controlla la materia prima e chi la utilizza e secondo quali regole.
L'utilizzazione non diretta di materie prime (che è il caso più frequente nella storia della produzione successiva alla seconda rivoluzione industriale) enfatizza il problema delle regole per lo sfruttamento e suscita anche la questione della destinazione ultima del prodotto finito.
In tal senso una profonda divaricazione va messa in luce tra il tema dell'uranio/torio e quello del petrolio. Nel primo caso, il controllo del minerale è relativamente agevole, circoscritto e condizionato dalla natura del prodotto, più che dall'assetto proprietario. Non esiste più, a quanto pare, un problema di scarsezza di uranio arricchito per la produzione di energia elettrica e non esiste più il problema dell'uso di minerale arricchito per produrre energia destinata a usi militari. Questo tema ha assillato gli anni dal 1949 al 1991. Esso potrà riproporsi in avvenire, ma l'esame storico dei conflitti suscitati, sul piano industriale, tecnologico e militare dall'utilizzazione dell'energia nucleare costituisce un ambito dai confini ben delimitati. E altrettanto ben caratterizzati come uno dei temi che conferiscono maggiore evidenza al rapporto materia prima, tecnologia, processo produttivo e conflitti internazionali (assai meno rilevanti, forse, gli aspetti finanziari). Proprio la relativa compiutezza di questa faccia della medaglia consente di individuare tutti gli aspetti del quadro che si vuole comporre e di collocarli in un contesto dove i collegamenti conflittuali di natura internazionale sono più che evidenti - anche perché resi manifesti dall'utilizzazione della materia prima come materiale bellico. La coincidenza di questa tematica con l'arco cronologico della guerra fredda, intesa in senso lato, favorisce l'intersezione. Il problema di fondo diviene quello di capire se e fino a che punto questo tema dominasse il conflitto o ne fosse piuttosto un aspetto, importante ma simbolico, più che reale: talché il valore della materia prima e il problema del suo controllo tendono a diventare marginali rispetto al nuovo tema affiorante: la progressione tecnologica. Ciò pone il problema di inserire la variabile tecnologica nel quadro della teoria generale del rapporto conflitti/materie prime, che costituisce il fulcro di tutta la nostra ricerca. Qui il rapporto materia prima- controllo- sfruttamento- produzione di energia- destinazione dell'energia - usi pacifici o militari della stessa sono stati intrecciati a una serie di processi politici facilmente identificabili anche se difficili da districare. In tal senso, questo aspetto della ricerca che tende a costituire un modello delle possibilità di correlazione fra risorse prime e storia delle relazioni internazionali si pone nel modo più preciso.
Invece tende a sfuggire la complessità del ruolo del petrolio. A tale proposito è necessaria una prima considerazione relativa, in generale, all'estensione delle aree geografiche interessate al fenomeno. E, all'interno di questa, fra aree controllate da soggetti giuridici, privati o pubblici, interne a un sistema produttivo che esaurisce la risorsa o esterne a esso. Le prime di queste aree non pongono problemi internazionali se non sul piano finanziario. Le altre pongono tutte, in varia maniera, problemi internazionali, sia quando le risorse sono già sfruttate sia, e forse soprattutto, quando sono nella fase preliminare rispetto allo sfruttamento. Si dovrebbero qui richiamare alcune considerazioni svolte a proposito del carbone, ma forse è sufficiente aver fatto questa osservazione.
Il rapporto fra chi controlla il petrolio e chi lo acquista per destinarlo al proprio modo di produzione produce un vero e proprio reticolo di relazioni internazionali, oggetto di estesa letteratura. In altri termini, lo sfruttamento delle risorse di idrocarburi (per usare l'accezione più generale) può avvenire mediante una serie di criteri giuridici, di scambi politici, di scambi tecnologici, di relazioni finanziarie, di conflitti militari da richiedere che l'insieme sia destrutturato in varie ipotesi di ricerca, che possono toccare o la suddivisione geografica o un determinato profilo del rapporto. Da un punto di vista pratico e meno generale, ciò che importa chiarire bene è la possibilità di istituire un rapporto di causa/effetto fra il bisogno di controllare gli idrocarburi e l'effettiva esistenza di azioni politiche o politico-finanziarie mirate a tale obiettivo; e la misura in cui queste attese abbiano generato (nei casi specifici esaminati) tensioni conflittuali limitate o generali. Per dirla in modo banale ma diretto: il conflitto deriva dalla volontà di potenza e dalla necessità per un sistema produttivo di disporre di questa fonte di energia o, viceversa, l'esistenza attuale o potenziale di risorse petrolifere accende motivi di conflitto? La classificazione storica contribuirà a dare una serie di risposte a queste domande specialmente in relazione all'area mediorientale, a quelle nordafricana a quella della penisola arabica e a quella russa.
Non proprio tra le fonti primarie della produzione di energia ma come tema emergente rispetto ai processi produttivi si pone il problema del regime di sfruttamento delle risorse idriche. In molti casi, questo è un tema che riguarda la politica ambientale interna di un paese. Ma in altri casi questo è un elemento nuovo che va tenuto presente poiché riguarda una risorsa energetica indispensabile per la sopravvivenza della specie. Inoltre la scarsità delle risorse idriche è già elemento di conflitto in alcuni casi abbastanza noti e potrà diventare un aspetto conflittuale del processo produttivo qualora il tema, oggi presente in modo non diffuso, acquisti una maggiore rilevanza.
L'intreccio fra materie prime e tecnologia è apparso con evidenza sin dalla prima rivoluzione industriale. La terza rivoluzione industriale, quella espressa del concetto di età tecnologica, pone in termini diversi il problema. Ora, il processo produttivo, per sua natura, poggia prima sulla tecnologia che sulle materie prime di cui essa si vale. Perciò l'esistenza e il trasferimento di un certo know how divengono essi stessi elementi del quadro che stiamo costruendo. Sono elementi che riguardano tematiche lineari quando il trasferimento ha luogo fra chi possiede tecnologia e chi non ne possiede e deve entrarne in possesso, secondo un diverso grado di sofisticazione. In questo caso si pone il problema di capire sino a che punto il trasferimento tecnologico rappresenti una nuova versione del rapporto coloniale e abbia contenuti conflittuali.
Quando il processo tecnologico mette a confronto condizioni non eguali ma analoghe, acquista senso chiedersi se ciò preluda a una globalizzazione accompagnata dalla inevitabile propagazione di un sapere comune oppure se un divario tecnologico anche modesto si possa riflettere sul piano politico.
Nel caso opposto, si apre il ventaglio dei problemi, classici dal punto di vista dello studio della colonizzazione, della qualità, della natura e dei modi del trasferimento. Così come per le risorse prime, anche i trasferimenti tecnologici richiedono forme organizzative che possono essere esaminate nella loro natura e delle quali, in questa sede, e dal mio punto di vista, risulta importante percepire la portata conflittuale, effettiva o potenziale. La politica commerciale può essere organizzata o lasciata ai rapporti di forza, ovvero a una combinazione fra i due aspetti. Le conseguenze generali del trasferimento affiorano, infine, come conseguenze più o meno remote del processo che ho cercato di proporre in termini sintetici. Mi rendo conto del fatto che lo scibile chiamato in causa supera di gran lunga le capacità individuali e richiede una convergenza di competenze, come quella che si verifica in questo convegno.


http://www.machiavellicenter.net/rawmaterials/nicofrandi.htm 

La questione dell'uranio negli anni Quaranta e Cinquanta

Dott. Nico Frandi

Istituto Universitario Europeo - Firenze

 

Parlare oggi della questione dell'uranio negli anni quaranta e cinquanta come di un problema di politica internazionale può apparire quanto meno stravagante e non a torto può evocare concetti quali quelli di mito, leggenda, vana speranza. Eppure la questione del controllo dell'uranio occupò una tale centralità e priorità negli alti circoli decisionali americani per almeno un de-cennio da generare scelte e produrre azioni cariche di notevoli conseguenze sia per quanto ri-guarda le relazioni est-ovest sia per quanto concerne i rapporti tra gli Stati Uniti e gli alleati del blocco occidentale. Occuparsi della questione dell'uranio negli anni quaranta e cinquanta significa perciò e in primo luogo occuparsi della politica americana in quegli anni.

Nel tentativo di ricostruirne l'andamento si possono individuare due distinte fasi. La prima fase va dal settembre 1942, dalla nomina del Generale Leslie Groves a capo del Manhattan En-gineer District, al dicembre 1953, ossia alla proposta in seno all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del progetto Atoms for Peace da parte del Presidente Eisenhower. Questa fase fu contraddistinta dalla segretezza e dall'approccio unilaterale degli Stati Uniti; segretezza a scopo mili-tare durante gli ultimi anni della seconda guerra mondiale, segretezza a scopo essenzialmente civile-industriale dopo il McMahon Act passato dal Congresso americano nel 1946. La seconda fa-se va dal 1954 sino ai primi anni '60, caratterizzata dalla soppressione del segreto scientifico, dall'avvento del controllo internazionale della materia prima in strutture e secondo procedure multilaterali, dal contemporaneo avvio dello sviluppo industriale del nucleare e della prima proliferazione degli ordigni nucleari. Ciò che risulta interessante, nell'ambito di questa ricerca, è la profonda linea di continuità che emerge nella politica americana e nella concezione che gli Stati Uniti ebbero della propria posizione egemonica in seno alla comunità internazionale, sia pur tenendo conto del mutamento di strategia dalla prima alla seconda fase e più in generale dei radicali cambiamenti che segnarono il passaggio dalla guerra combattuta alla guerra fredda sino alla prima fase della distensione nell'arco del ventennio considerato. Una linea di continuità che per certi versi arriva fino ai nostri giorni, riproponendo il tema del gap tecnologico e della ineguale distribuzione di risorse immutato sia pur sotto diverse spoglie (basti pensare, per fare un solo esempio, alla quanto mai attuale questione della difesa e della sicurezza e al relativo rapporto tra Stati Uniti e Europa).

La questione del controllo dell'uranio come problema di politica internazionale affonda le sue radici negli anni della seconda guerra mondiale. La segretezza fu uno dei cardini sui quali l'intera questione fu improntata, ben al di là degli anni del conflitto bellico. Fu lo scienziato Leo Szilard, della Columbia University di New York, a rivolgere per primo nel 1939 un appello ai suoi colleghi in America e in Europa affinché fosse mantenuto il più stretto riserbo sui risultati raggiunti negli esperimenti di fisica nucleare. Nell'estate di quello stesso anno Einstein scrisse direttamente al presidente Roosevelt per metterlo al corrente della straordinaria possibilità che la scienza nucleare aveva in quegli anni prospettato: la fabbricazione di "una bomba molto potente di un nuovo tipo". Nella sua lettera Einstein indicava anche le fonti di uranio nel mondo allora note: in Canada, nell'ex-Cecoslovacchia e soprattutto nella colonia belga del Congo, nella regione del Katanga. Dall'ottobre del 1939, momento in cui il presidente Roosevelt si decise a rispondere allo scienziato tedesco, la questione del controllo dell'uranio fu sempre presente negli alti circoli decisionali degli Stati Uniti, sino a occupare una posizione dominante nelle scelte strategico-militari e politiche, durante la seconda guerra mondiale e poi negli anni della guerra fredda, per poi perdere d'importanza nella fase della prima distensione agli inizi degli anni sessanta.
La segretezza sul Manhattan Project, il progetto americano per la costruzione del primo ordigno atomico, fu sentita come una esigenza imprescindibile da colui che ne fu nominato capo il 17 settembre 1942, il Generale Leslie Groves. Se l'uranio costituiva la materia prima indispensabile alla costruzione di un ordigno nucleare, il controllo dello stesso rappresentava il primo fondamentale passo da compiere, ammesso che il minerale fosse una materia prima scarsa. La presunta scarsità dell'uranio e la segretezza del progetto nucleare furono pertanto due elementi strettamente legati tra loro e costituirono le due premesse basilari su cui gli Stati Uniti elaborarono i piani per una costosissima campagna diplomatica di acquisizione e controllo dell'uranio. Comprendere l'importanza di queste due premesse significa capire più a fondo le ragioni della collaborazione anglo-americana, ma anche le difficoltà di quella "special relationship"; significa scorgere una possibile ulteriore (o alternativa) ragione per la scelta di Truman di impiegare la bomba atomica sul Giappone; significa, soprattutto, individuare una delle cause che furono all'o-rigine della guerra fredda. In questa sede, sia per ovvie ragioni di tempo sia per dar maggior risalto a quella linea di continuità nella politica americana a cui ho fatto riferimento poc'anzi, tralascerò i primi due aspetti per concentrarmi esclusivamente su l'ultimo di essi, ossia il controllo dell'uranio come causa della guerra fredda.

Durante gli anni della seconda guerra mondiale, la competizione per lo sfruttamento milita-re dell'energia sviluppata con la fissione nucleare aveva riguardato soltanto la Germania e gli Stati Uniti. Francia e Inghilterra, le quali erano state le prime a avviare un programma nucleare, avevano visto bloccare la loro iniziativa dall'offensiva tedesca. Una volta che la guerra fosse definitivamente conclusa - per di più con l'impiego della bomba atomica e la dimostrazione al mondo intero della completa possibilità della sua fabbricazione - la segretezza sulle informazioni scientifiche non sarebbe durata a lungo, come anche gli scienziati che avevano preso parte al progetto americano non trascurarono di ammonire. Era prevedibile che in numerosi paesi prendesse corpo la volontà politica di avviare, o potenziare, la ricerca nucleare per poter sfruttare le potenzialità militari e industriali dell'energia nucleare. Nell'estate del 1945 due paesi sarebbero usciti dal conflitto mondiale con una posizione dominante nel nuovo assetto politico internazio-nale ma reciprocamente contrastante sul piano politico e ideologico: gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica. Quest'ultimo paese aveva avviato un programma per l'esplorazione delle fonti di uranio presenti sul suo territorio e per i possibili impieghi scientifici di tale materia prima sin dall'estate del 1940; un primo progetto atomico era decollato nell'estate del 1942 ma l'accelerazione verso la fabbricazione della bomba atomica giunse solo nell'agosto 1945 per volontà di Stalin.

Questo preciso quadro della situazione politica internazionale era stato oggetto di una lungimirante analisi da parte di Leslie Groves, il quale, sin dai primi momenti della sua nomina a capo del Manhattan Project, aveva considerato l'Unione Sovietica come il vero nemico da battere; il nemico contro il quale sarebbe stato necessario organizzare nella massima segretezza una campagna per l'acquisizione e il controllo dell'uranio, il nemico contro il quale sarebbe stato tenacemente difeso il monopolio atomico. Truman e la sua amministrazione si allinearono a questo disegno politico solo tra la primavera e l'estate del 1945, vale a dire tre anni dopo che esso era stato concepito e attuato con metodica ostinazione per volontà di un solo uomo. Questo dice anche quanto potere avesse accumulato Groves, assieme a una ristretta sfera di stretti collaboratori militari, all'interno dei circoli politico-decisionali americani. Non a caso tra i negoziatori anglo-americani incaricati di trattare con paesi terzi per il controllo delle loro materie prime, dal Belgio nel 1944 sino al Sud Africa nei primi anni cinquanta, furono sempre presenti militari. Ancora più sintomatico è il fatto che sino all'approvazione nel Congresso degli Stati Uniti dell'Atomic E-nergy Act del 1946, il settore civile americano, Senato compreso, restò quasi completamente all'oscuro della politica estera americana in materia di controllo dell'uranio.
Sino all'accordo tripartito del settembre 1944 tra Stati Uniti, Inghilterra e Belgio, pietra angolare della diplomazia americana del controllo dell'uranio, il bisogno di questa materia prima era stato dettato dalle necessità del Manhattan Project e la campagna per l'acquisizione del minerale era stata scandita dai ritmi della guerra. Dall'ottobre 1944, nel momento in cui tutto l'uranio congolese era stato assicurato agli Stati Uniti e il Combined Policy Committee - il comitato allea-to istituito da Roosevelt e Churchill nell'agosto 1943 per dirigere la diplomazia dell'uranio - aveva approvato un rapporto sulle fonti del minerale esistenti nel mondo stimando un controllo anglo-americano di oltre il 90% delle fonti di uranio allora note, la diplomazia dell'acquisizione delle materie prime radioattive (uranio ma anche torio) fu intenzionalmente perseguita per precluderne l'accesso a ogni altro paese e, con ciò, per ritardare il più possibile la realizzazione di ogni altro progetto atomico, primo fra tutti quello dell'Unione Sovietica.
Continuando a basarsi sul corollario della segretezza e sulla premessa della scarsità, il controllo dell'uranio divenne l'altra faccia, quella nascosta, della politica estera americana, la cosiddetta "politica di preemption." Tra il 1945 e il 1947, mentre da una parte gli Stati Uniti si mostra-rono disponibili a una politica del dialogo con l'Unione Sovietica, e si fecero artefici di iniziative di grande respiro sul piano internazionale (quali la proposta Acheson-Lilienthal alle Nazioni Unite per il controllo internazionale dell'energia nucleare), dall'altra essi attuarono la politica di preemption con ingente sforzo e con senso di urgenza, allo scopo di ritardare all'Unione Sovietica il conseguimento della bomba atomica. Negoziati segreti furono condotti con il Brasile, l'Olanda, la Svezia nel corso del solo 1945. Si trattava di ottenere il massimo controllo possibile di uranio e torio (Groves auspicò il raggiungimento in breve termine di un monopolio anglo-americano sull'uranio al 97,5%), prima che un accordo internazionale impedisse a tutti di accedere liberamente a quelle materie prime. Dopo il fallimento del piano Acheson-Lilienthal, per l'op-posizione del delegato sovietico in seno all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la campagna diplomatica per il controllo delle materie prime non perse il suo tono aggressivo e non fu mai completamente interrotta, anche se fu condotta con ritmi altalenanti e brusche accelerazioni. Una di queste fu impressa nel 1950, dopo la scoperta della prima esplosione atomica da parte dell'Unione Sovietica e l'emergere della fitta rete dello spionaggio sovietico in seguito all'arresto di Klaus Fuchs; tuttavia, non si trattava già più di politica di preemption - palesemente fallita - bensì di corsa agli armamenti.
La politica di preemption conteneva in sé i germi del fallimento; non solo essa era scaturita da una premessa infondata, quella della scarsità dell'uranio - di cui gli Stati Uniti si sarebbero resi conto pienamente solo nel 1952, di fronte alle numerose e consistenti scoperte di nuovi giacimenti di uranio nel mondo - ma era stata concepita per dare i suoi frutti solo se attuata nella massima segretezza. Proprio questo aspetto, più di ogni altro, colloca il controllo dell'uranio tra le cause che scatenarono la guerra fredda. Stalin ricevette informazioni sui progressi americani in materia di energia nucleare sin dal 1942-43, ma ciò non lo spinse a sviluppare con la stessa celerità e gli stessi sforzi degli Stati Uniti il proprio programma nucleare. Questo fu fatto solo a partire dal 18 agosto del 1945, dopo che gli Stati Uniti avevano usato la bomba atomica contro il Giappone e, soprattutto, dopo che Stalin era stato informato, presumibilmente dalla spia Donald Maclean, dei negoziati che gli anglo-americani avevano avviato con il Brasile, l'India, l'Olanda e la Svezia per il controllo del torio e dell'uranio. La politica di preemption, con il suo obiettivo del raggiungimento di un monopolio dell'uranio, se valutata oggi, appare come uno stravagante e ambizioso progetto di supremazia, tanto globale nella sua portata quanto impossibile da realizzare concretamente. D'altra parte, come afferma Helmreich, "se il sogno era stato così potente da produrre la bomba, perché non avrebbe potuto essere abbastanza potente da ispirare visioni di egemonia?"
Nel 1945 la politica di preemption mostrò ai sovietici la duplicità dell'atteggiamento degli Stati Uniti. La diplomazia occidentale del controllo dell'uranio, in quanto nota a Stalin, alimentò i suoi sospetti sui reali propositi degli Stati Uniti in una fase fluida ed embrionale delle relazioni est-ovest e spinse l'Unione Sovietica a raggiungere il traguardo dell'atomica nel tempo più breve possibile. La guerra fredda aveva avuto inizio, nella mente di Groves, nel settembre 1942; essa si era tradotta da subito in azioni concrete le quali, tuttavia, erano confluite in un più vasto e ufficiale progetto di politica estera americana solo dalla primavera/estate del 1945. Gli Stati Uniti avevano, per così dire, anticipato la guerra fredda, ne avevano introdotto una causa destinata a durare almeno sino al 1949.

A partire da quella data e sino al 1952, il controllo dell'uranio fu più una conseguenza che una causa dello scontro bipolare. La competizione tra le superpotenze si spostò sul piano della tecnologia produttiva di testate nucleari e dei relativi vettori di trasporto. Con la scoperta di nuove e abbandonanti fonti di uranio nel 1952, la guerra di Corea, l'ingresso dell'Inghilterra nel club atomico e la contemporanea esplosione del primo ordigno termonucleare da parte dell'Unione Sovietica, erano venute meno le due premesse della scarsità e della segretezza sulle quali la di-plomazia americana dell'uranio era stata costruita. Se aveva avuto senso difendere un monopolio americano della materia prima e dell'ordigno atomico sino al 1949, durante la prima metà degli anni cinquanta assumeva crescente importanza la difesa di un monopolio tecnologico per l'impiego sia militare sia civile dell'energia nucleare. Con il piano Atoms for Peace, Eisenhower intese assicurare agli Stati Uniti negli anni a venire la leadership nella fornitura di reattori nucleari e di know-how scientifico agli alleati in Europa e altrove. Presentato come un'opportunità per contenere la proliferazione nucleare sotto l'egida delle Nazioni Unite, facilitare le relazioni est-ovest e promuovere l'impiego pacifico dell'energia atomica, il piano di Eisenhower consentì l'effettiva instaurazione di un regime internazionale di controllo e di sviluppo di energia nucleare a scopi pacifici ma portò anche un notevole vantaggio economico agli Stati Uniti dal momento che il solo reattore nucleare ad essere commercializzato su scala mondiale divenne il Light Water Reactor, ossia il reattore di produzione americana. I cardini della nuova strategia americana divennero da una parte la creazione di una Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica con un sistema di garanzie per impedire applicazioni militari dell'energia nucleare, dall'altra gli accordi bilaterali di cooperazione in materia di energia nucleare con i quali gli Stati Uniti consentirono a 26 paesi, nel corso di pochi anni, di dotarsi di reattori nucleari, know-how e uranio arricchito per l'avvio di un'industria nucleare nazionale in cambio della rinuncia all'impiego militare. Nell'ambito degli accordi bilaterali, merita particolare menzione l'accordo concluso con la neonata Euratom, nel novembre 1958. Nello stesso anno in cui gli Stati Uniti annunciarono la cessazione delle importazioni di uranio (invalidando così ufficialmente la premessa della sua scarsità), la fornitura di uranio arricchito ai sei paesi fondatori del processo di integrazione europea e la sovvenzione finanziaria di programmi di ricerca a scopi pacifici delimitavano gli ambiti di autonomia dell'Europa sul piano nucleare e confermavano la politica del controllo americano. Una politica non più improntata alla segretezza e all'azione unilaterale, come era stato durante gli anni '40, bensì retta da schemi di aperta cooperazione multilaterale ma non per questo meno efficace e duratura, in quanto fondata sulla superiorità tecnologica.

Se è lecito affermare che con la politica nucleare dell'Atoms for Peace gli Stati Uniti aumentarono la sicurezza del blocco occidentale durante le fasi più aspre del confronto bipolare creando le condizioni per la firma del trattato sulla messa al bando degli esperimenti nucleari nel 1963 e del trattato di non proliferazione del 1968, è pur vero che non fu risolto il problema della distribuzione di risorse scarse. In un mondo ideologicamente diviso in blocchi, con una comunità internazionale frammentata in super, medie e piccole potenze e un altrettanta disomogeneità tra paesi in via di sviluppo e paesi in corso di decolonizzazione, la questione del controllo di risorse economiche scarse e del loro impiego per fini politici diventa cruciale. Scrive Kratochwil che "il multilateralismo è attuabile solo quando i partecipanti accettano come criterio guida la reciprocità diffusa oltre ad adottare principi generali non discriminatori." In questo senso, il piano Atoms for Peace e la conseguente politica americana in materia di energia nucleare ebbero connotazioni più unilaterali che multilaterali e furono rivolti alla realizzazione di un preciso interesse economico nazionale. Dopo il 1954, la risorsa economica da distribuire non era più l'uranio ma la tecnologia nucleare. Dopo il 1958, la dipendenza dei paesi europei, nonché degli altri paesi gravitanti nell'orbita occidentale, dagli Stati Uniti non riguardò soltanto la sicurezza fornita in modo più o meno credibile dall'ombrello atomico ma investì anche lo sviluppo industriale e commerciale in materia nucleare. Il passaggio dal controllo militare al controllo civile dell'energia nucleare verificatosi negli Stati Uniti nell'immediato dopoguerra, così come l'internazionalizzazione del controllo della materia prima nel 1954 non alterarono la natura egemonica della politica americana.



http://www.lavoce.info/news/view.php?cms_pk=1546    

16-05-2005
La chimera del nucleare 

Raffaele Piria Germana Canzi

Chi auspica il ritorno alla fissione nucleare in Italia adduce spesso come argomento un presunto isolamento del paese sulla questione. In realtà, come mostra il grafico, la crescita dell’industria nucleare è bloccata da tempo.

I reattori nel mondo

Nel 2004 erano attivi a livello globale 441 reattori, quattro in meno rispetto al picco storico del 2002. Solo quarantatre sono entrati in servizio negli ultimi dieci anni, mentre nel decennio 1980-1989 ne erano stati inaugurati 209. La situazione è descritta nei dettagli dalla IAEA:

 

LATEST NEWS RELATED TO PRIS AND THE STATUS OF NUCLEAR POWER PLANTS

Current status of the nuclear industry:
  • 441 nuclear power reactors in operation with a total net installed capacity of 374.692 GW(e)
  • 5 nuclear power reactors in long term shutdown
  • 60 nuclear power reactors under construction
2010 Highlights:
  • New connection to the grid:
    • Rostov 2 (950 MW(e), PWR-VVER, Russia) - first grid connection on 18 March

            Note: Rostov is a new official name of Volgodonsk reactor units.

    • Rajasthan 6 (202 MW(e), PHWR, India) - first grid connection on 28 March
    • Lingao 3 (1000 MW(e), PWR, China) - first grid connection on 15 July
    • Qinshan 2-3 (610 MW(e), PWR, China) - first grid connection on 1 August
    • Shin Kori 1 (960 MW(e), PWR, S. Korea) - first grid connection on 4 August
  • Final shutdowns:
    • Phenix (130 MW(e), FBR, France) was officially closed on 1 February
  • Construction initiation:
    • Ningde 3 (1000 MW(e), PWR, China) - construction officially started on 8 January
    • Taishan 2 (1700 MW(e), PWR-EPR, China) - construction officially started on 15 April
    • Leningrad 2-2 (1085 MW(e), PWR-VVER, Russia) - construction officially started on 15 April
    • Changjiang 1 (1000 MW(e), PWR, China) - construction officially started on 25 April
    • Ohma (1325 MW(e), ABWR, Japan) - construction officially started on 7 May
    • Angra 3 (1245 MW(e), PWR, Brazil) - construction officially started on 1 June
    • Rostov 4 (1011 MW(e), PWR-VVER, Russia) - construction officially started on 16 June
    • Haiyang 2 (1000 MW(e), PWR-AP1000, China) - construction officially started on 21 June
    • Fangchenggang 1 (1000 MW(e), PWR, China) - construction officially started on 30 July

 

Changes of NPP status during 2009:

  • New connection to the grid:
    • Tomari 3, 866 MW(e), PWR, Japan, (20 March)
    • Rajasthan 5, 202 MW(e), PHWR, India, (22 December)
  • Final shutdowns:
    • Hamaoka 1&2, 515/806 MW(e), BWR, Japan, (31 January)
    • Ignalina 2, 1185 MW(e), RBMK, Lithuania, (31 December)
  • Construction initiation:
    • Hongyanhe 3, 1000 MW(e), PWR, China, (7 March)
    • Sanmen 1, 1000 MW(e), PWR AP-1000, China, (19 April)
    • Yangjiang 2, 1000 MW(e), PWR, China, (4 June)
    • Fuqing 2, 1000 MW(e), PWR, China, (17 June)
    • Novovoronezh 2-2, 1085 MW(e), PWR-VVER, Russia, (12 July)
    • Fangjiashan 2, 1000 MW(e), PWR, China, (17 July)
    • Hongyanhe 4, 1000 MW(e), PWR, China, (15 August)
    • Rostov 3, 1011 MW(e), PWR-VVER, Russia, (15 September) - announced in June 2010
    • Shin-Kori 4, 1340 MW(e), PWR-APR 1400, S. Korea, (15 September)
    • Haiyang 1, 1000 MW(e), PWR, China, (24 September)
    • Taishan 1, 1700 MW(e), PWR-EPR, China, (18 November)
    • Sanmen 2, 1000 MW(e), PWR AP-1000, China, (17 December)
  • Construction reactivation:
    • Akademik Lomonosov 1&2, 2x30 MW(e), floating PWR-KLT40, Russia, relocated close to Vilyuchinsk
    • Mochovce 3&4, 2x405 MW(e), PWR-VVER, Slovakia, (11 June)

Changes of NPP status during 2008:

  • Final shutdowns:
    • Bohunice 2, 408 MW(e), PWR-VVER, Slovakia, (31 December)
  • Construction initiation:
    • Ningde 1, 1000 MW(e), PWR, China, (18 February)
    • Hongyanhe 2, 1000 MW(e), PWR, China, (28 March)
    • Novovoronezh 2-1, 1085 MW(e), PWR-VVER, Russia, (24 June)
    • Shin-Wolsong 2, 960 MW(e), PWR, S. Korea, (23 September)
    • Leningrad 2-1, 1085 MW(e), PWR-VVER, Russia, (25 October)
    • Shin-Kori 3, 1340 MW(e), PWR-APR 1400, S. Korea, (31 October)
    • Ningde 2, 1000 MW(e), PWR, China, (12 November)
    • Fuqing 1, 1000 MW(e), PWR, China, (21 November)
    • Yangjiang 1, 1000 MW(e), PWR, China, (16 December)
    • Fangjiashan 1, 1000 MW(e), PWR, China, (26 December)

Changes of NPP status during 2007:

  • New units:
    • Kaiga 3, 202 MW(e), PHWR, India, (11 April)
    • Tianwan 2, 1000 MW(e), PWR-VVER, China, (14 May)
    • Cernavoda 2, 655 MW(e), PHWR-CANDU, Romania, (7 August)
  • Restarts after a long term shutdown:
    • Browns Ferry 1, 1065 MW(e), BWR, USA, (2 June)
  • Construction reactivation:
    • Watts Bar 2, 1165 MW(e), PWR, USA, (15 October)
  • Construction initiation:
    • Qinshan II-4, 610 MW(e) PWR, China, (28 January)
    • Severodvinsk - Akademik Lomonosov 1&2, 2x30 MW(e), PWR-KLT40, Russia, (15 April)
    • Shin Kori 2, 960 MW(e), PWR, S. Korea, (5 June)
    • Hongyanhe 1, 1000 MW(e), PWR, China, (18 August)
    • Shimane 3, 1325 MW(e), ABWR, Japan, (12 October)
    • Shin Wolsong 1, 960 MW(e), PWR, S. Korea, (20 November)
    • Flamanville 3, 1600 MW(e), PWR, France, (3 December)
  • Suspended construction:
    • Balakovo 5, 950 MW(e), PWR, Russia

Changes of NPP status during 2006:

  • New connection to the grid:
    • Tianwan 1, 1000 MW(e), PWR-VVER, China, (12 May)
    • Tarapur 3, 490 MW(e), PHWR, India, (15 June)
  • Final shutdowns:
    • Jose Cabrera 1 (Zorita), 142 MW(e), PWR, Spain, (30 April)
    • Kozloduy 3&4, 2x 408 MW(e), PWR-VVER, Bulgaria, (31 December)
    • Bohunice 1, 408 MW(e), PWR-VVER, Slovakia, (31 December)
    • Dungeness A 1&2, 2x 225 MW(e), GCR-Magnox, UK, (31 December)
    • Sizewell A 1&2, 2x 210 MW(e), GCR-Magnox, UK, (31 December)
  • Construction initiation:
    • Qinshan II-3, 610 MW(e), PWR, China, (28 March)
    • Lingao 4, 1000 MW(e), PWR, China, (15 June)
    • Shin Kori 1, 960 MW(e), PWR, S. Korea, (16 June)
    • Beloyarsk 4, 750 MW(e), FBR, Russia, (18 July)

Changes of NPP status during 2005:

  • New connection to the grid:
    • Ulchin 6, 960 MW(e), PWR, South Korea (7 January)
    • Higashidori 1 - TOHOKU, 1067 MW(e) BWR, Japan (9 March)
    • Tarapur 4, 490 MW(e), PHWR, India (4 June)
    • Shika 2, 1304 MW(e), ABWR, Japan (4 July)
  • Restarts after a long term shutdown:
    • Pickering 1, 515 MW(e), PHWR, Canada (26 September)
  • Final shutdowns:
    • Obrigheim, 340 MW(e), PWR, Germany (11 May)
    • Barsebäck 2, 600 MW(e), BWR, Sweden (31 May)
  • Construction initiation:
    • Olkiluoto 3, 1600 MW(e), PWR, Finland (12 August)
    • Lingao 3,  1000 MW(e), PWR, China (15 December)
    • Chasnupp 2, 300 MW(e), PWR, Pakistan (28 December)

Changes of NPP status during 2004:

  • New connection to the grid:
    • Qinshan 2-2, 610 MW(e), PWR, China (March)
    • Hamaoka 5, 1325 MW(e), ABWR, Japan (April)
    • Khmelnitski 2, 950 MW(e), PWR (WWER), Ukraine (August)
    • Rovno 4, 950 MW(e), PWR (VVER), Ukraine (October)
    • Kalinin 3, 950 MW(e) PWR (VVER), Russia (December)
  • Re-connection to the grid following a long term shutdown:
    • Bruce 3, 790 MW(e), PHWR, Canada (January)
  • Final shutdown:
    • Chapelcross A, B, C, D units, 50 MW(e)/each, GCR, UK (June)
    • Ignalina 1, 1185 MW(e), RBMK, Lithuania (December)
  • Construction initiation:
    • Tomari 3, 866 MW(e), PWR, Japan (October)
    • PFBR Kalpakkam, 470 MW(e), FBR, India (October)

© WISE- Paris / Mycle Schneider Consulting Fonte: Iaea, Pris, 2007

L’età media dei reattori in funzione è di 21 anni e anche se alcuni paesi hanno innalzato i limiti legali di anzianità, difficilmente i venticinque reattori in costruzione alla fine del 2004 compenseranno la graduale dismissione dei settantanove che hanno già superato i trenta anni.. La maggior parte dei reattori in costruzione si trova in paesi in via di sviluppo: otto su venticinque in India, pochissimi in Europa e nessuno negli Usa, dove l’ultima centrale nucleare effettivamente costruita fu ordinata nel 1973. Neanche l’eventuale costruzione di quelli annunciati in Cina basterà a riequilibrare il declino dell’industria altrove.
Nella UE-25 sono in funzione 151 reattori, ventuno meno che nel 1989. Dodici Stati UE non usano il nucleare e non hanno in programma di farlo. Dei tredici che lo usano, quattro (Germania, Belgio, Svezia e Olanda) hanno deciso di chiudere gli impianti esistenti. Solo due nuove centrali sono programmate in Europa occidentale (in Francia e Finlandia), entrambe molto controverse anche per le sovvenzioni pubbliche più o meno palesi.

 

Il clima e il nucleare

Per tenere sotto controllo il cambiamento climatico, i paesi industrializzati dovranno ridurre le emissioni di gas serra del 60-80 per cento in pochi decenni: il settore elettrico produce il 37 per cento delle emissioni globali di CO2. Pur vantaggioso da questo punto di vista, se si considerano tutte le fasi del ciclo - dall’estrazione dell’uranio, alla produzione dei combustibili, alla gestione delle scorie per millenni - il nucleare non è a emissioni zero. E i suoi costi effettivi lo rendono una "soluzione" per la politica climatica di lungo periodo tra le più controverse.
Chi sostiene il nucleare, cita il bisogno di ridurre la dipendenza da petrolio e gas, scarsi e importati.  Ma anche l’uranio è una risorsa finita. Il 58 per cento delle riserve conosciute si trova in tre paesi: Australia, Kazakhstan e Canada. Ai tassi di consumo attuale, sono sufficienti solo per cinquanta anni.
Il prezzo dell’uranio incide ancora poco sul prezzo finale dell’energia nucleare. Ma se il suo uso dovesse crescere molto, l’uranio diverrebbe sensibilmente scarso nel giro di pochi decenni, nonostante sia probabile che ne esistano riserve più ampie di quelle oggi conosciute. Uno studio del Massachusetts Institute of Technology, che analizza le condizioni necessarie per poter proporre uno sviluppo massiccio del nucleare, indica quattro aree critiche: i costi, la sicurezza, la gestione delle scorie e la proliferazione.

I costi

Nel 1954, il presidente della Us Atomic Energy Commission prospettava un’era in cui l’elettricità sarebbe stata "too cheap to meter" - così economica che non vale la pena misurarla. Ma, dopo mezzo secolo di sovvenzioni pubbliche incalcolabili (ricerca, costruzione, gestione del rischio), i costi effettivi del nucleare rimangono alti.
Nel 2002, British Energy entrò in crisi perché la liberalizzazione dei mercati elettrici aveva reso il nucleare poco competitivo. Fu salvata dalla bancarotta grazie a un controverso aiuto pubblico di oltre 6 miliardi di euro, in parte per coprire le passività legate alla gestione delle scorie nucleari e al futuro smantellamento delle centrali nucleari.
Nel gennaio 2005, la Corte dei conti francese ha scoperto che a fronte di 13 miliardi di euro di accantonamenti dichiarati da Electricité de France per lo smantellamento delle centrali nucleari e per la gestione delle scorie radioattive, esistono solo 2,3 miliardi di attivi effettivamente dedicati allo scopo.  Questi esempi mostrano come il nucleare sia un’industria in cui è facile scaricare i costi sul futuro e sulla collettività.

La sicurezza e la ripartizione del rischio

La sicurezza dei reattori rimane un problema. Lo studio del Mit presume un rischio di incidente tipo Chernobyl ogni 10mila anni/reattore. Sembra basso? Con dieci reattori attivi in Italia per un periodo di cinquanta anni, avremmo il 5 per cento di probabilità di una catastrofe. Chernobyl si è verificato in una delle zone meno popolate d’Europa; lo stesso incidente nella pianura padana avrebbe costi umani ed economici ben più gravi.
Più di una volta attivisti di Greenpeace sono penetrati in zone delicate di centrali nucleari, dimostrandone la scarsa sicurezza. Per non parlare, poi, dell’ipotesi di attacchi aerei, mentre il trasporto delle scorie per terra e per mare rappresenta un ulteriore rischio. Rilasci di quantità nocive di sostanze radioattive avvengono non solo in caso di catastrofi, ma anche nella routine quotidiana, soprattutto nelle centrali di riprocessamento come documentato nei casi di Sellafield e La Hague. (1)
Inoltre, in tutti i paesi in cui si usa il nucleare, ai gestori è concessa la libertà di assicurarsi fino a un massimale astronomicamente inferiore ai danni potenziali. Il rischio restante è a carico dei contribuenti, o peggio degli sfortunati cittadini ridotti a profughi che lo Stato non sarebbe in grado di risarcire.

 

Lo stoccaggio finale delle scorie

 

In mezzo secolo, nessun paese al mondo ha definito una soluzione per lo stoccaggio finale delle scorie radioattive. Finché il costo finale della gestione delle scorie non è noto, anche i costi della produzione nucleare rimangono incerti. Intanto, le scorie si accumulano in luoghi mal protetti, con rischio di contaminazione dell’ecosistema. Non è eticamente accettabile lasciare in eredità a generazioni future rifiuti che non sappiamo gestire e che resteranno pericolosi per millenni.
In Italia è stato finora impossibile trovare un accordo sulla gestione delle scorie ereditate dai reattori chiusi dopo il referendum (e le quantità più modeste che vengono da altre fonti come gli ospedali): pare improbabile che la soluzione si trovi dopo aver riaperto centrali che produrranno nuove scorie in gran quantità.

 

Il rischio proliferazione

 

L’Iran e la Corea del Nord ci ricordano la stretta connessione tra filiera nucleare civile e militare. Se l’uso dell’elettricità nucleare si espandesse a livello globale, la proliferazione di tecnologie e materiali atti a costruire armi nucleari sarebbe incontrollabile, ammesso che non sia già troppo tardi.

 

Molte domande, poche risposte

 

Chi propone il ritorno al nucleare in Italia dovrebbe dunque fornire informazioni trasparenti e dettagliate su:
· Le sottostanti ipotesi finanziarie, con una chiara distinzione tra investimenti privati e sovvenzioni pubbliche esplicite e implicite
· La ripartizione del rischio tra industria e collettività in caso di incidenti nei reattori, negli impianti secondari, sulle vie di trasporto, eccetera.
· Una soluzione tecnica e un accordo politico definitivi per lo stoccaggio finale delle scorie, con una capacità adatta ad accogliere anche quelle future
· Come evitare di aumentare la proliferazione nucleare, particolarmente se si pensa a un ciclo chiuso di combustibile che implica la produzione di plutonio.
Per evitare la Scilla dell’effetto serra e della dipendenza da combustibili fossili, sarebbe sbagliato gettarsi nelle fauci di una Cariddi almeno altrettanto mostruosa. Il dilemma si può risolvere soltanto facendo rotta verso le uniche soluzioni veramente durature: l’efficienza energetica e le energie rinnovabili, dal potenziale di crescita enorme. Bisogna urgentemente investire risorse in questi campi, in cui l’Italia è in forte ritardo, invece di inseguire la chimera del nucleare.

 

Per saperne di più

 

M. Schneider & A. Froggatt "World Nuclear Industry Status Report 2004," 2004. http://www.greens-efa.org/pdf/documents/greensefa_documents_106_en.pdf
International Atomic Energy Agency, "Power Reactor Information System", www.iaea.org/programmes/a2/
Matthew L. Wald, "Seven Companies Band Together in Hopes of Building Nation's First New Nuclear Plant in Decades", New York Times, 31/3/04.
World Nuclear Association, "Information and Issue Briefs: Supply of Uranium", August 2004 www.world-nuclear.org/info/inf75.htm
"The Future of Nuclear Power, an Interdisciplinary Mit Study", 2003: http://web.mit.edu/nuclearpower/
http://www.ccomptes.fr/Cour-des-comptes/publications/rapports/nucleaire/introduction.htm
Makhijani, Chalmers, Smith, "Uranium Enrichment: Just Plain Facts to Fuel an Informed Debate on Nuclear Proliferation and Nuclear", 2004: http://www.ieer.org/reports/uranium/enrichment.pdf

________________

(1) Vedi, rispettivamente, http://www.bellona.org/en/energy/nuclear/sellafield/index.html e http://www.wise-paris.org/

 


Commenti presenti

08-11-2005 20:24:00
Polymita
Background
All'articolo, che condivido come impostazione, vorrei aggiungere anche il non indifferente know-how che comporta la gestione del nucleare. Per un paese come l'Italia si parla di non meno di 15 anni per costruire una centrale e sopratutto l'impegno economico iniziale non trascurabile.
A parte le questioni politiche, economiche ed energetiche il problema principale e tutt'ora insoluto rimane lo smaltimento delle scorie.


08-07-2005 15:40:00
Carlo Gadaleta Caldarola
La mia opinione
Il nucleare è oggi indispensabile a livello mondiale in mancanza di una fonte alternativa in grado di produrre quantitativi paragonabili di energia. Le fonti rinnovabili, in prospettiva, sono importanti ma non in grado di sostituire sia i combustibili fossili che quelli per gli impianti nucleari (entrambi in via di esaurimento). Ad oggi l'unica via alternativa da percorrere è la poco pubblicizzata strada del risparmio energetico.
A livello di UE si stima che vi sia un potenziale di risparmio energetico pari a circa il 20% dei consumi attuali. A livello italiano la nuova normativa sui certificati bianchi (Decreti del 20 luglio 2004) ha l'obiettivo, meno ambizioso ma comunque difficile, di risparmiare per il 2009 circa l'8% dei consumi attuali di gas, e il 12% di quelli di elettricità.
credo che l'unica strada alternativa alla costruzione di nuovi impianti nucleari sia questa.


13-06-2005 12:59:00
Paolo Fornaciari
Il nucleare é competitivo.
Dopo aver letto tutti gli interventi sul Forum de "La Voce", vorrei dire :
1. Occorre fornire a tutti e non solo a pochi, acqua, cibo ed energia per uno sviluppo dignitoso, sostenibile e solidale. Ci sarà bisogno di molta energia in futuro. Secondo il Consiglio Mondiale dell'Energia (Energy for Tomorrow's World- Acting Now!, April 2000) "La domanda energetica mondiale aumenterà del 50% nei prossimi venti anni" . E aggiunge : "Tutti i Paesi industriali ritengono che la diversificazione delle fonti energetiche per la produzione di energia elettrica, significhi semplicemente usare più nucleare e più carbone e nessuna fonte deve essere cancellata per arbitrari motivi politici”. Il consumo energetico mondiale da oggi alla metà del prossimo secolo è valutabile in almeno 700 miliardi di tep e se si usassero solo idrocarburi, si consumerebbe più del doppio di tutte le riserve economicamente estraibili oggi accertate (275 Gtep). E il prezzo del barile è destinato a salire anche in futuro...
2. Premesso che in 60 anni di vita del nucleare per produzione di energia elettrica sono morte 51 persone ( 3 all'SL1 di Idaho Falls, USA nel 1961 e 48 a Chernobyl, di cui 31 morti immediate - due per il crollo dell'edificio reattore ed uno per infarto in località lontana dalla centrale -, tra il personale di centrale e delle squadre antincendio, tre bambini per tumore alla tiroide su 800 ricoverati ed altri 11 decessi tra le persone ospedalizzate negli anni successivi), negli altri settori energetici, secondo Lester Turow, muoiono 55 persone al giorno, non in 60 anni ! Incidentalmente ricordiamo che nei più gravi incidenti convenzionali, avvenuti nel 1956 in Colombia (esplosione di un camion di dinamite) morirono 1100 persone, nel 1963 al Vajont (crollo del monte Toc) morirono 1909 persone, nel 1984 in Messico a Ixhuatepec (esplosione di serbatoi di gas liquido) morirono 550 persone, 7000 furono i feriti e 300.000 gli evacuati. In Italia muiono più di 100 persone all'anno per esplosioni di gas negli edifici civili o per incidenti stradali nei fine settimana.
3 Senza l'energia nucleare continueremmo ad assistere a guerre per il possesso delle fonti petrolifere (dieci negli ultimi 50 anni) e a sottrarre ai Paesi in Via di Sviluppo le fonti energetiche di più facile uso per loro. L’alternativa ad una rinuncia mondiale del nucleare, sarebbero guerre per il possesso delle riserve energetiche, migrazioni epocali e terrorismo internazionale, che dalla povertà e dagli inaccettabili livelli di vita trae consenso e supporto...

___________________________________________________

Ciao, Clessidra, ogni eventuale commento sarà molto gradito!

Paolo Fornaciari

Roma, 13 giugno 2005




--------------------------------------------------------------------------------


01-06-2005 10:12:00
Silvestro Gambi
La scoperta del fuoco: fra rischio e opportunità
Non sapremo mai se agli albori dell'umanità ci sia stato un accanito dibattito sull'uso del fuoco. Alla luce degli incendi che da allora ad oggi si sono succeduti viene da essere partigiani della fazione contraria all'uso civile del fuoco. Senza contare che una tecnologia così pericolosa in mano a un pazzo ( Nerone) o a un gruppo terroristico ( i cristiani ?) può facilmente creare disastri di incalcolabile portata , come ben sanno i cittadini di Roma . Il problema non è dunque solo se una tecnologia possa costituire un rischio ( certo se ne esiste una con un tasso rischio minore va privilegiata , anche in un range ragionevole di disparità di costo) , ma quanto pesa questo rischio rispetto ai problemi che essa può contribuire a risolvere. Certo con un occhio ben fisso sui problemi della sicurezza, ma, Longarone insegna!, sapendo che i difetti dell'uomo sono a volte più pericolosi di quelli , magari risolvibili , di tante tecnologie. In conclusione da Galileo in qua ci si aspetterebbero degli scienziati più capaci di comparare i loro specifici saperi con i problemi del mondo e meno propensi a dividersi pregiudizialmente nell'arroccamento sulla particolarità delle proprie convinzioni troppo spesso affittate al fast food della politica militante. Personalmente credo , da uomo della strada , che, alla luce delle prospettate necessità energetiche, una sistemica e ragionata differenziazione delle fonti ( di tutte le fonti) possa insieme affrontare i problemi dell'emergenza energetica, dei suoi costi e di una ragionevole diminuzione bilanciata dei rischi tecnici connessi. Un po' come tutti siamo abituati a fare con l'allocazione dei nostri risparmi. Oppure come Robinson Crusoe, di giovanil memoria, che distribuiva la sua riserva di polvere da sparo in vari modi per evitare che tutta insieme esplodesse o si potesse bagnare. Facciamo presto però, non dopo essere già diventati naufraghi


26-05-2005 15:39:00
Sandro Baldi
CHIMERA DEL NUCLEARE
Il discorso nucleare/fonti rinnovabili/energia e' molto piu' complesso e i dati discussi nell'articolo, sebbene in parte realistici, necessitano di un'analisi ben piu' approfondita.
Parlare di rischi e costi del nucleare in rapporto ad altri fonti energetiche e' pericoloso in quanto i rischi del nucleare li si fanno sempre derivare da scenari apocalittici stile Chernobyl mentre spesso ci si dimentica che i danni da centrali termo elettriche a olio combustibile e carbone creano danni non solo all'uomo ma al sistema Terra nel suo complesso.
E' un po' come la storia di un incidente aereo paragonato ad un automobilistico. Piu' morti nel singolo incidente ma infinitamente meno se si considera l'intero anno.

Se si considerano i costi di costruzione/gestione/smaltimento il costo del Kwh nucleare non e' molto differente da quelli prodotti con olio combustibile o gas, questo e' vero. Ma il punto delicato qui e' che le risorse energetice finiranno a breve, molto a breve. Ora, che si fa?
Demonizzare il nucleare o le forme di energia alternativa e' sbagliato. Bisognerebbe promuovere un serio dibattito scientifico/politico sulla questione energetica globale: risparmio/ottimizzazione/risorse alternative. Nel frattempo, ci garantiamo la vita sul pianeta con le forme energetiche di cui siamo a conoscenza e quindi anche il nucleare.
Ma sia ben chiaro: il solare e l'eolico piuttosto che l'idroelettrico non saranno mai la soluzione. Aiutano, ma non risolvono il problema.


20-05-2005 21:32:00
Luigi di Martino
energia
In Italia una prima risorsa può essere il risparmio energetico.
Il riscaldamento può essere effettuato con prodotti ecologici, vedi icascami del mondo agricolo, i cascami del legno etc e tenere temperature sui 20°C.
Costruire un sistema di trasporti efficiente e capillare e veloce, l'auto il cittadino la lascerebbe volentieri a casa (cfr la citta di CURITIBA in Brasile), bisogna ritornare al nucleare, l'eolico non può essere usato in Italia per scarse zone idonee e per un possibile forte inquinamento sonoro e paesaggistico ... C'E' anche la GEOTERMIA , i pannelli per uso civile e domestico etc e quanto potremo risparmiare?... abbastanza.


19-05-2005 21:22:00
Savini Antonio
La chimera del nucleare
La recente ripresa del dibattito sul nucleare dopo Cernobyl, il referendum, la generale costatazione che non si ha una soluzione per il problema della scorie lascia un po' perplessi. A mio parere, ci sono due fattori che spingono fortemente per la ripresa del nucleare. Da un lato, il dato di fatto che in Italia c'è una lobby di poteri economici e politici che pensa di trarre vantaggi dalla costruzione di nuove centrali. Dall'altro, è una sorta di alibi per non modificare i nostri modelli di consumo e spreco energetico. L'Italia è un paese che dal punto di vista energetico dipende dall'estero, ma, al posto di cercare di risparmiare, spreca le risorse che deve importare a caro prezzo. Invece, di invocare il nulceare come la scelta che ci permetterà in futuro (quando nessuno lo dice) di continuare a sprecare energia senza doverne pagare le conseguenze (il paese di Cuccagna insomma), sarebbe il caso di rimboccarsi le maniche e fare una seria politica di lotta agli sprechi. E poi, magari, ci si accorgerebbe che se non si usa più energia di quella indispensabile, non si usa sempre la macchina per andare al bar dietro l'angolo ecc... non solo si arriva a fine mese con più soldi, ma anche con meno inquinamento e più benessere.


18-05-2005 15:43:00
Maria Rita Gelsomino
La Chimera delle energie rinnovabili
I detrattori del nucleare dovrebbero essere meno generici ed approssimativi riguardo le fantomatiche energie rinnovabili sicure, sempre disponibili e affidabili a mantenere in efficienza tutto il nostro sistema, che dovrebbero sostituire i combustibili fossili di cui attualmente ci serviamo per le centrali termoelettriche. Esempi chiari e altrettanto documentati. Da quando il nucleare in Italia è stato soppresso che cosa è stato fatto di concreto per sostituirlo con alternative che non fossero le centrali termoelettriche? Inoltre si prega di precisare quanti sono i morti reali che ogni anno si registrano a causa di affezioni respiratorie da smog e inquinamento da combustione di idrocarburi e quanti sono stati i morti documentati a causa di problemi sorti nelle varie centrali nucleari del mondo.
Cordialmente
Maria Rita Gelsomino


18-05-2005 10:04:00
Mirco Rossi
La chimera del nucleare, .. e non solo.
In Italia il problema energetico viene quasi sempre letto ed affrontato solo come problema elettrico: ecco quindi che per molti LA soluzione sembra poter essere il ricorso al nucleare.
Ben più gravi e complessi sono i problemi a breve-medio termine legati alla disponibilità di fonti primarie ed a ben poco servirebbe all’Italia investire (con tutti i pericoli, se e ma, ben descritti nell’articolo) ingentissime risorse per il recupero di una frazione da fonte nucleare.
Considerazione che si può allargare all’intero pianeta: i 441 impianti nucleari in attività coprono all’incirca solo il 5% della richiesta di energia primaria mondiale.
Tuttavia nemmeno una crescita esponenziale dell’energia rinnovabile e dell’efficienza energetica saranno sufficienti.
Il crescente consumo nei paesi ricchi e ancor più in quelli ex-poveri di beni di ogni tipo, anche se prodotti con cicli meno energivori, richiede crescenti quantitativi di energia primaria.
L’umanità potrà disporre ancora per qualche decennio di fonti energetiche altamente concentrate ma il loro progressivo esaurimento non potrà mai essere compensato da fonti altamente diluite nello spazio e nel tempo come sono quelle rinnovabili.


17-05-2005 09:21:00
Erminio Tonietto
CHIMERA DEL NUCLEARE : e-mail degli Autori ??
Sono l'Ex Capo reparto Fisica del Reattore della Centrale Nucleare di Caorso. A valle delle esperienze professionali, non posso che dichiararmi assolutamente d'accordo con quanto sostenuto dagli autori. Vorrei dare alla loro tesi un ulteriore supporto fornendo ai medesimi la documentazione di fatti tecnici di estrema gravità, che l'ENEL ha tenuti riservati alla Pubblica Opinione e che, per mezzo di esplicite minacce ed altri comportamenti, che non esito definire criminosi, ha di fatto impedito che arrivassero nel modo corretto a conoscenza della Pubblica Opinione.

Erminio Tonietto

http://www.kensan.it/articoli/Energia_Nucleare.php 

Energia nucleare

L'uranio ha due isotopi, il 235 e il 238, quello usato nei reattori a fissione nucleare è il 235.
L'uranio naturale ha lo 0,73% di uranio 235. Per le centrali nucleari è necessario che l'uranio sia arricchito fino al 3%, cioè il 97% di uranio 238 e il rimanente di uranio 235.

L’Uranio non è quel materiale che si trova ovunque in abbondanza ma è una risorsa limitato come lo è il petrolio.
È un metallo piuttosto raro: a oggi, 2005, si conosce con precisione la localizzazione di 3 milioni e mezzo di tonnellate di uranio fissile, il 235, e si stima che ce ne siano altre 3 milioni tuttora ignote.

Sono tante? Sarebbero all’incirca il volume del cemento utilizzato per 280 Dighe di Hoover. Insomma, non tantissimo per essere il totale delle riserve utili planetarie.

A queste quantità possiamo aggiungerne ragionevolmente 5 milioni di tonnellate tra inestraibili, difficilmente sfruttabili o over-peak (oltre il picco di Hubbert). La quantità utile è quindi di 6.5 milioni di tonnellate.

Proviamo a suddividere le riserve note che sono 3.5 milioni di tonnellate:

Nazione

Tonnnellate di U235

Percentuale mondiale

Australia

1'074'000

30%

Kazakhstan

622'000

17%

Canada

439'000

12%

South Africa

298'000

8%

Namibia

213'000

6%

Brazil

143'000

4%

Russian Fed.

158'000

4%

USA

102'000

3%

Uzbekistan

93'000

3%



Consumi

La sola Russia oggi richiede circa 4'600 tonnellate di uranio all’anno. Già oggi la richiesta nazionale è superiore alla produzione. Il mondo intero nell'anno 2000 produceva e consumava 68'000 tonnellate di uranio: servivano a coprire tra il 2.5 e il 6% del fabbisogno energetico mondiale (stima prudenziale e stima ottimistica) per un totale di 363 GigaWatt. Ma tra il 1999 e il 2000 la richiesta è aumentata di 6'000 tonnellate in più del normale andamento. Oggi, 2005, servono 84'000 tonnellate di uranio all’anno.

Per eseguire una stima suppongo che anche le 84 mila tonnellate di uranio consumate nel 2005 coprano tra il 2.5 e il 6% del fabbisogno energetico mondiale (stima prudenziale e stima ottimistica) come avveniva nell'anno 2000. In tal modo decuplicando il numero di centrali nucleari (420 nell'anno 2005) e cioè passando a 4 mila centrali atomiche verrebbe coperto tra il 25% e il 60% del fabbisogno energetico mondiale.

La decuplicazione del numero di centrali nucleari a uranio 235 avrebbe però l'effetto di fare durare le riserve note di 3.5 milioni di tonnellate, solo per 4 anni. In pratica l'Uranio 235 presente in natura è troppo poco per sostituire o integrare in modo significativo il petrolio.

Prezzo

Nel 1990 una tonnellata di uranio veniva venduta per 22'000 dollari. Nel gennaio 1996 costava 26'800 dollari. A dicembre 1996 valeva 35'600 dollari. Prezzi attualizzati 2005.

Oggi, 2005, il prezzo è tra i 60 e gli 80'000 dollari/tonnellata, il più alto da 15 anni.

Fonte L'indignato. Autore del post originale Jolly Roger. Licenza Creative Commons.

Reattori autofertilizzanti

Oltre ai reattori all'uranio 235 esistono i reattori all'uranio 238 o al torio i così detti reattori autofertilizzanti o reattori veloci che però sono reattori usati quasi esclusivamente a livello militare. Tali centrali nucleari usano plutonio per generare calore e usano uranio 238 come schermatura la quale si trasforma lentamente in plutonio quando colpita dai neutroni del reattore.

In pratica nei reattori autofertilizzanti viene generato più plutonio di quanto se ne consumi a partire dall'uranio più diffuso in natura, il 238.

In assenza di dati precisi si possono fare previsioni a spanne.

Usate le informazioni di Jolly Roger qui sopra si ha con approssimazione che circa il 40% (25%-60%) del consumo energetico mondiale è coperto con 840 mila ton di U235. Visto che l'uranio naturale ha lo 0,73% di uranio 235 e supposto che i reattori veloci e quelli lenti abbiano la stessa efficienza, si ha che:

1)  le riserve note più quelle da scoprire sono pari a  6.5 milioni di ton / 0.0073 = 890 milioni di ton di uranio naturale
2)  l'intero fabbisogno energetico mondiale che sostituisce tutto il petrolio è pari a 840 mila ton / 0.40 = 2.1 milioni ton

Quindi in assenza di petrolio l'uranio naturale permette di essere autosufficienti per 890 milioni di ton / 2.1 milioni di ton = 424 anni.

Quindi in assenza di petrolio l'uranio naturale permette di essere autosufficienti per 400 anni tramite i reattori a plutonio. Ma si tratta di un tentativo di capire l'ordine di grandezza.

Un famoso reattore autofertilizzante è il francese Superfenix che ora ha chiuso i battenti. Non ho trovato molte notizie in rete su questo reattore avente avuto anche uso militare.

Il plutonio ha quasi immediati usi bellici, si tenga conto che 16 kg (anche 10 Kg) di tale metallo in forma sferica innesca una reazione nucleare a catena generando una quantità esplosiva di energia.

Secondo molte fonti avere un rettore a plutonio significa probabilmente avere la bomba atomica, quindi andare in questa direzione significa rendere potenze nucleari ogni nazione che adotti questi reattori.

Reattori a fusione

È un sistema per produrre energia che non aumenta l'effetto serra e che genera un quantitativo di scorie nucleari limitato e di breve durata (inferiore al secolo). Attualmente esiste solo un prototipo sperimentale chiamato progetto ITER che non genera alcuna energia ma che darà vita a un secondo prototipo chiamato DEMO. Per avere una centrale nucleare a fusione funzionante se ne riparla tra qualche decina d'anni.

Nel sito ufficiale di ITER si dice «Detailed plans exist for the construction, operation and decommissioning of ITER, and indicate that, if the ITER Organisation is established in 2006, the first plasma should be possible in ITER by the end of 2016». In pratica il primo plasma si avrà non prima del 2017 e non sarà un plasma che genera energia elettrica ma servirà solo per studiare la fusione nucleare.

Incidenti

Oltre a dati di natura tecnica ovvero la scarsità di uranio 235 e il suo costo e oltre a questioni di armamenti nucleari vi è la questione rischio che si traduce nel numero di morti attuali e futuri causati dall'incidente di Chernobyl.

Chernobyl
 Ricorre in questi giorni il ventennale dell'incidente e tra il 1986 e il 2006 si sapeva ufficialmente che il numero di morti era stato di circa 4 mila, nel 2006 si scopre che la stima della mortalità da incidente è di mezzo milione in 20 anni.

Entrambe le fonti sono autorevoli, i 4 mila morti sono dichiarati dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea). Il mezzo milione di morti da un gruppo di ricercatori che hanno lavorato su incarico di gruppi del parlamento europeo, di Greenpeace e fondazioni mediche in Gran Bretagna, Germania, Ucraina e Scandinavia.

Il rapporto è stato visto e descritto dal quotidiano inglese The Guardian e fonti di lingua italiana hanno ripreso la notizia come La Stampa e Swiss info. In breve il rapporto è presente sul sito di Greenpeace oppure in lingua inglese è presente il rapporto lungo.

In questo anniversario segnalo altre fonti che si occupano di affermare la pericolosità del nucleare tramite numeri: Liberazione, Ticino on line.

Vari autori tra cui il sottoscritto tengono aggiornala la catastrofe di Chernobyl su wikipedia, segnalo un parte significativa e nascosta di quel testo che vede pure il mio contributo e che ho pubblicato come voce a se stante dal titolo Chernobyl che descrive i danni a lungo termine dell'incidente.

In particolare sembra certa la cifra di 270 mila casi dei soli tumori fra Ukraina, Bielorussia e Russia collegabili a Chernobyl. 93 mila riguardano persone destinate al decesso. Ma i tumori sono solo una delle tante malattie provocate dalla radioattività e dai radioisotopi. Ci sono inoltre gli aborti e ci sono le malformazioni. Poi ci sono i morti al di fuori delle tre nazioni più colpite.

Il problema della radioattività è che spesso si usano stime per contare i decessi in quanto la scienza non è in grado di comprendere se un tumore o una malattia è stata causata dalla radioattività o meno. Per esempio il giornale Ticino on line dice: «Secondo stime basate sui valori empirici rilevati a Hiroshima e Nagasaki, in Svizzera bisogna contare su un aumento di circa duecento decessi per cancro dovuti al'incidente di Chernobyl»

I morti causati dalla bomba atomica americana su Hiroshima sono pari a 200 mila ed è chiaro che siamo su queste cifre.

Oltre ai decessi le maestre e i professori ci ripetono che i bambini e i ragazzi di Chernobyl si stancano molto facilmente e sono di salute cagionevole. A lezione perdono facilmente la concentrazione stancandosi in fretta. È una constatazione di molti docenti che anche il livello intellettivo sia più basso in questi sfortunati ragazzi. Credo che anche questo vada messo nel computo del danno delle radiazioni. Anche se non sono aspetti misurabili si tratta pur sempre di sofferenza umana. È una o più generazioni segnata dall'incidente, i loro figli non si sa come saranno.

Il banner a fianco è una locandina tratta dallo speciale di Greenpeace su una mostra fotografica dedicata anche alla catastrofe. «Il fotografo Robert Knoth, insieme alla giornalista Antoinette de Jong e in collaborazione con Greenpeace, ha realizzato quattro reportage fotografici in altrettante aree colpite da incidenti e contaminazioni nucleari dell'ex Unione Sovietica. A vent'anni dal disastro di Cernobyl, la mostra evidenzia come questa tragedia non abbia rappresentato un fatto isolato e si inserisce nel dibattito attuale sulla necessità di garantire l'approvvigionamento energetico per il futuro».


Sandro kensan  

Data: 19 apr 2006


Di seguito riporto l'andamento dei prezzi dell'uranio sul mercato ufficiale mondiale (che si possono aggiornare in ogni momento cliccando sui link disponibili). Credo che tali prezzi parlino da soli.

http://www.uranium.info/prices/monthly.html 

TradeTech's Uranium Exchange Value (Monthly Spot)
Determined as of the last day of the month indicated (US$/lb U3O8)

Historical prices are updated every month. For current prices, click here for subscription information.

To use TradeTech's prices, please contact us at info@tradetech.com.

Year

Jan

Feb

Mar

Apr

May

Jun

Jul

Aug

Sep

Oct

Nov

Dec

1968

-

-

-

-

-

-

-

6.35

6.35

6.40

6.45

6.50

1969

-

6.35

6.10

6.10

6.25

6.25

6.20

6.20

6.15

6.15

6.15

6.20

1970

6.30

6.30

6.30

6.30

6.30

6.30

6.30

6.20

6.15

6.15

6.15

6.15

1971

6.20

6.20

6.20

6.20

6.15

6.05

6.00

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

1972

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

5.95

1973

5.95

6.00

6.10

6.20

6.45

6.50

6.50

6.50

6.50

6.50

6.75

7.00

1974

7.70

7.90

8.00

9.00

9.50

10.50

11.50

12.00

12.50

14.00

14.75

15.00

1975

16.00

16.00

18.00

20.00

21.00

23.00

24.70

26.00

26.00

28.50

30.00

35.00

1976

35.20

37.00

39.25

40.00

40.00

40.00

40.00

40.40

41.00

41.00

41.50

41.00

1977

41.35

41.50

41.60

41.60

42.00

42.25

42.25

42.25

42.40

42.75

43.20

43.20

1978

42.90

43.25

43.25

43.25

43.40

43.40

43.40

43.10

43.25

43.00

43.25

43.25

1979

43.25

43.25

43.25

43.25

43.25

43.00

42.70

42.70

42.20

42.20

41.00

40.75

1980

40.00

38.00

35.00

32.00

32.00

31.50

31.50

30.00

28.50

28.00

28.00

27.00

1981

25.00

25.00

25.00

25.00

25.00

24.25

23.50

23.50

23.50

23.50

23.50

23.50

1982

23.00

23.00

22.50

20.75

20.50

19.25

18.25

17.00

17.00

17.50

19.75

20.25

1983

21.50

21.75

22.25

23.25

23.50

23.50

24.00

24.00

24.00

23.50

22.50

22.00

1984

20.50

17.50

17.00

17.75

17.75

17.50

17.50

17.50

17.50

16.00

15.50

15.25

1985

15.00

15.00

15.00

14.25

15.00

15.00

15.75

16.00

16.00

16.50

16.75

17.00

1986

17.00

17.00

17.25

17.25

17.00

17.00

17.00

17.00

17.00

17.00

16.75

16.75

US Premium 1

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

0.65

0.75

1987

16.65

16.75

17.00

17.00

17.00

16.90

16.75

16.65

16.65

16.75

16.65

16.55

US Premium

0.85

1.00

1.50

1.50

0.90

0.60

2.50

2.35

2.10

1.65

0.85

0.65

1988

16.30

16.15

15.90

15.75

15.40

15.10

14.75

14.15

13.75

13.15

12.50

11.75

US Premium

0.70

0.50

0.15

0.25

0.60

0.00

0.00

0.00

0.00

0.00

-

-

1989

11.60

11.20

10.70

10.10

9.85

9.80

9.80

9.70

9.60

9.40

9.20

9.00

1990

8.85

8.70

8.80

8.80

9.25

11.60

11.70

11.45

10.10

8.35

9.80

9.70

1991

9.10

9.50

9.30

9.10

9.20

9.05

8.55

8.75

8.40

7.25

7.40

8.75

1992

8.00

8.00

7.85

7.75

7.75

7.75

7.75

8.05

8.75

8.00

7.90

7.85

RAMP 2

-

-

-

-

-

-

-

-

-

2.50

2.40

2.10

1993

7.65

7.60

7.45

7.10

7.10

7.00

6.90

-

-

-

-

-

Unrestricted 3

-

-

-

-

-

-

-

6.90

6.90

6.90

6.90

7.00

Restricted 3

-

-

-

-

-

-

-

10.00

10.20

10.15

9.90

9.85

RAMP

2.05

2.40

2.55

2.95

2.95

3.00

3.00

-

-

-

-

-

1994

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

7.00

7.00

7.00

7.00

7.00

7.10

7.10

7.10

7.00

7.00

7.15

7.20

Restricted

9.50

9.45

9.45

9.30

9.25

9.25

9.25

9.10

9.05

9.05

9.45

9.60

1995

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

7.25

7.25

7.35

7.35

7.65

7.90

8.40

9.00

9.50

9.80

10.00

10.00

Restricted

9.65

10.40

11.15

11.60

11.80

11.90

11.85

11.70

11.70

11.70

11.85

12.20

1996

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

10.75

13.00

13.50

13.75

15.00

15.00

15.50

15.50

15.25

14.90

14.40

13.75

Restricted

13.00

15.40

15.75

16.10

16.50

16.50

16.50

16.30

15.90

15.40

14.90

14.70

1997

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

12.80

12.50

12.25

11.50

10.50

9.70

9.60

9.20

9.20

9.65

9.65

9.65

Restricted

14.25

13.65

13.00

12.10

11.40

10.50

10.40

10.20

11.00

12.75

12.75

12.05

1998

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

9.65

9.30

9.30

9.20

9.20

9.20

9.20

9.05

9.05

8.90

8.45

8.45

Restricted

11.80

10.75

10.75

10.75

10.75

10.75

10.50

10.20

9.75

9.15

8.75

8.75

1999

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

9.00

8.50

8.50

8.50

8.50

8.25

8.20

8.20

8.20

7.75

7.75

7.60

Restricted

10.50

10.50

10.85

10.85

10.60

10.30

10.20

10.00

9.75

9.75

9.65

9.60

2000

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

7.60

7.50

7.25

7.00

7.00

7.00

7.00

6.80

6.75

6.50

6.50

6.40

Restricted

9.40

9.35

9.20

8.70

8.40

8.10

8.10

7.70

7.40

7.15

7.15

7.10

2001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unrestricted

6.40

6.75

7.0

7.25

7.40

7.40

7.95

9.10

- 4

-

-

-

Restricted

7.20

8.00

9.10

8.80

8.75

8.95

9.10

9.50

9.50

9.50

9.50

9.50

2002

9.70

9.95

9.75

9.90

9.90

9.90

9.85

9.85

9.75

9.90

9.85

10.20

2003

10.10

10.10

10.10

11.00

10.90

10.90

11.20

11.30

12.25

12.70

13.75

14.40

2004

15.60

16.75

17.75

17.75

17.75

18.50

18.50

20.00

20.00

20.20

20.50

20.50

2005

21.20

21.75

22.60

26.00

29.00

29.00

29.50

30.00

32.00

33.25

35.00

36.50

2006

37.50

38.75

41.00

41.50

43.00

-

-

-

-

-

-

-

Year

Jan

Feb

Mar

Apr

May

Jun

Jul

Aug

Sep

Oct

Nov

Dec

1.The US Premium was NUEXCO's judgement of the incremental price (relative to the Exchange Value) at which transactions for significant quantities of natural uranium could be concluded as of the date indicated, if the buyer would accept US origin.

2. The Restricted American Market Penalty (RAMP) was NUEXCO's judgement of the incremental price (relative to the Exchange Value) that applied to naturall uranium concentrates that were both deliverable in and intended for consumption in the USA.

3. The Exchange Value has added derivations of Unrestricted and Restricted, starting with the August 31, 1993, determination of the Market Values.

4. The designation of Unrestricted/Restricted Market Values for uranium products was dropped September 30, 2001, since the Unrestricted Market distinction had become irrelevant with the cessation of US and European Union restrictions against all but Russian-origin uranium.



 http://www.garitec.com/energia_e_dintorni/Risorse/16/uranio_e_costi_energia_nucleare.htm 

Risorse di uranio e possibili costi di produzione
dell'energia elettrica per via nucleare: in breve

 

Cina ed india si sono da tempo rivolte al nucleare comprendendone il valore strategico per un paese, specie se in crescita. In un momento in cui, anche per effetto Kyoto ed emission trading, si incomincia a riparlare di una possibile ripresa del nucleare, al-meno in Europa, appare opportuno presentare in maniera sintetica una panoramica sulle risorse di uranio disponibili e sui possibili costi di produzione dell'energia elettrica per via nucleare.

Risorse di uranio secondo Fonti NEA (Nuclear Energy Agency dell'Ocse)
Si stima che le risorse convenzionali di uranio siano intorno a 4 milioni di tonnellate (Risorse Convenzionali Conosciute) e si stima che esse siano recuperabili a costi <=130 USD/kgU. Le Risorse Convenzionali possono sostenere la produzione di energia elettrica ai ritmi attuali per i prossimi 60 (80) anni. In linea di principio, questi periodi sarebbero decine di volte più lunghi se uranio e plutonio presente nel combustibile esaurito fossero recuperati e riciclati in reattori veloci. Accanto alle risorse convenzionali di uranio esistono in larga misura altre risorse non convenzionali. Le risorse di uranio non ancora scoperte sono ritenute essere pari a circa 11-12 milioni di tonnellate. Un'altra fonte potenziale di uranio praticamente inesauribile è l'acqua di mare. Un riepilogo di dati di Fonte NEA è riportato in tabella 1.

Aspettative degli operatori nucleari sui costi di combustibile
E' largamente condiviso tra gli esercenti di impianti nucleari che il prezzo attuale del combustibile è molto economico. Nonostante un aumento di prezzo per effetto dell'aumento di domanda non sia oggi previsto se non intorno al 2020-2025, un tale incremento potrebbe awenire per indisponibilità degli attuali produttori a continuare i lavori di scavo ai prezzi correnti. L'utilizzo di HEU (uranio altamente arricchito) di origine militare - precedentemente destinato agli armamenti - può esercitare sul mercato un "effetto di moderazione". (USA e Russia sono infatti fortemente impegnati in progetti di riconversione dei loro arsenali militari per utilizzare materiale fissili a scopi pacifici). In ogni caso, il costo della materia prima è soltanto una piccola porzione del costo del combustibile nucleare. Per questa ragione ii trend del costo del combustibile nucleare nei prossimi 15-20 anni è un trend di sostanziale stabilità (fig. 2).


Figura 1 - Struttura media indicativo del costa del kWh di origine nucleare

Alcune stime sulla composizione media dei costi di energia elettrica generata per via nucleare
In media si ritiene che il 57% del costo del kWh pro-dotto per via nucleare sia dovuto al costo di investimento che si deve affrontare per la realizzazione di un impianto nucleare; il 23% del costo del kWh prodotto per tale via è invece dovuto alle spese di esercizio e manutenzione dell'impianto, mentre solo il 20% è dovuto al combustibile nucleare. In questa frazione del 20% è compreso sia il cosiddetto costo front end (materia prima + arricchimento+ fabbricazione del combustibile), sia il cosiddetto costo back end (trattamenti per la chiusura del ciclo dei combustibile + costo di smaltimento finale del combustibile esaurito).
I valori riportati in figura 1 sono solo indicativi. Qualora si avesse un costo dell'uranio ancora più basso della media assunta per gli ultimi periodi su cui i valori sopraindicati sono stati stimati (per esempio 40 USD/kgU) questo produrrebbe una più bassa in cidenza della quota combustibile nel costo complessivo del kWh prodotto per via nucleare. Naturalmente i costi di produzione del kWh, come pure quelli di front end e back end dei combustibile nu cleare, sono variabili a seconda del paese, delle tecnologie e dei processi impiegati, nonché a seconda delle circostanze specifiche. In linea generale però si può dire che nel caso di produzione elettrica per via nucleare la quota combustibile (compreso i costi di back end) si può aggirare tra 6,5-8,5 €/MWh. I costi di backend sono stimabili in media intorno a 2 €/MWh variando nel range 1-3 €/MWh. A tale riguardo è da notare che importanti operatori della UE ritengono 2 €/MWh un valore alto e 1 €/MWh un valore basso.

Confronto tra i costi di combustibile e loro trend
Un confronto tra i costi di combustibile e loro trend è riportato nella figura 2 presentata durante il Convegno Foratom 2004. Al di là delle unità di misura e dei pur possibili aggiustamenti e rettifiche per i dati relativi al combustibile nucleare, il confronto tra quest'ultimo e gli altri combustibili appare evidentemente di gran lunga a favore del nucleare.


Figura 2 - Trend dei combustibili a confronto

Ragionevoli aspettative di prezzo nei prossimi vent'anni
Riguardo al prezzo del combustibile si ritiene che fi no al 2020-2025 la domanda di uranio può essere fronteggiata con risorse al più basso costo (per esempio < 34 $/kgU (2001) in accordo con NEA che considera 5 classi di costo per risorse di uranio (vedere tabella 1 dove alcune di queste classi sono indicate); questo risultato viene raggiunto considerando uno scenario medio-basso per l'evoluzione della domanda di uranio. Essendo gli altri costi sostanzialmente stabili (arricchimento, fabbricazione, etc.) si può essere ragionevolmente confidenti che i prezzi del combustibile nucleare non dovrebbero crescere nei prossimi quindici anni in termini reali.
Nel caso di una inaspettata domanda di uranio, le risorse a costo basso non saranno più sufficienti a soddisfare la domanda a partire dal 2020 e un contributo da parte della classe di costo medio-basso (associato ad un più alto prezzo) sarà necessario: ma anche in questo inaspettato caso [e conseguenze sul prezzo finale del combustibile dovrebbero essere alquanto limitate essendo il prezzo della materia prima (uranio) solo una piccola porzione del co-sto finale degli elementi di combustibile necessari ad un impianto nucleare.

Bibliografia
Rocco Morelli
Il Perito Industriale - 04/2005

 


http://www.soldi.it/map/show/2616/ArtId/4799023/src/169280.htm 

 

Il ritorno di fiamma del nucleare 

(03/04/2006)

La crisi del gas dello scorso inverno ha evidenziato la dipendenza energetica dell'Europa, ma diversificare l’approvvigionamento non è facile e i governi stanno, quindi, resuscitando il nucleare.

· Parte dell’Europa ha voltato le spalle al nucleare dopo la catastrofe di Chernobyl nel 1986. Tuttavia lo sviluppo di energie alternative ha accumulato ritardi e sarà necessario ricorrere più che mai alle centrali a gas, una soluzione inquinante che si scontra con gli obiettivi del protocollo di Kyoto. Per questo anche nei Paesi che hanno bandito o programmato la fine del nucleare si comincia a ridiscuterne.

· Il nucleare pare poi destinato a svilupparsi non solo in Europa, ma anche in Giappone e negli Usa, dove l’energia è al centro delle preoccupazioni del mondo politico. Anche molti Paesi emergenti guardano al nucleare per soddisfare la domanda di elettricità e sono ai nastri di partenza i matrimoni fra società del settore. La giapponese Toshiba ha già sborsato infatti ben 5,4 miliardi di dollari per comprare Westinghouse, uno dei principali gruppi attivi nel nucleare, inizialmente in vendita a 1,8 miliardi di dollari.

Le società del settore

· Le società attive nel settore nucleare si dividono grosso modo in 4 gruppi:

– quelle che si occupano di estrarre l'uranio come l'americana Cameco, le australiane Era o Bhp Billiton (attraverso la controllata Wmc) o la russa Priargunsky;

– quelle che costruiscono gli impianti nucleari o loro componenti come la tedesca Siemens, o la giapponese Jgc o l'italiana Ansaldo Camozzi;

– quelle che trattano l'uranio e lo stoccano come la belga Belgonucleaire o l'americana Usec;

– quelle che con l'energia atomica producono poi elettricità come la francese Edf o la tedesca Rwe.

· I più importanti tra questi gruppi possono comprendere più attività: estrazione dell'Uranio, costruzione di impianti e trattamento del materiale per la francese Areva; costruzione di impianti e produzione di elettricità per l'americana General Electrics.

C'è poco da acquistare

· Per gli investitori non è facile approfittare del ritorno del nucleare investendo in queste società. Infatti il loro capitale spesso non è aperto al pubblico o lo è solo in parte. È il caso principalmente di quelle grandi società che si occupano di tutta la filiera dell'energia atomica e che hanno un valore strategico per le nazioni in cui operano: pensiamo alla britannica British Nuclear Fuels  e all'italiana Sogin (entrambe di proprietà dello Stato) o al colosso francese Areva, di cui si possono trovare quotati solo dei certificati senza diritto di voto rappresentativi del 4% del capitale, mentre il resto è controllato direttamente o indirettamente dallo Stato o da grandi imprese come Edf e TotalFina. Esistono poi alcune società che  si occupano solo di componenti ingegneristiche che sono completamente in mano a privati (ad esempio l'americana General Atomics o l'italiana Ansaldo Camozzi, nata da una costola di Ansaldo).

· In secondo luogo, anche quando è svolta all'interno di società quotate, spesso l'attività nucleare è solamente una piccola parte dell'attività di un gruppo e ne influenza solo marginalmente l'andamento. È il caso dell'italiana Ansaldo nucleare che è solo un pezzo del gruppo Finmeccanica, o dell'americana General Electric Nuclear Energy, che fa parte del colosso Usa General Electric oppure di Global Nuclear Fuels Americas e Global Nuclear Fuels Japan, nate da una collaborazione tra General Electric, Toshiba e Hitachi, tutti gruppi di grosse dimensioni che contengono ben altro, come d'altronde contengono ben altro pure i giganti Siemens e Alstom, comunque  attivi nel settore.

· Per quanto il settore nucleare sia promettente purtroppo non è facile puntarci: molti titoli non sono quotati, e anche quando lo sono, si tratta per lo più di sono grandi gruppi industriali che "diluiscono" le attività nel nucleare tra mille altre.

· Abbiamo tratto dal nostro database, un elenco di titoli che dedicano una piccola parte dell'attività al settore nucleare. Ecco la nostra valutazione e il nostro consiglio.

· Sono cari o molto cari (vendere): la tedesca Siemens (76,93 euro, ingegneria), le francesi Alstom (69,2 euro, ingegneria) e Edf (46,8 euro, elettricità), la svizzera ABB (16,45 franchi svizzeri, ingegneria) e l'italiana Finmeccanica (18,74 euro, ingegneria). Sono corretti (mantenere): l'inglese Rio tinto (2922 pence, estrazione), la tedesca E.On (90,85 euro, elettricità)  e la spagnola Iberdrola (26,64 euro, elettricità).

· Vi ricordiamo, infine, che sono convenienti (acquistare) i seguenti titoli che non comprendono direttamente l'attività nucleare, ma che si occupano di elettricità: Enel (6,98 euro) e Scottish Power (582 pence).

· Senza basarci sul nostro modello (vedi riquadro per la metodologia) abbiamo analizzato alcune altre società: Cameco (42 dollari canadesi, estrazione, quotata a New York e Toronto, cara non acquistare), Usec (12,05 dollari, trattamento dell'uranio, quotata a New York, visto che è la meno cara di tutte lo speculatore può tentare una scommessa, sapendo, però, che è un titolo relativamente piccolo e che non lo seguiremo in futuro) e Bhp Billiton (28,9 dollari australiani, estrazione, quotata su diversi mercati tra cui Sidney e Londra, cara, non acquistare).

Da ultimo riporto uno studio IAEA del 2001 che stima i costi del nucleare al 2050:

IAEA - Analysis of Uranium Supply to 2050

 

ed una figura che situa le riserve mondiali accertate di uranio al 2001: