FISICA/MENTE

 

La creazzione der Monno

di Anonimo

***

 

Un giorno, trafficanno appena svejo

Dio padre disse: "Ahò! mo' me so' rotto

è ora da fa' 'n monno fatto mejo

che st'universo qua pare 'n casotto".

Detto fatto, se mise a fa' er Creatore

sicché fece 'na cosa raggionevole

nun sparambiò la robba né er colore

l'aria e la luce e tutto era aggradevole.

Ma ammezzo a umani, jene e pantegane

je scappò fatto da creà Zichichi

che principiò isso-fatto a piantà grane

dimannanno: "L'hai fatti l'anti-fichi?"

Er Zignore penzò: "Ma nun conviene

de rimannarlo subbito ar Creatore

che poi saressi io, capite bene.

Mejo lassallo fa' 'n po' de rumore".

Sicché je fece coje n'anti-fico[1]

cor quale quello fece 'n gran teatrino:

chi batteva le mano era su' amico

e chi no, lo segnava ar libbriccino.

Dio se sa è tanto bbono, è esaggerato,

vo' bbene uguale a tutte le creature

pe' Lui nun c'è impunito o scustumato:

sicché à creato puro fregature.

E guarda mo' come semo ridotti:

lui co 'sto Dio ce bazzica e c'inciucia

e ai voja che l'inzurti e che lo sfotti

lui, der Zignore, è l'omo de fiducia.

Tant'è che Dio che è 'n po' manica larga

lo lassa dì che si Llui ha fatt’ er monno

Zichichi po' attaccare la su' targa

a 'n fregno che se chiama Suppermonno

che sarebbe, poi, er "più" de le creazzioni

che lo capisce puro 'n regazzino,

che ci à nun so più quante dimenzioni

pe' facce sta' più commodo 'sto Nino.

Ma dico, allora, visto che cc'è spazzio

va a prenne premi e a fa' pubblicazioni

da n'antra parte e levace 'sto strazzio

de stacce sempre ammezzo a li cojoni.

Tanto, chi te sopporta e te se inchina

lo trovi, a pagamento,  a ogni cantone

i Nobbele, la Siffe, Unomattina,

Zecchino[2], er Papa e puro la Reggione:

tu portateli tutti 'ndo te pare,

lasciace 'n pace qua, che stamo bene;

e poi ‘sto Galileo lassalo stare[3],

che à già patito puro troppe pene.

 



[1] The Discovery of Nuclear Antimatter, Soc. Italiana di Fisica, Edit. by L.Maiani & R.A.Ricci, Bologna 1995; suggerimo de guarda’ la lettera de Weisskopf a la paggina 17 dove se spiega che “nun se poteva sbaja’”.

[2] Er Ministro che je dava spago e je regalò Panisperna (lo possino…).

[3] Galilei divin uomo, Mondadori, 2002, pe’ nun parla’ de l’opere (se fa pe’ ddire) precedenti.

 

 

 

 

Torna alla pagina principale