FISICA/MENTE

 

 

Diffondiamo l'analisi del nostro collaboratore Gennaro Carotenuto sulla disinformazione antilatinoamericana messa in atto dai media italiani.

La redazione di Latinoamerica


LATINOAMERICA

I disinformatori antilatinoamericani di professione

 

di Gennaro Carotenuto


Ogni giorno la stampa italiana ospita affermazioni false e tendenziose contro i governi progressisti latinoamericani. E' solo un caso o è in corso una campagna di delegittimazione contro quello che per Donald Rumsfeld è l' "asse del male latinoamericano da colpire"?

E' quasi un appello: sul sito http://www.gennarocarotenuto.it si tenta di star dietro e di confutare le affermazioni false e tendenziose fatte quotidianamente contro i governi progressisti latinoamericani. Oggi per la Bonino che sul Corriere della Sera afferma che "in Venezuela non esistono istituzioni democratiche". Ieri sul GR3 il neocon Pipes paragona Salvador Allende ad Adolf Hitler. L'altro ieri si fa affermare a Vargas Llosa l'astrusa teoria per la quale Evo Morales sarebbe un razzista. La settimana scorsa una macchinazione ha fatto il giro del mondo per presentare Hugo Chávez addirittura come antisemita. Nel mezzo si magnifica come novità l'elezione di Michelle Bachelet (la sua coalizione è al quarto mandato consecutivo) e si fa passare quasi sotto silenzio quella di Evo Morales (una svolta in tutti i sensi). La Repubblica si preoccupa per la sorte degli assassini di Ernesto Guevara: "processarli sarebbe una ritorsione" e Massimo d'Alema, quello stesso che difendeva Fernando de la Rúa quando questi fece sparare sulla folla a Buenos Aires, lancia accuse contro Nestor Kirchner o Hugo Chávez. Ma forse la perla di questo inizio d'anno è quella offerta dal settimanale L'Espresso

Il settimanale storico della sinistra progressista italiana, nel numero del 19 gennaio 2006, commissiona l'articolo di apertura di uno speciale sull'America Latina a tale Moises Naim presentandolo SOLO come direttore del periodico statunitense "Foreign Policy". Al lettore sarebbe piaciuto conoscere il perché un settimanale italiano commissionasse un importante articolo sull'America Latina né a un giornalista italiano esperto di temi latinoamericani né ad un latinoamericano. Ebbene, anche se il lettore dell'Espresso non è stato messo in condizione di saperlo, non solo Naim non è statunitense, ma mascherato come direttore della prestigiosa (sic!) rivista "Foreign Policy", viene celato (nascosto al lettore) che Naim non è un latinoamericano qualsiasi.

Naim è stato ministro dell'Industria in Venezuela negli anni '90 al tempo delle più selvagge privatizzazioni, quando fiumi di denari da tangenti finivano nei paradisi fiscali delle Bahamas, quando la grande maggioranza dei venezuelani si impoveriva come mai nella storia, quando il governo massacrava migliaia di persone con il Caracazo (da 2.000 a 10.000 morti in un solo giorno nel 1992). Né l'Espresso né Naim, sentono il pudore di spiegare che Naim stesso non è un osservatore neutrale, ma un membro di quella classe politica corrotta spazzata via dal Movimento Bolivariano. E' come se l'Espresso avesse commissionato a Pinochet un articolo su Allende, a Ménem un articolo su Kirchner o a Collor de Mello un articolo su Lula, dimenticando di spiegare chi furono Pinochet, Ménem o Collor de Mello ed anzi spacciandoli come osservatori neutrali.

L'Espresso fa così passare per analisi politica insulti come "pericoloso buffone populista Chavez" (chissà perché scritto sempre senz'accento) facendo credere al proprio lettore che siano prodotto di un prestigioso osservatore neutrale e non di un rancoroso esponente di una delle classi politiche più corrotte della storia. E' così ingenua la direzione dell'Espresso da non capire che questa è una pessima maniera di fare giornalismo?

Tutto ciò in pochi giorni in questo inizio di 2006 e chissà quante ne abbiamo perse o ci sono sfuggite, come la perla pubblicata dal supplemento Donna di Repubblica a firma Alessandro Oppes che, sotto il titolo "Chávez visto da vicino", intervista da lontano solo ed esclusivamente oppositori particolarmente avvelenati e poco lucidi.

E' in corso un'operazione decisa e sistematica che vuole distaccare l'opinione pubblica occidentale dalle sorti dei governi progressisti latinoamericani, presentarli come velleitari, autoritari, pericolosi, non democratici, per potere domani mettere in atto la minaccia del ministro della difesa statunitense che minaccia l' "asse del male latinoamericano da colpire".

E' necessario dunque un lavoro di denuncia ed informazione che va ben oltre le possibilità del sito e che tuttavia è necessario ed urgente se non vogliamo trovarci con un'opinione pubblica cucinata a puntino nel caso non remoto che le attuali campagne di calunnie sfocino in qualcosa di peggiore. Non si può dire, "Kirchner non ci piace", "Morales è razzista", "in Venezuela non esistono istituzioni democratiche", senza spiegare mai con competenza e proprietà la sostanza di affermazioni così gravi. E' quello che sta avvenendo. E' una goccia di bile quotidiana di disinformazione che sta avvelenando i pozzi dell'informazione in senso antilatinoamericano. E' la stessa goccia quotidiana di veleno che spargeva menzogne su Salvador Allende fino a far credere che il colpo di stato voluto dagli Stati Uniti fosse la soluzione migliore per terminare un caos che non esisteva o che se esisteva era stato creato ad arte.


 

Massimo d'Alema e l'America Latina

Di gennaro carotenuto del 29/12/2005

http://www.gennarocarotenuto.it/dblog/articolo.asp?articolo=401

Ho ricevuto vari email che mi chiedono di esplicitare il mio pensiero su Massimo d'Alema e l'America Latina. Lo faccio volentieri, anche se in breve ed in maniera in nessun modo esaustiva.

Massimo D'Alema è quel politico italiano che difendeva l'ex-presidente argentino Fernando de la Rúa, quando questo faceva sparare sulla folla a Buenos Aires. E' quello stesso politico che quando era Presidente del Consiglio non riceveva la gente del PT "perché tanto Lula non vincerà mai e il nostro referente in Brasile è Fernando Henrique Cardoso". E' quello stesso politico che attacca sempre (chissà perché) il governo di centrosinistra argentino e che di Hugo Chávez parla di censura di stampa (inventata) ed accusa, senza mai circostanziare, il governo bolivariano di violazioni dei diritti umani.

E' semmai vero il contrario. E' l'Internazionale Socialista, della quale Massimo D'Alema è uno dei massimi esponenti, a non avere mai condannato il colpo di stato in Venezuela dell'11 aprile del 2002, organizzato con l'appoggio dell'FMI, del governo degli Stati Uniti e della Spagna di Aznar. Di D'Alema da governante sarebbe troppo lungo dire. Ma l'uomo della "guerra umanitaria" non credo che abbia mai brillato per autonomia di giudizio rispetto al fondomonetarismo più ortodosso.

Dipendesse da me, lo pensionerei e lo manderei in barca a vela tutto l'anno. I DS hanno personale politico infinitamente migliore.

___________________________

PS Quando d'Alema saprà che il primo viaggio all'estero del presidente Evo Morales sarà venerdì a Cuba per incontrare Fidel Castro e non in Italia per omaggiare Lui, gli verrà un'ulcera.

Torna alla pagina principale