FISICA/MENTE

 

I DUE CHIERICHETTI

            Negli scritti che seguono  tento il tratteggio di due fedeli cavalli di Troia all'interno dello schieramento che dovrebbe vincere le prossime elezioni. E' una esemplificazione di cosa significa convergere al centro. Si tratta di fare i chierichetti e di ubbidire sempre e comunque alle gerarchie ecclesiastiche. Chi conosce la storia di Amato si stupisce poco: il personaggio, sull'onda di Benito e con Bettino, è stato uno degli artefici del nuovo Concordato con la Chiesa (1985  http://www.amicus.it/leggi/Patti_Lateranensi/index.htm ). Rutelli (noto anche come il classico o come il signor Palombelli) si è invece convertito per ragion politica. Parte come laico radicale ma poi si converte, si sposa in Chiesa, manda i suoi figli in scuole cattoliche, da sindaco di Roma toglie i finanziamenti al Gay Pride, fa il papaboy con il cappelletto da scemo, ... insomma diventa ubbidiente anche perché l'amico di famiglia, Previti, lo rimprovera continuamente. Gli scritti che seguono descrivono le evoluzioni dei due personaggi (si noti che il primo cinguetta con il Foglio che è la voce dei teo-con-bushisti).

Roberto Renzetti

 

Il Foglio (11/11/2004)

Colloquio con il segretario della Margherita. 

La strega cattolica, l’identità europea, la bioetica Rutelli esce dal pantano della politichetta romana

La forza del cristianesimo, il suo conflitto con la scienza, il superamento del partito cattolico

 

La laicità ha in ogni paese la sua specifica declinazione-Roma. Da qualche anno il Foglio, che affronta temi politici civili e culturali, si batte per il riconoscimento del posto delle idee, di tutte le idee pluralisticamente intese, da quelle di Ratzinger sul documento ecclesiologico veritativo “Dominus Jesus”, che abbiamo pubblicato quattro anni fa, quando Bush era ancora il governatore del Texas che si batteva per le presidenziali, fino a tempi recenti, in cui la questione del rapporto tra politica e valori, dei fondamenti della politica e dell’effettiva capacità di comprendere tutti i valori in una società laica, è riemersa come una questione importante, di cui molto si discute.

Che cosa pensa, Francesco Rutelli, della laicità? E’ esclusione dal dibattito di temi morali e di temi religiosi, e di temi che nascano dalla cultura religiosa, perché sono pericolosi e si prestano ad ambiguità ed equivoci? Oppure la laicità è inclusione anche di questi temi, con serenità, con procedure corrette e pluraliste?


Francesco Rutelli - La mia opinione è che la concezione della laicità sia una concezione nazionale e non universale. E’ strano, tutto sommato, perché il concetto di laicità è uno dei prodotti della cultura moderna, ma non esiste una sua definizione e tanto meno una sua declinazione generale. E’ veramente singolare, ma nonostante i nostri dispositivi culturali tanto sofisticati, oggi non ci mettiamo d’accordo su molte delle parole fondamentali di cui discutiamo. Se definisci qualcuno “liberale”, in Italia significa una cosa, in America una cosa diversa, in Francia una cosa ancora opposta. Vale anche per la parola “federalismo”, che per noi ha un certo significato ma che in Inghilterra viene intesa come “centralismo”, “superstato”. E’ singolare, e vale come premessa di metodo, che nella cultura occidentale tante delle grandi parole, tanti grandi concetti del tempo non siano condivisi. Il concetto di laicità, in particolare, è intriso in ciascun paese di cultura nazionale. La definizione di laicità francese è quindi radicalmente diversa dalla concezione di laicità americana e da quella prevalente in Italia. La laicità francese postula, più che la separazione, l’esclusione della religiosità dalla vita pubblica. La vicenda del divieto del velo, del crocefisso, della kippà ne è la necessaria conseguenza. In Italia, penso che un approccio laico nella battaglia politica sia un patrimonio universale, nel senso dell’universo politico-culturale italiano. Un’interpretazione clericale è piuttosto minoritaria. Per questo reputo veramente sorprendente, da parte di Ferrara, sponsorizzare l’unico politico, ancorché bravo e preparato filosofo, che parla con un atteggiamento clericale, e cioè Buttiglione.

Il Foglio - Non l’abbiamo sponsorizzato. Su un episodio particolare abbiamo segnalato quella che ci sembrava una discriminazione “politicamente corretta”.

Rutelli - Ma ci sono almeno due particolari che stonano. A parte la conduzione politica dilettantesca della vicenda nel Parlamento europeo da parte di Buttiglione, lui stesso ha operato una sconfessione, ha scritto una lettera per scusarsi. E poi ha ipotizzato la nascita di un soggetto politico cristiano per difendere certi valori. Una cosa su cui anche i vescovi sono in dissenso. A mio avviso, l’atteggiamento di Buttiglione è particolarmente confuso, e non aiuta a diradare le dense nebbie in materia. Tornando alla domanda iniziale, in Italia siamo pressoché tutti laici in politica, e consapevoli del dovere di evitare che la religione sia “instrumentum regni”. Allo stesso tempo, discutiamo (e va a merito del Foglio aver sollevato e sviluppato il tema) di come un’ispirazione religiosa possa guidare le scelte politiche e abbia esplicita cittadinanza nelle vita pubblica. Sono due cose diverse ma entrambe assai rispettabili. E’ verissimo che l’Europa ha solide radici cristiane, e questo aspetto andrebbe affrontato meglio di quanto non si sia fatto nel corso del dibattito sulla Costituzione dell’Unione. Tuttavia c’è stata una discontinuità in questa affermazione della cristianità in Europa. Quelle radici nascono, come scriveva Braudel, dal fatto che il giovane cristianesimo raccoglie il testimone del cadente universalismo romano. La vitalità del giovane cristianesimo afferma un messaggio universale e assume il grande momento unitario, dal punto di vista istituzionale, culturale, civile e militare della storia e della cultura romane. Perché il cristianesimo diventa la vera esperienza di facimento dell’Europa? Certe vicende molto interessanti, come quella di Carlo Magno che chiese una dichiarazione di sudditanza anche agli schiavi, riconoscendo loro il diritto di persone, ci dicono che il cristianesimo ha affermato dei superiori valori morali capaci di costituire un limite all’esercizio del potere. Questa è stata la forza del cristianesimo nel rapporto con le istituzioni. Una forza che nasce da una sfida al morente potere romano e alle sue forme religiose, ma afferma valori morali superiori alle capacità dell’uomo. Morali, non soltanto di fede e di attesa ultraterrena. La limitazione dei poteri è un fondamento dell’Europa. Poi la situazione evolve, e nel processo verso la modernità lungo secoli si sviluppa la rottura. Una rottura che fa la Chiesa, quando afferma che il progresso e la scienza interrompono la tradizione cristiana.

Il Foglio - Ci sono tante rotture benedette: lo scisma d’Oriente, l’anglicanesimo, Lutero e poi la Rivoluzione francese…

Rutelli - Certo, ma la rottura di quella identificazione avviene perché la Chiesa ha paura della scienza. E la sfida diventa dirompente con i Lumi. I progressisti si trovano a sfidare la Chiesa non solo come fattore politicamente reazionario, ma come fattore retrogrado dal punto di vista di quelli che è legittimo definire gli stessi fondamenti del pensiero cristiano, ovvero l’uguaglianza delle persone, ovvero il messaggio evangelico, ovvero il discorso della montagna. C’è una rottura prolungata tra la visione del cristianesimo liberatore e la Chiesa garante dei poteri esistenti, di fronte all'emancipazione legata al progresso e, successivamente, alle conquiste sociali.

Il ruolo del popolarismo in Italia


Il Foglio - Il cristianesimo è quindi stato un lievito di valori come la libertà e l'uguaglianza, incentrati sul suo concetto di persona, ma dal Settecento a oggi, nel tempo moderno, avrebbe o ha, quando viene riproposto come cristianità, una funzione intellettualmente retrograda e politicamente reazionaria.


Rutelli - In Italia, dall'inizio del Ventesimo secolo, il popolarismo ha rappresentato un fenomeno coraggioso, minoritario ma importante, tutto sommato sconfitto a più riprese, prima di tutto dal fascismo, perché ha riconosciuto il valore dell'ispirazione cristiana dentro un cammino di progresso e di emancipazione sociale. A pieno titolo, il popolarismo in Italia e altre correnti cristiane europee concorrono attraverso questa presa di coscienza, in molti casi conflittuale con la gerarchia, ad affermare l'esperienza democratica del Ventesimo secolo. Che ha tre grandi pilastri: quello socialista, basato sui diritti sociali; quello cristiano, basato sui diritti della persona; quello liberale, basato sui diritti civili e di libertà economica. La fine dei grandi partiti del Novecento, socialisti, liberali e democristiani, è connessa all'assunzione, da parte dell'intero spettro delle forze democratiche, della validità di tutti e tre i filoni, che si sono contrapposti per un secolo, ma infine sostanzialmente integrati.

Il Foglio - E il suo partito, la Margherita, dovrebbe essere, per la sua composizione, per la sua storia, per come è nato e per il personale politico che esprime, quello più sensibile a questa assunzione dei tre filoni?

Rutelli - Per vicenda politica probabilmente sì, anche se certo non da solo.
In Italia, non c'è più un partito cattolico, perché le concezioni che avevano separato le culture democratiche si uniscono o si confrontano su piani diversi, rispetto a quelli su cui si sono confrontate nel Ventesimo secolo. Alla fine si può essere assolutamente laici, come prodotto della separazione prima riassunta, ma essendo ormai in grado di tenere nella propria elaborazione politica molti dei fondamenti propri della cultura socialista, di quella liberaldemocratica e di quella cristiana. La differenza nella relazione con la religiosità e la fede, invece, è assolutamente personale. Ti fai guidare e ispirare dalla tua fede e dalla tue convinzioni religiose nei tuoi atti pubblici? Qui entriamo, secondo me, in una zona di esclusione totale: questo non entra nel dibattito pubblico. E' qualcosa che rimane affidato alla libertà di coscienza della persona. Contesto che si debbano raggruppare coloro che dicono "stiamo insieme perché siamo ispirati dalla stessa fede".

Il Foglio - Lei nega che possa avere un valore politico pubblico, ma naturalmente non negherà che il modello liberaldemocratico (particolarmente riuscito nel caso americano e invece condizionato in Europa dalle logiche concordatarie, e da antiche fobie che derivano dalla storia europea e dalle sue guerre di religione) preveda la possibilità per gruppi cristiani, pluralistici, perché i cristiani sono tra loro molto diversi, di esprimersi in quanto tali nella società, di fare le loro battaglie di valore.


Rutelli - Non dico che non abbiano il diritto di farlo, ma che per me non è un fatto positivo che questo avvenga. La responsabilità pubblica impone la sintesi tra le posizioni personali e la rappresentanza generale (è la politica: ho le mie convinzioni ma debbo essere disponibile, anzi, sono chiamato al compromesso, perché sono il rappresentante eletto da cittadini che esprimono una pluralità di convinzioni). Voler pretendere di rappresentare il tutto attraverso un'interpretazione parziale è giusto se si propone un progetto politico. Molto più discutibile, se è qualcosa che afferma di richiamarsi a motivazioni superiori. Ci fu il caso celebre del re del Belgio, Baldovino, che per non firmare la legge sull'aborto abdicò per un giorno. Quella scelta non mi convince. Era il re cristiano, ma anche qualcuno che rappresentava tutto il suo popolo, perché quella legge era espressione della maggioranza della volontà popolare. Se avesse abdicato definitivamente, allora sarebbe stato coerente, indicando la prevalenza delle sue convinzioni di cristiano su quelle di uomo dell'Istituzione. Ma era uomo dell'Istituzione, e suo dovere era di registrare la volontà del Parlamento.

II Foglio - Oggi nel panorama italiano si profila un terreno di confronto e di scontro sulla questione della procreazione medicalmente assistita. Non si tratta di una qualsiasi norma regolativa, ma di una legge che s'interseca con un grande problema del nostro tempo. Prima di ragionare in modo libero su questa questione, una domanda precisa. Nel suo dibattito con Ernesto Galli della Loggia al Centro di orientamento politico (pubblicato sul Foglio del 27 e del 28 ottobre), il cardinale Ratzinger ha detto una cosa che testimonia di una comprensione razionale di fatti e non di una dogmatica ex cathedra. E' quello che, più o meno, ha detto anche Habermas e su cui in tanti riflettono, non da posizioni ecclesiastiche. Ratzinger ha detto che è aumentato il potere dell'uomo, fino al punto di costruire in laboratorio la vita, ma non è aumentato di pari passo il suo potere morale, la sua capacità morale di capire cosa questo significhi. E' d'accordo con questa affermazione?

Rutelli - Sono d'accordo. Da un punto di vista laico, Habermas sottolinea il rischio di una eugenetica liberale, ed è un rischio sottovalutato proprio dalla cultura laica. Dal punto di vista cristiano, il tema l'ha affrontato Ratzinger e non sta a me aggiungere altro. Ma sono d'accordo sulla sproporzione che lui segnala. Penso che il Ventunesimo secolo sarà marcato dalla contraddizione politica-scienza-etica. Questi tre vertici apriranno nel secolo appena cominciato le più grandi contraddizioni e i più grandi problemi. Noi siamo poco attrezzati. Ce ne occupiamo ancora con gli strumenti di quando la forza della scienza era ancora quasi più simbolica che praticamente sconvolgente.

Il Foglio - Un vecchio interdetto fa sì che in Italia, nelle università pubbliche, non sia possibile insegnare e studiare la teologia. Ci sono ovviamente cattedre di Storia delle religioni, ma non di teologia. Probabilmente è una scelta dovuta a uno dei tanti compromessi concordatari nati dalla volontà di emancipare l'insegnamento laico nella scuola pubblica, di "de-dottrinalizzarlo". Abbiamo pubblicato sei puntate di un lungo saggio di Alain Besançon e un saggio di Jacques Ellul, chiamandole "lezioni di teologia". Per affrontare i temi del contemporaneo (guerra, pace, confronto-scontro tra civiltà) e impossibile muoversi senza una minima strumentazione anche in campo teologico, non solo di storia delle religioni, cioè senza la definizione teorica di ciò che è il concetto di Dio, nelle diverse accezioni che esso ha preso nei secoli. Non sarebbe il caso, in una logica perfettamente laica e razionale, né concordataria né neoconcordataria, di riappropriarsi di questa libertà di studiare la teologia nelle scuole pubbliche?

Rutelli - Sono onestamente sorpreso di questa cosa che ignoravo. Non vedo perché uno studente di filosofia non debba avere la facoltà di studiare e di avere nel suo curriculum lo studio della teologia.

Il Foglio-Arriviamo al tema della legge sulla procreazione medicalmente assistita. La campagna referendaria è probabilmente partita con un grado eccessivo di enfasi, tra reciproche accuse di fanatismo. 1 referendari, in particolare, hanno usato espressioni come clericalismo, oscurantismo, ferocia, crudeltà, medioevo. L'importante ora è il futuro, che cosa succederà su temi molto importanti e impegnativi, come il limite alla produzione di embrioni, come la diagnosi preimpianto e il rischio di deriva eugenetica, su temi come il diritto al controllo sulla propria storia biologica, legato alla fecondazione eterologa nella forma anonima in cui è prevalsa nelle legislazioni permissive, su temi come i gravami che ci sono sul corpo e sull'identità femminile, chiamati a sfide molto pesanti nella società contemporanea. Su tutti questi temi, escluso naturalmente l'obbligo d'impianto (che è un equivoco normativo da abolire il più rapidamente possibile, perché è inconcepibile e scandaloso da un punto di vista laico), quali sono le condizioni per avere un dibattito sereno, sia che questo dibattito si risolva, anche se pensiamo che sia impossibile, in una riscrittura parlamentare della legge, sia che lo sbocco sia il referendum? Cosa ne pensa il leader politico di un partito che su questi temi si è diviso laicamente, nel segno della libertà di coscienza, e una parte del quale ha consentito l'approvazione della legge 40? Quali sono i modi giusti di combattere questa "guerra culturale", possibilmente senza spargimento di sangue e di cretinate?

Rutelli - Spostiamo il terreno della discussione da questa contrapposizione perniciosa. E' evidente che l'iniziativa del referendum porta con sé una semplificazione, ma non c'è tema per il quale una semplificazione brutale sia tanto impropria e ingiusta come questo. Do volentieri atto al Foglio di aver fornito una grande mole di materiali analitici, utili e interessanti. La cosa più utile sarebbe spogliare questa discussione dal suo aspetto esiziale, come fosse un giudizio finale. Che non c'è, perché dobbiamo stabilire un metodo di confronto tra posizioni, dubbi e problemi che ci dovrà accompagnare a lungo, in tempi come i nostri, che ci propongono settimanalmente formidabili cambiamenti scientifici. Ho contestato la scelta del governo di pronunciarsi in quanto tale, come governo, su questa materia. E mi sono indignato di fronte a due eccessi. Il manifesto dei diesse, con due mani di donna e di uomo ammanettate; e quando alcuni dirigenti politici hanno teorizzato che quella in corso sulla fecondazione assistita sarebbe una battaglia sul "diritto alla maternità e alla paternità". Viene voglia di far suonare una sirena e di far fermare le polemiche. Premesso ciò, su queste materie non c'è disciplina di coalizione, né di partito, tanto che ho potuto votare in perfetta tranquillità insieme alla maggioranza, e certo non rimprovererei mai uno dei miei compagni di partito che voti diversamente. Nessuna disciplina di pronunciamento, quindi. Ma si deve costruire una disciplina del dialogo, una disciplina del confronto, una definizione del terreno in gioco. E' la cosa più urgente. Nella passata legislatura, al Parlamento europeo ho fatto varie esperienze di votazioni in materia di bioetica: in nessuna è stata conseguita una maggioranza, si sono solo definite minoranze. Tutto questo ha un senso, se pensiamo che in tema di fecondazione assistita in Europa abbiamo venticinque legislazioni diverse. Sono elaborazioni culturali, politiche, normative nazionali, e ci ricolleghiamo qui a quanto detto all'inizio. II tipo di discussione, i limiti e gli orizzonti sono diversi da paese a paese, e un terreno comune europeo su questo non c'è. Penso che in Italia possiamo migliorare alcune parti della legge, che è uscita da una scommessa, approvata dopo strettoie e voti talvolta casuali, e da rotture trasversali, che tagliano gli schieramenti. Sappiamo che il magistero della Chiesa non approva quella legge e la definisce un male minore. Rimetterci mano in sede legislativa rischia di essere veramente un altro azzardo. Con il tipo di emotività che si può creare e con il tipo di schieramenti che si possono produrre occasionalmente, non sappiamo che cosa potrebbe venirne fuori. Secondo me, è comunque ragionevole ipotizzare il miglioramento di alcune parti. Il numero di embrioni da produrre e impiantare, per esempio, che va affidato alla decisione del medico. Mi faccia richiamare un altro tema bioetico, quello della fune della vita. Un buon testo è stato approvato dalla Commissione nazionale di bioetica, sulla "dichiarazione anticipata" (il cosiddetto testamento biologico), nella quale una persona indica cosa intende si faccia di sé quando non sarà più in grado di decidere. Ma in realtà, lo sappiamo, quella materia è già amministrata dai medici, possibilmente d'intesa con il malato e con i familiari. Anche nel caso del numero di embrioni da produrre per la singola donna nella fecondazione omologa, il medico deve poter decidere che cosa sia meglio, fermo restando che credo si debba produrre il numero di embrioni che saranno poi impiantati. Naturalmente, su questo tema come su tutti gli altri sono pronto a discutere. Penso anche a una migliore definizione della diagnosi preimpianto, che non dia adito a nessun rischio eugenetico, (non dimentichiamo che oggi la legge 194 consente a una donna di abortire di fronte a rischi gravi per la salute), e penso anche a un riconoscimento delle pratiche di fecondazione nel servizio sanitario nazionale.

Il Foglio - Una puntualizzazione. Nel caso dell'aborto, rispetto alla diagnosi preimpianto c'è una differenza profonda. C'è una simbiosi biologica, due tensioni umane profonde in conflitto e non si può non rispettare una scelta, anche all'interno di un orientamento antiabortista, di depenalizzazione e di scelta delle strutture pubbliche per effettuare l'aborto, secondo regole chiare. Nel caso dell'embrione, si produce in laboratorio qualcosa che poi si potrà distruggere, e che non ha alcuna relazione attuale con il corpo della donna.

Rutelli - E' sicuramente un ambito complesso, ma il fatto che sia in causa un diritto della donna secondo me è indubbio. Tra le sproporzioni del dibattito in campo c'è una sottovalutazione delle implicazioni di queste scelte nelle condizioni di vita della donna. Stiamo provocando cambiamenti antropologici colossali e stiamo concorrendo a trasformare la condizione femminile in qualcosa di molto più difficile. C'è più coscienza di questo, paradossalmente, non nella nostra cultura cattolica italiana ma in paesi laici, se non aconfessionali, come la Svezia. La Svezia ha una legislazione in difesa della condizione femminile straordinariamente avanzata, e l'ha integrata con una discussione sulla crisi del suo generoso welfare. Da dieci anni, in Svezia si discute del fatto che il crollo delle nascite è una minaccia per il paese, per la sua economia, per il suo futuro. La Svezia ha fatto un investimento imponente sulla condizione femminile. Le donne scandinave che arrivano ai piani alti della politica sono la causa, non solo l'effetto di una condivisa, innovativa protezione sociale. Coloro che vorrebbero liberalizzare al massimo la fecondazione artificiale caricano l'esperienza della donna, il suo ciclo di vita, di responsabilità inaudite. E noi che tipo di legislazione proponiamo? Il dibattito sulla libertà di scelta non può essere totalmente dissociato dalla riflessione economica e sociale sulla riorganizzazione del welfare, che deve avere una forte connotazione familiare e generazionale. Alcuni considerano come una nuova frontiera di libertà il concedere prerogative di cui si trascurano tuttavia le implicazioni enormi, anche dal punto psicologico. Tornando alla vicenda legislativa, è discutibile che queste norme possano essere migliorate senza entrare in una specie di girone infernale, il cui esito ci è sconosciuto. Credo che la responsabilità del legislatore dovrebbe consigliare di verificare se c'è una maggioranza per migliorare la legge in un senso condiviso. Se ci fosse questa disponibilità, bene, altrimenti si andrà ai referendum. Sono convinto che se si discuterà delle questioni nel merito, spogliandole del carico apocalittico che è stato loro attribuito, potremo fare un dibattito utile per il paese, che tenga conto anche di mutamenti costanti. Per inciso, se scoprissimo domattina che le staminali totipotenti possono veramente fare il loro lavoro, guarire malattie finora inguaribili, non pochi problemi sarebbero risolti. Ho chiesto alla Margherita di elaborare una proposta di legge che sostenga la ricerca sulle staminali da cordone ombelicale, che in tanti ospedali italiani ancora vengono gettati via.

Il Foglio - L'ultima incarnazione di una certa faziosità è la deformazione che è stata fatta della posizione dell'arcivescovo di Bologna, Carlo Caffarra, sulle unioni civili. La Chiesa, come è noto, è contraria alle unioni civili, e a Caffarra è stato attribuito di averle definite "letale metastasi", mentre quell'espressione era stata da lui usata per l'identificazione tra diritto e desiderio. I cattolici osservanti sono contrari, ma noi siamo favorevoli alle unioni civili. Naturalmente devono comportare uno specifico diritto di famiglia, ricalcato senza discriminazioni sul diritto di famiglia tradizionale, con iii più tutti gli elementi riguardanti i figli, le prospettive di adozione, la generazione con metodi che non siano naturali e così via. Lei è d'accordo con il campanello d'allarme che noi abbiamo suonato, e che riguarda una grande nazione civile come la Spagna? Là il potere socialista, che ha legittimamente vinto le elezioni di un anno fa, sta spingendo per una linea molto più radicale di quella sulla quale, per esempio, si sono impegnati in Italia i diesse, con la loro proposta sulle unioni civili, e cioè la linea del matrimonio omosessuale. Linea giustificata dalla teoria illustrata dal premier spagnolo Zapatero, secondo la quale il mondo oggi non ha bisogno di leadership, ma di buoni democratici. E i buoni democratici si rassegnano all'idea che se la maggioranza dei cittadini la pensa in un certo modo, quella è la verità. Ma non è, questo, un atteggiamento poco laico e molto esposto al rischio di una deriva populista? Non esiste un ruolo delle élite, che è importante nel discorso pubblico e nel bilanciamento dei poteri? E' possibile che sia genericamente consegnato alla maggioranza dei sondaggi, o anche alle maggioranze elettorali, il fardello di esprimere la verità delle cose? Il matrimonio omosessuale ha questo difetto: senza alcuna volontà di discriminazione, esiste il tema della tutela della differenza e di un'istituzione tradizionale come il matrimonio, fondata sull'unione di un uomo e di una donna, che va protetta. La riforma di Zapatero è assolutista e molto radicale. E' l'abolizione, per evitare la discriminazione, delle parole marito e moglie, che vengono sostituite dal neutro "coniuge", ed è la completa "equiparación", così è scritto nel progetto di legge, nell'ambito di una completa "igualdad", dei due tipi di matrimonio.

Rutelli - Se la maggioranza dei cittadini la pensa in un certo modo, quella è la legge. Non è necessariamente la verità, ma è la legge. Prevalgono, torno ancora al punto iniziale, le diverse culture nazionali e la vicenda spagnola è l'espressione di un processo storico nazionale. E' la conferma che l'eredità del franchismo non è conclusa, che un'identificazione tra il potere franchista e la visione tradizionale della Chiesa ha partorito purtroppo un antagonismo che continua. Il ministro della giustizia spagnolo, Lopez Aguilar, che ho incontrato poche settimane fa, mi ha confermato che la maggioranza dei cattolici è d'accordo con le decisioni di Zapatero. Nel momento in cui la presenza cattolica, formalmente dominante, si rivela in realtà di gran lunga minoritaria dal punto di vista identitario, quella frattura (attraverso la gestione sbagliata di Aznar) oggi determina un effetto "liberatorio", dalle implicazioni assai grandi.

Il Foglio - Ci sono però posizioni forti, nel mondo cattolico spagnolo, che accusano Aznar del contrario, di aver preparato questa deriva con una forte laicizzazione.

Rutelli - Ma è rimasto un insanabile antagonismo politico. La Spagna ha avuto una civilissima transizione democratica ma ha mantenuto una profonda spaccatura del paese. Ecco che le differenze nazionali tornano a contare. In Italia, il sentimento è diverso. Quella è la legge che oggi gli spagnoli vogliono, è quindi la legge. Personalmente non la condivido e credo che in Italia non sarebbe condivisa. Penso che la maggioranza degli italiani, e io mi colloco su questa posizione, siano favorevoli a un riconoscimento pieno dei diritti di cittadinanza e anche di una serie di implicazioni amministrative della convivenza tra persone omosessuali. Ma confido che ci sia una maggioranza che considera che non si può scrivere "parents" o coniuge in un certificato o in una biografia, ma si debba scrivere padre o madre. Questo appartiene non solo a un sentimento prevalente, ma alle scelte della vita. Tra le quali ci può essere quella di vivere con una persona dello stesso sesso. Possiamo discutere di tutto, e comunque combattere ogni discriminazione verso le persone omosessuali, ma senza nemmeno pensare di poter uscire da alcune decine di migliaia di anni di storia dell'uomo. Anche perché su questo punto la Costituzione italiana dà una definizione rigorosa e limpida.


 

 

Rutelli a Repubblica   06/11/04

"Penso che dovremmo stare molto attenti ad accettare atteggiamenti rozzi e giudizi semplicistici quando si affrontano tematiche che toccano l'etica ed anche sensibilità religiose. L'idea che il referendum che vuole legalizzare la clonazione e affermare il non diritto di conoscere il proprio padre naturale sia una frontiera di libertà contro una presunta concezione oscurantista è un grave errore. Si tratta di temi che esigono grande attenzione, profondità di analisi e ricerca di soluzioni legislative all'altezza. La legge sulla fecondazione si potrà migliorare ma non liquidare"

 

 

ItalianiEuropei di novembre 2004

Fecondazione assistita: una breve premessa
di Giuliano Amato

 

 La mia è solo una breve premessa ai due contributi che «Italianieuropei» ha ricevuto sulla fecondazione assistita. La scrivo al solo scopo di sottolineare ciò che li accomuna, pur nella diversità delle ispirazioni e delle premesse culturali dei loro autori, Natale D’Amico e Livia Turco. E quello che li accomuna è ciò di cui più abbiamo bisogno in una vicenda che non possiamo lasciare al rifiuto di capire le ragioni dell’altro, e quindi all’intolleranza praticata in nome ora di verità, ora di libertà intolleranti.
La responsabilità di evitare che una società sia penetrata da fratture incomponibili di questa natura è della politica, ed è qui la prima sottolineatura che voglio fare. La legge di cui ora si discute – osservano entrambi i nostri autori – pecca proprio su questo cruciale e pregiudiziale terreno e manifesta palesemente l’assenza di ciò che mai era così vistosamente mancato nei decenni in cui la nostra Repubblica era stata governata dal partito allora unico dei cattolici: la mediazione fra le istanze legittimamente avanzate dalle autorità spirituali della Chiesa su un tema di grande rilievo etico e le complessive ragioni presenti nella società italiana sul medesimo tema. Il che non significa, né ha mai significato in passato, disconoscere le istanze della Chiesa. Ma che in più circostanze quello che chiamiamo «il senso dello Stato» impone che si cerchi di comporle con altre, per non mettere a repentaglio i legami di fondo che tengono unita la nostra società. La DC questo senso dello Stato col tempo lo acquistò. È amaro constatare che di esso non c’è stata traccia nell’impostazione e nella gestione di una legge il cui esserci è stato fatto caparbiamente coincidere con il suo specchiare, senza mediazioni, posizioni unilaterali, che forse attendevano esse stesse l’occasione per essere mediate, e talora arricchite, dal concorso di altre. Di qui un peccato originale di cui ora scontiamo le conseguenze, con il crescere di contrapposizioni che la reciproca intolleranza rischia di rendere incomponibili. Anche se incomponibili non sono le questioni con cui le si alimenta.

 

 

 

Dagospia

"Materialmente è all'opera nella scrittura del testo il leader dei cattolici dei Ds, il senatore Giorgio Tonini. Avrebbe quasi trovato la quadratura del cerchio, ma Piero Fassino (che l'ha incoraggiato) si assumerà la responsabilità di schierare tutta la Quercia su una posizione anti-referendaria ormai impopolare tra la maggioranza dei suoi stessi dirigenti?"

 

COMUNICATO STAMPA del Ministero delle Pari Opportunità

Prestigiacomo: Fecondazione, fa bene Amato ad insistere su una modifica parlamentare

 

“Fa bene Giuliano Amato ad insistere su una modifica parlamentare della normativa sulla fecondazione assistita.

            “Non comprendo invece l’atteggiamento di chi, a sinistra, continua a dirsi disponibile ad un tentativo legislativo, salvo poi a demonizzare chi avanza delle proposte concrete ed

“Ed è assurda l’aggressione continua dei referendari nei confronti di chi sostiene la modifica legislativa, perfettamente legittima costituzionalmente, tanto quanto il referendum”.

Stefania Prestigiacomo

Roma, 6 ottobre 2004

 


13-11-2004 la Repubblica

Fecondazione assistita
Fecondazione assistita ecco il testo di una legge equa
Giuliano Amato

In un editoriale per "la Repubblica" il presidente Amato presenta le proposte per una legge equa sulla fecondazione assistita.


Nei prossimi giorni presenteremo il disegno di legge sulla fecondazione assistita. Il testo disciplina, sulla base di una nuova articolazione dei contenuti, l´intera materia già regolata dalla legge 40 varata dalla Cdl. Per questo la abroga. Questa legge, nella nostra intenzione, è legge di apertura della sanità pubblica a pratiche già sperimentate nel privato e quindi di controllo e regolamentazione di tali pratiche a tutela delle persone che vi fanno ricorso e dei nuovi nati. È anche, però, una legge che riguarda così direttamente la vita umana e la sua dignità da ispirare alla loro tutela l´intera normativa. Lo si dice già nell´art. 1, comma 2, dove anziché parlare di "diritti delle persone coinvolte, compreso il concepito" si parla di "rispetto" e "tutela della dignità umana"; una espressione questa ben più alta che tutti ci coinvolge, non solo la coppia e il concepito. Così, se al rispetto della dignità umana sono già improntate le norme sul consenso informato e sull´esclusione di pratiche di maternità surrogata, è poi al capo VI che si dettano norme più specifiche. E infatti l´art. 16 pone divieti volti ad impedire un uso improprio di quelle pratiche (la fecondazione di ovociti umani a scopo esclusivo di ricerca, la manipolazione genetica, la miscelazione di semi) avvertito appunto come lesivo della dignità umana, e l´art. 17 si preoccupa di tutelare questa dignità anche nell´embrione, per i casi in cui, correttamente formato a fini procreativi, non possa essere utilizzato per i fini stessi: se ne vieta la distruzione e si prevede che venga destinato a ricerche aventi finalità terapeutiche, un dono a favore di altre vite di una vita che non può crescere, accompagnando tale destinazione con garanzie e cautele atte a tranquillizzare, non meno dei laici, la stessa coscienza religiosa. Quanto premesso sull´impianto generale e sull´attenzione prestata alla tutela della vita e della dignità umana, ci consente ora di illustrare le principali innovazioni che abbiamo inteso introdurre, a partire dalle condizioni di accesso e le tecniche utilizzabili.

Le prime innovazioni riguardano appunto le condizioni di accesso:
a) non più solo la sterilità o la infertilità, ma anche la presenza di malattie infettive gravi (l´Aids ad esempio) o di malattie genetiche che possano comportare "rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro". Nel primo caso si vuole evitare che la coppia che intende avere un figlio sia indotta a rapporti sessuali a rischio di contagio per il coniuge e di trasmissione della malattia al nascituro; nel secondo caso si consente una selezione preventiva degli embrioni evitando la nascita di bambini affetti da gravi patologie ed in sostanza prevenendo un aborto terapeutico;
b) non più solo interventi a favore della coppia che possa fornire il proprio materiale genetico, ma anche a favore di quella in cui uno dei componenti sia affetto da sterilità o infertilità congenite o per malattia (ovviamente non per invecchiamento). Sappiamo che l´apertura alla fecondazione eterologa è controversa. Al di la delle convinzioni personali (sono in molti a non ravvisare alcunché d´immorale o di contrario alla dignità umana nel desiderio di avere un figlio anche ricorrendo al seme o all´ovocita altrui, quando un figlio, come insegna la legge sull´adozione, è soprattutto quello che si vuole e si cresce), non si può dimenticare che in particolare il ricorso al seme altrui è una pratica in uso da decenni, che ha dato gioia a tanti genitori e vita a tanti bambini, come non si può dimenticare che la sterilità o l´infertilità maschile e femminile sono in aumento, mentre diminuisce la natalità, e che la loro causa risale spesso a malattie e a conseguenti cure che frustrano un desiderio di maternità e di paternità non ancora realizzato. Il testo limita il ricorso alla fecondazione eterologa alle coppie di coniugi o di stabili conviventi, che siano entrambi viventi e in età fertile. Ma consentendolo appunto alle coppie, sottolinea come prioritari la tutela e il rafforzamento della famiglia, il cui valore come prezioso tessuto connettivo del corpo sociale non può essere predicato in astratto e contrastato in concreto.

Né il ricorso agli strumenti indicati è o può essere visto come una scorciatoia: non lo è per chi vi si deve sottoporre, che affronta scelte anche drammatiche e vicende quasi sempre dolorose e spesso umilianti; non può esserlo secondo la nostra proposta, perché questa prevede una gradualità degli interventi, dal più semplice e naturale al più invasivo, ed affida la definizione delle condizioni nelle quali a tali strumenti si può fare ricorso a protocolli specifici, elaborati dal Ministero della Sanità e da esso rivisitati periodicamente (le linee guida). E non c´è solo questo, c´è anche la missione affidata allo stesso Ministero di favorire gli interventi necessari per rimuovere le cause della sterilità e della ipofertilità, in modo da offrire alle coppie la prospettiva del ritorno alla fecondazione naturale (art.2).

Quanto alle tecniche abbiamo cercato in particolare di lavorare sulla fecondazione in vitro, poiché il tema più delicato sollevato dalla legge n.40 del 2004 è notoriamente quello che riguarda gli embrioni. Qui ci siamo avvalsi delle ormai acquisite indicazioni medico-scientifiche circa i due stadi che attraversa l´ovocita fecondato: lo stadio di ootide, in cui vi è solo un accostamento dei pronuclei maschile e femminile, che tuttavia conservano ciascuno i propri patrimoni genetici; e quello di zigote e quindi di embrione, in cui prima si congiungono gli assetti cromosomici paterni e materni e poi, a seguito della segmentazione, compare l´entità bicellulare che è la prima di quel genoma unico ed irripetibile destinato a svilupparsi come persona. È una distinzione cruciale quella fra questi due stadi e definire "un espediente" il fatto di ricorrervi e trarne conseguenze è tale una negazione del meraviglioso processo che porta alla nascita da apparire francamente blasfemo. È vero, l´ootide diverrà in poche ore un embrione, ma solo a quel punto sarà intervenuta quella trasformazione a cui i documenti stessi della Chiesa (che la definiscono fusio duorum gametum) riconducono l´esservi della creatura umana. Così sono i processi della vita e della morte. E, per chi ha fede, è in quei pochissimi momenti, non prima e non dopo, che l´anima entra nel corpo o lo abbandona.

Sulla premessa che gli stessi risultati ottenibili con la crioconservazione degli embrioni si possono ottenere con la crioconservazione degli ootidi (la letteratura al riguardo è ampia e probante e testimonia di un uso ormai affermato e convalidato di tale procedura in altri paesi europei, oltre che nel nostro), si è previsto in primo luogo che il medico espianti ovociti nel numero che ritiene necessario ad assicurare non meno di due impianti, tenendo conto della concreta situazione della singola coppia (salute, età della donna, etc.) e della esigenza di non sottoporre la donna a ripetute stimolazioni ovariche; e quindi che gli ovociti fecondati e non utilizzati per il primo impianto siano crioconservati (sempre e solo a scopo procreativo) non allo stadio di embrioni, ma a quello anteriore di ootidi. In questo modo, lo sviluppo allo stadio embrionale avrà naturalmente e necessariamente luogo per i soli embrioni di volta in volta destinati all´impianto (salvo quelli richiesti dall´eventuale diagnosi preimpianto). Si riduce così, drasticamente ma senza rigide quanto astratte limitazioni e senza danni per la donna, il numero degli embrioni che si producono e che possono restare inutilizzati.

Pur tuttavia, la possibilità che permangano embrioni non utilizzati a fini procreativi inesorabilmente sussiste, in primo luogo a seguito della diagnosi e della conseguente selezione preimpianto (non si dimentichi che tale esame può richiedere anche più di cinque embrioni, mentre poi l´impianto in una donna giovane di più di due embrioni rende altamente probabile una gravidanza trigemina) e poi per i casi di rifiuto o di impossibilità di procedere allo stesso impianto. Altri perciò ne saranno prodotti, oltre a quelli risalenti alla fase anteriore alla legge n.40 e tuttora conservati in frigorifero. Poiché la dignità umana che è in loro viene offesa, non solo dalla distruzione in quel frigorifero, ma, secondo una diffusa sensibilità etica e religiosa, anche dalla loro messa a disposizione della scienza come se si trattasse di puri agglomerati di cellule, la nostra proposta definisce un percorso che tiene conto di entrambe le ragioni. In primo luogo essa prevede che nel momento stesso in cui si avvia la procedura di produzione degli ootidi sia chiesto alla coppia di fornire il consenso a che, nel caso ne scaturiscano poi embrioni non utilizzati a fini procreativi, li si possa destinare a finalità terapeutiche (consenso che si prevede debba essere rinnovato, al momento in cui tale diversa destinazione diviene attuale). In secondo luogo si prevede che le linee guida, così come dovranno definire il limite temporale entro il quale ootidi e poi embrioni devono essere utilizzati a fini procreativi, indichino anche il lasso di tempo prima del quale non è consentito l´uso di embrioni a fini di ricerca. Sarà in tal modo possibile consentire quell´uso, quando diviene certo il loro abbandono al perimento. Con questa procedura e con queste cautele non c´è sostanziale differenza fra la donazione degli organi del figlio pre-morto da parte dei genitori, e la donazione a vite altrui delle cellule dell´embrione che si era voluto per avere un figlio. Non si fermano a questi aspetti le disposizioni della nostra proposta, che regola altresì la raccolta e la donazione dei gameti, lo stato giuridico del nato, la tutela della riservatezza, le strutture per l´effettuazione degli interventi e quelle, distinte, per la raccolta e la crioconservazione del liquido seminale. Ma le disposizioni che proponiamo su tali temi sono autoesplicative. In questa sede era soprattutto importante affrontare le questioni legate a visioni e a principi fortemente sentiti e fra loro potenzialmente confliggenti. Ci auguriamo che le nostre proposte valgano a dimostrare che soluzioni condivise sono possibili; senza rinunciare ai principi, ma facendoli valere al di fuori di intolleranti dogmatismi e cercando, ciascuno di noi, di capire le ragioni dell´altro.

 

 

UNA STORIA PENOSA:

Quarto Congresso Nazionale dell’UAAR:
mozione approvata dal Congresso su Giuliano Amato

Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti

MOZIONE CONGRESSUALE

sulla candidatura italiana alla Presidenza della Convenzione

 

La stampa italiana dà ormai per scontato che il candidato ufficiale dell’Italia alla presidenza della Convenzione - l’organismo incaricato di tracciare le linee guida della futura Costituzione europea - sarà Giuliano Amato, membro del Partito del socialismo europeo.

Il Congresso dell’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti,

RILEVANDO

che nella carta dei diritti fondamentali non esiste il minimo accenno alla laicità delle istituzioni europee;

RICORDANDO

i tentativi messi in atto dalle Chiese europee, fino alla vigilia dell’adozione della Carta, volti a introdurre il concetto di religione come un valore fondante dell’Europa;

RIAFFERMANDO

che il patrimonio filosofico e ideale dell’Unione Europea affonda le proprie radici nel razionalismo e nel rispetto dei diritti umani;

AUSPICANDO

una Unione Europea democratica e laica, rispettosa dei diritti individuali e collettivi e delle libertà fondamentali, sola garanzia di coesione sociale e di pace;

RICHIAMANDO

l’attenzione delle forze laiche sulla pericolosità di una candidatura alla presidenza della Convenzione che non sia schiettamente laica;

RITENENDO

sulla base delle sue stesse dichiarazioni, riportate in calce alla presente mozione, che Giuliano Amato non sia il nome più indicato per ricoprire tale importante incarico,

CHIEDE

con forza che l’incarico di Presidente della Convenzione sia ricoperto da una personalità di sicuro orientamento laico.

Firenze, 18 novembre 2001

 

In varie occasioni, negli ultimi anni, forse perché convinto, come disse nel maggio del 2000, che «i credenti hanno una marcia in più, un sovrappiù di amore», gli interventi di Giuliano Amato hanno teso a favorire gli interessi più che mondani della Chiesa cattolica e del Vaticano:

 

In materia di diritti civili, Giuliano Amato ha voluto limitare l’autonomia della donna che volesse abortire, imponendole di consultare il partner e aggiungendo un ulteriore intralcio e un ulteriore ritardo a una situazione già difficile, mentre il 25 dicembre 1992, diventato Presidente del Consiglio, in un’intervista all’emittente cattolica Telepace, a proposito dell’aborto dichiarò: «Sono in primo luogo convinto razionalmente che la vita una volta che si è formata ha titolo da essere protetta e riconosciuta come tale». Nel 1988 aveva sostenuto che la 194 era «una legge fondata sull’ipocrisia». Nel 1994 è arrivato a proporre una «Carta dei diritti del concepito».

La decisione di tenere a Roma nel 2000 il World Gay Pride mise le autorità nazionali e romane in grande difficoltà per le pesanti pressioni esercitate dalla Chiesa cattolica, dal Vaticano e dalla Santa Sede. Invece di appellarsi al rispetto dei diritti civili e delle libertà fondamentali, Giuliano Amato, il 24 maggio 2000, sostenne che il World Gay Pride era «una manifestazione inopportuna nell’anno del Giubileo», anche se non poteva essere vietata perché «“purtroppo”, la Costituzione impone vincoli e costituisce diritti».


Scuolanews n°5 del 30 settembre 2000

Caro Amato/Rutelli,
(Lettera aperta sulla laicità dei parlamentari* ai candidati premier del centrosinistra)


 

convieni certamente con noi che l'esperienza dei primi cinquant'anni di storia repubblicana si è fondata su un equilibrato rapporto tra le ragioni dei laici e quelle dei cattolici. Il quadro unificante della costituzione repubblicana ha permesso di superare sia antiche tensioni sia momenti divisivi più recenti quali le leggi introduttive del divorzio e dell'aborto con i referendum popolari in materia. Tutto ciò è stato di sicuro beneficio per il Paese e appare rischioso non avere cura attenta per l'equilibrio raggiunto, che ha rappresentato un fondamentale elemento per il funzionamento del sistema politico e un fattore stabilizzante delle dinamiche della società.

E' un fatto, tuttavia, che un tentativo di alterazione si è manifestato in questi ultimi tempi, assumendo via via forme diverse. Il rifiuto, in
nome di certezze assolute, di conclusioni della ricerca scientifica che rappresentano un sicuro progresso per l'umanità; la ripresa, in singolare contrasto con l'evoluzione del costume, di una pressione sui temi della famiglia, del matrimonio e della sessualità; la contestazione della visione della scuola come ambiente formativo necessariamente aconfessionale e laico; il riemergere nella Curia e nell' Episcopato italiano di tendenze che contraddicono l'apertura ecumenica al mondo moderno; come testimonia da ultimo l'episodio della beatificazione del papa Pio IX.

Lo Stato democratico non può essere "Stato etico"; ma lo Stato ha sempre bisogno di princìpi e valori per il governo della società. Ed essi possono nascere solo da quel confronto di fedi, di culture e di ideali che consenta un'intesa vera sugli elementi fondanti della convivenza della comunità. Il riconoscimento dell'importanza di tutte le posizioni morali e ideali non può dunque portare nella vita dello Stato ad assumere posizioni che si identifichino con uno solo dei termini del confronto; se non, appunto, a patto di ferire il principio di equilibrio e di tolleranza che è alla base stessa dello Stato moderno.

La coalizione di governo che ti candidi a dirigere non può non farsi carico di questo problema di fondo, che sembrava risolto e torna invece a manifestarsi con pericolose conseguenze. Le posizioni recenti del leader dell'opposizione testimoniano una grave sordità ad esso: e ciò accresce la Tua responsabilità.

Tutto bisogna fare perché non sorga neppure il timore che la coalizione di centro-sinistra possa finire per sottovalutare l'esigenza di una chiara posizione sulla distinzione tra sfera politica e religiosa. Essa è costitutiva del tipo stesso di civiltà europea alla quale l'Italia deve appartenere ed è impossibile disconoscerne l'attualità. Pare perciò a noi che il governo della modernità - la sigla stessa del centro-sinistra - richieda oggi di riaffermare con vigore il principio di quella distinzione, che forze laiche e forze cattolico-democratiche avevano ugualmente contribuito a radicare nella vita italiana.

Saremo lieti di avere confermato da Te che questa è anche l'impostazione che intendi difendere nella guida del centro-sinistra e che certo consentirà ad esso il consenso più largo.

 

Giuseppe  Ayala, Giorgio  Benvenuto, Giorgio  Bogi, Furio  Colombo, Stelio De  Carolis, Franco  Debenedetti,

Tana De  Zulueta, Antonio  Duva, Andrea  Manzella, Giovanni  Marongiu, Gianantonio  Mazzocchin,

Federico  Orlando, Stefano Passigli, Luigi  Petrini, Luciana  Sbarbati, Demetrio  Volcic.
 
 
 

 

Torna alla pagina principale