FISICA/MENTE

la rivista del manifesto numero  28  maggio 2002 

Dossier Palestina

LA DESTRA ISRAELIANA
Paolo Di Motoli   


www.larivistadelmanifesto.it/indici/ tematico/Conflitto_arabo-israeliano.html 

 

Per comprendere le idee che ispirano il Likud, maggiore partito di destra in Israele, bisogna analizzare le divisioni sorte in seno al movimento sionista negli anni del Mandato inglese. Nel settembre 1922 il governo britannico divise in due la Palestina, creando dal niente una nuova entità territoriale ad Est del fiume Giordano, la Transgiordania. La neo-costituita Società delle Nazioni il 24 luglio 1922 ratificò, di fatto, la nuova mappa geopolitica del Vicino Oriente, approvando l’istituzione Mandataria. Francia e Gran Bretagna avrebbero amministrato i territori assegnati dal Mandato, dovendo favorirne l’autogoverno per il futuro.
Alcuni esponenti del movimento sionista rimasero profondamente delusi. La Palestina ‘storica’ rimaneva, secondo alcuni di loro, quella precedente la divisione ‘artificialmente’ operata da Churchill e corrispondente oggi ad un territorio che comprenderebbe Israele, Cisgiordania occupata e regno di Giordania.
La politica dell’esecutivo sionista dell’epoca, guidata dal liberale Chaim Weizmann, moderato e pragmatico, era volta ad ottenere dai britannici la costituzione del «focolare ebraico», come promesso dalla Dichiarazione Balfour del 1917. I metodi per arrivare a questo obiettivo erano la pressione diplomatica e la colonizzazione della Palestina, operata con «piccoli passi».
L’ascesa di Jabotinsky In contrasto radicale con il moderatismo di Weizmann e dell’esecutivo sionista un giovane ucraino di Odessa, di nome Vladimir Zeev Jabotinsky, fondò a Parigi nel 1925 un movimento politico denominato Unione dei sionisti revisionisti. Il manifesto del partito parlava di «revisione» della politica sionista dell’epoca, per un ritorno alla vera matrice herzliana del sionismo. La revisione quindi intendeva ritornare allo spirito del fondatore stesso del sionismo, Theodor Herzl, il cui spirito, secondo Jabotinsky, era tradito da Weizmann.
Quello che la maggioranza dei sionisti dell’epoca si ostinava a non rivendicare era la costituzione di uno Stato ebraico, proprio come prescritto dal famoso libro di Herzl, Der Judenstaat. Le ragioni della mancata richiesta di uno Stato ebraico, che avverrà ufficialmente solo nel 1942, erano probabilmente tattiche. I sionisti non intendevano mettere in difficoltà i britannici e inasprire i rapporti con gli arabi di Palestina, già protagonisti di aggressioni violente ai danni della comunità ebraica palestinese.
I capisaldi del pensiero del giovane letterato e giornalista Jabotinsky erano sostanzialmente quattro: a. la costituzione di una maggioranza ebraica in Palestina, necessaria a garantire uno Stato ebraico su ambedue le rive del fiume Giordano; b. il primato dell’idea nazionale su qualsiasi altro principio, con il rigetto delle divisioni di classe operate dai socialisti; c. il primato della politica sul metodo pratico inventato da Weizmann, che voleva comprare la Palestina «dunam per dunam». Primato della politica significava ottenere dagli inglesi un «regime di colonizzazione» tale da permettere di costituire sulla Palestina storica lo Stato di Israele; d. la necessità per gli ebrei di provvedere autonomamente alla loro autodifesa con la costituzione di legioni militari ebraiche.
Nazionalismo risorgimentale e nazionalismo organicista Il pensiero di Jabotinsky era un intreccio di nazionalismo risorgimentale, ispirato dal razionalismo della Rivoluzione francese, e nazionalismo organicista, che vedeva la nazione come un organismo vivente, un fine morale presente in ogni individuo centrato sulla razza. Il laboratorio della nazione in fieri era il movimento giovanile Betar, che educava i giovani ebrei al rispetto della tradizione, alla disciplina, all’ordine, con una totale abnegazione verso l’ideale nazionale. Il Betar, fondato a Riga da giovani simpatizzanti di Jabotinsky nel 1923, era la metafora della nazione ebraica: e l’adesione ad esso era puramente volontaristica. Il Betar doveva essere secondo il leader ucraino come una macchina dotata di movimenti sincronizzati, un’orchestra con i suoi molteplici elementi, o la scacchiera, dove ogni pedina svolgeva il proprio compito in armonia con le altre.
Nel pensiero nazionalista jabotinskiano convivevano due aspetti classici del nazionalismo, uno ‘scandaloso’, basato sul determinismo razziale tipico del nazionalismo organicista del Novecento, e l’altro di tipo volontaristico, affine a quello mazziniano. Questo pensiero oscillante ha spesso contribuito ad un dibattito storiografico sulla sua figura, che di volta in volta ne ha messo in luce gli aspetti liberali o autoritari ed estremi, avvicinandolo al fascismo.
Il partito dei sionisti revisionisti è stato protagonista in Palestina di durissimi scontri con il filone maggioritario del sionismo, ispirato ad un socialismo nazionale e volontaristico. Gli scioperi del potente sindacato Histadruth venivano boicottati dagli uomini di Jabotinsky, che sostituivano gli scioperanti provocando violente reazioni.
Il rifiuto della lotta di classe e il primato della nazione portarono Jabotinsky a postulare uno Stato di Israele, in cui i conflitti sociali fossero regolati dallo Stato tramite un Arbitrato nazionale. Lo Stato di Jabotinsky era ‘liberale’, poiché rispettava entro certi limiti la proprietà privata; ma era anche corporativo, con una Camera delle professioni, che si affiancasse al Parlamento politico, separando così la sfera economica da quella politica.
Questa concezione dello Stato, insieme alla partecipazione di giovani simpatizzanti di Jabotinsky alla scuola marittima di Civitavecchia nell’Italia di Mussolini, indussero esponenti del sionismo socialista a vedere in lui un leader di tipo fascista. Il pessimismo antropologico e il realismo politico, di cui era dotato, resero le sue analisi sulla situazione palestinese molto più lucide di quelle di molti esponenti del sionismo laburista e spirituale. Jabotinsky aveva visto con chiarezza il nazionalismo arabo.
Vi erano due diritti contrapposti in Palestina e l’unica soluzione per il leader revisionista non era nemmeno troppo implicita: la guerra. Era inutile lo scambio culturale, il rapporto reciproco con l’altra etnia, lo studio dell’arabo nel circoscritto contesto palestinese. Gli arabi non si sarebbero mai accontentati di diventare una minoranza o di dividere la terra, che consideravano di loro proprietà, con un popolo diverso.
La sue giovanili infatuazioni per il nazionalismo ucraino, ferocemente anticomunista e antisemita, e per quello polacco di Pilsudsky, lo resero odioso agli esponenti dell’ebraismo progressista. Jabotinsky non apprezzò mai le accuse di fascismo che Ben Gurion e altri militanti sionisti di sinistra gli mossero, preferendo definirsi un liberale rispettoso della democrazia e dei valori borghesi del XIX secolo.
L’abbandono nel 1931 del Congresso sionista per il rigetto di una mozione che definiva lo scopo del sionismo come la costituzione di uno stato di Israele sulle due rive del Giordano, creò una spaccatura che avrebbe pesato a lungo nei rapporti tra la sinistra sionista e la destra rappresentata dai revisionisti.
Jabotinsky ebbe l’idea di fondare nel 1935 una Nuova organizzazione sionista in concorrenza con quella storica, ormai guidata dal partito di ispirazione socialista Mapai di Ben Gurion.
Le istituzioni dunque raddoppiarono, con la costituzione di due eserciti clandestini, l’Irgun di Jabotinsky e l’Haganà egemonizzata dai socialisti, e di due sindacati, l’Histadruth per i socialisti e l’Histadruth nazionale per i revisionisti.
Per quanto riguarda l’attività militare bisogna segnalare gli atti di violenza terroristica sui civili arabi operati dall’Irgun, che inasprirono ancora di più i rapporti con la maggioranza dei sionisti guidata ormai saldamente dal futuro primo ministro di Israele Ben Gurion.
Il filo-fascismo delle minoranze massimaliste Le ali estreme del sionismo revisionista erano intrise di nichilismo rivoluzionario, ispirato dal terrorismo russo di Volontà del popolo, nato dalla spaccatura del Partito socialista rivoluzionario di Russia, che organizzò l’uccisione dello zar Alessandro II. Questi sionisti massimalisti organizzarono una scissione dall’Irgun, dando origine nel 1940 al Gruppo Stern o Lehi, acronimo di Loamei Herut Israel (Combattenti per la libertà di Israele).
Il Lehi era un movimento militare, intriso di idee rivoluzionarie antiborghesi e di simpatie fasciste. Il capo del movimento, Avraham Stern, propugnava alleanze ‘pericolose’. In nome della guerra contro gli inglesi per liberare la Palestina dal dominio coloniale, il piccolo ma agguerrito movimento tentò addirittura una improbabile alleanza con i nazisti. Il ‘contatto’ venne preso per il Lehi da Naftali Lubentchik, che nel 1941 ebbe un colloquio con due uomini del Terzo Reich, Rudolf Rozer e Otto Von Hentig, responsabile del dipartimento per l’Oriente del ministero per gli Affari esteri. Venne stilato anche un documento, che esponeva la «comunità di interessi tra il movimento e le potenze totalitarie europee per la creazione di un nuovo ordine europeo», e che annunciava «la fondazione di uno Stato storico ebraico su una base nazionale e totalitaria, legato con un trattato al Reich tedesco», volto a rafforzare la posizione della Germania nel Vicino Oriente. Le trattative con i nazisti si interruppero quando gli alleati catturarono, nel giugno del 1941, Lubentchik nell’ufficio dei servizi segreti a Damasco. La morte di Stern, ucciso dalla polizia britannica nel febbraio del 1942, segnò il tramonto della fase ‘messianica’ del movimento, che avrebbe elaborato in seguito una linea politica influenzata dal mito dell’Unione Sovietica, vincitrice della guerra e potenza anticoloniale e antiborghese.
Ma il gruppo Lehi viene ricordato anche per l’assassinio di lord Moyne, ministro residente britannico al Cairo, avvenuto il 6 novembre del 1944, e per quello del conte Folke von Bernadotte, mediatore delle Nazioni Unite in Palestina, ‘colpevole’, secondo il Lehi, di aver proposto una spartizione della Palestina sfavorevole agli ebrei. Il gruppo di comando era in questi anni nelle mani di una specie di triumvirato composto da Yitzak Yzernitzky, detto Shamir, Israel Sheib e Yellin Mor, poi diventato pacifista.
La morte di Vladimir Zeev Jabotinsky nel 1940 liberò in qualche modo tutti gli istinti più militaristici dei suoi uomini. Si inaugurava l’epoca del Sionismo militare, rivolto contro gli inglesi e i nemici arabi. Il ceto politico dei sionisti revisionisti venne in qualche modo scavalcato da quello militare, proveniente dall’Irgun, il cui comandate fu Menahem Begin dal 1944, e dal Lehi.
La Polonia fu il grande serbatoio di militanti per l’Irgun e per i revisionisti in generale, forse perché l’ebraismo proveniente da quelle zone era stato maggiormente vessato. Si sbaglierebbe però nel proiettare su tutto il sionismo le infatuazioni del revisionismo jabotinskiano – o peggio del radicalismo del gruppetto militare del Lehi –, data la natura essenzialmente socialista della maggioranza dei consessi sionisti.
Il migliore risultato elettorale ottenuto dalla Destra sionista furono i 52 deputati su 254 del 17° Congresso sionista del luglio 1931. Dopo quella data i risultati peggiorarono anche a causa di scissioni, nate da contrasti relativi alla costituzione della Nuova organizzazione sionista voluta da Jabotinsky.
Begin fonda Herut il maggiore partito della destra israeliana L’eredità politica del revisionismo di Jabotinsky venne raccolta dopo la fondazione dello Stato di Israele da Menahem Begin, il vecchio comandante dell’Irgun, che nell’ottobre del 1948 fondò il partito Herut (in ebraico «libertà»).
In Herut erano confluite tutte le anime del revisionismo, comprese le più radicali. Tra i protagonisti del massimalismo bisogna segnalare i due ucraini Abba Ahimeir e il poeta Uri Zvi Greenberg, che dopo la prima guerra mondiale erano stati i creatori di un piccolo gruppo massimalista, chiamato Birionim (briganti), di orientamento chiaramente fascista, in cui militò anche Ben Zion Netanyahu, padre del futuro primo ministro. Ahimeir stesso era un grande ammiratore di Mussolini e nel 1928 aveva pubblicato sul giornale «Doar Hayom» le Cronache di un fascista.
Tutte queste infatuazioni gettano una luce inquietante sull’ala destra del sionismo, ma vanno lette e inserite nello spirito del tempo, in cui i fascismi avevano esercitato una considerevole influenza.
Herut aveva notevoli svantaggi rispetto ai laburisti. Questi, infatti, avevano diretto e dirigevano ancora tutte le principali istituzioni sioniste, come l’Agenzia ebraica, che si occupava degli immigrati ebrei nel nuovo paese; il sindacato Histadruth, che, nonostante la scissione, raccoglieva l’85% dei lavoratori ebrei di Israele; e Tsahal, l’esercito in cui erano confluiti l’Haganà, che era il principale gruppo egemonizzato dalla sinistra, l’Irgun di Begin e il Lehi di Shamir.
Il 25 gennaio del 1949 si tennero le elezioni e la percentuale di voti ottenuta da Herut fu dell’11,5%. Il risultato deluse molto le aspettative di Begin, che pensava di contare su un elettorato molto più consistente. I voti presi consentirono al partito di ottenere solo 14 dei 120 seggi della Knesset, il parlamento israeliano. Il Mapai di Ben Gurion prese 46 seggi, la sinistra radicale del Mapam espressione dei Kibbutzim 19, il blocco dei Sionisti religiosi 16.
Il maggiore partito di governo della sinistra era all’epoca il Mapai di Ben Gurion, diventato primo ministro. Le accuse di Begin al suo avversario erano quelle di aver instaurato un regime di partito unico, che egemonizzava tutte le istituzioni e la società. La formula dei governi di sinistra che governarono Israele, inventata da Ben Gurion, era : «Senza Maki (il Partito comunista israeliano) e senza Herut». Il disprezzo tra i due leader era tale che Ben Gurion si rifiutava di chiamare per nome il fondatore di Herut rivolgendosi sempre «al vicino del deputato Bader».
Herut era un blocco nazionalista e liberale, che chiedeva la nazionalizzazione delle industrie di base, un sistema di sicurezza sociale non legato al sindacato socialista Histadrut e una tassazione progressiva, che garantisse però la libertà di impresa. Nei suoi programmi si notavano riferimenti alla tradizione religiosa e l’attenzione al rispetto dello Shabbath, in aperto contrasto con il laicismo di Jabotinsky. Herut si dichiarava contemporaneamente anticomunista e antifascista. L’intento di Begin era quello di rappresentare l’elettorato delle classi medie non legate agli ideali del socialismo sionista, sicuramente più numeroso dei 50.000 che avevano votato per Herut.
In Parlamento Begin accuserà il governo di essersi piegato servilmente agli inglesi e ai giordani, firmando accordi che riconoscevano la sovranità araba su una parte della patria ebraica. Questa visione territoriale dello Stato di Israele era figlia della vecchia idea jabotinskiana di Stato ebraico. Esisteva una clausola dello statuto di Herut, che continuava a vedere Israele come uno Stato, che avrebbe dovuto estendersi su «ambedue le rive del Giordano».
In questo periodo Begin scrisse la sua versione della ribellione ebraica contro gli inglesi degli anni ‘40, dal titolo La rivolta. Il libro era in sostanza una glorificazione dell’operato dell’Irgun, di cui veniva evidenziato il carattere di esercito di liberazione nazionale, in contrasto con l’immagine di gruppo terrorista fornita dai media internazionali, dagli inglesi e dalla sinistra israeliana. Visitò anche piccoli gruppi che avevano sostenuto i Sionisti revisionisti in Europa, negli Stati Uniti e in America latina, dove ebbe un curioso incontro con Juan Perón.
Le elezioni del 1951 segnarono una netta flessione elettorale per il partito di Begin, che prese il 6,6% dei voti. La protesta e lo scontento per il regime di austerità imposto dalla difficile situazione economica venne intercettato dai Sionisti generali, di orientamento liberale, che erano il partito di Weizmann, vecchio presidente dell’Organizzazione sionistica e primo presidente dello Stato di Israele. I Sionisti generali avevano preso 20 seggi, contro i 7 delle elezioni precedenti, diventando il primo partito della destra e superando largamente Herut.
Migliaia di profughi ebrei, provenienti dai poco accoglienti paesi arabi e dall’Europa, vennero accolti negli anni ‘50 in Israele. I campi di raccolta erano poveri e tutto veniva razionato. Ben Gurion pensò che fosse venuto il momento di ottenere riparazioni dalla Repubblica federale tedesca del cancelliere Adenauer. Il dibattito in Parlamento e nel paese fu a dir poco infuocato e l’opposizione alle riparazioni, con cui non si poteva ripagare il sangue ebraico era trasversale. Gli oppositori erano il Mapam e alcuni esponenti del Mapai ma il partito più intransigente fu proprio Herut. Begin dichiarò alla Knesset: «Non c’è un tedesco che non abbia ucciso uno dei nostri padri! Ogni tedesco è un nazista! […] Adenauer è un assassino!». Mentre gli scontri imperversavano fuori del Parlamento, Begin dichiarò che la sinistra voleva far tornare tutti nei campi di concentramento e per la sua virulenza venne sospeso dall’aula. I voti favorevoli alla trattativa sulle «riparazioni di guerra» tedesche furono 61 contro 50.
Le riparazioni, così violentemente osteggiate da Herut, consentirono allo Stato di Israele di dotarsi di infrastrutture fondamentali per la sua crescita futura. Herut rimase isolato dalla politica israeliana e Begin utilizzò questo periodo per scrivere le memorie della sua prigionia nelle carceri di Stalin, intitolate Notti bianche. Il leader di Herut, inoltre, fece nuovi viaggi non solo in Europa e in America, ma anche in Africa, dove incontrò il primo ministro sudafricano Daniel Malal, che pure si era rifiutato di aiutare i rifugiati ebrei durante la Shoà.
Le elezioni del 26 luglio 1955 segnarono un miglioramento elettorale del partito di Begin, che passò da 8 seggi a 15, recuperando i voti persi a favore dei Sionisti generali, che videro la loro rappresentanza ridotta a 13 seggi.
La lotta di questi anni per rappresentare gli ebrei sefarditi provenienti dal Marocco, che venivano fatti entrare in Israele in maniera selettiva, non sembrava dare i frutti sperati. Herut voleva aiutare i sefarditi ad entrare in massa in Israele, senza distinzione di età e sesso. Questi ebrei provenienti da Libia, Tunisia, Marocco e Algeria, assiepati in miseri campi di passaggio, in attesa di una sistemazione definitiva, rappresentavano l’83% dei nuovi entrati in Israele. I sefarditi, considerati da molti cittadini di serie B, in contrasto con la leadership rappresentata dagli ashkenaziti europei, erano vero e proprio materiale ‘infiammabile’, che gli esperti del governo vicini a Ben Gurion temevano potesse essere strumentalizzato dai comunisti o da Herut.
Le elezioni del 3 novembre 1959 segnarono un nuovo miglioramento elettorale, portando Herut a 17 seggi e consolidando l’immagine di primo partito dell’opposizione.
Begin si diede da fare per migliorare la propria immagine, evitando plateali comizi dai balconi e campagne elettorali condotte a bordo di Cadillac, seguite da cortei di biciclette, che davano un’immagine forse un po’ sudamericana e populista della sua persona. Le elezioni anticipate del 1961 confermarono a Herut i 17 seggi che, paragonati ai 59 ottenuti dal blocco delle sinistre, rimanevano esigui.
Senza cambiamenti significativi la destra non avrebbe mai governato Israele; per ovviare a questa difficoltà elettorale del suo partito, Begin aveva iniziato difficili trattative con i Sionisti generali per la presentazione di liste comuni già nel 1955. L’obiettivo era quello di unire la destra radicale e quella moderata in una coalizione, dove Herut avrebbe ceduto la politica estera e la difesa agli esponenti moderati della coalizione. Le concezioni economiche e sociali dei due partiti erano vicine. Gli interessi dei piccoli artigiani, dei commercianti e delle classi medie erano difesi sia dai Sionisti generali sia da Herut e comune era stata l’opposizione all’indicizzazione dei prezzi e dei salari voluta dalla sinistra.
Il problema di Herut restava quello dei confini di Israele e, per venire incontro alla moderazione dei Sionisti generali sulla questione, Begin modificò nel 1955 la piattaforma geopolitica del partito. L’unità di Eretz Israel sulle due rive del Giordano era diventata un principio e non più un obiettivo da raggiungere. Questo era il massimo delle concessioni che Begin era disposto a fare ai suoi interlocutori liberali.
Il primo ministro laburista Levi Eshkol accolse, infine, la richiesta di Herut di accogliere in Israele le spoglie di Jabotinsky. Ben Gurion, infatti, aveva sempre rifiutato il simbolico gesto di riconciliazione nei confronti del fondatore del revisionismo.
Nell’aprile del 1965 ci fu l’importante svolta politica. I Sionisti generali, diventati nel frattempo Partito liberale, si allearono con Herut dando origine alla coalizione denominata Gahal. Gli elementi più moderati dei liberali diedero vita a una scissione, rifiutando l’alleanza con il poco presentabile partito di Begin. I deputati del Gahal – dopo le elezioni del novembre 1965 – erano 26, meno dei 36 ottenuti dalle due formazioni separate nel 1961. La via era ormai aperta per la ‘nuova destra israeliana’. I liberali contribuirono a stemperare la tradizionale rabbia antisindacale dei seguaci di Begin, placando così l’ostilità dell’Histadrut. L’aumentare della tensione, che sfociò nella Guerra dei Sei giorni, favorì l’entrata di Begin e di un esponente liberale in un governo di unità nazionale con la sinistra, come ministri senza portafoglio. Begin stesso durante la crisi che precedette la guerra propose la conquista delle alture del Golan e della Città vecchia di Gerusalemme. Le elezioni del 1969 confermarono i 26 seggi per un partito, che con rigore ideologico vedeva i territori conquistati come terra liberata facente parte di Eretz Israel.
Nasce il Likud Su iniziativa del generale Ariel Sharon, che tentò invano di farsi nominare capo di Stato maggiore, venne inaugurato per le elezioni del 1973 il nuovo polo di destra: il Likud, che comprendeva i liberali, in cui era entrato Sharon, Herut, seguaci di Ben Gurion decisi a spostarsi a destra, un gruppo di intellettuali che aveva dato vita al Movimento per il grande Israele, e altri dissidenti della destra decisi ad entrare nella coalizione. Il risultato delle elezioni portò al Likud 39 seggi contro i 51 del blocco laburista. La febbre nazionalista aveva ormai coinvolto anche la sinistra, che nelle sue frange più centriste coltivava disegni di aperta colonizzazione dei territori occupati con la guerra del 1967. La guerra dello Yom Kippur stava per esplodere.
Il 1977 è l’anno della svolta per la politica israeliana. Il Likud guidato da Menahem Begin, diventato «un patriota amante della pace», vince le elezioni di maggio e il vecchio comandante dell’Irgun diventa primo ministro. Il voto degli ebrei sefarditi elegge il polacco Begin come legittimo rappresentante del settore di società ebraica più discriminato e più povero. Il paradosso è dato dal fatto che il partito di Begin è in maggioranza composto da polacchi, molto distanti per tradizioni e cultura dai fratelli provenienti dai paesi arabi. I seggi guadagnati dagli uomini di Begin sono 43 contro i 32 della sinistra. Il Likud venne votato dal 33,4% degli israeliani. Altri due seggi per lo schieramento di destra vennero dal nuovo partito di Ariel Sharon, Shlomzion: il generale, infatti, aveva rotto con il Partito liberale creandosi una sorta di partito personale. La campagna elettorale del Likud venne impostata sulla riconosciuta onestà di Begin, in contrapposizione alla corruzione della sinistra al governo da 29 anni. Artefice della campagna lo stratega Ezer Weizmann, futuro presidente di Israele, responsabile della propaganda per la destra. L’immagine di moderazione era stata favorita dal silenzio sul progetto di costituzione del Grande Israele, principio mai abbandonato da Begin e dai suoi uomini. Il partito di centro Dash, che aveva impostato una campagna sulle riforme istituzionali, guadagnò 15 seggi sottraendoli alla sinistra, che ne perse ben 19.
Il discorso di investitura di Begin parlava di svolta per Israele, paragonabile a quella che ci fu quando Jabotinsky chiese la proclamazione dello Stato ebraico come obiettivo del sionismo. Due giorni dopo Begin inaugurava la sinagoga di Kaddoum, costruita in un campo militare in Cisgiordania dai coloni del Gush emunim (Blocco della fede). Il ministero degli Affari esteri venne affidato a Moshe Dayan, per segnare una sorta di continuità con il potere del passato, mentre al generale Sharon venne affidato il ministero dell’Agricoltura. I territori occupati per volontà di Begin sarebbero stati chiamati da quel momento «territori liberati» o Giudea e Samaria, il nome biblico della Cisgiordania. Iniziava così la grande colonizzazione ‘ideologica’ dei territori occupati nel 1967, principale problema per ogni trattativa di pace con gli arabi. La mentalità del primo ministro, la cui elezione era per il «Time» un chiaro esempio di come «il terrorismo paga e Arafat ne sarà incoraggiato», era quella della vittima. La vittima agisce sempre per difendersi e mai per opprimere. Il timore di un secondo Olocausto, perpetrato ai danni degli ebrei dal ‘nuovo Hitler’ Arafat, guiderà ossessivamente la condotta politica del vecchio capo dell’Irgun.
Tra i risultati positivi del governo Begin si segnala la pace con l’Egitto e il ritiro totale dal Sinai occupato, che si contrapponeva ad un parallelo non-dialogo con i palestinesi e l’Olp. La colonizzazione e l’influenza dei partiti religiosi sul governo crebbe a dismisura. Tra il 1977 e il 1981, su impulso del ministro Sharon, vennero impiantate 64 nuove colonie agricole in Cisgiordania.
I risultati economici furono disastrosi, con l’incremento spaventoso dell’inflazione e l’abbassamento delle tasse «senza copertura», che peserà notevolmente sul bilancio dello Stato. La città di Gerusalemme venne proclamata da una sorta di legge costituzionale «Capitale eterna» dello Stato ebraico, mentre le alture del Golan prese ai siriani vennero annesse al territorio israeliano con il via libera alla colonizzazione intensa.
Alle elezioni del giugno 1981 Begin venne rieletto e il Likud prese 48 seggi contro i 47 dei laburisti. Begin venne proclamato dai sefarditi «re di Israele», e il suo seguito nei quartieri popolari era enorme, tanto che i candidati laburisti – espressione del potere ashkenazita – vennero presi a sassate. L’esiguo vantaggio sui laburisti rendeva necessario per il Likud l’appoggio di Tehiya, partito ultranazionalista guidato da Geulla Cohen, una fanatica sostenitrice della colonizzazione. Iniziava la guerra al Libano e l’inflazione superava il 400%! Begin lasciò il governo in seguito ai drammatici avvenimenti libanesi e alle imponenti manifestazioni pacifiste. La strada per la destra era ormai aperta, sarebbero seguiti negli anni governi di unità nazionale guidati a turno dalla sinistra e dal Likud, con il ritorno sulla scena di un personaggio oscuro e contestato come Shamir. A lui sarebbe succeduto ‘l’americano’ Benyamin (Bibi) Netanyahu, il modernizzatore del Likud.
Il voto degli immigrati russi degli anni ‘90 premierà il dinamismo liberista di Netanyahu, modificando ancora una volta il serbatoio elettorale della destra israeliana. Il governo del Likud del 1996-1999 si segnalerà per l’ondata di privatizzazioni, volte a realizzare una ‘rivoluzione thatcheriana’ in Israele, scatenando le resistenze del sindacato e dei lavoratori del settore pubblico, che portarono circa 700.000 persone al memorabile sciopero del 28 settembre 1997.
Bibliografia Shlomo Avineri, Histoire de la pensée sioniste, Paris, Lattes, 1982 Furio Biagini, Mussolini e il sionismo, M & B Publishing, 1998 David Bidussa, Il sionismo politico. Unicopli, 1993 Raphaela Bilsky Ben-Hur, Every Individual, A King. The Social and Political Thought of Ze’ev Vladimir Jabotinsky, Washington D.C., B’nai B’rith Books, 1993 Lenny Brenner, The Iron Wall. Zionist revisionism from Jabotinsky to Shamir, London, Zed, 1988 Mitchel Cohen, Du rêve sioniste à la réalité israélienne, Paris, La Découverte, 1990 Alain Dieckoff, L’invention d’une nation. Isräel et la modernité politique, Paris, Gallimard, 1993 Paolo Di Motoli, La destra sionista. Biografia di Vladimir Jabotinsky, M & B Publishing, 2001 David J. Goldberg, Verso la Terra promessa. Storia del pensiero sionista, Il Mulino, 1998 Renzo Guolo, Terra e redenzione. Il fondamentalismo nazionalreligioso in Israele, Guerini e Associati, 1997 Vladimir Jabotinsky, The political and social philosophy of Ze’ev Jabotinsky. selected writings. edited by Mordechai Sarig. Translated by Shimshon Feder. Foreword by Daniel Carpi. Preface by Ze’ev Binyamin Begin, London, Vallentine Mitchell, 1998 Vladimir Jabotinsky, Verso lo Stato. Scritti e discorsi di politica sionista scelti e annotati da Leone Carpi, DAC (Istituto superiore di studi ebraici), 1983 Shmuel Katz, Lone Wolf. A Biography of Vladimir Zeev Jabotinsky, New York, Barricade Books, 1996, 2 voll.
Israel Kleiner, From Nationalism to Universalism. Vladimir (Ze’ev) Jabotinsky and the Ukrainian question, Edmonton, Canadian Institute of Ukrainian Studies Press, 2000 Nachum Orland, Israels Revisionisten. Die geistigen Väter Menachem Begins, München, tuduv Buch, 1978 Carlo Leopoldo Ottino, Jabotinsky e l’Italia, in Gli Ebrei in Italia durante il Fascismo. Quaderni di Documentazione Ebraica Contemporanea, «Quaderni Cdec», III, 1963, pp. 51-81 Vincenzo Pinto, I sionisti. Storia del sionismo attraverso i suoi protagonisti, M & B Publishing, 2001 Joseph B. Schechtman, The Life and Times of Vladimir Jabotinsky, New York-London, Thomas Yoseloff, 1961, 2 voll.
Marius Schattner, Histoire de la droite israélienne de Jabotinsky à Shamir, Bruxelles, Editions Complexe, 1991 Yaacov Shavit, Jabotinsky and the Revisionist movement 1925-1948, London, Frank Cass, 1988 Colin Shindler, Israel, Likud and Zionist Dream, London-New York, I. B. Tauris, 1995 Ehud Sprinzak, Brother against brother. violence and extremism in Israeli politics from Altalena to the Rabin assassination, New York, Free Press, 1999 Ehud Sprinzak, The ascendance of Israel’s radical right, Oxford, University Press, 1991 Paolo Di Motoli, autore di «La destra sionista.Biografia di V.Z. Jabotinsky», insegna Storia dei movimenti e dei partiti politici presso la facoltà di Lingue dell’Università di Torino.




Torna alla pagina principale